il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Noi giovani d'oggi siamo straordinari, Abbiamo, tutti, un grosso problema... l'istruzione odierna. È come se fossimo sulla stessa barca ma nessuno Ha intenzione di remare, anzi, creiamo buchi sul fondo Così, da affondare. Tutti insieme. ...
Scritto nel 2020
On line da: mercoledì 15 gennaio 2020
Stato: 1 Cod: 8872 - Tipo: p

La verità è che tutto finto... E neanche questo è vero. L'unica travisata certezza è nella tirannia del dubbio. ...
Scritto nel 2019
On line da: sabato 12 ottobre 2019
Stato: 1 Cod: 8871 - Tipo: m

Amico Il mio vicino, un anzianotto smilzo, arzillo, molto loquace, sempre in moto, nonostante l’età, un tipo singolare, con tanta voglia di chiacchierare e di blaterare, un amico che tiene compagnia, con tante cose da raccontare, l’esperienza di una vita, come sono importanti gli anzian ...
Scritto nel 2019
On line da: giovedì 3 ottobre 2019
Stato: 1 Cod: 8870 - Tipo: p

Sempre noi Sempre noi dell’igiene mentale, che non contiamo niente, non valiamo nulla, che non ci vogliono, non ci vedono, non contiamo, siamo in fondo, gli ultimi gradini sociali; sempre noi, che è sempre colpa nostra, che c’è sempre il sospetto di pazzia, noi, che ci ridono dietro, ...
Scritto nel 2019
On line da: venerdì 27 settembre 2019
Stato: 1 Cod: 8869 - Tipo: p

L’ultimo angelo nero Jim Morrison Voce sincopata, melodia ribelle, sovversiva, orientaleggiante, dalle tonalità originali, brani dal ritmo potente, continuo, martellante; Morrison Profeta di una generazione, angelo, demone, sconvolto, geniale, mezzo indiano, mezzo stregone; tra un ...
Scritto nel 2019
On line da: mercoledì 18 settembre 2019
Stato: 1 Cod: 8868 - Tipo: p

Bella dentro, per me sei sempre bella, come una volta, come anni fa, il tempo è passato, ma non ho smesso, di amarti; siamo un po’ più grossi e vecchi, un po’ rotondi, ma io ti guardo cogli occhi del cuore, e per me sei sempre come la prima volta; cara amica mia, sei unica, fantast ...
Scritto nel 2019
On line da: domenica 15 settembre 2019
Stato: 1 Cod: 8867 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Piedi nghiuvati nderra ppi stari fermi nni la fedi, cuomu lu arrubbu radicatu nni la montagna di firrigna petra di Gerusalemmi, ogni frasi scritta je pinzata, je la liggi di Diu giusta pisata, ogni passu nnavanti je nna ragiuni jungiuta a lu giudiziu je nuovu pattu, ogni schiantun ...
Scritto nel 2014
On line da: giovedì 14 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8091 - Tipo: p

Ecco, è arrivato quel giorno speciale quando tutti aspettavano te, tu porterai gioia e serenità a chi ti conosce e conoscerà. ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 24 luglio 2010
Stato: 1 Cod: 4378 - Tipo: p

Attende la sua definizione, si affina, sconta ritardi magari nell'innesto (vite buona o mala pianta che sia), si avvita su se stessa, fugge via, torna grazie a una certezza che disarma, spalma nell'attesa intelligente i suoi contrasti, ha una vitalità davvero fulminante, quando parte, quan ...
Scritto nel 2009
On line da: venerdì 13 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2696 - Tipo: p

Li chiamano poeti... Tra grovigli d'inquietudine s'inerpicano. A piedi scalzi e viso rivolto al cielo creano nuovi battiti a portar calore e poesia al cuore... In notti senza luna persino le stelle lacrimare fanno... e su barche di cartapesta e vento di tempesta i sogni rincorrono. ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 17 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5039 - Tipo: p

Ti vivo e un quadro appare ai miei occhi... nel tuo sorriso vedo il cielo e le sue nubi che sfumano verso l'alto... Accolgo i tuoi occhi nel mio sguardo e tutto intorno a me s'accende di calore.... Tocco la tua pelle... delicata... calda e del tuo profumo m'inebrio. Come miele son le tue labbra p ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 4 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2657 - Tipo: r

Una giostra di etnie si diverte a scattar fotografie. Al primo sole del mattino si scorgono i più bei veterani passeggiar sulla riviera per beneficiar di tutti i sali che credon loro li renda più sani. Al mezzodì delle calde ore la più impavida tribù, tra scarlatto e bronzo ambrato ten ...
Scritto nel 2008
On line da: venerdì 3 ottobre 2008
Stato: 1 Cod: 1699 - Tipo: p

Il sol vederti incute rispetto e un po' di graffiante timore Ma la natura a volte fa vedere Una forma di possenza solo per intimorire Sì, perché usi gli artigli Solo per sopravvivenza Mai per godere della violenza. Perché quando nutri la tua cucciolata Anche tu infondi calore, Manifesti do ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 22 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1253 - Tipo: p

possiamo fare finta di avere mille emozioni che non sentiamo di essere mille persone che non siamo ma se smettiamo di fingere.. cadono tutte le maschere che noi abbiamo perchè siamo incapaci di essere trasparenti e sinceri?! perchè siamo così falsi e non veri?! la risposta può essere "la pau ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 17 gennaio 2010
Stato: 1 Cod: 3827 - Tipo: p

Un raggio bagna il velo al fontanile in cui si guarda l'alito del cielo col filo della luna più sottile che lega agli occhi nuvole di gelo. Fa male pure questo ma è normale, ormai ci si è assuefatti a tante cose, persino il peggio al sempre peggio è uguale tra svolte brusche e menti spesso ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 9 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6126 - Tipo: p

Passi discreti sulle foglie da cui l'estate scoppiettando ritorna a quel cielo che più non conosce e spenta ricade sugli alberi spogli. ...
Scritto nel 1997
On line da: sabato 13 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 412 - Tipo: p

Sulla scia dell'arcobaleno correva un bambino dai riccioli d'oro. Sulla stessa strada, i capelli corvini, irrequieti, quasi uomo. ...
Scritto nel 2006
On line da: sabato 1 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1807 - Tipo: p

Oggi nasco a nuova vita. Alle soglie del 2000 tengo fede al nome mio forse per la millesima volta e rinasco come in una fiaba con un nuovo corpo e una nuova testa. Solo il cuore resta quello creato nel lontano agosto 1945 e venuto al mondo nell'aprile 1946 in questa meravigliosa macchina che precor ...
Scritto nel 1999
On line da: domenica 18 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1233 - Tipo: r

sarebbe stato bello e si...sarebbe stato proprio tanto bello! ma la vita non è così come la vorresti la vita è diversa da tutte le cose che pensi! e se tu credi di essere la persona più importante allora è proprio lì che ti freghi, che trovi più distante! lontano da tutto il mondo che a te ...
Scritto nel 2018
On line da: martedì 2 ottobre 2018
Stato: 1 Cod: 8812 - Tipo: p

Una gondola nell'atrio onirico viaggio verso un nord acquoso pioggia d'oro loggia d'amore il poeta canta gelida figura tra arte e malinconia impeccabile Monnalisa una leziosa segreta di drappi in velluto il silenzio è ovatta poi la gondola scompare e un castello in vetro dal nul ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 15 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6036 - Tipo: p

Un giorno vissuto in serenità e armonia d'animo... vale più di qualsiasi altra cosa non sciupiamo questi giorni lamentandoci o conpiacendoci... sono preziosi... un giorno ne raccoglieremo i frutti. ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 17 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 4486 - Tipo: m

È sole, che riscalda il cuore. È acqua, che rinfresca il corpo. È terra che dà frutti, È aria che ti rende libero. È amore sincero. ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 27 giugno 2007
Stato: 1 Cod: 96 - Tipo: p

Tanti auguri a noi così cantavamo mentre nella magica atmosfera di papà Carozzi ci immergevamo. Tanti auguri a noi così cantavamo mentre deliziosi manicaretti a base di pesce gustavamo. Tanti auguri a noi così cantavamo mentre con tanti "clic" i momenti più teneri mmortalavamo. Tanti ...
Scritto nel 1993
On line da: martedì 10 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1316 - Tipo: c

Vola in alto su di me, non lo vedo è troppo bello! Sento che mi abbraccia, sento le sue ali avvolgermi, baciarmi e asciugarmi le lacrime senza farle cadere. Sento il suo profumo, vedo i suoi dolci occhi! Vorrei correre da lui Ma non posso, non so.... Come fare?! Angelo mio, tene ...
Scritto nel 1998
On line da: lunedì 14 aprile 2008
Stato: 1 Cod: 1086 - Tipo: p

Nel cielo nubi grigiastre le strade vuote ma dense di foglie, il silenzio colpisce con il frastuono del vento, la musica delle "sirene" non s'interrompe Il freddo gela le finestre e il ghiaccio nega la vista di chi con sapienza preferisce non uscire di chi vuole osservare in pigiama que ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 14 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 730 - Tipo: p

Ti afferro e nell'azione urti contro la mia solidità invisibile contro ciò che è Altro da te Ti metto sottosopra ti scompiglio ti turbo ma ti rinnovo Ti obbligo a riconoscere il tuo limite Nella contaminazione dell'incontro si dissolve l'ideale lasciando il posto a ciò che fa di n ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 28 giugno 2014
Stato: 1 Cod: 7900 - Tipo: p

Gli uccelli hanno un tesoro, un canto d'oro. I bambini si divertono a sentirlo e a tutto il mondo vogliono dirlo. Gli uccellini sono amici tutti quanti e sono proprio tanti. ...
Scritto nel 2006
On line da: venerdì 5 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3123 - Tipo: p

Follia d'uomo immolato per fede al Dio senza nome nella sacralità di vita vocata alla giustizia del Dio vivente, divinità resa vana dall'immagine d'una creatura imperfetta e fragile con l'udito sordo al grido pietoso, occhi accecati da fedi inesistenti col cuore indurito dai falsi profet ...
Scritto nel 2016
On line da: sabato 26 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 8329 - Tipo: p

Perdo il piacer di conoscere gente di chiacchierare senza ragione non son curioso delle persone un nodo frena ogni riflessione della mente... Non capisco perché in un istante si inibisca la confidenza verso gli estranei, la diffidenza è il seme di indugi erronei, un istinto naturale ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 30 settembre 2012
Stato: 1 Cod: 6530 - Tipo: p

Quella notte fredda, tersa in un manto di stelle, silenziosa dormiva tra tegole e camini tra rami insecchiti; sulla neve adagiava i rivoli del vento, della terra i gelidi profumi. La stella d'oriente celere trascinava i sogni e le nuove sui tetti, sui monti sulle dune deserte. Dei pal ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 4 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1829 - Tipo: p

Nina la nonna ninna la notte Nina la calda coperta Nina andava per mano una piccola mano. Nina era il gelato al pomeriggio Nina, nelle sere fredde d'inverno il tuo te e il tuo scialle sempre addosso, Nina le tue polpette fritte. Nina il tuo odore Nina il tuo cuore un cuore grande come ...
Scritto nel 2002
On line da: giovedì 7 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1485 - Tipo: p

Dentro ogni donna, nella mente, nel cuore e nell'anima esistono percorsi interessanti, delicati, forti e intelligenti pronti per essere letti... come le pagine di un buon libro, e paesaggi meravigliosi ancora tutti da esplorare... come magnifiche pitture rimaste inedite, tutto in attesa di ottimi l ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 23 novembre 2010
Stato: 1 Cod: 4758 - Tipo: m

L'inverno della cometa Passò molto più in fretta Questa fu l'impressione S'appese ai rami intirizziti Un rivolo di stelle E fu Natale sempre Fino a Pasqua Che bella stagione ! Effimera e splendente Un rasoio di lucciole Piantato in mezzo al cielo Che aquilone fu mai quello Di quel ...
Scritto nel 2002
On line da: lunedì 17 dicembre 2007
Stato: 1 Cod: 640 - Tipo: p

Roxy bar Andiamo al bar, il bar, luogo ameno di ritrovo, di raccolta, di aggregazione, luogo pubblico, ma anche momento di riflessione, di osservazione, di scrutamento della gente; ti siedi nel tuo solito posto, tra poltroncine e tavolini bianchi lattei, e guardi la gente che entra, co ...
Scritto nel 2019
On line da: venerdì 31 maggio 2019
Stato: 1 Cod: 8845 - Tipo: p

Sai nonna... mi accorgo tante volte di pensarti, parecchie son le cose che volevo dirti, ma non ho fatto in tempo, tu non c'eri, il tempo vola in fretta e sembra ieri. Sento la voce tua che mi consola quando mi sento triste e sono sola. Come una musica, sento la tua voce, mi parla dolcem ...
Scritto nel 2008
On line da: venerdì 7 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 955 - Tipo: p

Vorrei che i tuoi occhi ai miei occhi portassero il sereno del cielo che m'imprimono ad ogni sguardo che guardo, ma più non vedo a me rivolto e per me travolto. Vorrei istanti amanti del tempo che ho scorto, lungo il cammino del mattino che ai miei dolori ha sol donato i suoi colori. Vo ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 8 aprile 2008
Stato: 1 Cod: 1051 - Tipo: p

Lo sguardo incuriosito nel cielo velato, l'antica giovane dama, ammira il mondo malato, ora copre il viso, con le nuvole del cielo, bella nel suo triste mantello, nasconde il suo bel viso, per il lutto inatteso. Ecco! Ora ribelle si scopre e mostra fiera il suo volto sbiancato, men ...
Scritto nel 1995
On line da: venerdì 19 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 2107 - Tipo: p

Ricordo quelle sere d'inverno quando fuori tuonava il temporale, la pioggia picchiava sui vetri, e il vento ululava col suo grido irreale, lei col suo fervore ci accompagnava nella prece del santo rosario. In ruota al braciere sedevamo con pochi pezzi di carbone acceso, e lei con il suo calore, il ...
Scritto nel 1998
On line da: martedì 2 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3104 - Tipo: r

Il vento soffia ad occhi chiusi e va dove vuole ma nessuno gli ha chiesto niente Intanto i bimbi distratti dal fragore del sole continuano a giocare sulle spiagge indifferenti. ...
Scritto nel 2014
On line da: martedì 6 gennaio 2015
Stato: 1 Cod: 7976 - Tipo: p

Stringimi forte dimmi che la paura non può raggiungermi tra le tue braccia accarezzami fa che il buio non oscuri la luce dei tuoi occhi che si perdono nei miei pensieri parlami affinché il silenzio non penetri in questa stanza lontana dal tempo dove io e te staremo oltre la vita per non lasci ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 6 maggio 2009
Stato: 1 Cod: 3010 - Tipo: p

con un clik potrei vedere sul mio monitor il cielo; con un altro clik potrei vedere il Sole inchinarsi alla mia finestra, con un monitor abbastanza grande potrei vedere il mondo, potrei vedere oceani e monti, ma adesso che ho visto la tua foto, adesso che i miei confini non sono mai andati al di là ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 27 giugno 2011
Stato: 1 Cod: 5240 - Tipo: r

Poesia che vien dal mare, poesia brutale come schizzi su scogli, poesia lattiginosa in salsa di luna, poesia solfurea per sporcare la faccia di fiori di fango, poesia agglomerata da vendere al chilo, da spalmare sul pane, da gustare in giardino, in mezzo ai colori, da stringere al cuor ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 31 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5084 - Tipo: p

È come quando un profumo dissipa piano... Col petto sazio ti guardo riconoscente e questo mi basta. ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 30 agosto 2007
Stato: 1 Cod: 216 - Tipo: p

Ho incrociato i miei pensieri sopra una sedia in attesa. Ho riflettuto sulla mia dignità. Le mie necessità prendono il posto della libertà. È tutto etichettato. Mediato. Anche la nostra vita. Non v'è pensiero puro Curiamo il nostro nido e lo esponiamo alla vendita. Ci a ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 23 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1661 - Tipo: p

No, io non ebbi quel dono stupendo che tanto bramavo: sentirmi chiamare da lei, con voce buona! Assaporare un dono suo, nel vedermi guardato con occhi di madre e a parlarmi di sé, in una vera, cara confidenza. Sepolta, ancora in vita dalla sua cecità, e imprigionata da senile demenza, ...
Scritto nel 1998
On line da: sabato 26 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7239 - Tipo: p

Stesi il braccio con il palmo della mano bene aperta, per afferrare e stringere la sottile cara vita, come l'aria invisibile tra le dita mi sfuggiva, mentre il battito del cuore scandiva l'ora e la dipartita. Cercai di afferrarla in ogni modo, essa correva la corsa e la sua meta, il b ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 29 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3215 - Tipo: p

Io ti amo, per te fremo non ti temo ma ti affronto, io ti gusto (non sono mica scemo) e poi ti ascolto, qui ti stringo (son sincero e mai stolto), poi mi volto, ti riprendo, ti trattengo: e a te vengo. ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 29 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4315 - Tipo: p

Ho rubato una gallina tanto tempo fa, e sconto ancora la pena in questa squallida città. Ho pugnalato mio fratello circa un mese, e adesso sono libero e mi godo la città. Ho studiato per vent'anni, a cos'è servito non lo so, ho fatto solo danni ed ora impazzirò. Ho lavorato poco in tut ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 15 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2709 - Tipo: c

Si abbatte sulla terra all'improvviso lo scroscio di una pioggia frettolosa che strappa il velo al lago, in cui si posa l'immagine spezzata di quel cielo. Dove riposa adesso il tuo sorriso da labbra di papaveri gementi scorrono argentei rivoli di pianti, mi stringo il mio dolore sotto ai d ...
Scritto nel 2012
On line da: venerdì 11 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7109 - Tipo: p

Tenerezza è un bacio fugace sulla sua guancia che arrossisce. Serenità è tenerle la mano e sentire che trema mentre un'onda, pian piano, la sfiora. Felicità è lo specchiarsi nei suoi occhi cerulei e scoprirvi l'amore. ...
Scritto nel 1987
On line da: sabato 22 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1932 - Tipo: p

Tu fratello che ti annerisci al picchio del sole africano, e tu che ti strascini fra i monti d'Alsazia, di nostalgia muore nei campi e tra le mani dell'aratro la vostra sfiancata stanchezza proletaria, sottoproletaria, schiava. Alle narici la polvere, la terra dei padri, come l'asfalto indu ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 16 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4271 - Tipo: p

Questa non me l'aspettavo. Questa non me la sarei mai aspettata. Questa, se non fosse che, alla mia veneranda età, non mi stupisco più di nulla, mi avrebbe davvero stupito. Seduto, tutt'altro che comodamente, su di una panchina del parco Carrara a Torino, beato assaporavo un freddo cornetto co ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 9 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6004 - Tipo: r

Oggie nun tengo niente 'a ricere, e, per la verità, mang'à scrivere. "Ma allora che staje assettato affà nnanze a 'stu marchingegno, co' ddilivisore janco cumm'à 'na carta e nun te sfuorze mango cu' l'ingegno? Avita sape' ca' 'a fora fa friddo, e pirichè stongo ca' saluta nu' poco, pe' nun ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 27 febbraio 2012
Stato: 1 Cod: 5726 - Tipo: p

Riposa il tuo ricordo sotto una cupola crociata ornato da verdi pini e alberi secchi d'inverno, il ricordo stenta a svanire e stai qui a far da simbolo tra il vecchio e il nuovo, tra passato e presente. L'agonia d'Italia si prende i suoi pochi figli rimasti da una guerra che regolarmente dis ...
Scritto nel 2016
On line da: mercoledì 4 gennaio 2017
Stato: 1 Cod: 8469 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Al fine de le sue parole il ladro le mani alzò con amendue le fiche, gridando: «Togli, Dio, ch'a te le squadro!». Da indi in qua mi fuor le serpi amiche, perch' una li s'avvolse allora al collo, come dicesse 'Non vo' che più diche'; e un'altra a le braccia, e rilegollo, ribadendo sé stes ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8594 - Tipo: p

Che fai? Che pensi? che pur dietro guardi nel tempo, che tornar non pote omai? Anima sconsolata, che pur vai giungnendo legne al foco ove tu ardi? Le soavi parole e i dolci sguardi ch'ad un ad un descritti et depinti ài, son levati de terra; et è, ben sai, qui ricercarli intempestivo et ta ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8559 - Tipo: p

I' vo piangendo i miei passati tempi i quai posi in amar cosa mortale, senza levarmi a volo, abbiend'io l'ale, per dar forse di me non bassi exempi. Tu che vedi i miei mali indegni et empi, Re del cielo invisibile immortale, soccorri a l'alma disviata et frale, e 'l suo defecto di tua grat ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8566 - Tipo: p

Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir' mi rimembra) a lei di fare al bel fiancho colonna; herba et fior' che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; aere sacro, sereno, ove Amor co' begli occhi ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8550 - Tipo: p

Vago augelletto che cantando vai, over piangendo, il tuo tempo passato, vedendoti la notte e 'l verno a lato e 'l dí dopo le spalle e i mesi gai, se, come i tuoi gravosi affanni sai, cosí sapessi il mio simile stato, verresti in grembo a questo sconsolato a partir seco i dolorosi guai. ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8565 - Tipo: p

Rubens, fleuve d'oubli, jardin de la paresse, Oreiller de chair fraîche où l'on ne peut aimer, Mais où la vie afflue et s'agite sans cesse, Comme l'air dans le ciel et la mer dans la mer; Léonard de Vinci, miroir profond et sombre, Où des anges charmants, avec un doux souris Tout chargé de ...
Scritto nel 1855
On line da: giovedì 23 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8687 - Tipo: p

Se alcun da furia d'irritato nervo O da grave Ciprigna o da loquace Tosse dannato a l'odiosa coltre Me sanator volesse, il poverello, Cred'io, n'andrebbe a giudicar se vera D'Aristippo o di Plato è la sentenza. Venga un altro e mi dica: Il mal vicino Deviò l'acqua dal mio fondo: a lui Vo' m ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8733 - Tipo: p

Mentr' io dubbiava per lo viso spento, de la fulgida fiamma che lo spense uscì un spiro che mi fece attento, dicendo: «Intanto che tu ti risense de la vista che hai in me consunta, ben è che ragionando la compense. Comincia dunque; e dì ove s'appunta l'anima tua, e fa ragion che sia la ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8662 - Tipo: p

Ora era onde 'l salir non volea storpio; ché 'l sole avëa il cerchio di merigge lasciato al Tauro e la notte a lo Scorpio: per che, come fa l'uom che non s'affigge ma vassi a la via sua, che che li appaia, se di bisogno stimolo il trafigge, così intrammo noi per la callaia, uno innanzi ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8628 - Tipo: p

Il padre fra' Volpino Che pien di santo zelo Suda sui libri ascetici E veglia sul Vangelo, E quando alcun s'aspetta Di Bayle e di Calvino I dogmi iniqui e pazzi, Il seme giacobino, ecc. ...
Scritto nel 1799
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8720 - Tipo: p

Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d'Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare: scendono all'Adriatico selvaggio che verde è come i pascoli dei monti. Han bevuto profondamente ai fonti alpestri, che sapor d'acqua natía rimanga ne' cuori esuli a conf ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8711 - Tipo: p

Lorsque, par un décret des puissances suprêmes, Le Poète apparaît en ce monde ennuyé, Sa mère épouvantée et pleine de blasphèmes Crispe ses poings vers Dieu, qui la prend en pitié: – «Ah! que n'ai-je mis bas tout un noeud de vipères, Plutôt que de nourrir cette dérision! Maudite soit la ...
Scritto nel 1859
On line da: venerdì 10 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8682 - Tipo: p

La sottise, l'erreur, le péché, la lésine, Occupent nos esprits et travaillent nos corps, Et nous alimentons nos aimables remords, Comme les mendiants nourrissent leur vermine. Nos péchés sont têtus, nos repentirs sont lâches ; Nous nous faisons payer grassement nos aveux, Et nous rentron ...
Scritto nel 1855
On line da: venerdì 3 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8678 - Tipo: p

O falce di luna calante che brilli su l'acque deserte, o falce d'argento, qual messe di sogni ondeggia al tuo mite chiarore qua giù! Aneliti brevi di foglie, sospiri di fiori dal bosco esalano al mare: non canto non grido non suono pe 'l vasto silenzio va. Oppresso d'amor, di piacere, ...
Scritto nel 1881
On line da: lunedì 18 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8710 - Tipo: p

Di nova pena mi conven far versi e dar matera al ventesimo canto de la prima canzon, ch'è d'i sommersi. Io era già disposto tutto quanto a riguardar ne lo scoperto fondo, che si bagnava d'angoscioso pianto; e vidi gente per lo vallon tondo venir, tacendo e lagrimando, al passo che fanno ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8589 - Tipo: p

Perch'al viso d'Amor portava insegna, mosse una pellegrina il mio cor vano, ch'ogni altra mi parea d'onor men degna. Et lei seguendo su per l'erbe verdi, udí' dir alta voce di lontano: Ahi, quanti passi per la selva perdi! Allor mi strinsi a l'ombra d'un bel faggio, tutto pensoso; et ri ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8547 - Tipo: p

Sì tosto come l'ultima parola la benedetta fiamma per dir tolse, a rotar cominciò la santa mola; e nel suo giro tutta non si volse prima ch'un'altra di cerchio la chiuse, e moto a moto e canto a canto colse; canto che tanto vince nostre muse, nostre serene in quelle dolci tube, quanto p ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8648 - Tipo: p

Solo et pensoso i piú deserti campi vo mesurando a passi tardi et lenti, et gli occhi porto per fuggire intenti ove vestigio human l'arena stampi. Altro schermo non trovo che mi scampi dal manifesto accorger de le genti, perché negli atti d'alegrezza spenti di fuor si legge com'io dentro ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8535 - Tipo: p

Ce ne seront jamais ces beautés de vignettes, Produits avariés, nés d'un siècle vaurien, Ces pieds à brodequins, ces doigts à castagnettes, Qui sauront satisfaire un coeur comme le mien. Je laisse à Gavarni, poète des chloroses, Son troupeau gazouillant de beautés d'hôpital, Car je ne puis ...
Scritto nel 1854
On line da: mercoledì 12 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8699 - Tipo: p

Dans l'herbe noire Les Kobolds vont. Le vent profond Pleure, on veut croire. Quoi donc se sent? L'avoine siffle. Un buisson gifle L'oeil au passant. Plutôt des bouges Que des maisons. Quels horizons De forges rouges! On sent donc quoi? Des gares tonnent, Les yeux s ...
Scritto nel 1872
On line da: sabato 9 aprile 2011
Stato: 1 Cod: 8703 - Tipo: p

Miro quel giorno pur, che de' miei giorni sarà fausto preludio alla quiete, ed io, sepolta ogni fatica in Lete, oziosa godrò l'ombra degli orni. Voi, d'inculte boscaglie ermi soggiorni, province popolate a me sarete; voi, della patria mia rupi secreta, lusingate a letizia i miei ritorni. ...
Scritto nel 1670
On line da: lunedì 12 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 8708 - Tipo: p

Quand, les deux yeux fermés, en un soir chaud d'automne, Je respire l'odeur de ton sein chaleureux, Je vois se dérouler des rivages heureux Qu'éblouissent les feux d'un soleil monotone; Une île paresseuse où la nature donne Des arbres singuliers et des fruits savoureux; Des hommes dont le ...
Scritto nel 1946
On line da: venerdì 15 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 8705 - Tipo: p

La molta gente e le diverse piaghe avean le luci mie sì inebriate, che de lo stare a piangere eran vaghe. Ma Virgilio mi disse: «Che pur guate? perché la vista tua pur si soffolge là giù tra l'ombre triste smozzicate? Tu non hai fatto sì a l'altre bolge; pensa, se tu annoverar le credi, ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8598 - Tipo: p

Passa la nave mia colma d'oblio per aspro mare, a mezza notte il verno, enfra Scilla et Caribdi; et al governo siede 'l signore, anzi 'l nimico mio. A ciascun remo un penser pronto et rio che la tempesta e 'l fin par ch'abbi a scherno; la vela rompe un vento humido eterno di sospir', di sp ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8555 - Tipo: p

Se lamentar augelli, o verdi fronde mover soavemente a l'aura estiva, o roco mormorar di lucide onde s'ode d'una fiorita et fresca riva, là 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva, lei che 'l ciel ne mostrò, terra n'asconde, veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva di sí lontano a' sospir' ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8560 - Tipo: p

J'aime le souvenir de ces époques nues, Dont Phoebus se plaisait à dorer les statues. Alors l'homme et la femme en leur agilité Jouissaient sans mensonge et sans anxiété, Et, le ciel amoureux leur caressant l'échine, Exerçaient la santé de leur noble machine. Cybèle alors, fertile en produit ...
Scritto nel 1845
On line da: venerdì 10 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8683 - Tipo: p

Qual su le Cinzie cime Alta sovrasta a le minori Oreadi Col volto, e col sublime D'auree frecce sonante omero Delia, E appar movendo per la sacra riva Veracemente Diva; Tal prima a gli occhi miei Non ancor dotti d'amorose lagrime Appariva costei, Vincendo di splendor l'emule Vergini Per ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8727 - Tipo: p

Soffermati sull'arida sponda volti i guardi al varcato Ticino, tutti assorti nel novo destino, certi in cor dell'antica virtù, han giurato: non fia che quest'onda scorra più tra due rive straniere; non fia loco ove sorgan barriere tra l'Italia e l'Italia, mai più! L'han giurato: al ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 30 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8523 - Tipo: p

Come l'augello, intra l'amate fronde, posato al nido de' suoi dolci nati la notte che le cose ci nasconde, che, per veder li aspetti disiati e per trovar lo cibo onde li pasca, in che gravi labor li sono aggrati, previene il tempo in su aperta frasca, e con ardente affetto il sole aspett ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8659 - Tipo: p

Ora cen porta l'un de' duri margini; e 'l fummo del ruscel di sopra aduggia, sì che dal foco salva l'acqua e li argini. Quali Fiamminghi tra Guizzante e Bruggia, temendo 'l fiotto che 'nver' lor s'avventa, fanno lo schermo perché 'l mar si fuggia; e quali Padoan lungo la Brenta, per dife ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8584 - Tipo: p

Quel color che viltà di fuor mi pinse veggendo il duca mio tornare in volta, più tosto dentro il suo novo ristrinse. Attento si fermò com' uom ch'ascolta; ché l'occhio nol potea menare a lunga per l'aere nero e per la nebbia folta. «Pur a noi converrà vincer la punga», cominciò el, «se n ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8578 - Tipo: p

Dolce e chiara è la notte e senza vento, e queta sovra i tetti e in mezzo agli orti posa la luna, e di lontan rivela serena ogni montagna. O donna mia, g ià tace ogni sentiero, e pei balconi rara traluce la notturna lampa: tu dormi, che t'accolse agevol sonno nelle tue chete stanze; e non ti ...
Scritto nel 1820
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8518 - Tipo: p

Se mai continga che 'l poema sacro al quale ha posto mano e cielo e terra, sì che m'ha fatto per molti anni macro, vinca la crudeltà che fuor mi serra del bello ovile ov' io dormi' agnello, nimico ai lupi che li danno guerra; con altra voce omai, con altro vello ritornerò poeta, e in sul ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8661 - Tipo: p

Voici venir les temps où vibrant sur sa tige Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir ; Les sons et les parfums tournent dans l'air du soir ; Valse mélancolique et langoureux vertige ! Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir ; Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige ; Valse m ...
Scritto nel 1856
On line da: giovedì 19 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8671 - Tipo: p

«Pape Satàn, pape Satàn aleppe!», cominciò Pluto con la voce chioccia; e quel savio gentil, che tutto seppe, disse per confortarmi: «Non ti noccia la tua paura; ché, poder ch'elli abbia, non ci torrà lo scender questa roccia». Poi si rivolse a quella 'nfiata labbia, e disse: «Taci, malad ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8576 - Tipo: p

Io son sí stanco sotto 'l fascio antico de le mie colpe et de l'usanza ria ch'i' temo forte di mancar tra via, et di cader in man del mio nemico. Ben venne a dilivrarmi un grande amico per somma et ineffabil cortesia; poi volò fuor de la veduta mia, sí ch'a mirarlo indarno m'affatico. ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8549 - Tipo: p

In quella parte del giovanetto anno che 'l sole i crin sotto l'Aquario tempra e già le notti al mezzo dì sen vanno, quando la brina in su la terra assempra l'imagine di sua sorella bianca, ma poco dura a la sua penna tempra, lo villanello a cui la roba manca, si leva, e guarda, e vede la ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8593 - Tipo: p

Quanto piú m'avicino al giorno extremo che l'umana miseria suol far breve, piú veggio il tempo andar veloce et leve, e 'l mio di lui sperar fallace et scemo. I' dico a' miei pensier': Non molto andremo d'amor parlando omai, ché 'l duro et greve terreno incarco come frescha neve si va str ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8544 - Tipo: p

Come il divo Alighier l'ingrata Flora Errar fea, per civil rabbia sanguigna, Pel suol, cui liberal natura infiora, Ove spesso il buon nasce e rado alligna, Esule egregio, narri: e Tu pur ora Duro esempio ne dai, Tu, cui maligna Sorte sospinse, e tiene incerto ancora In questa di gentili al ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8724 - Tipo: p

L'uomo è quasi sempre tanto malvagio quanto gli bisogna. Se si conduce dirittamente, si può giudicare che la malvagità non gli è necessaria. Ho visto persone di costumi dolcissimi, innocentissimi, commettere azioni delle più atroci, per fuggire qualche danno grave, non evitabile in altra guisa. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8533 - Tipo: m

All'ombra de' cipressi e dentro l'urne confortate di pianto è forse il sonno della morte men duro? Ove piú il Sole per me alla terra non fecondi questa bella d'erbe famiglia e d'animali, e quando vaghe di lusinghe innanzi a me non danzeran l'ore future, né da te, dolce amico, udrò piú il v ...
Scritto nel 1807
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8520 - Tipo: p

Era il giorno ch'al sol si scoloraro per la pietà del suo factore i rai, quando i' fui preso, et non me ne guardai, ché i be' vostr'occhi, donna, mi legaro. Tempo non mi parea da far riparo contra colpi d'Amor: però m'andai secur, senza sospetto; onde i miei guai nel commune dolor s'incomi ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8537 - Tipo: p

Sì come quando i primi raggi vibra là dove il suo fattor lo sangue sparse, cadendo Ibero sotto l'alta Libra, e l'onde in Gange da nona riarse, sì stava il sole; onde 'l giorno sen giva, come l'angel di Dio lieto ci apparse. Fuor de la fiamma stava in su la riva, e cantava 'Beati mundo co ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8630 - Tipo: p

La très chère était nue, et, connaissant mon coeur, Elle n'avait gardé que ses bijoux sonores, Dont le riche attirail lui donnait l'air vainqueur Qu'ont dans leurs jours heureux les esclaves des Mores. Quand il jette en dansant son bruit vif et moqueur, Ce monde rayonnant de métal et de pier ...
Scritto nel 1856
On line da: mercoledì 12 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8701 - Tipo: p

Parea dinanzi a me con l'ali aperte la bella image che nel dolce frui liete facevan l'anime conserte; parea ciascuna rubinetto in cui raggio di sole ardesse sì acceso, che ne' miei occhi rifrangesse lui. E quel che mi convien ritrar testeso, non portò voce mai, né scrisse incostro, né f ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8655 - Tipo: p

Tra le nubi ecco il turchino cupo ed umido prevale: sale verso l'Apennino brontolando il temporale. Oh se il turbine cortese sovra l'ala aquilonar mi volesse al bel paese di Toscana trasportar! Non d'amici o di parenti là m'invita il cuore e il volto: chi m'arrise a i dí ridenti o ...
Scritto nel 1874
On line da: venerdì 21 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8502 - Tipo: p

'Deus, venerunt gentes', alternando or tre or quattro dolce salmodia, le donne incominciaro, e lagrimando; e Bëatrice, sospirosa e pia, quelle ascoltava sì fatta, che poco più a la croce si cambiò Maria. Ma poi che l'altre vergini dier loco a lei di dir, levata dritta in pè, rispuose, ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8636 - Tipo: p

Cercando col cupido sguardo, Tra il vel della nebbia terrena, Quel sol che in sua limpida piena V'avvolge or beati lassù; Il secol vi sdegna, e superbo Domanda qual merto agli altari V'addusse; che giovin gli avari Tesor di solinghe virtù. A Lui che nell'erba del campo La spiga vitale ripo ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8750 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...