il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Mi alzerò una mattina col naso gelato ma ancora accaldata dal sonno e aprendo la finestra mi riscoprirò a sognare di danzare, mentre volteggi e tenue ti poggi sui capelli, sulle spalle e ad imbiancar le scarpe. sognerò, illusione bianca, mentre già ti dissolvi cadendo, appena posata come una spolverata di formaggio sulla pasta. mi risveglierò e sorridendo sussurrerò ...la neve! ...
Scritto nel 2021
On line da: venerdì 1 gennaio 2021
Stato: 1 Cod: 8904 - Tipo: p

Son nato fragile, come senza pelle ed a volte ero di una fragilità così assurda che nessuno la poteva capire bastava un alito di vento un pò più forte del normale a farmi stare male, a farmi soffrire Forse per questo mi piace guardare la realtà della vita come dal di fuori esserne parte per me significava stare male e continuavo a vedere gente che stava molto meglio di me e che invece si ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 20 giugno 2020
Stato: 1 Cod: 8902 - Tipo: p

Duecento milioni di donne infibulate perchè non le si vuole libere d'amare cento milioni di ciechi sanabili che quasi nessuno si preoccupa d'aiutare e da cinquemila anni almeno neanche un minuto senza una guerra è questa la tristissima realtà del pianeta terra... E gente che viene sfruttata senza pietà perchè siam tutti pieni d'egoismo inutile sperare cambi presto la situazione eppure a v ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8899 - Tipo: p

Tu, infelice virus assassino, hai organizzato il tuo cammino, e hai seminato il tuo veleno distrugendo tante anime innocenti di tutto il mondo. Noi, ti sapremo far sparire perchè da solo non sei capace a grogredire. Il nostro veleno è più forte del tuo. Morirai quando mai te lo aspetterai. ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 5 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8889 - Tipo: p

Espressione e specchio dell'anima i tuoi occhi sinceri cercano i miei, mentre il tuo sorriso mi sfiora dentro... i tuoi occhi pieni di noi sanno di me, profumo di nuvole rosa nell'azzurro inseguendo la scia di un aquilone... i tuoi occhi da favola, sospesi tra il senso e l'idea di noi dove tutto è da cogliere, cogliere sul fatto... i tuoi occhi profondi come il mare, dove posso immerger ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 1 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8888 - Tipo: p

Paurosi e silenti momenti tolgono la forza al nostro sorriso. Con un cuore dolente e confuso speriamo di non essere perdenti Purtroppo,la poca forza non aiuta crediamo nel vero aiuto di Dio speriamo che non sia l'ultimo addio che la pace e la salute sia benvenuta Ogni strada deserta, è un cuore vuoto è un fiume che non scorre e si arena l'ultima goccia riposa silente e serena nessun an ...
Scritto nel 2020
On line da: domenica 5 aprile 2020
Stato: 1 Cod: 8886 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Mi tornano alla mente i regali scambiati, anche cose banali, e tutto il mio trasporto che avrei voluto stringere fra i denti per non farlo capire. Poi un giorno, distratta, ti ho colto a non seguire la lettera scritta in tutta una nottata e io leggevo credendo alle tue ali di farfalla e che tu non potessi mai mentire. Però la vita è quella: novella che ti affascina e ti inganna co ...
Scritto nel 2006
On line da: sabato 7 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2499 - Tipo: p

Che quest'anno sia per te assai più allegro ed armonioso, io ti mando... un augurio assai grintoso! ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 30 maggio 2010
Stato: 1 Cod: 4194 - Tipo: p

Non sono poeta. Non so concretizzare a parole i sentimenti profondi che quotidianamente nutrono la mia anima. E quando una canzone troverà per me le parole giuste per esprimere tutto l'amore che ho dentro. E quando una melodia creerà l'atmosfera giusta per goderlo allora il mio cuore scoppierà di gioia come una girandola di fuochi d'artificio che rallegrano le tenebre di meravigliosi fiori incand ...
Scritto nel 1992
On line da: sabato 17 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1226 - Tipo: r

Si andava con le braccia spalancate come pulcini sopra la scogliera mentre l'alta marea già conquistava la riva e l'orizzonte della sera. Tiepida l'acqua, tiepide le fole di sole sbriciolato sui ritorni del mare e noi febbricitanti amanti del suo respiro, non facemmo caso che il tempo respirava i nostri giorni. Non arrivammo mai tanto lontano con gli occhi a immaginare oltre la luna ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 16 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 6968 - Tipo: p

È un grido disperato quest'inchiostro ch'esplode come vetro le pareti dell'anima, fa rovesciare il cielo dagli occhi come un impetuoso fiume. Un urlo che mi strappa dal respiro la forza di seguire ancora il giorno che trama un'altra lama con un raggio lunare e mi trafigge ogni pensiero. Sorridere, far finta di vedere ancora una scintilla di speranza mentre la notte è un letto di tri ...
Scritto nel 2013
On line da: venerdì 26 aprile 2013
Stato: 1 Cod: 7452 - Tipo: p

Ancora buio, rimasugli della nottata, freddo sferzante, quiete d'aurora, odore di pane caldo nell'aria; inumani silenzi, pausa, in attesa del risveglio. ...
Scritto nel 2013
On line da: sabato 5 ottobre 2013
Stato: 1 Cod: 7724 - Tipo: p

Non è necessario riflettere un solo istante... quando si deve fare o dire qualcosa di positivo per sé stessi o per gli altri... è importante invece pensare e riflettere attentamente prima di agire in modo negativo... potremmo far del male ad altri o a noi stessi. ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 20 luglio 2010
Stato: 1 Cod: 4368 - Tipo: m

È necessariamente sempre aperto il giorno e la notte ogni ora ogni momento salvo il tempo del pedicure del manicure del tucure ...se la toilette non è occupata. ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 13 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4252 - Tipo: p

Incontri affrettati, sguardi veloci sgranano pepe, vampate sul viso crampi allo stomaco, dolori atroci m'assalgono e cerco il tuo sorriso ma non sei mia, non sarai mai mia, visione dolcissima, ti penso, ti prendo, ma non sei mia, non sarai mai mia, io sono qui e non m'arrendo tra passi stentati, stremato mi getto e penso al tuo corpo, dolce tormento poi sconsolato mi sdraio sul lett ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 24 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 471 - Tipo: c

Piccole mani premono formine di sabbia bagnata spruzzi impertinenti luccicano i ricci capelli d'ebano la pelle dorata emana profumo salmastro. In armonia col cielo gli intensi occhi osservano incantati il frangersi delle onde. Sorride felice. Un vento caldo e improvviso rapisce quell'immagine sfumandone il sapore. Sulla riva, mucchietti di sabbia si sfaldano tras ...
Scritto nel 2007
On line da: martedì 25 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 1010 - Tipo: p

Quanti meriggi ho intinto nella sacralità dell'oppio, tra gli ossequi e le esequie per i morti. Qualche volta mi regalavo l'estasi incenerendo brandelli di carne e dissacrando la corporeità, incastonando nell'ora più allegra ritagli immateriali, al chiarore vermiglio dell'ultimo Angelus, nell'ora tarda che arde sulle rosate stalattiti dell'Alhambra. Nella sera poi i siderali abbagli ...
Scritto nel 2013
On line da: lunedì 26 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7638 - Tipo: p

Spesso rileggo le satire del Giusti, sarcastico poeta ancora attuale ce n'aveva e ce n'ha per tutti i gusti su quello che riguarda lo Stivale. Era contrario ai crucchi, ai tappabuchi, odiava il Papa, detestava i preti e quegli scaldasedia d'arciduchi, pur nel loro squallor così indiscreti. Condannava i regimi autoritari, bacchettava i politici arruffoni, i ladri, gli assassini et .. ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 9 settembre 2009
Stato: 1 Cod: 3450 - Tipo: p

Respiro fumo ora che il mare sorregge la mia vita, trattiene le radici imprigionando l'anima per sempre nell'ennesimo soffio d'amore. ...
Scritto nel 2015
On line da: mercoledì 8 luglio 2015
Stato: 1 Cod: 8130 - Tipo: p

Quanta malinconia! Nulla mi allieta Ora che, amore mio, tu sei partito. Rivolgo intorno lo sguardo smarrito ma nulla vedo: il pianto me lo vieta. Un tormento m'assal, finora ignoto: scende la sera e tu mi sei lontano, ti chiamo e non mi senti, cerco invano le tue carezze... Tutto è triste e vuoto. Perché soffrir cosi'? Non è pur vero che ci separa qualche giorno appena? Ripa ...
Scritto nel 1945
On line da: domenica 26 ottobre 2008
Stato: 1 Cod: 1768 - Tipo: p

Quella notte del 2 aprile all'Eden c'ero anch'io... alle nove in punto, con le luci spente e lo slow-fox che imperversava... Dato che nelle serate infrasettimanali con scarsa affluenza di pubblico il dj Finn aveva l'abitudine di mettere un nastro registrato e chiacchierare con i presenti, all'inizio di quella sera propose dieci degli "slow" più famosi. Chi sapeva, sapeva... e gli altri che as ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 9 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3156 - Tipo: r

Salle cara, Salle bella, Tu sei terra antica e nuova di quel passato dove molti hanno abitato. Alcuni da te si recano ancora e a luglio ti popoli più di ora, per insieme festeggiare riti e tradizioni popolari. Tu piaci perché il riposo ispiri ancora, grandi e immensi panorami dove gli occhi s''illuminano assai lontani, tanto c'è da camminare e formaggi freschi da gustare e tu ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 25 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1670 - Tipo: p

due occhi profondi naturalmente truccati che mi son stat dati senza alcun merito un viso bambino da piccola donna una piccola gonna rossa un cucciolo dolce che vale la vita una vocina smarrita assai più sicura di me una manina che stringe questa mia mano imperfetta un po' di me che continua mia figlia Diletta ...
Scritto nel 1997
On line da: domenica 22 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1372 - Tipo: p

Caro libro di italiano, tu sei un po' strano, racconti storie strambe, gomme e matite con le gambe, bicchieri e piatti che litigano, cioccolatini che si innamorano! Caro libro di matematica, tu si che mi metti fatica, tutte quelle operazioni, e per studiare si aprono i portoni, ne fan parte anche scienze e geometria, è difficile la simmetria! Caro libro di inglese, meno male che ...
Scritto nel 2009
On line da: sabato 14 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2703 - Tipo: p

Ti porto via con me così per sempre potrò restare vicino a te ma bada e ascolta attentamente... che il tuo passato a questo nostro viaggio non è invitato e ti prego... lascia per sempre tutte le tue pene e trascorri con me solamente ore serene adesso non è più con me quel continuo, di sentimenti... andare e poi di nuovo viene e se questo tuo silenzio un po' l'ho meritato adesso col tuo am ...
Scritto nel 2015
On line da: venerdì 6 marzo 2015
Stato: 1 Cod: 8019 - Tipo: p

Struggente il desiderio prende su calde parole accese... Il cuore combattere non può se la ragione non s'arrende... Perfida striscia su disperate urla... Graffia, brucia dei pensieri i sospiri avvolti da languide carezze... E nel volto disperato è il sorriso... che a nulla serve quando nel giorno senso non han più le lacrime... Eppur ci sarà un luogo... ove intrecciate saranno ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 28 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5081 - Tipo: p

Quanno pe' respirà nu poco d`ammore cianciuso t'addumando si me vuò bene riffe e raffa, sùbbeto me dice: - Certo ca te voglio bene! - Tanta vote me pare overo e pe` nu poco s`accujeta stu core ca nun sape maje che le succede. Ma saccio pure ca l'ammore - l'ammore cu l'A maiuscola - è n'ata cosa, ca na buscìa, scanagliata, nun pò tenè forza! Si uno all'impruvviso d'into a l'uocchje 'e ...
Scritto nel 2006
On line da: mercoledì 4 novembre 2009
Stato: 1 Cod: 3581 - Tipo: p

Dio è un bambino e l'universo è il suo parco giochi. ...
Scritto nel 2015
On line da: sabato 12 settembre 2015
Stato: 1 Cod: 8143 - Tipo: m

Sedici anni d'amore racchiuso nel vostro cuore, con tanta gelosia per paura che qualcuno ve lo porti via. Ogni volta che litigate dopo poco la pace fate, una pace che per voi è un tesoro più prezioso dell'oro. ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 5 aprile 2009
Stato: 1 Cod: 2841 - Tipo: p

Leggera e candita dal cielo scende, si adagia accarezzando la nuda terra, come l'immenso amore di un'anziana mamma, che copre il corpo svestito di un figlio assopito in un freddo giaciglio. Un soffice manto di candida lana bianca immacolata, soffice, leggera come una farfalla vellutata, si posa con timore a coprire quel corpo assopito, nel lungo gelido inverno inoltrato. Il corpo ...
Scritto nel 2001
On line da: mercoledì 3 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 1999 - Tipo: p

È come se ogni tanto Il corpo mio camminasse da solo, Senza la spinta dell'anima Senza che il cuore lo voglia! È la spinta della vita, È il mistero della vita Il mistero della fede, È qualcosa che Non si può decifrare, Che ci fa andare Per qualcosa trovare! Pulsazioni lente o forti... Fa niente! La vita è un dono Ed io per prima, Devo tutto accettare Perché vivere è ...
Scritto nel 2006
On line da: giovedì 11 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1636 - Tipo: p

Sorgono al limitare della distesa erbosa sono nati quasi per caso si ergono maestosi sopra le rose giorno dopo giorno salgono verso il sole paterno le corolle si gonfiano al giorno che nasce --- estate 2006 ...
Scritto nel 2006
On line da: giovedì 13 dicembre 2007
Stato: 1 Cod: 625 - Tipo: p

Mi sono visto morire, il petto squarciato che ardeva nell'Ade, il solo Silenzio forare l'orecchio. Uno Scheletro dalle ossa rimosse varcava la strada, la pelle strappata tappava le fosse del manto oleato, un lampo come un rosario sgranava i miei occhi. "E tu, Satanasso, che ingerivi il mio odore di tiglio e bevevi alla coppa il mio seme, adesso sputacchi sul rogo le ciocche inca ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 26 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7651 - Tipo: p

Non so voi... ma a me piacciono le favole perchè imbandisco tante tavole metto tutti gli ingredienti per star sereni e sorridenti. Volo sulle ali della fantasia vado in cerca di allegria per rendere il companatico piacevole e aromatico. Non conto più il numero degli anni non ascolto i miei nemici che sono: i timori, i dolori e i malanni. E... come un aquilone dal vento mi lasci ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 6 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4869 - Tipo: p

in un giardino di stelle t'incontrai, camminando silenti come camminano i pensieri persi nei giochi della mente, fu in quel momento in un solo momento che i nostri sguardi s'incontrarono delittuosi e oscuri in un trascorso di dolore... un tocco di mani un lieve sorriso l'odore del corpo come fiume che scorre... accanto, fu in quel momento in un solo momento voltando la testa qua ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 1 maggio 2012
Stato: 1 Cod: 5876 - Tipo: p

Quando si ama e senti forte in te questo sentimento ...riesci a capire sbagli di anni sulle spalle e sai far affiorare un sorriso ove tutto è fango e dolore... Sai trovare in te la forza di capire sbagli che sfiorano anime in cerca come te di amore... Quando si ama... trovi il coraggio per non crollare per non perdere ciò che porta in te la luce... Ti dividi in due... ami per du ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 7 luglio 2009
Stato: 1 Cod: 3243 - Tipo: p

Questa non me l'aspettavo. Questa non me la sarei mai aspettata. Questa, se non fosse che, alla mia veneranda età, non mi stupisco più di nulla, mi avrebbe davvero stupito. Seduto, tutt'altro che comodamente, su di una panchina del parco Carrara a Torino, beato assaporavo un freddo cornetto con tanti pezzettini di cioccolato, croccanti e distesi, sopra un bel batuffolone di panna al gusto di ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 9 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6004 - Tipo: r

Cerco la pace, silenzio nella mia vita, vado per conto mio, decido per me; non sento nessuno, e non m'importa delle chiacchere; cerco le cose semplici, la serenità d'un tramonto ramato, la quiete d'una panchina vuota, lo stare in casa, fare con calma, fregarmene di questo o quello; voglia di libertà, libertà, lontano da tutto questo. ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 24 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 7015 - Tipo: p

Via... è ora di partire, non si può più aspettare. Non eri forse tu a dirmi che quando spunta il sole è un nuovo giorno che cancella ansie, dolori, rancori, dispaceri. Via... dal fuoco che arde e divampa nel cuore pentito di uomo solo. Via... disperso nel vento, dal suo tiepido accarezzare le gote. Solo andando via scegli se vale la pena tornare... per rimanere qui per sempre. ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 24 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3197 - Tipo: p

Mi stupisce il sole che, sia pur da così lontano, la terra riesce a riscaldare e la luna che col suo pallore la può illuminare e le stelle che nel cielo formano disegni a cui noi dalla terra affidiamo desideri e impegni mi stupiscono le nuvole che sopra di noi dipingono forme come quella che sto guardando ora... che ha dipinto un bimbo che dorme mi stupisce lo sbocciare di ogni fiore e del ...
Scritto nel 2015
On line da: venerdì 8 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8069 - Tipo: p

Ti amo e non so ne come ne quando è cominciato, ti amo così come sei senza problemi, ragioni o classificazioni. Ti amo quando la tua mano si posa sul mio petto e le tue braccia mi avvolgono, quando i miei occhi socchiudo e serena e sicura sul cuscino mi addormento. Questo nostro amore contestato, dubitato, così vero, tangibile, sensibile, ma come un mulo irremovibile. Ogni giorno ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 6 aprile 2010
Stato: 1 Cod: 4053 - Tipo: p

Il tuo sguardo triste e calmoè stanco ormai.Quell`azzurro profondo che io tanto amavo,l`ha sbiadito il tempo.Sei stanco,il respiro ti ruba la forza.Ma se mi guardi,c`è ancor quella luce,quel splender di gioiaper quello che ero,che sono e sempre per te sarò.Mi guardi e sorridi senza parole,nient'altro è necessario,i nostri cuori sanno:"Ancor stiamo insiemee ci apparteniamo!"E cosi trascorrono i gi ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 1 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1819 - Tipo: p

Tramonto marino il sole si specchia e si spicchia nel vino tu lì lontano io qui Legnano (a)fa caldo l'aria fresca ha un ritardo farà il test io farò quadrare un cerchio alla testa e già aspiro a un aspirina chi aspira spera È sabato sera la pula ulula la gente copula la nonna ovula e pare incredula Vorrei essere in una brocca e farmi versare nella tua bocca e scendere ...
Scritto nel 2007
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 4677 - Tipo: p

Le nostre ombre mano nella mano camminano... mentre noi inesorabilmente ci allontaniamo. ...
Scritto nel 2009
On line da: domenica 17 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 5298 - Tipo: p

Nel silenzio di un tale frastuono... udii un lamento un stridulo suono lo riconobbi nel mio ascoltare... tra i rumori del centro era un grido, un lesinare un singhiozzo confuso tra lacrime amare... proveniva dai bordi della strada, dall'asfalto... stringato nel grezzo e senza smalto stretto nella morsa del suo torpore... un uomo perso nel suo immenso dolore gli occhi bagnati dall'acq ...
Scritto nel 2010
On line da: mercoledì 17 novembre 2010
Stato: 1 Cod: 4750 - Tipo: p

Non c'è frase senza senso, non c'è rima senza incontro, non c'è poesia che vuota essa sia, o senza un minimo di armonia. Col pensiero puoi pensare, una frase che può rimare, la poesia può mostrare, tutto quello che hai nel cuore. Ma con la fantasia nel tuo dire, tutto il mondo puoi cambiare, quel che brutto, farlo bello diventare, ciò che è male, farlo bene se si vuole, anche il ...
Scritto nel 2001
On line da: venerdì 28 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1972 - Tipo: p

Amarsi è amare con cuore la propria compagna e condividere il bene e il male con lei. Amare... È il sorriso sincero e insieme l'impegno a risolvere i problemi che la vita ci porge. È capire le ansie dell'amata e gioire e soffrire con lei e per lei. E, senza portare rancore, è il saper e voler tornare sui propri passi se si è in errore. Amare... È saper perdonare, e quando è oppo ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 28 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 3921 - Tipo: p

Avrei bisogno di un angelo bianco come quello dei sogni di bambina, quando credevo che mi fosse accanto se solo lo chiamavo con preghiere che sussurravo al buio della notte, intimorita dalle ombre nere. Vorrei crederci ancora a quell'incanto cui confidavo i piccoli segreti che nascondeva in piume d'ali argento, mentre mi preservava dai peccati nel perdonare quelli confessati. Nell' ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 28 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6090 - Tipo: p

Sono trascorsi questi anni tra felicità e affanni fra quel tanto che se n'è andato divenendo così il passato e quell'altrettanto che è venuto trasformato in un presente... sempre più assente tra ciò che si è ricordato e quello che si è dimenticato ma è sempre rimasto con me, dentro di me... lui negli istanti gioiosi... così come nei momenti bui con la luce di ogni nuovo giorno e il cal ...
Scritto nel 2015
On line da: giovedì 29 ottobre 2015
Stato: 1 Cod: 8170 - Tipo: p

A volte scintilla ai rami Come diamante al sole E non è che acqua Sulle foglie Quest'amore ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 13 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 723 - Tipo: p

Sublime estasi deliba la percezione del mio aggiogato olfatto, neppure la più vorticosa, tumultuosa, ferina bora ne dissiperebbe, stempererebbe l'aulente sussiegosa essenza, essa compenetra turgida addentro la viscerale linfa: permea, satura, conquide purchessia loggia corporea evincendo gli imperturbabili e tetragoni turbamenti diacciati insiti mediante ancestrali, avite origini inconfessa ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 7 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1608 - Tipo: p

La poesia dell'ultimo giorno dell'anno quando ho rotto la scodella del caffelatte riempita di liquore e troppe volte svuotata ho lanciato i cocci circa a mezzanotte dicono porti bene sulla strada attutita da ore di nevischio e una folata gelida m'è trapanata in casa col baccano dei botti da strapparmi un rutto se fosse entrata un'angela con tette sorprendenti mi sarei trattenuto. ...
Scritto nel 2004
On line da: giovedì 14 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1516 - Tipo: p

È l'alba. Buio è il silenzio ancora. Ma batte ogni stanza la sua ora. È la rete del tempo che va, sempre uguale a sè stesso, immutato. Sono io che apro gli occhi cambiato. Ogni giorno diverso. Che dò il ritmo al mio grumo di terra perduto nell'universo. ...
Scritto nel 2010
On line da: venerdì 12 marzo 2010
Stato: 1 Cod: 3970 - Tipo: p

Perché Ti cerco Dove Tu non sei Signore? Ti guardo e non Ti vedo Ti ascolto e non Ti sento E dalla bocca mia Non escono parole di lode! Perché Ti cerco Dove Tu non sei, Signore? ...
Scritto nel 2000
On line da: domenica 18 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5420 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte de l'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminato spazio di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvie ...
Scritto nel 1820
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8494 - Tipo: p

Soffermati sull'arida sponda volti i guardi al varcato Ticino, tutti assorti nel novo destino, certi in cor dell'antica virtù, han giurato: non fia che quest'onda scorra più tra due rive straniere; non fia loco ove sorgan barriere tra l'Italia e l'Italia, mai più! L'han giurato: altri forti a quel giuro rispondean da fraterne contrade, affilando nell'ombra le spade che or lev ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 30 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8523 - Tipo: p

Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrir Progne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia. Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena; Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia. Ma per me, lasso, tornano i piú gravi sospiri, che del cor profondo tragge ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8562 - Tipo: p

Solo et pensoso i piú deserti campi vo mesurando a passi tardi et lenti, et gli occhi porto per fuggire intenti ove vestigio human l'arena stampi. Altro schermo non trovo che mi scampi dal manifesto accorger de le genti, perché negli atti d'alegrezza spenti di fuor si legge com'io dentro avampi: sí ch'io mi credo omai che monti et piagge et fiumi et selve sappian di che tempre sia ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8535 - Tipo: p

Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo Sole piacesti sí, che 'n te Sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole: ma non so 'ncominciar senza tu' aita, et di Colui ch'amando in te si pose. Invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede: Vergine, s'a mercede miseria extrema de l'humane cose già mai ti volse, al mio prego t'inchina, soccorri a la ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8567 - Tipo: p

Dolce e chiara è la notte e senza vento, e queta sovra i tetti e in mezzo agli orti posa la luna, e di lontan rivela serena ogni montagna. O donna mia, g ià tace ogni sentiero, e pei balconi rara traluce la notturna lampa: tu dormi, che t'accolse agevol sonno nelle tue chete stanze; e non ti morde cura nessuna; e già non sai nè pensi quanta piaga m'apristi in mezzo al petto. Tu dormi: i ...
Scritto nel 1820
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8518 - Tipo: p

Io son sí stanco sotto 'l fascio antico de le mie colpe et de l'usanza ria ch'i' temo forte di mancar tra via, et di cader in man del mio nemico. Ben venne a dilivrarmi un grande amico per somma et ineffabil cortesia; poi volò fuor de la veduta mia, sí ch'a mirarlo indarno m'affatico. Ma la sua voce anchor qua giú rimbomba: O voi che travagliate, ecco 'l camino; venite a me, se ' ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8549 - Tipo: p

All'ombra de' cipressi e dentro l'urne confortate di pianto è forse il sonno della morte men duro? Ove piú il Sole per me alla terra non fecondi questa bella d'erbe famiglia e d'animali, e quando vaghe di lusinghe innanzi a me non danzeran l'ore future, né da te, dolce amico, udrò piú il verso e la mesta armonia che lo governa, né piú nel cor mi parlerà lo spirto delle vergini Muse e ...
Scritto nel 1807
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8520 - Tipo: p

Parea dinanzi a me con l'ali aperte la bella image che nel dolce frui liete facevan l'anime conserte; parea ciascuna rubinetto in cui raggio di sole ardesse sì acceso, che ne' miei occhi rifrangesse lui. E quel che mi convien ritrar testeso, non portò voce mai, né scrisse incostro, né fu per fantasia già mai compreso; ch'io vidi e anche udi' parlar lo rostro, e sonar ne la voce e ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8655 - Tipo: p

La donzelletta vien dalla campagna, in sul calar del sole, col suo fascio dell'erba; e reca in mano un mazzolin di rose e di viole, onde, siccome suole, ornare ella si appresta dimani, al dì di festa, il petto e il crine. Siede con le vicine su la scala a filar la vecchierella, incontro là dove si perde il giorno; e novellando vien del suo buon tempo, quando ai dì della fest ...
Scritto nel 1829
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8497 - Tipo: p

Ce ne seront jamais ces beautés de vignettes, Produits avariés, nés d'un siècle vaurien, Ces pieds à brodequins, ces doigts à castagnettes, Qui sauront satisfaire un coeur comme le mien. Je laisse à Gavarni, poète des chloroses, Son troupeau gazouillant de beautés d'hôpital, Car je ne puis trouver parmi ces pâles roses Une fleur qui ressemble à mon rouge idéal. Ce qu'il faut à ce co ...
Scritto nel 1854
On line da: mercoledì 12 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8699 - Tipo: p

È ben altro. Alle prese col destino veglia un ragazzo che con gesti rari fila un suo lungo penso di latino. Il capo ad ora ad ora egli solleva dalla catasta dei vocabolari, come un galletto garrulo che beva. Povero bimbo! di tra i libri via appare il bruno capo tuo, scompare; come d'un rondinotto, quando spia se torna mamma e porta le zanzare. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8510 - Tipo: p

Imagini, chi bene intender cupe quel ch'i' or vidi - e ritegna l'image, mentre ch'io dico, come ferma rupe -, quindici stelle che 'n diverse plage lo ciel avvivan di tanto sereno che soperchia de l'aere ogne compage; imagini quel carro a cu' il seno basta del nostro cielo e notte e giorno, sì ch'al volger del temo non vien meno; imagini la bocca di quel corno che si comincia in pu ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8649 - Tipo: p

Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente, et le braccia et le mani et i piedi e 'l viso, che m'avean sí da me stesso diviso, et fatto singular da l'altra gente; le crespe chiome d'òr puro lucente e 'l lampeggiar de l'angelico riso, che solean fare in terra un paradiso, poca polvere son, che nulla sente. Et io pur vivo, onde mi doglio et sdegno, rimaso senza 'l lume ch'amai tanto, i ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8561 - Tipo: p

Lungo la strada vedi su la siepe ridere a mazzi le vermiglie bacche: nei campi arati tornano al presepe tarde le vacche. Vien per la strada un povero che il lento passo tra foglie stridule trascina: nei campi intuona una fanciulla al vento: fiore di spina... ...
Scritto nel 1894
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8508 - Tipo: p

«Poscia che Costantin l'aquila volse contr' al corso del ciel, ch'ella seguio dietro a l'antico che Lavina tolse, cento e cent' anni e più l'uccel di Dio ne lo stremo d'Europa si ritenne, vicino a' monti de' quai prima uscìo; e sotto l'ombra de le sacre penne governò 'l mondo lì di mano in mano, e, sì cangiando, in su la mia pervenne. Cesare fui e son Iustiniano, che, per voler de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8642 - Tipo: p

La tribu prophétique aux prunelles ardentes Hier s'est mise en route, emportant ses petits Sur son dos, ou livrant à leurs fiers appétits Le trésor toujours prêt des mamelles pendantes. Les hommes vont à pied sous leurs armes luisantes Le long des chariots où les leurs sont blottis, Promenant sur le ciel des yeux appesantis Par le morne regret des chimères absentes. Du fond de son ré ...
Scritto nel 1859
On line da: lunedì 11 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8693 - Tipo: p

Pour soulever un poids si lourd, Sisyphe, il faudrait ton courage! Bien qu'on ait du coeur à l'ouvrage, L'Art est long et le Temps est court. Loin des sépultures célèbres, Vers un cimetière isolé, Mon coeur, comme un tambour voilé, Va battant des marches funèbres. – Maint joyau dort enseveli Dans les ténèbres et l'oubli, Bien loin des pioches et des sondes; Mainte fleur épanche ...
Scritto nel 1850
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8690 - Tipo: p

Le soleil, en l'azur d'un ciel pur et nouveau Dont le bleu printanier de lumière ruisselle, Monte royalement, et sa vaste étincelle Allume un feu de joie au fond des flaques d'eau. La neige amoncelée au toit luisant et haut, Où s'épand longuement la flamme universelle, S'affaisse, se dissout, et, parcelle à parcelle, Tombe et coule au trottoir qui la glisse au ruisseau. Alors, de sa b ...
Scritto nel 1910
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8692 - Tipo: p

Quando colui che tutto 'l mondo alluma de l'emisperio nostro sì discende, che 'l giorno d'ogne parte si consuma, lo ciel, che sol di lui prima s'accende, subitamente si rifà parvente per molte luci, in che una risplende; e questo atto del ciel mi venne a mente, come 'l segno del mondo e de' suoi duci nel benedetto rostro fu tacente; però che tutte quelle vive luci, vie più lucendo ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8656 - Tipo: p

Democrito, tu ridi e col tuo riso tutte le umane cose a scherno prendi e, sia del fato o mesto o lieto il viso, con lieto viso ogni accidente attendi. E tu col mento in sulla destra assiso piangi, Eraclito, e sempre al pianto intendi; forse che quanto è fra di noi diviso, lacrimosa tragedia esser comprendi. Ma siate pure al pianto o al riso intenti, che 'l riso e 'l pianto a me rasse ...
Scritto nel 1670
On line da: lunedì 12 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 8707 - Tipo: p

Sì come quando i primi raggi vibra là dove il suo fattor lo sangue sparse, cadendo Ibero sotto l'alta Libra, e l'onde in Gange da nona riarse, sì stava il sole; onde 'l giorno sen giva, come l'angel di Dio lieto ci apparse. Fuor de la fiamma stava in su la riva, e cantava 'Beati mundo corde!' in voce assai più che la nostra viva. Poscia «Più non si va, se pria non morde, anime san ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8630 - Tipo: p

«Chi è costui che 'l nostro monte cerchia prima che morte li abbia dato il volo, e apre li occhi a sua voglia e coverchia?». «Non so chi sia, ma so ch'e' non è solo; domandal tu che più li t'avvicini, e dolcemente, sì che parli, acco'lo». Così due spirti, l'uno a l'altro chini, ragionavan di me ivi a man dritta; poi fer li visi, per dirmi, supini; e disse l'uno: «O anima che fitta ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8617 - Tipo: p

Ora era onde 'l salir non volea storpio; ché 'l sole avëa il cerchio di merigge lasciato al Tauro e la notte a lo Scorpio: per che, come fa l'uom che non s'affigge ma vassi a la via sua, che che li appaia, se di bisogno stimolo il trafigge, così intrammo noi per la callaia, uno innanzi altro prendendo la scala che per artezza i salitor dispaia. E quale il cicognin che leva l'ala ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8628 - Tipo: p

Su le populee rive e sul bel piano Da le insubri cavalle esercitato, Ove di selva coronate attolle La mia città le favolose mura, Prego, suoni quest'Inno: e se pur degna Penne comporgli di più largo volo La nostra Musa, o sacri colli, o d'Arno Sposa gentil, che a te gradito ei vegna Chieggo a le Grazie. Ché dai passi primi Nel terrestre viaggio, ove il desio Crudel compagno è de la via, ...
Scritto nel 1809
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8740 - Tipo: p

Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l'incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato. Bene non seppi, fuori del prodigio che schiude la divina Indifferenza: era la statua nella sonnolenza del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8892 - Tipo: p

L'Alpe di Mommio un pallido velame d'ulivi effonde al cielo di giacinto, come un colle dell'isola di Same o di Zacinto. Il Monte Magno di più cupo argento fascia la sua piramide; il Matanna è porpora e viola come il lento fior della canna. O canneti lungh'essi i fiumicelli di Camaiore, appreso ho il vostro carme. Vedess'io rosseggiare gli albatrelli sul Monte Darme! Dal Capo Cor ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8719 - Tipo: p

O falce di luna calante che brilli su l'acque deserte, o falce d'argento, qual messe di sogni ondeggia al tuo mite chiarore qua giù! Aneliti brevi di foglie, sospiri di fiori dal bosco esalano al mare: non canto non grido non suono pe 'l vasto silenzio va. Oppresso d'amor, di piacere, il popol de' vivi s'addorme... O falce calante, qual messe di sogni ondeggia al tuo mite chiarore ...
Scritto nel 1881
On line da: lunedì 18 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8710 - Tipo: p

«S'io ti fiammeggio nel caldo d'amore di là dal modo che 'n terra si vede, sì che del viso tuo vinco il valore, non ti maravigliar, ché ciò procede da perfetto veder, che, come apprende, così nel bene appreso move il piede. Io veggio ben sì come già resplende ne l'intelletto tuo l'etterna luce, che, vista, sola e sempre amore accende; e s'altra cosa vostro amor seduce, non è se no ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8641 - Tipo: p

In su l'estremità d'un'alta ripa che facevan gran pietre rotte in cerchio, venimmo sopra più crudele stipa; e quivi, per l'orribile soperchio del puzzo che 'l profondo abisso gitta, ci raccostammo, in dietro, ad un coperchio d'un grand' avello, ov' io vidi una scritta che dicea: 'Anastasio papa guardo, lo qual trasse Fotin de la via dritta'. «Lo nostro scender conviene esser tardo, ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8580 - Tipo: p

Tentava la vostra mano la tastiera, i vostri occhi leggevano sul foglio gl'impossibili segni; e franto era ogni accordo come una voce di cordoglio. Compresi che tutto, intorno, s'inteneriva in vedervi inceppata inerme ignara del linguaggio più vostro: ne bruiva oltre i vetri socchiusi la marina chiara. Passò nel riquadro azzurro una fugace danza di farfalle; una fronda si scrollò nel ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8894 - Tipo: p

In quella età che, di veder bramoso, Ancor l'ingegno a le cagioni è cieco, Ascoso un Genio, anco a me stesso ascoso, Disse improvviso al mio pensier: Son teco. Ei le cose mi mostra che animoso Primier, siccome io valgo, in luce io reco; Sicché da lui le tenga ogni cortese Cui non incresca de l'averle intese. Qual compagno s'avesse a la sua via Infin d'allora il giovinetto acerbo, Tal ...
Scritto nel 1809
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8741 - Tipo: p

Sutta un'antica quercia, Chi attraversu spurgìa da un vàusu alpestri, Cu 'na manu a la frunti, Don Chisciotti Mestissinu sidia: 'na rocca allatu Di chiàppari cuverta, e la pinnenti Arèddara d'attornu a la sua cima, Facìanu pavigghiuni a la sua testa, Ripusava oziusa la gran spata Tra la purvuli e l'erva, a un virdi ramu Stava appujata l'asta di la guerra, Sutta un vrazzu lu scutu, e l'e ...
Scritto nel 1810
On line da: sabato 12 dicembre 2015
Stato: 1 Cod: 8754 - Tipo: p

'Deus, venerunt gentes', alternando or tre or quattro dolce salmodia, le donne incominciaro, e lagrimando; e Bëatrice, sospirosa e pia, quelle ascoltava sì fatta, che poco più a la croce si cambiò Maria. Ma poi che l'altre vergini dier loco a lei di dir, levata dritta in pè, rispuose, colorata come foco: 'Modicum, et non videbitis me; et iterum, sorelle mie dilette, modicum, et ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8636 - Tipo: p

Come il divo Alighier l'ingrata Flora Errar fea, per civil rabbia sanguigna, Pel suol, cui liberal natura infiora, Ove spesso il buon nasce e rado alligna, Esule egregio, narri: e Tu pur ora Duro esempio ne dai, Tu, cui maligna Sorte sospinse, e tiene incerto ancora In questa di gentili alme madrigna. Tal premj, Italia, i tuoi migliori, e poi Che pro se piangi, e il cener freddo ador ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8724 - Tipo: p

Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano a sommo di minuscole biche. Osservare tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare m entre si levano tremuli scricchi di cicale dai calvi ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8890 - Tipo: p

Chi poria mai pur con parole sciolte dicer del sangue e de le piaghe a pieno ch'i' ora vidi, per narrar più volte? Ogne lingua per certo verria meno per lo nostro sermone e per la mente c'hanno a tanto comprender poco seno. S'el s'aunasse ancor tutta la gente che già, in su la fortunata terra di Puglia, fu del suo sangue dolente per li Troiani e per la lunga guerra che de l'anella ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8597 - Tipo: p

Io vidi già cavalier muover campo, e cominciare stormo e far lor mostra, e talvolta partir per loro scampo; corridor vidi per la terra vostra, o Aretini, e vidi gir gualdane, fedir torneamenti e correr giostra; quando con trombe, e quando con campane, con tamburi e con cenni di castella, e con cose nostrali e con istrane; né già con sì diversa cennamella cavalier vidi muover né pe ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8591 - Tipo: p

Luogo è in inferno detto Malebolge, tutto di pietra di color ferrigno, come la cerchia che dintorno il volge. Nel dritto mezzo del campo maligno vaneggia un pozzo assai largo e profondo, di cui suo loco dicerò l'ordigno. Quel cinghio che rimane adunque è tondo tra 'l pozzo e 'l piè de l'alta ripa dura, e ha distinto in dieci valli il fondo. Quale, dove per guardia de le mura più e ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8587 - Tipo: p

En ces temps merveilleux où la Théologie Fleurit avec le plus de sève et d'énergie, On raconte qu'un jour un docteur des plus grands, – Après avoir forcé les coeurs indifférents ; Les avoir remués dans leurs profondeurs noires ; Après avoir franchi vers les célestes gloires Des chemins singuliers à lui-même inconnus, Où les purs Esprits seuls peut-être étaient venus, – Comme un homme ...
Scritto nel 1845
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8697 - Tipo: p

Cigola la carrucola del pozzo, l'acqua sale alla luce e vi si fonde. Trema un ricordo nel ricolmo secchio, nel puro cerchio un'immagine ride. Accosto il volto ad evanescenti labbri: si deforma il passato, si fa vecchio, appartiene ad un altro... Ah che già stride la ruota, ti ridona all'atro fondo, visione, una distanza ci divide. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8895 - Tipo: p

Settembre, ora nel pian di Lombardia è già pronta la muta dei segugi, de' bei segugi falbi e maculati dall'orecchie biondette e molli come foglie del fiore di magnolia passe. La muta dei segugi a volpe e a damma or già tracciando va per scope e sterpi. Erta ogni coda in bianca punta splende. Presso il gran ponte sta Sesto Calende. Corre il Ticino tra selvette rare, verso diga di roseo ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8716 - Tipo: p

«O Padre nostro, che ne' cieli stai, non circunscritto, ma per più amore ch'ai primi effetti di là sù tu hai, laudato sia 'l tuo nome e 'l tuo valore da ogne creatura, com' è degno di render grazie al tuo dolce vapore. Vegna ver' noi la pace del tuo regno, ché noi ad essa non potem da noi, s'ella non vien, con tutto nostro ingegno. Come del suo voler li angeli tuoi fan sacrificio ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8614 - Tipo: p

Homme libre, toujours tu chériras la mer! La mer est ton miroir; tu contemples ton âme Dans le déroulement infini de sa lame, Et ton esprit n'est pas un gouffre moins amer. Tu te plais à plonger au sein de ton image; Tu l'embrasses des yeux et des bras, et ton cÂœur Se distrait quelquefois de sa propre rumeur Au bruit de cette plainte indomptable et sauvage. Vous êtes tous les deux ...
Scritto nel 1858
On line da: lunedì 11 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8694 - Tipo: p

L'astuzia, la quale appartiene all'ingegno, è usata moltissime volte per supplire la scarsità di esso ingegno, e per vincere maggior copia del medesimo in altri. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8532 - Tipo: m

Levommi il mio penser in parte ov'era quella ch'io cerco, et non ritrovo in terra: ivi, fra lor che 'l terzo cerchio serra, la rividi piú bella et meno altera. Per man mi prese, et disse: - In questa spera sarai anchor meco, se 'l desir non erra: i' so' colei che ti die' tanta guerra, et compie' mia giornata inanzi sera. Mio ben non cape in intelletto humano: te solo aspetto, et que ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8539 - Tipo: p

Come l'augello, intra l'amate fronde, posato al nido de' suoi dolci nati la notte che le cose ci nasconde, che, per veder li aspetti disiati e per trovar lo cibo onde li pasca, in che gravi labor li sono aggrati, previene il tempo in su aperta frasca, e con ardente affetto il sole aspetta, fiso guardando pur che l'alba nasca; così la donna mia stava eretta e attenta, rivolta inver ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8659 - Tipo: p

J'ai longtemps habité sous de vastes portiques Que les soleils marins teignaient de mille feux, Et que leurs grands piliers, droits et majestueux, Rendaient pareils, le soir, aux grottes basaltiques. Les houles, en roulant les images des cieux, Mêlaient d'une façon solennelle et mystique Les tout-puissants accords de leur riche musique Aux couleurs du couchant reflété par mes yeux. ...
Scritto nel 1854
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8691 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2021 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...