il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Son nato fragile, come senza pelle ed a volte ero di una fragilità così assurda che nessuno la poteva capire bastava un alito di vento un pò più forte del normale a farmi stare male, a farmi soffrire Forse per questo mi piace guardare la realtà della vita come dal di fuori esserne parte per me significava stare male e continuavo a vedere gente che stava molto meglio di me e che invece si ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 20 giugno 2020
Stato: 1 Cod: 8902 - Tipo: p

Duecento milioni di donne infibulate perchè non le si vuole libere d'amare cento milioni di ciechi sanabili che quasi nessuno si preoccupa d'aiutare e da cinquemila anni almeno neanche un minuto senza una guerra è questa la tristissima realtà del pianeta terra... E gente che viene sfruttata senza pietà perchè siam tutti pieni d'egoismo inutile sperare cambi presto la situazione eppure a v ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8899 - Tipo: p

Tu, infelice virus assassino, hai organizzato il tuo cammino, e hai seminato il tuo veleno distrugendo tante anime innocenti di tutto il mondo. Noi, ti sapremo far sparire perchè da solo non sei capace a grogredire. Il nostro veleno è più forte del tuo. Morirai quando mai te lo aspetterai. ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 5 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8889 - Tipo: p

Espressione e specchio dell'anima i tuoi occhi sinceri cercano i miei, mentre il tuo sorriso mi sfiora dentro... i tuoi occhi pieni di noi sanno di me, profumo di nuvole rosa nell'azzurro inseguendo la scia di un aquilone... i tuoi occhi da favola, sospesi tra il senso e l'idea di noi dove tutto è da cogliere, cogliere sul fatto... i tuoi occhi profondi come il mare, dove posso immerger ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 1 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8888 - Tipo: p

Paurosi e silenti momenti tolgono la forza al nostro sorriso. Con un cuore dolente e confuso speriamo di non essere perdenti Purtroppo,la poca forza non aiuta crediamo nel vero aiuto di Dio speriamo che non sia l'ultimo addio che la pace e la salute sia benvenuta Ogni strada deserta, è un cuore vuoto è un fiume che non scorre e si arena l'ultima goccia riposa silente e serena nessun an ...
Scritto nel 2020
On line da: domenica 5 aprile 2020
Stato: 1 Cod: 8886 - Tipo: p

Torna la primavera col mandorlo fiorito la frescura della sera dolcemente ho goduto Tutti i campi sono in fiore con il mare smeraldino c'è spontaneo ogni colore nello spazio del giardino Ogni uccello è contento e nidifica il suo nido del buon tempo io mi fido anche quando vola il vento Sopra l'ombra dei viali splende un sole cocente il suo caldo mai mente e ti salva dei brutt ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 17 marzo 2020
Stato: 1 Cod: 8885 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

C'è ancora tanta strada per arrivare al fiume, una valle di sogni e parole su onde argentate. Così bella da far invidia alla luna così sola sotto questo cielo. C'è ancora tanta vita per giungere al mare, senza timore di perdersi fra stelle pagane rinchiusa in un fiore che sboccia solo nelle tenebre. Le voci del vento danzano tra le vette, intorno al fuoco cantano le ombre. Sovran ...
Scritto nel 2015
On line da: mercoledì 19 agosto 2015
Stato: 1 Cod: 8136 - Tipo: p

Principessa di tanti miei sogni solitari, nella notte mentre dormo tu mi appari, Ogni notte ti canto una nuova serenata, Io menestrello e la luna chiara è mia compagna, ti cantiamo una canzone d'amore appena nata. Principessa sto suonando la tua canzone, con le corde del violino tra le dita, sto parlando al tuo cuore ignaro del mio amore, vorrei vederti alla finestra per capire, se ...
Scritto nel 1999
On line da: lunedì 15 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 2085 - Tipo: c

Settembre è qui sui vetri già ovattati dal filo blu dei raggi della pioggia, la scia di un verso scritto con il dito bagnato ed un silenzio che vaneggia. Settembre è qui col muto disincanto dei rami che si spogliano davanti al sole spento, all'alito di venti gelati che li lasciano tremanti. Sei certa che sia qui? Pare raccolto nel tumido respiro di un inverno antartico che mette a n ...
Scritto nel 2013
On line da: giovedì 29 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7696 - Tipo: p

Pensiero quando sorge La luce, iniziano i problemi, arriva il dolore e la prova, e il cuore palpita di paura; e vorresti la notte durasse in sepiterno, non finisse mai; il giorno, il giorno, col suo carico di problemi e di guai; potersi nascondere un poco, non essere trovato né cercato ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 26 settembre 2017
Stato: 1 Cod: 8764 - Tipo: p

Era forse quella mancanza di coraggio che ci impediva di folli rincorse, quella pallidezza improvvisa che si stampava sulla tua faccia giacché non eri ancora quella baccante sodomizzante. Ed io, avvolto in quell'Ulster di mio padre, facevo da contorno al tuo manto di astrakan, nella mia logica marezzata credevo che fare a pugni con il morto avrebbe dato lustro ad una gloria pietrificata ...
Scritto nel 2013
On line da: lunedì 26 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7642 - Tipo: p

Andavo in giro nei mercati immaginari volevo comprare tanti sorrisi per i miei giorni tristi, volevo comprare solo un pezzetto di felicità da gustare in tutti i giorni di questa mia vita, volevo comprare un pò d'amore da cusodire nel cassetto dei sogni in attesa di poterlo dividere, nel mercato che non c'è, ho pianto a lungo, sentendomi più sola, non si compra la felicità nè l'amore. ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 28 novembre 2011
Stato: 1 Cod: 5575 - Tipo: p

Cos'è l'amore? Quell'inafferabile niente travestito di tutto, impregnato di vita, trasudato di assurdo.. colto nello spartito degli eventi, sgretolato nelle mani... pulsato nelle vene... ritmato dal cuore... eppure amore! Arpeggiato dall'anima, ingorgato dalle parole degli amanti... fluttuato come stormi di falene, ansimato... voluto... posseduto... e poi... sospirato al cielo nell ...
Scritto nel 2009
On line da: domenica 22 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2595 - Tipo: p

Invidioso, vengo a salutarti: mi tentano le avventure mai vissute e le cose che vedrai in paesi lontani, quelle che vivrai con i compagni, le risate, la paura. Ma è solo un minuto... E mentre vedo nel tuo volto l'impazienza di partire, il terrore dei giorni che verranno in attesa di notizie di te mi strazia. ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 30 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1981 - Tipo: p

Prendimi nella notte... quando con il suo nero manto... il buio avvolge torbidi pensieri... nell'urlo del silenzio che si fa disumano... mentre affacciata a rimuginar la luna osserva i miei occhi... pallida luce... sfocata tra il mio volerti e il negar quest'emozione... Prendimi... nei sospiri che a te ho dedicato... nella distanza dei nostri cuori... ribelli eppur così uniti nel ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 27 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4307 - Tipo: p

Quando sei nata il cielo s'innamorò di te E la luna gelosa si nascose Il sole aspettò tutta la notte prima di svegliarti al mattino per riscaldarti il vento si alzò curioso e mosse tutte le nuvole... e dall'alto ti salutarono Con un sorriso di volo di rondini da quel giorno il mondo non fu più lo stesso... il suo nome era Vittoria. ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 19 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 6988 - Tipo: p

L'inferno è un particolare stato dell'anima costretta a girare su se stessa, alla disperata ricerca di una pace inafferrabile. Madida di sudore, implora una stilla d'acqua al suo persecutore. Quel diavoletto urla e bestemmia, tra le gole infuocate. Fornisce all'anima acqua e sale, per arrecarle sommo dispetto. E la punzecchia agli arti con un forcone ben affilato. Escoriazio ...
Scritto nel 2002
On line da: giovedì 18 agosto 2016
Stato: 1 Cod: 8405 - Tipo: p

In questa notte, senza stelle; mentre nevischia, e il tempo, rompe le scatole; penso a te, penso a te, dovunque tu sia; e ti voglio bene, come la prima volta; l'amore è eterno, a volte lo è; e và, aldilà, del tempo, e dello spazio. ...
Scritto nel 2013
On line da: venerdì 20 dicembre 2013
Stato: 1 Cod: 7770 - Tipo: p

Ninna nanna, ninna nanna, ninna nanna figlio mio. Ninna nanna, ninna nanna, ninna nanna per te ed io. Dormi, dormi, figlio mio, dormi, dormi tutta la notte, Dio ti dia la buona sorte. Ninna nanna angioletto di mammina, gesticola amore la tua piccola manina! Sei un tesoro di tutti noi, dormi amore quanto tu vuoi! Ninna nanna... ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 14 maggio 2012
Stato: 1 Cod: 5901 - Tipo: p

La solitudine quando è infinita toglie la vita blocca i sensi distrugge gli istanti... confonde i pensieri ti fa vivere nel ricordo di ieri nono vedi il domani e il nulla è fra le tue mani. La solitudine è come un triste tormento che ti accompagna in ogni momento. È un pensiero confuso... uno sguardo frettoloso in mezzo alla gente ti senti ancora più solo... Vorresti solo s ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 3 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4209 - Tipo: p

prima un ciclone adesso solo l'aura prima quell'ansietà adesso la tranquillità oggi la distanza ci porta più lontano prima c'era tanto da dire oggi ci mancano le parole non riesco a vivere non riesco a sostenere una vita così vuota che non si può capire che non c'è senso non posso far crescere quello che non conosco non posso far finta che niente è successo che sono la stessa ...
Scritto nel 2009
On line da: domenica 8 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2673 - Tipo: p

La prima volta che ti ho vista eri ancora una bambina mi sembra fosse quasi ieri, dolce bella biondina, che passeggiavi sola lungo quel selciato e, stranamente accanto a me ti ho immaginato. Come d' incanto il lampo illumina la fredda notte, così, dentro di me,d'improvviso il cuore batté forte, senza riuscire a spiegare il motivo di quell' ansia, mi sono avvicinato dolcemente a quella fant ...
Scritto nel 2003
On line da: venerdì 2 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2203 - Tipo: p

solitudine che si allunga come strade verso l'orizzonte, è come l'azzurro del cielo che si scurisce prima di diventare buio, solitudine su cui transitano sensazioni che si aprono come un panorama. ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4880 - Tipo: p

Cumme s'ha passeno 'e figlie 'e rimane sulo 'o Pataterno ho pote sapé. Si faranno buon uso r'e' ccose 'nventate, camparranno sennz'ombra alcuna meglie 'e ll'ate. Nuje ca' simm'asciute ra 'na guerra senza pietà, quanno se magnava appetito cu' 'a famma. Mo' ca' teneno ogne forma 'e ricchezze, pare ca stessero ammiezz'a munnezza.. Guardate arreta pe' sturià 'e guaje fernu ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 6 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6742 - Tipo: p

Si scontra la realtà con le parole che cadono sul suolo ormai svuotate di senso, come sabbia sfarinata, ma sembrano castelli sotto al sole. Le stelle, ad una ad una vanno a fondo e in lontananza pare scintillare il fiato della luna sopra a un mare che scivola gli scogli a cui m'arrendo. Riprendo i versi stesi sul cuscino di un'altra notte spesa fra il rumore dei battiti dolenti, del ...
Scritto nel 2013
On line da: lunedì 15 aprile 2013
Stato: 1 Cod: 7413 - Tipo: p

Il fato li ha mirati, la ventura li ha abbandonati il sentiero della vita li ha provati e un lungo innocente silenzio li ha spenti ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 18 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 992 - Tipo: p

Può il vento delle parole amorevoli incidere o scalfire muri di granito? Eppure col suo mantice soffia e nel tempo con carezze modella il crinale selvaggio che lo respinge, da sporgenze informi e senza volto vi ritaglia, a volte, fisionomie divine. Io non so che essere vento vento che parla all'unisono umano che scava dentro chi non intende onda d'aria che increspa e infrange lo specch ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 12 luglio 2010
Stato: 1 Cod: 4348 - Tipo: p

Sarò per te acqua che scorre sul tuo corpo... in un giorno afoso... e come carezza del vento mi fermerò sul tuo viso... Ad occhi chiusi dipingerò il tuo viso... sarò la tua pittrice e scivolerò con la mie mani a plasmare la tua pelle... Sarò per te musa nella tua notte... ispirazione che arderà dentro te... come fiamma sempre accesa... e farò nascere in te i più caldi pensieri... Sarò ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 13 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2291 - Tipo: p

Luccichio... un riflesso induce a guardare la vetta silenziosa innevata Balenìo di rosso in movimento raccolgo... indistinto lamento Orme sulla neve di piedi minuti radi passerotti e infreddoliti Gelido soffia e sferza il vento cade neve dai rami in tormento Rosso di un qualcosa torna apparire aguzzo ben la vista per riuscire Note... una nenia dolce incantata scherzo della ne ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 19 aprile 2008
Stato: 1 Cod: 1104 - Tipo: p

M'immergo in cristalli trasparenti e fluttuo, dimentica di respiro, leggera come alga, mi aggiro ad occhi spalancati per catturare segnali palpitanti misteri nell'abisso sgombro di voci.. poi accompagnata da bolle attratte di sole riaffioro cullandomi di onde spumose e pian piano, aspirando la brezza dorata, perlata di sinuose gocce, avanzo al tuo sguardo e ti bacio per inebri ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 24 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1382 - Tipo: p

Sembrava nero ma era bianco. Il mite passerotto svelava tempra di cacciatore rapace. Il sole splendeva coperto da nuvole macchiate di crepuscolo. Il sorriso candido di quella creatura era ghigno di vecchia meretrice. Ti giurava amore eterno. Perversione di un animo che finge di non capire; si pone delle domande; sa già le risposte; Predica l'amore per il bene e, stupendamente ...
Scritto nel 2004
On line da: lunedì 22 agosto 2016
Stato: 1 Cod: 8414 - Tipo: p

Di lontano... Timidi bagliori tremano... danzando nell'oscurità. Tre fiammiferi... soltanto Ora il primo Per strappare alle tenebre... L'unicità del tuo viso. Ecco il secondo Per immergermi all'infinito... Nella cristallinea luce dei tuoi occhi. Infine l'ultimo Per cercare ardentemente... Il calore delle tue labbra. Poi Tutto il buio... A ricordarmi queste cose... Mentre ti string ...
Scritto nel 1998
On line da: mercoledì 25 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2758 - Tipo: p

Ti afferro e nell'azione urti contro la mia solidità invisibile contro ciò che è Altro da te Ti metto sottosopra ti scompiglio ti turbo ma ti rinnovo Ti obbligo a riconoscere il tuo limite Nella contaminazione dell'incontro si dissolve l'ideale lasciando il posto a ciò che fa di noi due esseri reali ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 28 giugno 2014
Stato: 1 Cod: 7900 - Tipo: p

Scivolo e trottolo dentro il mio sentire, balzo e saltello dentro i miei egoismi. Tutto appare: come un mattino d'estate, una notte di luna, un fuoco d'amore. Un salto nel buio, un fragore assoluto, un vuoto vissuto, un piacere voluto, un'alba lontana, un momento di quiete, un desiderio sfuggito, un silenzio assordante: un salto nel buio. ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 12 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 967 - Tipo: p

Non sia il far della sera a tacere i tuoi vaghi pensieri, ho più volte stuzzicato la tua mente non vedo per ciò motivo alcuno di questo silenzio della sera. Quando ti ho sgridato, ti ho ubriacato di ricordi, ti ho ridato gli anni trascorsi, cos'altro potevo fare per scuoterti? Non accettare che il buio sceso ormai in terra nasconda il bagliore dei tuoi occhi. Giammai mi capitò d ...
Scritto nel 2007
On line da: venerdì 7 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1856 - Tipo: p

Nungnè farfantaria chistu ma parlari, sicuru sacciu ca nascivu ppi muriri. Sugnu nni stu munnu sulu di passaggiu, nprova je mancu sacciu siddru la supiravu. La morti veni adunzatu senza t'avvisari, miegliu tinirisi pronti ppi lestu ripartiri. Lu ma tabbutu, lignu grezzu naturali, chissa la dimora ppi l'eternu abitari. Lava niura di mungibieddru la balata, nomu je cognumu duranti ca fuvu ...
Scritto nel 2015
On line da: sabato 12 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 4656 - Tipo: p

Siamo spesso portati a non pensare completamente... e ad accusare il tempo perché passando troppo velocemente non ci lascia tutto lo spazio che vorremmo per fare tutto ciò che purtroppo tante volte non riusciamo a fare, o a dire. In realtà però siamo noi che troppe volte non sappiamo aprofittare di esso nel giusto modo e al momento giusto, lasciandoci sfuggire occasioni, sprecando nel nulla situa ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 8 aprile 2011
Stato: 1 Cod: 5099 - Tipo: m

È fermo su di me come pietra... il tuo amore... ma non mi pesa... mi avvolge e mi da calore anche se non così, troppo... rimani a me sempre vicino... potrò cullarti e amarti teneramente come un bambino. Possiedimi... ma con dolcezza, sii sempre rispettoso... fa che il nostro amore non sia mai violento ne doloroso dovremmo essere pazienti quando giungeranno le tempeste... potranno anche e ...
Scritto nel 2010
On line da: venerdì 6 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 4427 - Tipo: p

Acquerello di colori dove poesis sgorga tra meriggi assolati e crepuscoli rosati, dove poesia rinasce per quelle albe lucenti: ove i primi raggi s'accendono carezzando girasoli. Luna che gioca con sentinelle di cipressi, querce che abbracciano il sonno e canti. Terra antica: dove la storia rivive fra ulivi e viti e remoti casolari, per vecchi castelli, per colline acerbe e sod ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 15 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2551 - Tipo: p

Dimmi chi sei che nei miei sogni sempre appari come un sole messo al centro dell'infinito e come neanche il sole può fare, i miei pensieri bruci dentro l'abisso di uno sconfinato amore. Dimmi perchè quegli occhi tuoi sfuggenti mi fissano negli occhi in brevi istanti le immagini di te, altroché farfalle nell'anima, mi sembri un maremoto che inonda pure il cielo e le sue stelle. ...
Scritto nel 2013
On line da: venerdì 18 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7155 - Tipo: p

Un tavolo con tovaglia immacolata e, sopra, un vasetto di fiori rossi, una musica in sottofondo. Un sorriso cordiale per noi, clienti da anni. Nel tempo è diventato un'occasione in più per i "che cosa facciamo stasera?" e i ricordi si accavallano ...situazioni diverse, amici diversi. Di loro sappiamo poco, oltre al nome incomprensibile: una madre di età indefinibile, un figlio che si muov ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 16 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1909 - Tipo: r

Non una parola a contraddirci, uno sguardo a distrarci, un abbraccio a dissuaderci. Solo un lieve tremore a ricoprirci di ritmi forsennati di sacralità ed incanto. Un vento esanime rianimava il tuo sorriso. Ed io andavo, lentamente, inseguendo solo un'ombra (l'ombra del tuo respiro...) ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 26 gennaio 2012
Stato: 1 Cod: 5677 - Tipo: p

Questua quotidiana le mie prigioni chiuso in una stanza. Abbaglio di errori destini sbaglio di extra passioni cumula malattia in un corpo che ulula, di una giustizia con paraocchi alla noia si nutre alla mangiatoia di ossa e bugie di verità, pellica per la sua vita. Palla al piede non può nulla per dare gioco e scacco matto al suo destino. Ignobile per malattia epistola di fantas ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 5 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6105 - Tipo: p

Con la tua mano sulla mia ho guidato nella pioggia e la tua voce era la mia ricompensa. Sei la nostalgia di quel sole che così caldo infiammava le giornate estive senza una nube. Eri la musica che avvolgeva nelle strade senza tempo. Sei il profumo inebriante in un giorno privo d'amore. Eri colui che rassicura quando gli occhi erano vuoti di pianto. Sei quello che ho ancora ...
Scritto nel 2005
On line da: venerdì 8 aprile 2011
Stato: 1 Cod: 5101 - Tipo: p

Ti ritrovai in quella oscura via, se pur lontano essa sia. In quel sentiero sinuoso, stanca del tuo camin, ti sei messa a riposo. Io cercavo te! Tu, cercavi me? Nessuno dei due sa dire com'è. Eppure, tu sai bene, perchè io cercavo te, e tu cercavi me! Ogni parola in più, non svela la raggione. Ma noi, sapiamo di sicuro, che ci vogliamo bene. Io sarò per te, tu sarai per me. ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 29 aprile 2012
Stato: 1 Cod: 5870 - Tipo: p

A me? Va tutto bene, non importa. Capisco quanto il tempo costa caro, figurati per chi poi ha il cuore avaro e pure una manciata di secondi ti sembra estorta a prezzo di denaro! Lasciami andare adesso, per favore, sola a guardare il cielo e quelle fole di nuvole azzurrate, fra i castagni che adombrano la vita e il mio respiro sembra rigenerarmi e darmi sogni che vanno opposti a questo ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 24 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6842 - Tipo: p

Un amore che sta per finire è come foglia che cade a morire. Il vento la gira. l'invola.la posa poi pian piano appassisce. e la terra la sposa! Un amore che sta per finire è un qualcosa di strano a capire è un'alba che s'alza e sfiorisce, è un tramonto che cala e sparisce!! ...
Scritto nel 1999
On line da: mercoledì 30 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 808 - Tipo: p

Sarebbe stato semplice mostrarti dove quel sole bagna le colline col suo respiro e poi con gli occhi aperti verso la luce attraversare il nero sentiero della notte e sostenerci l'un l'altra dentro i passi troppo incerti. Sarebbe stato facile riempire i battiti del tempo coi silenzi, parlarci solamente con gli sguardi di sogni, di ricordi, di anni verdi, sarebbe stato semplice capire ...
Scritto nel 2013
On line da: sabato 5 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7076 - Tipo: p

Ci sono state mille parole, pronte lì per te, che volevo pronunciare come amore, tesoro della mamma. C'erano già le prime foto scattate per noi. Già poggiate sulle mensole. Avevo conservato ogni mia risorsa e avevo riposato attendendo che crescessi e trovassi posto nel mondo. Avevo troppo da offrirti, tutto ciò che la vita mi ha negato. Un amore sconfinato che con l'energia di un evento naturale ...
Scritto nel 2006
On line da: martedì 5 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1241 - Tipo: r

Cammina con lo sguardo alto e fiero dì la tua in ogni piccolo contesto, indignati verso la meschinità dell'uomo fai sentire la tua voce anche sbagliando, varrà il confronto o lo scontro. Insegna ai tuoi figli che l'indifferenza è morte impregna di sudore la tua fronte come gocce di rugiada segnerà la vita e sorriderai con l'umiltà della gioia che irradia il tuo cuore. E i tuoi occhi ...
Scritto nel 2002
On line da: giovedì 7 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1489 - Tipo: p

L'errore fu pensare D'essere somiglianti E immagine di Dio! È vero che fu scritto Per celeste intuizione Ma fu pur sempre umana La mano che lo scrisse! E sotto questo cielo Continuiamo a subire In attesa che arrivi L'Alba di Verità! ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 3 agosto 2009
Stato: 1 Cod: 3401 - Tipo: p

Donare o ricevere un sorriso dal tuo o dall'altrui viso che non sia di convenienza... ma vero spontaneo... d'amicizia o d'amore sincero dona felicità all'anima e al cuore è un segno tangibile d'affetto e d'amore e anche se all'improvviso può apparire un sorriso qualcosa sa sempre dire porta ricchezza a chi lo riceve che sia una risata allegra e travolgente o un sorriso lieve senza che c ...
Scritto nel 2016
On line da: domenica 20 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 8312 - Tipo: p

Luce che riverberi e mi guidi nel buio chiaro che incombe dimmi se oltre l'oggi più s'oscura e tremendo un acuto terrore sorge come sopporterò la greve sorte? Non ho tue notizie da giorni il cuore sbandato trema e presagi congettura mia tenerezza di sempre. Che ti è accaduto, dove sei che forza ostile alla vita ti assenta e di presenze mi priva? Preludio al peggio forse parla a vanver ...
Scritto nel 2018
On line da: mercoledì 28 marzo 2018
Stato: 1 Cod: 8795 - Tipo: p

Altra sconfitta è il guardarsi davanti la propria nudità d'un amore finito. Scoprendolo alfine languente, minuto dopo minuto, nella realtà più insulsa; poi che le spente lusinghe han cessato d'illudere, e d'illuderti. E niente potrà mai più ravvivare la passione, se la passione è morta, se il sentimento giace senza palpiti. ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 18 febbraio 2013
Stato: 1 Cod: 7328 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

O patria mia, vedo le mura e gli archi e le colonne e i simulacri e l'erme torri degli avi nostri, ma la gloria non vedo, non vedo il lauro e il ferro ond'eran carchi i nostri padri antichi. Or fatta inerme, nuda la fronte e nudo il petto mostri. Oimè quante ferite, che lividor, che sangue! oh qual ti veggio, formosissima donna! Io chiedo al cielo e al mondo: dite dite; chi la ridusse ...
Scritto nel 1818
On line da: venerdì 4 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8568 - Tipo: p

Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo Sole piacesti sí, che 'n te Sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole: ma non so 'ncominciar senza tu' aita, et di Colui ch'amando in te si pose. Invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede: Vergine, s'a mercede miseria extrema de l'humane cose già mai ti volse, al mio prego t'inchina, soccorri a la ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8567 - Tipo: p

'Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore; fecemi la divina podestate, la somma sapienza e 'l primo amore. Dinanzi a me non fuor cose create se non etterne, e io etterno duro. Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate'. Queste parole di colore oscuro vid' io scritte al sommo d'una porta; ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8572 - Tipo: p

Madre de' Santi, immagine Della città superna, Del sangue incorruttibile Conservatrice eterna; Tu che, da tanti secoli, Soffri, combatti e preghi, Che le tue tende spieghi Dall'uno all'altro mar; Campo di quei che sperano; Chiesa del Dio vivente, Dov'eri mai? qual angolo Ti raccogliea nascente, Quando il tuo Re, dai perfidi Tratto a morir sul colle, Imporporò le zolle Del suo subli ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8749 - Tipo: p

Soffermati sull'arida sponda, Vòlti i guardi al varcato Ticino, Tutti assorti nel novo destino, Certi in cor dell'antica virtù, Han giurato: Non fia che quest'onda Scorra più tra due rive straniere; Non fia loco ove sorgan barriere Tra l'Italia e l'Italia, mai più! L'han giurato: altri forti a quel giuro Rispondean da fraterne contrade, Affilando nell'ombra le spade Che or levate sci ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8744 - Tipo: p

È curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto, hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8534 - Tipo: m

L'uomo è quasi sempre tanto malvagio quanto gli bisogna. Se si conduce dirittamente, si può giudicare che la malvagità non gli è necessaria. Ho visto persone di costumi dolcissimi, innocentissimi, commettere azioni delle più atroci, per fuggire qualche danno grave, non evitabile in altra guisa. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8533 - Tipo: m

«Poscia che Costantin l'aquila volse contr' al corso del ciel, ch'ella seguio dietro a l'antico che Lavina tolse, cento e cent' anni e più l'uccel di Dio ne lo stremo d'Europa si ritenne, vicino a' monti de' quai prima uscìo; e sotto l'ombra de le sacre penne governò 'l mondo lì di mano in mano, e, sì cangiando, in su la mia pervenne. Cesare fui e son Iustiniano, che, per voler de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8642 - Tipo: p

È ben altro. Alle prese col destino veglia un ragazzo che con gesti rari fila un suo lungo penso di latino. Il capo ad ora ad ora egli solleva dalla catasta dei vocabolari, come un galletto garrulo che beva. Povero bimbo! di tra i libri via appare il bruno capo tuo, scompare; come d'un rondinotto, quando spia se torna mamma e porta le zanzare. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8510 - Tipo: p

Mon coeur est maintenant ouverte comme une porte. Il vous attend, ma Bien-Aimée: y viendrez-vous? Que vous veniez aujourd'hui ou demain, peu m'importe! Le jour, lointain ou proche, en sera-t-il moins doux? Ce n'est point un vain mal que celui de l'attente! Il conserve nouveau le plus ancien désir. L'inattendu bonheur dont la venue enchante Passe; à peine en a-t-on su goûter le plaisir. ...
Scritto nel 1909
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8684 - Tipo: p

Così discesi del cerchio primaio giù nel secondo, che men loco cinghia e tanto più dolor, che punge a guaio. Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia: essamina le colpe ne l'intrata; giudica e manda secondo ch'avvinghia. Dico che quando l'anima mal nata li vien dinanzi, tutta si confessa; e quel conoscitor de le peccata vede qual loco d'inferno è da essa; cignesi con la coda tante vol ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8574 - Tipo: p

Riviere, bastano pochi stocchi d'erbaspada penduli da un ciglione sul delirio del mare; o due camelie pallide nei giardini deserti, e un eucalipto biondo che si tuffi tra sfrusci e pazzi voli nella luce; ed ecco che in un attimo invisibili fili a me si asserpano, farfalla in una ragna di fremiti d'olivi, di sguardi di girasoli. Dolce cattività, oggi, riviere di chi s'arrende pe ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8897 - Tipo: p

Io vidi già cavalier muover campo, e cominciare stormo e far lor mostra, e talvolta partir per loro scampo; corridor vidi per la terra vostra, o Aretini, e vidi gir gualdane, fedir torneamenti e correr giostra; quando con trombe, e quando con campane, con tamburi e con cenni di castella, e con cose nostrali e con istrane; né già con sì diversa cennamella cavalier vidi muover né pe ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8591 - Tipo: p

Settembre, chiare fresche e dolci l'acque ove il tuo delicato viso miri; e dolce m'è nella memoria il mio natale Aterno in letto d'erbe lente, e l'Amaseno quando muor domato presso l'Appia col fratel suo l'Uffente, e la Cyane ascosa tra i papíri, e la Vella sì cara alla vitalba. E pien di deità dai colli d'Alba lo specchio di Diana ancor mi luce. Ma un'altr'acqua al mio sogno è più d ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8714 - Tipo: p

E cielo e terra si mostrò qual era: la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, tragico, disfatto: bianca bianca nel tacito tumulto una casa apparì sparì d'un tratto; come un occhio, che, largo, esterrefatto, s'aprì si chiuse, nella notte nera. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8509 - Tipo: p

Se mai più che d'Euterpe il furor santo, E d'Erato il sospiro, o dolce madre, L'amaro ghigno di Talia mi piacque, Non è consiglio di maligno petto. Né del mio secol sozzo io già vorrei Rimescolar la fetida belletta, Se un raggio in terra di virtù vedessi, Cui sacrar la mia rima. A te sovente Così diss'io: ma poi che sospirando, Come si fa di cosa amata e tolta, Narrar t'udia di che virt ...
Scritto nel 1806
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8730 - Tipo: p

Benigna volontade in che si liqua sempre l'amor che drittamente spira, come cupidità fa ne la iniqua, silenzio puose a quella dolce lira, e fece quietar le sante corde che la destra del cielo allenta e tira. Come saranno a' giusti preghi sorde quelle sustanze che, per darmi voglia ch'io le pregassi, a tacer fur concorde? Bene è che sanza termine si doglia chi, per amor di cosa che ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8651 - Tipo: p

La donzelletta vien dalla campagna, in sul calar del sole, col suo fascio dell'erba; e reca in mano un mazzolin di rose e di viole, onde, siccome suole, ornare ella si appresta dimani, al dì di festa, il petto e il crine. Siede con le vicine su la scala a filar la vecchierella, incontro là dove si perde il giorno; e novellando vien del suo buon tempo, quando ai dì della fest ...
Scritto nel 1829
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8497 - Tipo: p

Fiamma dal ciel su le tue treccie piova, malvagia, che dal fiume et da le ghiande per l'altrui impoverir se' ricca et grande, poi che di mal oprar tanto ti giova; nido di tradimenti, in cui si cova quanto mal per lo mondo oggi si spande, de vin serva, di lecti et di vivande, in cui Luxuria fa l'ultima prova. Per le camere tue fanciulle et vecchi vanno trescando, et Belzebub in mezzo ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8553 - Tipo: p

Perché, Pagani, de l'assente amico Non immemore vivi, il ciel ti serbi Sano e celibe sempre: or breve al tuo Di me benigno interrogar rispondo. Valido è il corpo in prima, e tal che l'opra Non chiegga di Galen; men sano alquanto Il frammento di Giove; e non è rado Che a purgar quei due morbi, ira ed amore, O la smania d'onor mi giovin l'erbe De l'orto Epicureo. Che se mi chiedi A che l' ...
Scritto nel 1804
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8734 - Tipo: p

Era già l'ora che volge il disio ai navicanti e 'ntenerisce il core lo dì c'han detto ai dolci amici addio; e che lo novo peregrin d'amore punge, se ode squilla di lontano che paia il giorno pianger che si more; quand' io incominciai a render vano l'udire e a mirare una de l'alme surta, che l'ascoltar chiedea con mano. Ella giunse e levò ambo le palme, ficcando li occhi verso l'or ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8611 - Tipo: p

Rombando s'ingolfava dentro l'arcuata ripa un mare pulsante, sbarrato da solchi, cresputo e fioccoso di spume. Di contro alla foce d’un torrente che straboccava il flutto ingialliva. Giravano al largo i grovigli dell’alighe e tronchi d’alberi alla deriva. Nella conca ospitale della spiaggia non erano che poche case di annosi mattoni, scarlatte, e scarse capellature di tamerici pal ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8896 - Tipo: p

È risorto: or come a morte La sua preda fu ritolta? Come ha vinto l'atre porte, Come è salvo un'altra volta Quei che giacque in forza altrui? Io lo giuro per Colui Che da' morti il suscitò. È risorto: il capo santo Più non posa nel sudario; È risorto: dall'un canto Dell'avello solitario Sta il coperchio rovesciato: Come un forte inebbriato Il Signor si risvegliò. Come a mezzo del ca ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8745 - Tipo: p

L'Alpe di Mommio un pallido velame d'ulivi effonde al cielo di giacinto, come un colle dell'isola di Same o di Zacinto. Il Monte Magno di più cupo argento fascia la sua piramide; il Matanna è porpora e viola come il lento fior della canna. O canneti lungh'essi i fiumicelli di Camaiore, appreso ho il vostro carme. Vedess'io rosseggiare gli albatrelli sul Monte Darme! Dal Capo Cor ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8719 - Tipo: p

Capel bruno: alta fronte; occhio loquace: Naso non grande e non soverchio umile: Tonda la gota e di color vivace: Stretto labbro e vermiglio: e bocca esile: Lingua or spedita or tarda, e non mai vile, Che il ver favella apertamente, o tace. Giovin d'anni e di senno; non audace: Duro di modi, ma di cor gentile. La gloria amo e le selve e il biondo iddio: Spregio, non odio mai: m'attri ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8723 - Tipo: p

La sottise, l'erreur, le péché, la lésine, Occupent nos esprits et travaillent nos corps, Et nous alimentons nos aimables remords, Comme les mendiants nourrissent leur vermine. Nos péchés sont têtus, nos repentirs sont lâches ; Nous nous faisons payer grassement nos aveux, Et nous rentrons gaiement dans le chemin bourbeux, Croyant par de vils pleurs laver toutes nos taches. Sur l'or ...
Scritto nel 1855
On line da: venerdì 3 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8678 - Tipo: p

O Simon mago, o miseri seguaci che le cose di Dio, che di bontate deon essere spose, e voi rapaci per oro e per argento avolterate, or convien che per voi suoni la tromba, però che ne la terza bolgia state. Già eravamo, a la seguente tomba, montati de lo scoglio in quella parte ch'a punto sovra mezzo 'l fosso piomba. O somma sapienza, quanta è l'arte che mostri in cielo, in terra ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8588 - Tipo: p

La très chère était nue, et, connaissant mon coeur, Elle n'avait gardé que ses bijoux sonores, Dont le riche attirail lui donnait l'air vainqueur Qu'ont dans leurs jours heureux les esclaves des Mores. Quand il jette en dansant son bruit vif et moqueur, Ce monde rayonnant de métal et de pierre Me ravit en extase, et j'aime à la fureur Les choses où le son se mêle à la lumière. Elle é ...
Scritto nel 1856
On line da: mercoledì 12 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8701 - Tipo: p

«Vexilla regis prodeunt inferni verso di noi; però dinanzi mira», disse 'l maestro mio, «se tu 'l discerni». Come quando una grossa nebbia spira, o quando l'emisperio nostro annotta, par di lungi un molin che 'l vento gira, veder mi parve un tal dificio allotta; poi per lo vento mi ristrinsi retro al duca mio, ché non lì era altra grotta. Già era, e con paura il metto in metro, là ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8603 - Tipo: p

Così di ponte in ponte, altro parlando che la mia comedìa cantar non cura, venimmo; e tenavamo 'l colmo, quando restammo per veder l'altra fessura di Malebolge e li altri pianti vani; e vidila mirabilmente oscura. Quale ne l'arzanà de' Viniziani bolle l'inverno la tenace pece a rimpalmare i legni lor non sani, ché navicar non ponno - in quella vece chi fa suo legno novo e chi rist ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8590 - Tipo: p

Ora sen va per un secreto calle, tra 'l muro de la terra e li martìri, lo mio maestro, e io dopo le spalle. «O virtù somma, che per li empi giri mi volvi», cominciai, «com' a te piace, parlami, e sodisfammi a' miei disiri. La gente che per li sepolcri giace potrebbesi veder? già son levati tutt' i coperchi, e nessun guardia face». E quelli a me: «Tutti saran serrati quando di Iosa ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8579 - Tipo: p

Per correr miglior acque alza le vele omai la navicella del mio ingegno, che lascia dietro a sé mar sì crudele; e canterò di quel secondo regno dove l'umano spirito si purga e di salire al ciel diventa degno. Ma qui la morta poesì resurga, o sante Muse, poi che vostro sono; e qui Caliopè alquanto surga, seguitando il mio canto con quel suono di cui le Piche misere sentiro lo colp ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8604 - Tipo: p

Dal centro al cerchio, e sì dal cerchio al centro movesi l'acqua in un ritondo vaso, secondo ch'è percosso fuori o dentro: ne la mia mente fé sùbito caso questo ch'io dico, sì come si tacque la gloriosa vita di Tommaso, per la similitudine che nacque del suo parlare e di quel di Beatrice, a cui sì cominciar, dopo lui, piacque: «A costui fa mestieri, e nol vi dice né con la voce né ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8650 - Tipo: p

In quella parte del giovanetto anno che 'l sole i crin sotto l'Aquario tempra e già le notti al mezzo dì sen vanno, quando la brina in su la terra assempra l'imagine di sua sorella bianca, ma poco dura a la sua penna tempra, lo villanello a cui la roba manca, si leva, e guarda, e vede la campagna biancheggiar tutta; ond' ei si batte l'anca, ritorna in casa, e qua e là si lagna, co ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8593 - Tipo: p

Posto avea fine al suo ragionamento l'alto dottore, e attento guardava ne la mia vista s'io parea contento; e io, cui nova sete ancor frugava, di fuor tacea, e dentro dicea: 'Forse lo troppo dimandar ch'io fo li grava'. Ma quel padre verace, che s'accorse del timido voler che non s'apriva, parlando, di parlare ardir mi porse. Ond' io: «Maestro, il mio veder s'avviva sì nel tuo lum ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8621 - Tipo: p

Né 'l dir l'andar, né l'andar lui più lento facea, ma ragionando andavam forte, sì come nave pinta da buon vento; e l'ombre, che parean cose rimorte, per le fosse de li occhi ammirazione traean di me, di mio vivere accorte. E io, continüando al mio sermone, dissi: «Ella sen va sù forse più tarda che non farebbe, per altrui cagione. Ma dimmi, se tu sai, dov' è Piccarda; dimmi s'io ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8627 - Tipo: p

Spirto gentil, che quelle membra reggi dentro le qua' peregrinando alberga un signor valoroso, accorto et saggio, poi che se' giunto a l'onorata verga colla qual Roma et i suoi erranti correggi, et la richiami al suo antiquo viaggio, io parlo a te, però ch'altrove un raggio non veggio di vertú, ch'al mondo è spenta, né trovo chi di mal far si vergogni. Che s'aspetti non so, né che s'ago ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8546 - Tipo: p

Altissimu, onnipotente bon Signore, Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione. Ad Te solo, Altissimo, se konfano, et nullu homo ene dignu te mentovare. Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate Sole, lo qual è iorna, et allumeni noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de Te, Altissimo, porta significatione. ...
Scritto nel 1224
On line da: lunedì 7 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8569 - Tipo: p

Poi che la carità del natio loco mi strinse, raunai le fronde sparte e rende'le a colui, ch'era già fioco. Indi venimmo al fine ove si parte lo secondo giron dal terzo, e dove si vede di giustizia orribil arte. A ben manifestar le cose nove, dico che arrivammo ad una landa che dal suo letto ogne pianta rimove. La dolorosa selva l'è ghirlanda intorno, come 'l fosso tristo ad essa; ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8583 - Tipo: p

Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente, et le braccia et le mani et i piedi e 'l viso, che m'avean sí da me stesso diviso, et fatto singular da l'altra gente; le crespe chiome d'òr puro lucente e 'l lampeggiar de l'angelico riso, che solean fare in terra un paradiso, poca polvere son, che nulla sente. Et io pur vivo, onde mi doglio et sdegno, rimaso senza 'l lume ch'amai tanto, i ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8561 - Tipo: p

Au-dessus des étangs, au-dessus des vallées, Des montagnes, des bois, des nuages, des mers, Par delà le soleil, par delà les éthers, Par delà les confins des sphères étoilées, Mon esprit, tu te meus avec agilité, Et, comme un bon nageur qui se pâme dans l'onde, Tu sillonnes gaiement l'immensité profonde Avec une indicible et mâle volupté. Envole-toi bien loin de ces miasmes morbides ...
Scritto nel 1856
On line da: domenica 5 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8679 - Tipo: p

Era il giorno ch'al sol si scoloraro per la pietà del suo factore i rai, quando i' fui preso, et non me ne guardai, ché i be' vostr'occhi, donna, mi legaro. Tempo non mi parea da far riparo contra colpi d'Amor: però m'andai secur, senza sospetto; onde i miei guai nel commune dolor s'incominciaro. Trovommi Amor del tutto disarmato et aperta la via per gli occhi al core, che di lagrim ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8537 - Tipo: p

Mentre che li occhi per la fronda verde ficcava io sì come far suole chi dietro a li uccellin sua vita perde, lo più che padre mi dicea: «Figliuole, vienne oramai, ché 'l tempo che n'è imposto più utilmente compartir si vuole». Io volsi 'l viso, e 'l passo non men tosto, appresso i savi, che parlavan sìe, che l'andar mi facean di nullo costo. Ed ecco piangere e cantar s'udìe 'Labi ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8626 - Tipo: p

Cantando come donna innamorata, continüò col fin di sue parole: 'Beati quorum tecta sunt peccata!'. E come ninfe che si givan sole per le salvatiche ombre, disiando qual di veder, qual di fuggir lo sole, allor si mosse contra 'l fiume, andando su per la riva; e io pari di lei, picciol passo con picciol seguitando. Non eran cento tra ' suoi passi e ' miei, quando le ripe igualmente ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8632 - Tipo: p

Quando si parte il gioco de la zara, colui che perde si riman dolente, repetendo le volte, e tristo impara; con l'altro se ne va tutta la gente; qual va dinanzi, e qual di dietro il prende, e qual dallato li si reca a mente; el non s'arresta, e questo e quello intende; a cui porge la man, più non fa pressa; e così da la calca si difende. Tal era io in quella turba spessa, volgendo ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8609 - Tipo: p

Sì come quando i primi raggi vibra là dove il suo fattor lo sangue sparse, cadendo Ibero sotto l'alta Libra, e l'onde in Gange da nona riarse, sì stava il sole; onde 'l giorno sen giva, come l'angel di Dio lieto ci apparse. Fuor de la fiamma stava in su la riva, e cantava 'Beati mundo corde!' in voce assai più che la nostra viva. Poscia «Più non si va, se pria non morde, anime san ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8630 - Tipo: p

Non rifugiarti nell’ombra di quel folto di verzura come il falchetto che strapiomba fulmineo nella caldura. È ora di lasciare il canneto stento che pare s’addorma e di guardare le forme della vita che si sgretola. Ci muoviamo in un pulviscolo madreperlaceo che vibra, in un barbaglio che invischia gli occhi e un poco ci sfibra. Pure, lo senti, nel gioco d’aride onde che impigra in que ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8891 - Tipo: p

Già era in loco onde s'udia 'l rimbombo de l'acqua che cadea ne l'altro giro, simile a quel che l'arnie fanno rombo, quando tre ombre insieme si partiro, correndo, d'una torma che passava sotto la pioggia de l'aspro martiro. Venian ver' noi, e ciascuna gridava: «Sòstati tu ch'a l'abito ne sembri essere alcun di nostra terra prava». Ahimè, che piaghe vidi ne' lor membri, ricenti e ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8585 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...