il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Autori: Francesco Petrarca

 
 

Autori: Francesco Petrarca

 
Francesco Petrarca

ID Autore: 2339

Iscrizione: mercoledì 9 giugno 2010

 

Biografia

Per la biografia di Francesco Petrarca, clicca qui: Francesco Petrarca

 

_

 
 

Le Poesie di: Francesco Petrarca

Solo et pensoso... (Canzoniere - XXXV)
Solo et pensoso i piú deserti campi vo mesurando a passi tardi et lenti, et gli occhi porto per fuggire intenti ove vestigio human l'arena stampi. Altro schermo non trovo che mi scampi dal manifesto accorger de le genti, perché negli atti d'alegrezza spenti di fuor si legge com'io dentro ...
Cod: 8535 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Benedetto sia 'l giorno... (Canzoniere - LXI)
Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno, e la stagione, e 'l tempo, e l'ora, e 'l punto, e 'l bel paese, e 'l loco ov'io fui giunto da' duo begli occhi che legato m'hanno; e benedetto il primo dolce affanno ch'i'ebbi ad esser con Amor congiunto, e l'arco, e le saette ond'io fui punto, ...
Cod: 8536 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Era il giorno ch'al sol... (Canzoniere - III)
Era il giorno ch'al sol si scoloraro per la pietà del suo factore i rai, quando i' fui preso, et non me ne guardai, ché i be' vostr'occhi, donna, mi legaro. Tempo non mi parea da far riparo contra colpi d'Amor: però m'andai secur, senza sospetto; onde i miei guai nel commune dolor s'incomi ...
Cod: 8537 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Erano i capei d'oro a l'aura... (Canzoniere - XC)
Erano i capei d'oro a l'aura sparsi che 'n mille dolci nodi gli avvolgea, e 'l vago lume oltre misura ardea di quei begli occhi, ch'or ne son sì scarsi; e 'l viso di pietosi color farsi, non so se vero o falso, mi parea : i' che l'esca amorosa al petto avea, qual meraviglia se di subito ar ...
Cod: 8538 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Levommi il mio penser... (Canzoniere - CCCII)
Levommi il mio penser in parte ov'era quella ch'io cerco, et non ritrovo in terra: ivi, fra lor che 'l terzo cerchio serra, la rividi piú bella et meno altera. Per man mi prese, et disse: - In questa spera sarai anchor meco, se 'l desir non erra: i' so' colei che ti die' tanta guerra, et ...
Cod: 8539 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Voi ch'ascoltate in rime sparse... (Canzoniere - I)
Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono di quei sospiri ond'io nudriva 'l core in sul mio primo giovenile errore quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono, del vario stile in ch'io piango et ragiono fra le vane speranze e 'l van dolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero trov ...
Cod: 8540 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

La gola e 'l somno... (Canzoniere - VII)
La gola e 'l somno et l'otiose piume ànno del mondo ogni vertú sbandita, ond'è dal corso suo quasi smarrita nostra natura vinta dal costume; et è sí spento ogni benigno lume del ciel, per cui s'informa humana vita, che per cosa mirabile s'addita chi vòl far d'Elicona nascer fiume. Qua ...
Cod: 8541 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Se la mia vita da l'aspro tormento... (Canzoniere - XII)
Se la mia vita da l'aspro tormento si può tanto schermire, et dagli affanni, ch'i' veggia per vertù de gli ultimi anni, donna, de' be' vostr'occhi il lume spento, e i cape' d'oro fin farsi d'argento, et lassar le ghirlande e i verdi panni, e 'l viso scolorir che ne' miei danni a·llamentar ...
Cod: 8542 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Movesi il vecchierel canuto... (Canzoniere - XVI)
Movesi il vecchierel canuto et biancho del dolce loco ov'à sua età fornita et da la famigliuola sbigottita che vede il caro padre venir manco; indi trahendo poi l'antiquo fianco per l'extreme giornate di sua vita, quanto piú pò, col buon voler s'aita, rotto dagli anni, et dal cammino stan ...
Cod: 8543 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Quanto più m'avicino al giorno... (Canzoniere - XXXII)
Quanto piú m'avicino al giorno extremo che l'umana miseria suol far breve, piú veggio il tempo andar veloce et leve, e 'l mio di lui sperar fallace et scemo. I' dico a' miei pensier': Non molto andremo d'amor parlando omai, ché 'l duro et greve terreno incarco come frescha neve si va str ...
Cod: 8544 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Ne la stagion che 'l ciel... (Canzoniere - L)
Ne la stagion che 'l ciel rapido inchina verso occidente, et che 'l dí nostro vola a gente che di là forse l'aspetta, veggendosi in lontan paese sola, la stancha vecchiarella pellegrina raddoppia i passi, et piú et piú s'affretta; et poi cosí soletta al fin di sua giornata talora è cons ...
Cod: 8545 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Spirto gentil, che quelle membra reggi... (Canzoniere - LIII)
Spirto gentil, che quelle membra reggi dentro le qua' peregrinando alberga un signor valoroso, accorto et saggio, poi che se' giunto a l'onorata verga colla qual Roma et i suoi erranti correggi, et la richiami al suo antiquo viaggio, io parlo a te, però ch'altrove un raggio non veggio di ver ...
Cod: 8546 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Perch'al viso d'Amor portava... (Canzoniere - LIV)
Perch'al viso d'Amor portava insegna, mosse una pellegrina il mio cor vano, ch'ogni altra mi parea d'onor men degna. Et lei seguendo su per l'erbe verdi, udí' dir alta voce di lontano: Ahi, quanti passi per la selva perdi! Allor mi strinsi a l'ombra d'un bel faggio, tutto pensoso; et ri ...
Cod: 8547 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Padre del ciel... (Canzoniere - LXII)
Padre del ciel, dopo i perduti giorni, dopo le notti vaneggiando spese, con quel fero desio ch'al cor s'accese, mirando gli atti per mio mal sì adorni, piacciati omai col tuo lume ch'io torni ad altra vita et a più belle imprese, sì ch'avendo le reti indarno tese, il mio duro adversario se ...
Cod: 8548 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Io son sì; stanco... (Canzoniere - LXXXI)
Io son sí stanco sotto 'l fascio antico de le mie colpe et de l'usanza ria ch'i' temo forte di mancar tra via, et di cader in man del mio nemico. Ben venne a dilivrarmi un grande amico per somma et ineffabil cortesia; poi volò fuor de la veduta mia, sí ch'a mirarlo indarno m'affatico. ...
Cod: 8549 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Chiare, fresche et dolci acque... (Canzoniere - CXXVI)
Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir' mi rimembra) a lei di fare al bel fiancho colonna; herba et fior' che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; aere sacro, sereno, ove Amor co' begli occhi ...
Cod: 8550 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Italia mia, benchè; 'l parlar... (Canzoniere - CXXVIII)
Italia mia, benché 'l parlar sia indarno a le piaghe mortali che nel bel corpo tuo sí spesse veggio, piacemi almen che ' miei sospir' sian quali spera 'l Tevero et l'Arno, e 'l Po, dove doglioso et grave or seggio. Rettor del cielo, io cheggio che la pietà che Ti condusse in terra Ti volga ...
Cod: 8551 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Di pensier in pensier, di monte in monte... (Canzoniere - CXXIX)
Di pensier in pensier, di monte in monte mi guida Amor, ch'ogni segnato calle provo contrario a la tranquilla vita. Se 'n solitaria piaggia, rivo, o fonte, se 'nfra duo poggi siede ombrosa valle, ivi s'acqueta l'alma sbigottita; e come Amor l'envita, or ride, or piange, or teme, or s'assecur ...
Cod: 8552 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Fiamma dal ciel... (Canzoniere - CXXXVI)
Fiamma dal ciel su le tue treccie piova, malvagia, che dal fiume et da le ghiande per l'altrui impoverir se' ricca et grande, poi che di mal oprar tanto ti giova; nido di tradimenti, in cui si cova quanto mal per lo mondo oggi si spande, de vin serva, di lecti et di vivande, in cui Luxuria ...
Cod: 8553 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

In qual parte del ciel, in quale idea... (Canzoniere - CLIX)
In qual parte del ciel, in quale idea era l'essempio, onde Natura tolse quel bel viso leggiadro, in ch'ella volse mostrar qua giú quanto lassú potea? Qual nimpha in fonti, in selve mai qual dea, chiome d'oro sí fino a l'aura sciolse? quando un cor tante in sé vertuti accolse? benché la ...
Cod: 8554 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Passa la nave mia... (Canzoniere - CLXXXIX)
Passa la nave mia colma d'oblio per aspro mare, a mezza notte il verno, enfra Scilla et Caribdi; et al governo siede 'l signore, anzi 'l nimico mio. A ciascun remo un penser pronto et rio che la tempesta e 'l fin par ch'abbi a scherno; la vela rompe un vento humido eterno di sospir', di sp ...
Cod: 8555 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Rapido fiume... (Canzoniere - CCVIII)
Rapido fiume che d'alpestra vena rodendo intorno, onde 'l tuo nome prendi, notte et dí meco disioso scendi ov'Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi: il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; et pria che rendi suo dritto al mar, fiso u' si mostri attendi l'erba piú verde, et l ...
Cod: 8556 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

O cameretta ... (Canzoniere - CCXXXIV)
O cameretta che già fosti un porto a le gravi tempeste mie diürne, fonte se' or di lagrime nocturne, che 'l dí celate per vergogna porto. O letticciuol che requie eri et conforto in tanti affanni, di che dogliose urne ti bagna Amor, con quelle mani eburne, solo ver 'me crudeli a sí gran ...
Cod: 8557 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

La vita fugge... (Canzoniere - CCLXXII)
La vita fugge, et non s'arresta una hora, et la morte vien dietro a gran giornate, et le cose presenti et le passate mi dànno guerra, et le future anchora; e 'l rimembrare et l'aspettar m'accora, or quinci or quindi, sí che 'n veritate, se non ch'i' ò di me stesso pietate, i' sarei già di ...
Cod: 8558 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Che fai? Che pensi?... (Canzoniere - CCLXXIII)
Che fai? Che pensi? che pur dietro guardi nel tempo, che tornar non pote omai? Anima sconsolata, che pur vai giungnendo legne al foco ove tu ardi? Le soavi parole e i dolci sguardi ch'ad un ad un descritti et depinti ài, son levati de terra; et è, ben sai, qui ricercarli intempestivo et ta ...
Cod: 8559 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Se lamentar augelli... (Canzoniere - CCLXXIX)
Se lamentar augelli, o verdi fronde mover soavemente a l'aura estiva, o roco mormorar di lucide onde s'ode d'una fiorita et fresca riva, là 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva, lei che 'l ciel ne mostrò, terra n'asconde, veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva di sí lontano a' sospir' ...
Cod: 8560 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Gli occhi di ch'io parlai... (Canzoniere - CCXCII)
Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente, et le braccia et le mani et i piedi e 'l viso, che m'avean sí da me stesso diviso, et fatto singular da l'altra gente; le crespe chiome d'òr puro lucente e 'l lampeggiar de l'angelico riso, che solean fare in terra un paradiso, poca polvere son, c ...
Cod: 8561 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Zephiro torna... (Canzoniere - CCCX)
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrir Progne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia. Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena; Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d' ...
Cod: 8562 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Quel rosignol... (Canzoniere - CCCXI)
Quel rosignol, che sí soave piagne, forse suoi figli, o sua cara consorte, di dolcezza empie il cielo et le campagne con tante note sí pietose et scorte, et tutta notte par che m'accompagne, et mi rammente la mia dura sorte: ch'altri che me non ò di ch'i' mi lagne, ché 'n dee non credev' ...
Cod: 8563 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Sento l'aura mia anticha... (Canzoniere - CCCXX)
Sento l'aura mia anticha, e i dolci colli veggio apparire, onde 'l bel lume nacque che tenne gli occhi mei mentr'al ciel piacque bramosi et lieti, or li tèn tristi et molli. O caduche speranze, o penser' folli! Vedove l'erbe et torbide son l'acque, et vòto et freddo 'l nido in ch'ella giacq ...
Cod: 8564 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Vago augelletto che cantando... (Canzoniere - CCCLIII)
Vago augelletto che cantando vai, over piangendo, il tuo tempo passato, vedendoti la notte e 'l verno a lato e 'l dí dopo le spalle e i mesi gai, se, come i tuoi gravosi affanni sai, cosí sapessi il mio simile stato, verresti in grembo a questo sconsolato a partir seco i dolorosi guai. ...
Cod: 8565 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

I' vo piangendo i miei passati tempi... (Canzoniere - CCCLXV)
I' vo piangendo i miei passati tempi i quai posi in amar cosa mortale, senza levarmi a volo, abbiend'io l'ale, per dar forse di me non bassi exempi. Tu che vedi i miei mali indegni et empi, Re del cielo invisibile immortale, soccorri a l'alma disviata et frale, e 'l suo defecto di tua grat ...
Cod: 8566 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

Vergine bella, che di sol vestita... (Canzoniere - CCCLXVI)
Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo Sole piacesti sí, che 'n te Sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole: ma non so 'ncominciar senza tu' aita, et di Colui ch'amando in te si pose. Invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede: Vergine, s'a ...
Cod: 8567 - On line dal: sabato 3 novembre 2007 - Ultima modifica: sabato 3 novembre 2007

I MiniRacconti di: Francesco Petrarca

Le Massime di: Francesco Petrarca

Le Canzoni di: Francesco Petrarca

Gli Articoli di: Francesco Petrarca

Gli Annunci di: Francesco Petrarca

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...