il nino!
Chiunque tu sia ,
Buona Sera!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Son nato fragile, come senza pelle ed a volte ero di una fragilità così assurda che nessuno la poteva capire bastava un alito di vento un pò più forte del normale a farmi stare male, a farmi soffrire Forse per questo mi piace guardare la realtà della vita come dal di fuori esserne parte per me significava stare male e continuavo a vedere gente che stava molto meglio di me e che invece si ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 20 giugno 2020
Stato: 1 Cod: 8902 - Tipo: p

Duecento milioni di donne infibulate perchè non le si vuole libere d'amare cento milioni di ciechi sanabili che quasi nessuno si preoccupa d'aiutare e da cinquemila anni almeno neanche un minuto senza una guerra è questa la tristissima realtà del pianeta terra... E gente che viene sfruttata senza pietà perchè siam tutti pieni d'egoismo inutile sperare cambi presto la situazione eppure a v ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8899 - Tipo: p

Tu, infelice virus assassino, hai organizzato il tuo cammino, e hai seminato il tuo veleno distrugendo tante anime innocenti di tutto il mondo. Noi, ti sapremo far sparire perchè da solo non sei capace a grogredire. Il nostro veleno è più forte del tuo. Morirai quando mai te lo aspetterai. ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 5 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8889 - Tipo: p

Espressione e specchio dell'anima i tuoi occhi sinceri cercano i miei, mentre il tuo sorriso mi sfiora dentro... i tuoi occhi pieni di noi sanno di me, profumo di nuvole rosa nell'azzurro inseguendo la scia di un aquilone... i tuoi occhi da favola, sospesi tra il senso e l'idea di noi dove tutto è da cogliere, cogliere sul fatto... i tuoi occhi profondi come il mare, dove posso immerger ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 1 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8888 - Tipo: p

Paurosi e silenti momenti tolgono la forza al nostro sorriso. Con un cuore dolente e confuso speriamo di non essere perdenti Purtroppo,la poca forza non aiuta crediamo nel vero aiuto di Dio speriamo che non sia l'ultimo addio che la pace e la salute sia benvenuta Ogni strada deserta, è un cuore vuoto è un fiume che non scorre e si arena l'ultima goccia riposa silente e serena nessun an ...
Scritto nel 2020
On line da: domenica 5 aprile 2020
Stato: 1 Cod: 8886 - Tipo: p

Torna la primavera col mandorlo fiorito la frescura della sera dolcemente ho goduto Tutti i campi sono in fiore con il mare smeraldino c'è spontaneo ogni colore nello spazio del giardino Ogni uccello è contento e nidifica il suo nido del buon tempo io mi fido anche quando vola il vento Sopra l'ombra dei viali splende un sole cocente il suo caldo mai mente e ti salva dei brutt ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 17 marzo 2020
Stato: 1 Cod: 8885 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Gioie e dolori si alternano nella vita immancabilmente. E... Non occorre poi tanto acume per rendersene conto. Seguire quotidianamente l'esempio di Cristo, rivivere continuamente i misteri, pregare in silenzio il Signore, tendere la mano a chi ci chiede l'aiuto. È questo il lievito primo per seguire con le debolezze umane la via della luce che Lui ci ha indicato per nobilitare ...
Scritto nel 2011
On line da: mercoledì 18 maggio 2011
Stato: 1 Cod: 5178 - Tipo: p

Ragni di minime luci arrampicati sulle facciate affrante dei palazzi a far da cornice alla solitudine stanca della strada, che non sembra interessata all'aria di festa natalizia, così come il silenzio non si cura della musica. Pochissime erano le stelle risparmiate dalla voracità delle penzolanti luci cittadine, annoiate, quando tutti le credono felici. Così monocromatico il cielo sembrava più ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 4 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 839 - Tipo: r

In agosto, ormai da molti anni, passo un periodo di vacanza nel mio buen retiro nell'alto mantovano e la sera, poco prima di andare a letto, faccio con mia moglie un salto in un bar – paninoteca di un paesotto sulla Postumia, sito a pochi chilometri da casa mia. Per la verità quel locale è frequentato soprattutto da giovani e giovanissimi e noi, ormai anziani senza alcun dubbio, in quel posto si ...
Scritto nel 2011
On line da: sabato 10 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5404 - Tipo: r

Strappi di storia incanto e oppio a portata di tutti io che la notte guardo la strada dal vetro della stanza vedo donne sguaiatamente ridere tra gomme in fiamme io che parlo al mio cervello e mi rispondo sento il mio cuore che batte quando il silenzio mi uccide. Cammino solitario intorno al letto mentre sfrego le mani. Se fossi un pazzo? Sarei in ospedale no? Ma so ...
Scritto nel 1998
On line da: sabato 4 aprile 2009
Stato: 1 Cod: 2832 - Tipo: p

La luna non fa parte del mio sogno così è affogata sotto il temporale col campanile, i fogli ed il disegno di quel progetto che è finito male. E non ci penso più, non mi sa dare null'altro che un fola di parole, un battito di ciglia e stilla il mare ma non ha voli o palpiti d'aurore. E non ci penso più, l'ho rovesciato nel tritatutto che rimpasta e gira la faccia della luna e con un ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 11 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6771 - Tipo: p

Sono stata la tua amica tua compagna di giochi. Ti ho insegnato a nuotare e a credere nelle tue forze. Sei stata la mia bambina per una breve estate. Ed ora ti ricordo in ogni tua semplice risata in ogni tua piccola scoperta in ogni tuo capriccio in ogni tuo abbraccio. Mi chiamavi dalla terrazza ed insieme voltavamo i visi verso il mare. Insieme nella medesima g ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 15 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1643 - Tipo: p

Come può una sola parola "ti amo" esprimere quello che provo per te! Mi basterebbe un tuo bacio per poter volare un tuo sguardo per poter sognare il tuo amore per poter vivere. ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 6 febbraio 2012
Stato: 1 Cod: 5690 - Tipo: p

Pace nel cuore.... Pace nell'anima... Ricordo di te, amor mio, sempre presente Anima dolce, vita del mio cuore Mi manchi...mi manchi, ogni giorno di più. Vola il tempo, fuggono i giorni, ma l'animo mio, torna sempre a quel giorno a quegli attimi eterni.... A te che mi lasciavi... Sola!!! Destino crudele, che ha voluto Ch'io provassi dolore.... Per riuscire meglio ad amare? Per ...
Scritto nel 2013
On line da: lunedì 21 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7186 - Tipo: p

Guardo il tramonto che tutto involve tra le onde di quel mar che il sole accoglie. Ogni pensiero si perde e si confonde nell'immenso, mentre muta guinge la notte. E noi, anime vaganti, dentro corpi prigionieri, costruiamo le certezze di domani vivendo i dubbi di oggi sulle ceneri di ieri ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 22 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 760 - Tipo: p

Com'è dolce il mio cammino nell'attesa del venturo giorno presto giunge e di lui m'avvolgo sole d'estate al suo ritorno dietro un sipario color di cielo che d'azzurro s'apre al suo mattino. Solo a lei è dedicato il pensiero in me rinato che per lui più nulla è futuro come passato o come d'ora sarò assente ritrovando soltanto me in compagnia del mio presente. E dal mattin ...
Scritto nel 2018
On line da: mercoledì 9 maggio 2018
Stato: 1 Cod: 8799 - Tipo: p

Mi scarabocchio in due righe a riconoscermi per l'intero giorno nel tragitto d'andata. Come in rewind poggio il tacco... già, arrivata al primo lamento. Oh! I don't play! ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 7 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4870 - Tipo: p

Amore! Sento che sei vicino a me, ma... non ti vedo e non odo la tua voce. Abbracciami forte, ma... non sento le tue braccia che mi stringono. Baciami come sai tu, ma... non sento le tue labbra che mi sfiorano. Amore,so che sei lontano, ma queste mie sensazioni mi aiutano a vivere, e a sperare che presto tu sarai di nuovo accanto a me. ...
Scritto nel 1999
On line da: venerdì 26 novembre 2010
Stato: 1 Cod: 4779 - Tipo: p

Giovane e forte nel fiore dell'età più bella per lavorare, io sono un essere umano, dimenticato! Mi chiedi, perché colloquio con te ooh Dio io ti cerco per un aiuto, per morire tranquillo. Dimmi, se io rompo scusami... ma non so più per il troppo dolore a quale santo rivolgermi per razzolar i miei guai ho consumato anche i nomi dei beati del calendario. Con la vita mia stò peggio dal tempo stufo ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 27 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 7022 - Tipo: r

Dimmi dove sei padre dove ti sei cacciato: voleranno ancora per sempre le tue bandiere arcobaleno come aquiloni d'infanzia ma legati a mani di pietra correranno nel vento con un fiato d'aria con un tuo respiro animate da un cuore senza tempo quanto forte non importa ma degno di te col nome di tuo figlio. ...
Scritto nel 1990
On line da: sabato 14 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2706 - Tipo: p

Scende mesta, la sera, il sole và a chetarsi, dietro le nubi, fa freddo, la luce scema, è ancora un po' inverno, ma ho visto una formichina, la primavera non è lontana, non tanto, arriverà, arriverà, domani. ...
Scritto nel 2013
On line da: sabato 9 febbraio 2013
Stato: 1 Cod: 6340 - Tipo: p

Il mio giaciglio è un sogno fra il respiro del mare e il rosa pallido del cielo d'aurora, il vento della primavera tra le alghe verdi e un soffio di ricordi. È il fuoco di un camino profumato di caldarroste, il fiato del mio amato amante, un fiore acerbo sul quadrante del tempo senza metro, senza stampo. È il nido in braccio ai rami del roseto in cui riecheggia il pigolio veemente d ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 12 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6775 - Tipo: p

Un giorno d'estate, la luce di cose passate... mi perdo nel tempo, ricordo il ricordo del vento e sento gridare qualcosa nel cielo è un fischio più freddo del gelo che scappa, che fugge, che crea e poi distrugge, quel giorno è lontano ricordo soffuso, speciale e strano. Un altro anno è passato, quel giorno nei giorni andrà perduto, ma io lo scrivo, lo fisso non può più scappare, n ...
Scritto nel 2006
On line da: sabato 24 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1256 - Tipo: p

Quante volte ancora il viso pallido del drogato troverà afflizione nelle carceri d'oro, e quante volte ancora udiremo parole che sentenziano morte? Dolce rugiada scendi sulle spalle e sull'attonita Esistenza di me che non ho Esistenza, come fai con l'inviolato canto dell'onesto cittadino che fra i polveroni di noi illusi non trova ristoro e si sconforta della figura di padre. Sono fi ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 16 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4270 - Tipo: p

Picchia di brutto il sole giù in pianura, persino le ombre sembrano assetate di pioggia settembrina, di folate di fresco bosco a scrosci di cascate. E scorre intanto il fiume dei pensieri laddove tu sei il monte, la sorgente, l'abisso in cui il riflesso delle notti stellate rende l'acqua più lucente. L'arpa del vento suona e non so quale malinconia mi smuove dentro e sento che soffi ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 8 agosto 2012
Stato: 1 Cod: 6248 - Tipo: p

Pazzo di sera cerco la notte con del sonno chimico per riposare... Non basta accidenti d'un Parkinson se perdo colpi non più posso contrastare il tuo antico dolore. Fammi sognare della felicità con sorriso, Signore! L'un per l'altro anima con il corpo nel tremore mal d'amore comprendono e, non sò se piangere o ridere nel mio malore. Dimmi! Indicami il paradiso dov'è la via dei santi, sì! Quell ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 29 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6694 - Tipo: p

Alta è la notte, profonda è la calma dorme il mondo e con esso si placa la tempesta che agita il mio cuore. Io balzo dal letto e osservo le deserte e scintillanti stelle travolte dalle nubi che il vento squarcia. Oh stelle lucenti! Anche voi un giorno finirete di brillare e allor a chi volgerò il mio sguardo. Al vostro chiaror la mia mente ricorda istanti felici, ormai perdu ...
Scritto nel 2006
On line da: venerdì 29 giugno 2007
Stato: 1 Cod: 108 - Tipo: p

Io, , ormai abbastanza vecchio di muscoli e di idee, bevo ancora "acqua del fiume della notte" e s'allarga, fino a tracimare, l'onda della fantasia, ma poi, ritorna, e "pitta" di sapori antichi più di me l'attesa dell'alba e di un altro tramonto; e in questo mare di stupide impressioni, vagano boe dal volto di donna e coralli infinitesimi di stelle! ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 11 aprile 2009
Stato: 1 Cod: 2882 - Tipo: p

Tante scuse, signori morti. Sapete, sono di quella scuola di Ragusa, classe terza, media inferiore... forse la conoscete dai giornali, per una faccenda di suicidi adolescenti, tutti figli d'un Dio minore. Io, Marco Rubino, sono il terzo caso in pochi mesi. Non ebbero pietà i miei compagni neanche quand'ero ormai sfinito, a nervi stesi. A voi non chiedo che il posto più modesto, il pi ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 3 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1289 - Tipo: p

In virtù del mio senno pensante, mai posai gli occhi sul luccichio del tesoro antistante, lo sguardo dritto davanti la via seguivo, nel sentiero di vita, segnato dal destino e dal supremo Dio. La sua grazia mi abbonda e sovrabbonda, invidia e gelosia l'anima mia giammai circonda, il luccichio dei tesori altrui, irradiano gioia continua, negli occhi miei. La lingua nel mio guscio, ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 10 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2532 - Tipo: p

Per arrivare c'è sempre un tempo... ma per andar...via c'è sempre tempo. ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 4 maggio 2010
Stato: 1 Cod: 4110 - Tipo: m

Mi lasci solo, mi lasci qui, ti giri e te ne vai; e tanti saluti; mi lasci qui, ed io ero qui per te, per te, m a tu non lo capisci, non ci arrivi, sai solo pensare al tuo divertimento; mi lasci qui, ti giri e vai; sei viva, e vivi la tua giovinezza, senza curarti di nessuno; mi lasci qui. ...
Scritto nel 2014
On line da: giovedì 19 febbraio 2015
Stato: 1 Cod: 8007 - Tipo: p

Cara zia Valentina priva di quel coraggio sono stata ed è così che ti ho preferita serbando in me il ricordo di quand'eri in vita non in questo tuo ultimo tempo quando su di te soffiava quel terribile vento quando la padrona della vita... l'agognata morte immobile sulla tua soglia aveva già deciso la tua sorte non ho voluto vederti con quel non più... quello stare immobile lì ed ho prefer ...
Scritto nel 2014
On line da: lunedì 11 agosto 2014
Stato: 1 Cod: 6650 - Tipo: p

Gli occhi bassi e fuggenti, parole dette ma tu non senti, ormai il cuore è in una sola direzione, lontano, in senso opposto, alla mia passione. Ti vedo ancora come ieri, quando le emozioni coprivano i pensieri, e il desiderio di stare insieme era sempre forte, e niente ci faceva paura, nemmeno la morte! Ma sono ormai solo ricordi, la realtà è una sola: ti ho persa, e c'è già chi ti ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 1 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1813 - Tipo: p

Vi saluto anch'io e solo me ne vò per la città a cercà qualcuno che mi porti via da qua da stà alluvione da stà stazione verso il mare verde su una spiaggia deserta solo con anime buone e un ombrellone... ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 3 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4208 - Tipo: p

Come un coraggio che non ha mai paura, tu mi hai descritto tutta la mia vita futura, mi hai insegnato la pazienza nella ribellione, e anche il muso duro da mostrare a ogni padrone, senza davanti a lui scappellarsi mai, tu ed io figli di operai. Il sangue tuo ha invaso tutte le mie vene, e mi ha liberato sempre da tutte le catene, se io non fossi stato mai tuo figlio, ti avrei cercato ...
Scritto nel 2016
On line da: martedì 28 febbraio 2017
Stato: 1 Cod: 8486 - Tipo: p

Linee, colori, forme. Lo spirito che dorme, Rosaspina incantata, rompe il guscio robusto della mono-tonia. Chiamatela "mania". Fondendo i blu coi verdi, i gialli con i rossi, salta, ridendo, i fossi, la mia malinconia. ...
Scritto nel 2006
On line da: martedì 22 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 759 - Tipo: p

Di notte dorme la luna galoppano bigie nuvole verso luoghi stranieri. Riposa anche il mio amore. Un soffice manto ricopre il tempo silenzioso il vento non bussa alla finestra. Nel ripostiglio ormai in disuso chiudo il mio spirito. Tenebre sempre più tenebre assente è la luce scorgo uno spiraglio lì m'aggrappo nulla ho nelle mani da portare a Colui che vita m'ha donato. Chi ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 7 maggio 2016
Stato: 1 Cod: 8348 - Tipo: p

Hanno un sapore diverso le lacrime d'amanti... Profumano la notte, scorrono lente ad avvolger umidi gli sguardi... Di malinconia vestono i giorni... Su gocce di vita scritto hanno i sogni scavati nell'anima con ferite del cuore... ...
Scritto nel 2011
On line da: mercoledì 9 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5016 - Tipo: p

È scesa col respiro della notte sui monti circostanti e adesso il mare rifulge il lucentissimo bagliore su cui il pensiero sembra scivolare. È polvere di sogni evaporati da lacrime cadute in fondo al buio fondale silenzioso in cui si è fuso il denso succo del mio calamaio. È sabbia di momenti sbriciolati dal vento che ha scavato il mio respiro di notte, giorno, istanti stesi a strat ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 1 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6711 - Tipo: p

Il poeta ha il suo amore che si posa sul petto... occhi di cielo pelle di velluto tienimi con te sul tuo cuore muto. ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 21 luglio 2009
Stato: 1 Cod: 3327 - Tipo: p

La mia giovinezza a vele spiegate attende il vento... Impaziente di aprire scrigni che a nulla mi porteranno ho dato sogni da plasmare ho visto onde e ali sul mare... Ma verrà per me il tempo del riposo e ciò che ho dato resterà per me un ricordo. Ho compreso che: La vita è tenebra se non vi è il sogno ed ogni sogno si spegne se non è desiderato. Nel mio deserto di incomprensioni l'ad ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 5 ottobre 2011
Stato: 1 Cod: 5445 - Tipo: p

Un ciclo si apre, uno si chiude. Un mare di sabbia, ed al centro Lui che naviga senza una meta, un sogno. Fa poesie-naufragio che getta lì in mezzo. S.O.S. senza speranze, senza pretese. Tutto per gusto. Truffa la malinconia ignorandola, lui che ne è immerso, assorbito, come se tutto non fosse altro che un'immensa palude; e noi, rettili votati a sguazzarvi, finché un dolo ...
Scritto nel 1986
On line da: martedì 30 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 2182 - Tipo: p

C'è un tempo per pensare ma anche uno per annullarci e lasciarci andare abbiamo un tempo per imprecare e uno per imparare a pregare ci viene dato un tempo per ridere in questo nostro vivere poi purtroppo anche uno per piangere abbiamo anche un tempo in cui possiamo pungere ci prendiamo un tempo per accarezzare ma anche uno per... di brutto graffiare abbiamo tutti un tempo in cui poter ...
Scritto nel 2016
On line da: domenica 28 agosto 2016
Stato: 1 Cod: 8420 - Tipo: p

Apro le mie mani sciolgo i ricordi e fioriscono nuovi i miei pensieri... Cogliere nel tuo sguardo calde sensazioni e in esse assaporo ogni attimo senza il passato accanto... Seguo il tuo profilo accarezzando la tua pelle mentre il desiderio cresce in me di te... E poi stringerti al mio cuore... respiro su respiro... poesia di quei momenti magia del tuo volermi... Apro ora il mio c ...
Scritto nel 2009
On line da: domenica 3 maggio 2009
Stato: 1 Cod: 2987 - Tipo: p

Ghirigori infantili e colorati segni allegri di paggetti imbellettati pien di smorfie nel colletto stretto stretto par sorridono ma spesso per difetto Stufo a un tratto è l'inchiostro ad imbrattare male invano l'intervento a riparare sembra vero fatto apposta quello sbaffo con un ghigno messo in mostra ecco fatto! Sei contento nell'intento stai a contare son figure immaginate pure ra ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 26 aprile 2008
Stato: 1 Cod: 1124 - Tipo: p

Il mare è immenso magico arrabbiato dolce tenero morbido carezzevole e tu sei il mio mare. ...
Scritto nel 1990
On line da: venerdì 9 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1166 - Tipo: p

Non offendiamo oltre gli animali che restano, pochi e rimangono soli, sulla terra sono i viventi nell'immediato futuro. Eeh di noi che ci fai? Tutti nell'immondezzaio all'apparenza infernale è appropriazione indebita ooh Dio della festa della vita con paglia e fieno resta la gravità in crisi d'aria, si offre l'anima in un florilegio di piagnistei... Io faccio i miei sforzi per apprezzarmi ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 3 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6726 - Tipo: p

Inchiodati alla nostra Croce viviamo la vita fragile al vento e spazzati via come foglie nude, ne sentiamo i lamenti... echi di un silenzio mistico. Acqua beviamo per dissetare la bocca arsa da parole mute. Sangue versiamo e verseremo per morire, i nostri corpi senza vita...e l'anima? L'anima senza bende, vagherà guardando negl'occhi. Amaro fiele, hai avvelenato l'uomo lo hai reso ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 27 aprile 2011
Stato: 1 Cod: 5124 - Tipo: p

Vuoto come il bicchiere lasciato sopra il tavolo. Vuoto come lo sguardo di chi sta per morire. Vuoto come l'animo di chi è destinato a soffrire... ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 5 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 5743 - Tipo: p

Eco di passi nei vicoli stretti. Pipistrelli randagi fra gli scarsi lampioni. Occhi insonni alle finestre nel buio per un nuovo domani. ...
Scritto nel 2005
On line da: lunedì 25 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 916 - Tipo: p

Sorge il sole, il peggio è passato, l'inverno è finito, se ne và via; c'è più tepore, anche se l'aria è ancora fredda; luce e allegria, i bambini passeggiano coi parenti, a spasso coi cani; girano le bici, aria di risveglio. ...
Scritto nel 2014
On line da: venerdì 13 marzo 2015
Stato: 1 Cod: 8025 - Tipo: p

Lasciali piangere scendano calde lente lacrime. Ma che la vita il tempo non li invecchino. Muoiano di solitudine ma inviolati; di bellezza privati non di vivacità. Lasciali, come petali sfioriti, cadere sotto la neve. ...
Scritto nel 2006
On line da: domenica 9 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 248 - Tipo: p

Il futuro, non si ferma mai, e sempre in movimento, sempre all'erta; chiudi gli occhi, ed è già dietro l'angolo, cammini, o resti, o stai seduto, e non ci pensi, ma intanto il futuro, ti porta velocemente, verso il tuo destino; il futuro non si ferma, non dà pace, non si cura delle cose umane, il futuro è già qui, adesso. ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 3 luglio 2010
Stato: 1 Cod: 4327 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Passata è la tempesta: odo augelli far festa, e la gallina, tornata in su la via, che ripete il suo verso. Ecco il sereno rompe là da ponente, alla montagna; sgombrasi la campagna, e chiaro nella valle il fiume appare. Ogni cor si rallegra, in ogni lato risorge il romorio torna il lavoro usato. L'artigiano a mirar l'umido cielo, con l'opra in man, cantando, fassi in su l'uscio; a prov ...
Scritto nel 1829
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8498 - Tipo: p

Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la spoglia immemore orba di tanto spiro, così percossa, attonita la terra al nunzio sta, muta pensando all'ultima ora dell'uom fatale; né sa quando una simile orma di pie' mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà. Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque; quando, con vece assidua, cadde, ri ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 30 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8522 - Tipo: p

Quand Don Juan descendit vers l'onde souterraine Et lorsqu'il eut donné son obole à Charon, Un sombre mendiant, l'oeil fier comme Antisthène, D'un bras vengeur et fort saisit chaque aviron. Montrant leurs seins pendants et leurs robes ouvertes, Des femmes se tordaient sous le noir firmament, Et, comme un grand troupeau de victimes offertes, Derrière lui traînaient un long mugissement. ...
Scritto nel 1850
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8696 - Tipo: p

Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia, quand'ella altrui saluta, ch'ogne lingua devèn, tremando, muta, e li occhi no l'ardiscon di guardare. Ella si va, sentendosi laudare, benignamente d'umiltà vestuta, e par che sia una cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare. Mostrasi sì piacente a chi la mira che dà per li occhi una dolcezza al core, che 'ntender no la può chi ...
Scritto nel 1293
On line da: giovedì 26 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8674 - Tipo: p

Tentava la vostra mano la tastiera, i vostri occhi leggevano sul foglio gl'impossibili segni; e franto era ogni accordo come una voce di cordoglio. Compresi che tutto, intorno, s'inteneriva in vedervi inceppata inerme ignara del linguaggio più vostro: ne bruiva oltre i vetri socchiusi la marina chiara. Passò nel riquadro azzurro una fugace danza di farfalle; una fronda si scrollò nel ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8894 - Tipo: p

«S'io ti fiammeggio nel caldo d'amore di là dal modo che 'n terra si vede, sì che del viso tuo vinco il valore, non ti maravigliar, ché ciò procede da perfetto veder, che, come apprende, così nel bene appreso move il piede. Io veggio ben sì come già resplende ne l'intelletto tuo l'etterna luce, che, vista, sola e sempre amore accende; e s'altra cosa vostro amor seduce, non è se no ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8641 - Tipo: p

Lungo la strada vedi su la siepe ridere a mazzi le vermiglie bacche: nei campi arati tornano al presepe tarde le vacche. Vien per la strada un povero che il lento passo tra foglie stridule trascina: nei campi intuona una fanciulla al vento: fiore di spina... ...
Scritto nel 1894
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8508 - Tipo: p

Imagini, chi bene intender cupe quel ch'i' or vidi - e ritegna l'image, mentre ch'io dico, come ferma rupe -, quindici stelle che 'n diverse plage lo ciel avvivan di tanto sereno che soperchia de l'aere ogne compage; imagini quel carro a cu' il seno basta del nostro cielo e notte e giorno, sì ch'al volger del temo non vien meno; imagini la bocca di quel corno che si comincia in pu ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8649 - Tipo: p

A Victor Hugo I Dans les plis sinueux des vieilles capitales, Où tout, même l'horreur, tourne aux enchantements, Je guette, obéissant à mes humeurs fatales, Des êtres singuliers, décrépits et charmants. Ces monstres disloqués furent jadis des femmes, Eponine ou Lais ! Monstres brisés, bossus Ou tordus, aimons-les ! ce sont encor des âmes. Sous des jupons troués et sous de froids t ...
Scritto nel 1859
On line da: giovedì 19 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8672 - Tipo: p

Quel rosignol, che sí soave piagne, forse suoi figli, o sua cara consorte, di dolcezza empie il cielo et le campagne con tante note sí pietose et scorte, et tutta notte par che m'accompagne, et mi rammente la mia dura sorte: ch'altri che me non ò di ch'i' mi lagne, ché 'n dee non credev'io regnasse Morte. O che lieve è inganar chi s'assecura! Que' duo bei lumi assai piú che 'l sol ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8563 - Tipo: p

Democrito, tu ridi e col tuo riso tutte le umane cose a scherno prendi e, sia del fato o mesto o lieto il viso, con lieto viso ogni accidente attendi. E tu col mento in sulla destra assiso piangi, Eraclito, e sempre al pianto intendi; forse che quanto è fra di noi diviso, lacrimosa tragedia esser comprendi. Ma siate pure al pianto o al riso intenti, che 'l riso e 'l pianto a me rasse ...
Scritto nel 1670
On line da: lunedì 12 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 8707 - Tipo: p

Du temps que la Nature en sa verve puissante Concevait chaque jour des enfants monstrueux, J'eusse aimé vivre auprès d'une jeune géante, Comme aux pieds d'une reine un chat voluptueux. J'eusse aimé voir son corps fleurir avec son âme Et grandir librement dans ses terribles jeux; Deviner si son coeur couve une sombre flamme Aux humides brouillards qui nagent dans ses yeux; Parcourir à ...
Scritto nel 1855
On line da: mercoledì 12 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8700 - Tipo: p

Diva di fonte umil, non d'altro ricca Che di pura onda e di minuto gregge, Te, come piacque al ciel, nato a le grandi De l'Eridano sponde, a questi ameni Cheti recessi e a tacit'ombre invito. Non feroci portenti o scogli immani Né pompa io vanto d'infinito flutto O di abitati pin; né imperioso Innalzo il corno, a le città soggette Signoreggiando le torrite fronti; Ma verdi colli e bianc ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8729 - Tipo: p

J'ai longtemps habité sous de vastes portiques Que les soleils marins teignaient de mille feux, Et que leurs grands piliers, droits et majestueux, Rendaient pareils, le soir, aux grottes basaltiques. Les houles, en roulant les images des cieux, Mêlaient d'une façon solennelle et mystique Les tout-puissants accords de leur riche musique Aux couleurs du couchant reflété par mes yeux. ...
Scritto nel 1854
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8691 - Tipo: p

O carrettiere che dai neri monti vieni tranquillo, e fosti nella notte sotto ardue rupi, sopra aerei ponti; che mai diceva il querulo aquilone che muggia nelle forre e fra le grotte? Ma tu dormivi sopra il tuo carbone. A mano a mano lungo lo stradale venìa fischiando un soffio di procella: ma tu sognavi ch'era di natale; udivi i suoni d'una cennamella. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8512 - Tipo: p

For de la bella caiba fuge lo lusignolo. Piange lo fantino però che non trova lu so osilino ne la gaiba nova, e dise cum dolo: "Chi gli avrì l'usolo?" e dise cum dolo: "Chi gli avrì l'usolo?" E in un buschetto se mise ad andare, sentì l'oseletto sì dolze cantare: "Oi bel lusignolo, torna nel meo broylo oi bel lusignolo, torna nel meo broylo". ...
Scritto nel 1250
On line da: lunedì 24 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8506 - Tipo: c

Per correr miglior acque alza le vele omai la navicella del mio ingegno, che lascia dietro a sé mar sì crudele; e canterò di quel secondo regno dove l'umano spirito si purga e di salire al ciel diventa degno. Ma qui la morta poesì resurga, o sante Muse, poi che vostro sono; e qui Caliopè alquanto surga, seguitando il mio canto con quel suono di cui le Piche misere sentiro lo colp ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8604 - Tipo: p

Forse perché della fatal quiete tu sei l'immago a me sì cara vieni o Sera! E quando ti corteggian liete le nubi estive e i zeffiri sereni, e quando dal nevoso aere inquiete tenebre e lunghe all'universo meni sempre scendi invocata, e le secrete vie del mio cor soavemente tieni. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van ...
Scritto nel 1802
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8519 - Tipo: p

Già eran li occhi miei rifissi al volto de la mia donna, e l'animo con essi, e da ogne altro intento s'era tolto. E quella non ridea; ma «S'io ridessi», mi cominciò, «tu ti faresti quale fu Semelè quando di cener fessi: ché la bellezza mia, che per le scale de l'etterno palazzo più s'accende, com' hai veduto, quanto più si sale, se non si temperasse, tanto splende, che 'l tuo mort ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8657 - Tipo: p

Silvia, rimembri ancora quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi? Sonavan le quiete stanze, e le vie dintorno, al tuo perpetuo canto, allor che all'opre femminili intenta sedevi, assai contenta di quel vago avvenir che in mente avevi. Era il maggio odoroso: e tu solevi così m ...
Scritto nel 1828
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8492 - Tipo: p

Viens-tu du ciel profond ou sors-tu de l'abîme, O Beauté ? ton regard, infernal et divin, Verse confusément le bienfait et le crime, Et l'on peut pour cela te comparer au vin. Tu contiens dans ton oeil le couchant et l'aurore; Tu répands des parfums comme un soir orageux; Tes baisers sont un philtre et ta bouche une amphore Qui font le héros lâche et l'enfant courageux. Sors-tu du g ...
Scritto nel 1845
On line da: venerdì 15 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 8704 - Tipo: p

Spirto gentil, che quelle membra reggi dentro le qua' peregrinando alberga un signor valoroso, accorto et saggio, poi che se' giunto a l'onorata verga colla qual Roma et i suoi erranti correggi, et la richiami al suo antiquo viaggio, io parlo a te, però ch'altrove un raggio non veggio di vertú, ch'al mondo è spenta, né trovo chi di mal far si vergogni. Che s'aspetti non so, né che s'ago ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8546 - Tipo: p

J'aime le souvenir de ces époques nues, Dont Phoebus se plaisait à dorer les statues. Alors l'homme et la femme en leur agilité Jouissaient sans mensonge et sans anxiété, Et, le ciel amoureux leur caressant l'échine, Exerçaient la santé de leur noble machine. Cybèle alors, fertile en produits généreux, Ne trouvait point ses fils un poids trop onéreux, Mais, louve au coeur gonflé de tendr ...
Scritto nel 1845
On line da: venerdì 10 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8683 - Tipo: p

La sottise, l'erreur, le péché, la lésine, Occupent nos esprits et travaillent nos corps, Et nous alimentons nos aimables remords, Comme les mendiants nourrissent leur vermine. Nos péchés sont têtus, nos repentirs sont lâches ; Nous nous faisons payer grassement nos aveux, Et nous rentrons gaiement dans le chemin bourbeux, Croyant par de vils pleurs laver toutes nos taches. Sur l'or ...
Scritto nel 1855
On line da: venerdì 3 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8678 - Tipo: p

C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d'antico: io vivo altrove, e sento che sono intorno nate le viole. Son nate nella selva del convento dei cappuccini, tra le morte foglie che al ceppo delle quercie agita il vento. Si respira una dolce aria che scioglie le dure zolle, e visita le chiese di campagna, ch'erbose hanno le soglie: un'aria d'altro luogo e d'altro mese e d'altra ...
Scritto nel 1900
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8513 - Tipo: p

Ora cen porta l'un de' duri margini; e 'l fummo del ruscel di sopra aduggia, sì che dal foco salva l'acqua e li argini. Quali Fiamminghi tra Guizzante e Bruggia, temendo 'l fiotto che 'nver' lor s'avventa, fanno lo schermo perché 'l mar si fuggia; e quali Padoan lungo la Brenta, per difender lor ville e lor castelli, anzi che Carentana il caldo senta: a tale imagine eran fatti quel ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8584 - Tipo: p

Soffermati sull'arida sponda volti i guardi al varcato Ticino, tutti assorti nel novo destino, certi in cor dell'antica virtù, han giurato: non fia che quest'onda scorra più tra due rive straniere; non fia loco ove sorgan barriere tra l'Italia e l'Italia, mai più! L'han giurato: altri forti a quel giuro rispondean da fraterne contrade, affilando nell'ombra le spade che or lev ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 30 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8523 - Tipo: p

Riviere, bastano pochi stocchi d'erbaspada penduli da un ciglione sul delirio del mare; o due camelie pallide nei giardini deserti, e un eucalipto biondo che si tuffi tra sfrusci e pazzi voli nella luce; ed ecco che in un attimo invisibili fili a me si asserpano, farfalla in una ragna di fremiti d'olivi, di sguardi di girasoli. Dolce cattività, oggi, riviere di chi s'arrende pe ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8897 - Tipo: p

Le soleil, en l'azur d'un ciel pur et nouveau Dont le bleu printanier de lumière ruisselle, Monte royalement, et sa vaste étincelle Allume un feu de joie au fond des flaques d'eau. La neige amoncelée au toit luisant et haut, Où s'épand longuement la flamme universelle, S'affaisse, se dissout, et, parcelle à parcelle, Tombe et coule au trottoir qui la glisse au ruisseau. Alors, de sa b ...
Scritto nel 1910
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8692 - Tipo: p

Sublime specchio di veraci detti, mostrami in corpo e in anima qual sono: capelli, or radi in fronte, or rossi pretti; lunga statura, e capo a terra prono; sottil persona in su due stinchi schietti; bianca pelle, occhi azzurri, aspetto buono; giusto naso, bel labbro, e denti eletti; pallido in volto, più che un re sul trono: or duro, acerbo, ora pieghevol, mite; irato sempre, e non m ...
Scritto nel 1786
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8521 - Tipo: p

Avvegna che la subitana fuga dispergesse color per la campagna, rivolti al monte ove ragion ne fruga, i' mi ristrinsi a la fida compagna: e come sare' io sanza lui corso? chi m'avria tratto su per la montagna? El mi parea da sé stesso rimorso: o dignitosa coscienza e netta, come t'è picciol fallo amaro morso! Quando li piedi suoi lasciar la fretta, che l'onestade ad ogn' atto dism ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8606 - Tipo: p

Buio d'inferno e di notte privata d'ogne pianeto, sotto pover cielo, quant' esser può di nuvol tenebrata, non fece al viso mio sì grosso velo come quel fummo ch'ivi ci coperse, né a sentir di così aspro pelo, che l'occhio stare aperto non sofferse; onde la scorta mia saputa e fida mi s'accostò e l'omero m'offerse. Sì come cieco va dietro a sua guida per non smarrirsi e per non dar ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8619 - Tipo: p

Settembre, il tuo minor fratello Aprile fioriva le vestigia di San Marco a Capodistria, quando navigammo il patrio mare cui Trieste addenta co' i forti moli per tenace amore. Capodistria, succiso adriaco fiore! Io vidi nella loggia d'un palagio nidi di balestrucci appesi a travi fosche, tra mazzi penduli di sorbe. Cinericcio era il tempo, umido e dolco. Or laggiù, pel remaggio senza ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8715 - Tipo: p

La bocca sollevò dal fiero pasto quel peccator, forbendola a' capelli del capo ch'elli avea di retro guasto. Poi cominciò: «Tu vuo' ch'io rinovelli disperato dolor che 'l cor mi preme già pur pensando, pria ch'io ne favelli. Ma se le mie parole esser dien seme che frutti infamia al traditor ch'i' rodo, parlar e lagrimar vedrai insieme. Io non so chi tu se' né per che modo venuto s ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8602 - Tipo: p

S'io avessi le rime aspre e chiocce, come si converrebbe al tristo buco sovra 'l qual pontan tutte l'altre rocce, io premerei di mio concetto il suco più pienamente; ma perch' io non l'abbo, non sanza tema a dicer mi conduco; ché non è impresa da pigliare a gabbo discriver fondo a tutto l'universo, né da lingua che chiami mamma o babbo. Ma quelle donne aiutino il mio verso ch'aiut ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8601 - Tipo: p

Contemplons ce trésor de grâces florentines; Dans l'ondulation de ce corps musculeux L'Elégance et la Force abondent, sÂœurs divines. Cette femme, morceau vraiment miraculeux, Divinement robuste, adorablement mince, Est faite pour trôner sur des lits somptueux Et charmer les loisirs d'un pontife ou d'un prince. – Aussi, vois ce souris fin et voluptueux Où la Fatuité promène son extas ...
Scritto nel 1857
On line da: venerdì 18 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 8702 - Tipo: p

O voi che siete in piccioletta barca, desiderosi d'ascoltar, seguiti dietro al mio legno che cantando varca, tornate a riveder li vostri liti: non vi mettete in pelago, ché forse, perdendo me, rimarreste smarriti. L'acqua ch'io prendo già mai non si corse; Minerva spira, e conducemi Appollo, e nove Muse mi dimostran l'Orse. Voialtri pochi che drizzaste il collo per tempo al pan de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8638 - Tipo: p

«Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d'etterno consiglio, tu se' colei che l'umana natura nobilitasti sì, che 'l suo fattore non disdegnò di farsi sua fattura. Nel ventre tuo si raccese l'amore, per lo cui caldo ne l'etterna pace così è germinato questo fiore. Qui se' a noi meridiana face di caritate, e giuso, intra ' mortali, se' di ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8669 - Tipo: p

Di pensier in pensier, di monte in monte mi guida Amor, ch'ogni segnato calle provo contrario a la tranquilla vita. Se 'n solitaria piaggia, rivo, o fonte, se 'nfra duo poggi siede ombrosa valle, ivi s'acqueta l'alma sbigottita; e come Amor l'envita, or ride, or piange, or teme, or s'assecura; e 'l volto che lei segue ov'ella il mena si turba et rasserena, 10 et in un esser picciol temp ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8552 - Tipo: p

Lenta la neve fiocca, fiocca, fiocca. Senti: una zana dondola pian piano. Un bimbo piange, il piccol dito in bocca; canta una vecchia, il mento sulla mano. La vecchia canta: Intorno al tuo lettino c'è rose e gigli, tutto un bel giardino. Nel bel giardino il bimbo s'addormenta. La neve fiocca lenta, lenta, lenta. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8511 - Tipo: p

O muse de mon coeur, amante des palais, Auras-tu, quand Janvier lâchera ses Borées, Durant les noirs ennuis des neigeuses soirées, Un tison pour chauffer tes deux pieds violets? Ranimeras-tu donc tes épaules marbrées Aux nocturnes rayons qui percent les volets? Sentant ta bourse à sec autant que ton palais Récolteras-tu l'or des voûtes azurées? II te faut, pour gagner ton pain de ch ...
Scritto nel 1945
On line da: domenica 19 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8685 - Tipo: p

Poscia che l'accoglienze oneste e liete furo iterate tre e quattro volte, Sordel si trasse, e disse: «Voi, chi siete?». «Anzi che a questo monte fosser volte l'anime degne di salire a Dio, fur l'ossa mie per Ottavian sepolte. Io son Virgilio; e per null' altro rio lo ciel perdei che per non aver fé». Così rispuose allora il duca mio. Qual è colui che cosa innanzi sé sùbita vede on ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8610 - Tipo: p

Rapido fiume che d'alpestra vena rodendo intorno, onde 'l tuo nome prendi, notte et dí meco disioso scendi ov'Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi: il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; et pria che rendi suo dritto al mar, fiso u' si mostri attendi l'erba piú verde, et l'aria piú serena. Ivi è quel nostro vivo et dolce sole, ch'addorna e 'nfiora la tua riva manca: ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8556 - Tipo: p

Settembre, oggi veder vorrei l'azzurro del tuo cielo riempiere la bocca rotonda della maschera di pietra in cima alla colonna che si sfalda nei secoli, convolta dal rosaio che si sfoglia nell'ora, entro quel chiostro quadrato che di biondo travertino chiarisce il cotto delle antiche Terme. Forse d'Orfeo ragionerei con Erme sul margine del fonte ove i delfini reggon la tazza in su le c ...
Scritto nel 1093
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8712 - Tipo: p

Cigola la carrucola del pozzo, l'acqua sale alla luce e vi si fonde. Trema un ricordo nel ricolmo secchio, nel puro cerchio un'immagine ride. Accosto il volto ad evanescenti labbri: si deforma il passato, si fa vecchio, appartiene ad un altro... Ah che già stride la ruota, ti ridona all'atro fondo, visione, una distanza ci divide. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8895 - Tipo: p

Poi fummo dentro al soglio de la porta che 'l mal amor de l'anime disusa, perché fa parer dritta la via torta, sonando la senti' esser richiusa; e s'io avesse li occhi vòlti ad essa, qual fora stata al fallo degna scusa? Noi salavam per una pietra fessa, che si moveva e d'una e d'altra parte, sì come l'onda che fugge e s'appressa. «Qui si conviene usare un poco d'arte», cominciò ' ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8613 - Tipo: p

La molta gente e le diverse piaghe avean le luci mie sì inebriate, che de lo stare a piangere eran vaghe. Ma Virgilio mi disse: «Che pur guate? perché la vista tua pur si soffolge là giù tra l'ombre triste smozzicate? Tu non hai fatto sì a l'altre bolge; pensa, se tu annoverar le credi, che miglia ventidue la valle volge. E già la luna è sotto i nostri piedi; lo tempo è poco omai ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8598 - Tipo: p

Taci. Su le soglie del bosco non odo parole che dici umane; ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane. Ascolta. Piove dalle nuvole sparse. Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove su i pini scagliosi ed irti, piove su i mirti divini, su le ginestre fulgenti di fiori accolti, su i ginepri folti di coccole aulenti, piove su i nostri volti silvani, piove ...
Scritto nel 1902
On line da: lunedì 18 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8709 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...