il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
Dipendenti tartassati...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Per la Madre e... il Libro
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Eccoci siamo qui a danzare! Agili, leggeri come foglie al vento atteni e audaci ci muoviamo con talento la musica ci rallegra e ci chiama nella danza contemporanea. ...
Scritto nel 2021
On line da: venerdì 1 ottobre 2021
Stato: 1 Cod: 8906 - Tipo: p

Siamo chiusi in una bolla, una bolla di sapone, che non scoppia con un soffio o con un dito nel pallone. Aspettiamo d’incontrare quell’amico accanto a te chiuso in bolla come me. Il virus la libertà ha negato, portando silenzio e tanto vuoto. ...
Scritto nel 2001
On line da: lunedì 26 aprile 2021
Stato: 1 Cod: 8905 - Tipo: p

Introduzione: Chi sono io? Chiunque io sia, sono diverso da tutti, quindi lasciamo stare le classificazioni. Ma sono di sinistra o di destra? Mi piace la canzone di J.Ax (al secolo Alessandro Aleotti (Milano, 5 agosto 1972)) e Fedez (al secolo Federico Leonardo Lucia (Milano, 15 ottobre 1989)): Comunisti col Rolex (anche se in realtà questi è un album (pubblicato il 20 gennaio 2017 da ...
Scritto nel 2018
On line da: sabato 19 maggio 2018
Stato: 1 Cod: 8801 - Tipo: r

Mi si accusa, ora che ho raggiunto il potere, di favorire gli amici per le investiture delle varie cariche. Da chi arrivano tali accuse? Dagli invidiosi, da coloro che hanno sempre vissuto di luce riflessa, per altro nemmeno diretta, ma dirottata con complessi sistemi di specchi a sponda. E allora? Sì, lo ammetto. Io favorisco gli amici: parlo di persone che amo, che ammiro, che stimo. Ed ora, ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 16 gennaio 2018
Stato: 1 Cod: 8787 - Tipo: r

Ad una cena aziendale di fine anno, oltre che tutti i dirigenti, dipendenti e collaboratori, fu invitato anche un giovane ragazzo di nome Ambrogio con la passione per il mare e per le regate. Ambrogio fu presentato ai dipendenti con l’intenzione di porre il coraggio dello stesso quale esempio per tutti. Il ragazzo infatti ha coraggio da vendere: acquista una barca mezza demolita e con l’aiuto d ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 16 gennaio 2018
Stato: 1 Cod: 8788 - Tipo: r

L’altro giorno (dicembre 2017) ho comprato un croissant in panetteria (una panetteria quasi pasticceria), un croissant di quelli con la marmellata bio: costo: 1,2 €. Buonissimo, gustosissimo, una leccornia; ma poi ho fatto due conti e la tristezza ha travolto, impietosa, il resto della mia giornata: ma come ti sentiresti tu se fossi pagato con 1.000 croissant (seppur buoni) ogni mese? Questo va ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 dicembre 2017
Stato: 1 Cod: 8782 - Tipo: m

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Roma... Roma storica, Roma cristiana, Roma intraprendente, Roma imponente, Roma artistica, Roma esigente, Roma maestosa, Roma splendente, Roma accogliente. Roma d'amare e da coccolare, Roma romantica, Roma solare, Roma illuminata, Roma stellata, Roma città eterna. ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 1 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 1992 - Tipo: p

Dal "Tortello Gioioso" trovi tutto assai gustoso! Ti puoi fermare a mangiare a pranzo o a cena, o anche per festeggiare un evento particolare per poi ricordare com'è stato gustoso e festoso dal... "Tortello Gioioso" ...
Scritto nel 2009
On line da: giovedì 5 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2659 - Tipo: p

Milioni, e persino miliardi di anni per un viaggio elementare da una galassia all'altra: non male la lentezza del passo!... Passo bradipo, andante ma non troppo; trotto galoppo in sella ad una luce imbrogliona e sbarazzina... e che dire dei tanti oggetti che non sono proprio colorati, ma che assorbono e riflettono fotoni a "go go", anch'essi figli birichini di una luce lentissima e ondulatissima? ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 14 maggio 2007
Stato: 1 Cod: 76 - Tipo: r

Oggi è un giorno speciale. È arrivato Natale! Nell'aria si sente che è giorno di festa. Le luci, i colori, i canti e gli odori ci riempion di gioia. I bimbi felici si affrettano a porre nella culla di paglia il bambinello Gesù. È nato ! E' nato! Quel dolce bambino che ci è sempre vicino. Questa notte è magica, le campane suonano a festa, la tavola è ricca di odori e sapori, all ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 5 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1843 - Tipo: p

"Un'altra giornata così ed il giorno non saprà più di che notte potrà fidare. Credo che il pensiero possa superare portata e possa superare tempeste. Ti ho pensata oggi e non eri certo tu colei che ha prodotto la mia tempesta". Di questo e d'altro sentiva di dover "esternare" il viandante randagio in cerca di vitto e alloggio mentre introduceva il muso della Mustang alla rotonda e controllava ...
Scritto nel 2000
On line da: sabato 12 novembre 2005
Stato: 1 Cod: 60 - Tipo: r

Aria trasparente, impalpabile, chiara ma vera, puoi essere forte, frizzante o leggera utile al mondo come quando il riposo discende la sera. Mi sdraio su un prato mi accarezzi le guance, i capelli, il palato; ti respiro profonda, viaggiando sull'onda; asciughi i sudori dei bimbi affannati che corron beati, che dondolan allegri a ritmo incalzato. Disperdi i rumori, le luci i colori ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 20 ottobre 2008
Stato: 1 Cod: 1743 - Tipo: p

La gente che lì ti gira intorno, con un sorriso bello sulla bocca, "richiede" a te sì tante belle cose. E tu le fai, con il sorriso bello sulla bocca e con la morte, livida nel cuore... Sta diventando un lusso, (che non mi posso più permettere)... in ogni canzone che ascolto, in ogni articolo che leggo, in ogni film che guardo, in ogni trillo improvviso di qualsiasi campanello ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 30 maggio 2007
Stato: 1 Cod: 57 - Tipo: p

Voglio accendere il sorriso disegnare sul tuo viso la tristezza dolce di un narciso La poesia che addolcisce il mare cui le onde tenue fa spumare Voglio avere i tuoi segreti cancellare i sogni inquieti con la mente andare nei vigneti Musica sia che addolcisce il cuore cui la nostalgia diventa amore Prime gemme sui rami della riviera oh no Già nell'aria i richiami: È primavera ...
Scritto nel 1982
On line da: domenica 23 novembre 2014
Stato: 1 Cod: 7940 - Tipo: c

Disteso sopra un prato all'imbrunire, con alla destra il sole a capolino, volgo l'esame al mondo risalire. Si sa che quando a batterti è il destino pare che il fondo sia d'abissi il padre, che il peggio indaghi oltre 'l tuo cammino. Il sonno cede il passo al rivoltare del corpo stanco sopra al suo giaciglio e l'occhi rossi stanno a interrogare. Ma il buio non reagisce allo scompigl ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 8 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6123 - Tipo: p

Gioiosa e un po' rocciosa, mare azzurro, trasparente, incantato un po' di vento fresco, questa è la Liguria. Se l'andiamo a visitare, il suo acquario non può mancare nel nostro itinerario, perché lì ci immergiamo in un mondo marino straordinario. Cinque terre tutte da scoprire, con spiagge incantate da far svenire, pesce fresco e pesto da gustare e poi che altro esplorare? Vall ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 3 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2651 - Tipo: p

50 anni è un grande traguardo hai già percorso metà del tuo tempo e adesso... inizia a percorrere la seconda metà. Devi arrivare a 100! ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 30 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4930 - Tipo: p

Se quando abbozzi a me sei timorosa e avverti in questi occhi la fortuna, non ragionar di far come la rosa: che sboccia e dona i petali alla luna. Non credere che basti l'intuizione per trasformar la fantasia in certezza: di me non sai che pronunciare il nome, seppur con grazia e tiepida finezza. Vagheggi l'oratore incoronato e folle a fiumi, leste al sacrificio, scorgi nemici, pron ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 31 gennaio 2010
Stato: 1 Cod: 3862 - Tipo: p

Crollerà questa casa, prima o poi, ed io con essa. Preannuncerà il collasso uno stormo di sordi brontolii (segnali -al tempo- da tutti prontamente disattesi). Rovinerà in una notte d'agosto, nel mezzo del mio sonno stropicciato da giravolte e torcicolli. Sarà una morte subitanea. Franerà fiera, la casa, al pari d'un solenne momento Moreno (pur senza platea argentina), tra imponenti strepitii e ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 15 luglio 2009
Stato: 1 Cod: 3282 - Tipo: r

Pedalare senza fretta la mattina in bicicletta o la sera verso il tramonto quando il sole così profondo fa capolino nello sfondo è una sensazione di libera emozione che mi dà vivacità in questa città. Se sul tandem noi andiamo fanciulli ritorniamo e canticchiando ci apprestiamo a scoprire qua e là la natura a volontà, la città antica e nuova, brusio e tranquillità di gente che va. ped ...
Scritto nel 2013
On line da: mercoledì 8 maggio 2013
Stato: 1 Cod: 7483 - Tipo: p

Saltai la cena e fu come cercare in quel diguno un segno del destino; sotto il lenzuolo il sonno ad agognare a denti stretti, non ero che un bambino. Ancor ricordo la voce di mio padre: "Se non ti pieghi un dì ti spezzerai!" A nulla valse il pianto di mia madre, rimasi fermo: "Piegarmi io... giammai!" Passò del tempo e ne saltai di cene; usai la testa, come se fosse ariete, contro ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 1 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 924 - Tipo: p

La notte ti inghiotte è un'armonia ma pesa Di frasi ne hai dette ed è infinita attesa Sigaretta accesa cenere a metà ma l'alba tarda e Ti ascolti Poi nel pieno sole ti trovi a sognare: La tua donna appare e la battezzi: "Amore" È una donna strana: L'hai creata tu Il sole è alto ormai Non lo vedi E La tua ingenuità mi confonde un po' Uscirai dall'euforia se mi aiuterai: ...
Scritto nel 1983
On line da: domenica 23 novembre 2014
Stato: 1 Cod: 7953 - Tipo: c

18 anni, hai raggiunto una bellissima età, che la tua vita sia sempre brillante, frizzante ed armoniosa. Tanti auguri! ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 2 giugno 2011
Stato: 1 Cod: 5200 - Tipo: p

La sola cosa che vedo: i piedi. Non i miei, ma tanti, e tutti ben vestiti. Si muovono da soli senza cadenza. Scricchiolanti al calpestio dei ciottoli. Son qui, compresso dal mio stesso peso, trafitto nel costame passato da un beffardo fil di spada. Prono, faccia al suolo, dal livido labbro schiumeggiante. In attesa di qualcosa, di qualcuno, che mi giri la testa, tanto da poter vo ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 336 - Tipo: p

Per i tuoi 18 anni, vorrei staccare una stella dal firmamento e donartela in modo che essa possa brillare insieme a te per sempre; ma le stelle rimangono lì, ci guidano, ci proteggono ogni giorno della nostra vita. Io ti auguro di ricevere ogni giorno, ciò che le stelle possono donarti. ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 12 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5407 - Tipo: p

Caro giallo pallido sol leone mi inchino innanzi al tuo sorgere; un presente a te vorrei porgere ma una banal questione mi si pone... Che sia cotanta energia sprecata seppur pulita, verde, ecologica, (infida equazione affatto logica) meglio sarebbe se fosse "catturata"? Qui carbon e petrolio furoreggia e l'orifizio allarga nell'ozono (con balda maestria le carte scozzono per imbri ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 15 agosto 2007
Stato: 1 Cod: 180 - Tipo: p

Sono molto grato a quest'Azienda perché qui ho trovato un ambiente molto più che cordiale. Unico cruccio resta la busta paga, di poco superiore ai minimi sindacali, ma di questo non voglio incolpare il Boss che giustamente paga in modo proporzionale alle capacità di ogni dipendente; ho imparato, a mie spese, che nella vita ci vuole fortuna. ...
Scritto nel 2014
On line da: martedì 25 febbraio 2014
Stato: 1 Cod: 7842 - Tipo: m

Con affetto e simpatia auguro altri 50 anni all'amica mia e se a 100 anni arriverai ricordati che invitarmi dovrai! ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 31 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4864 - Tipo: p

Ho visto la mia piccola bambina violentata da scritture umane e sacre, da grandi mani esperte tenuta stretta e mutilata; come se fosse nobile e pregiata, la ragione. Lo so che tre al minuto sono i numeri di adesso, lo so che qui da noi la luce cade obliqua ma nel pulviscolo era mia figlia o nella fanghiglia, non ricordo bene. Stringeva i suoi pugnetti e le sue grida fiere du ...
Scritto nel 1999
On line da: venerdì 18 novembre 2005
Stato: 1 Cod: 47 - Tipo: p

Volano le giornate che contano; le vorrei spettinate, un po' come sei. Ma io devo pensare a non planare mai, Come se fossi dei celi il re. Dietro me, cosa resta qui dietro me? Poco ma, dimmi solo come si fa a copiare un romanzo rosa per la tua armonia... (come se fosse mia) Felicità, mi chiedo forte: come sarà? Come sarà la donna che sa di felicità? Io navigo e tu non puoi comprende ...
Scritto nel 1985
On line da: martedì 16 gennaio 2007
Stato: 1 Cod: 43 - Tipo: c

Oggi il postino portò un bel bambino! Da un gran sacco sei stato levato e tra tutti noi sei arrivato, io con gran gioia ti voglio augurare un anno intero da realizzare. ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 8 luglio 2010
Stato: 1 Cod: 4337 - Tipo: p

Fredda è la notte stellata piena di luci e color, l'aria assai profumata rallegra le anime e i cuor; Natale, Natale è arrivato la festa più lunga che c'è, che unisce le anime e i cuori anche quelli più freddi per se; evviva, evviva è Natale la festa più bella che c'è. Con gioia aspettiamo che nasca il nostro salvatore Gesù, il dono che ci porta doni a tutti quanti qua giù; ...
Scritto nel 2009
On line da: giovedì 10 dicembre 2009
Stato: 1 Cod: 3718 - Tipo: c

Passeggiando per Tarquinia, possiamo ritrovare scavi archeologici dove svariati anni fa furono rinvenute tombe del periodo etrusco, le Necropoli. Esse sono ognuna diversa dall'altra. I dipinti sulle pareti circostanti, raffiguravano spesso scene di caccia, pesca, danza, musica, banchetti, momenti di vita quotidiana, riguardante il defunto quando era ancora in vita. Si ponevano inoltre, anche ogg ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 9 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2512 - Tipo: r

Eccoci! Siamo qui a danzare leggeri come foglie al vento attenti e audacie ci muoviamo con talento la musica ci rallegra e ci chiama nella danza, Tutto è magia. ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 25 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1670 - Tipo: p

Stringimi in un possente abbraccio quando la tristezza mi assale e i pensieri m'incupiscono, come nuvole nere nel cielo in tempesta. Stringimi se vengo assalita dalla malinconia, affinché il tuo calore riscaldi la mia anima. Stringimi quando oscillo nell'incertezza come un fiore dondolato dal vento. Stringimi quando è fievole la luce del giorno affinché io non rimanga sola nel b ...
Scritto nel 2014
On line da: lunedì 10 febbraio 2014
Stato: 1 Cod: 7809 - Tipo: p

Moltissime persone non si piacciono. Moltissime persone, quando si guardano allo specchio, vorrebbero assistere ad un miracolo nel vedersi trasformati in bellezze epiche, ma subito dopo si odiano un po' di più perché 'sto miracolo non capita mai. Poi, se i miracoli non occorrono, ecco che si può provare con le espiazioni. Chissà, magari, prendendosi tutte le colpe possibili, autoaccusandosi di t ...
Scritto nel 2000
On line da: martedì 10 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2525 - Tipo: m

Programmate le ore sono già un contatto e il motore partirà dietro il video osservare che accadrà e da su ponderare l'esclusività per far saltare la città La dianetica inghiotte dati e fa sì che intanto stanotte l'ignara città come una botte scoppierà L'informatica oggi riuscirà con i mistici appoggi celerà l'irrazionale novità Programmate le ore sono già un contatto e il motore p ...
Scritto nel 1982
On line da: domenica 23 novembre 2014
Stato: 1 Cod: 7947 - Tipo: c

Dov'è l'amico mio? Dov'è l'amico mio quando ho maggiormente bisogno di lui? Certo, assai difficile trovare sincronia tra il momento mio, di bisogno, e il momento suo di libertà. L'amico mio è indaffarato tutto il giorno tra famiglia, lavoro, allenamento, e letture, e passatempi e giochi. Di tanto in tanto non sa che fare così mi chiama e mi racconta. Poi mi chiede: "come va?" ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 26 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 333 - Tipo: p

Se ti va di innamorarti di qualcuno, goditi il momento, e goditi la dolce sofferenza (conseguente), se non dovesse esserci riscontro alcuno... ...
Scritto nel 2000
On line da: martedì 10 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2526 - Tipo: m

Mi si accusa, ora che ho raggiunto il potere, di favorire gli amici per le investiture delle varie cariche. Da chi arrivano tali accuse? Dagli invidiosi, da coloro che hanno sempre vissuto di luce riflessa, per altro nemmeno diretta, ma dirottata con complessi sistemi di specchi a sponda. E allora? Sì, lo ammetto. Io favorisco gli amici: parlo di persone che amo, che ammiro, che stimo. Ed ora, ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 16 gennaio 2018
Stato: 1 Cod: 8787 - Tipo: r

Nel 290 a. c. l'antico borgo di Villa Carmine era insediata dai Romani, il nome di Montesilvano nasce nella seconda metà del terzo millennio, Monte simboleggia terra di pascolo, poiché zona ricca di greggi ed erba verde per il pascolo, Silvano che all'inizio fu considerato un Dio terribile, divenne pacifico protettore dell'attività pastorale. così l'origine del doppio nome "non vive il gregge SIL ...
Scritto nel 2011
On line da: mercoledì 23 febbraio 2011
Stato: 1 Cod: 4977 - Tipo: r

La verità spazza la cenere e rivolta i grani e le parole. Dalla costiera sorge spinta da brezze e gira intorno fino alle vendemmie dei moscati piemontesi. I tempi sono brevi se il metro è quello delle ere ma diventano insopportabili quando non basta una stagione o un'illusione. Diceva che non avrebbe mai incontrato il tempo, ed era la ragione la sua forza. Ma fu trafitto lui dal tempo che passav ...
Scritto nel 2000
On line da: sabato 19 novembre 2005
Stato: 1 Cod: 61 - Tipo: r

Il sole è gioioso ed anche imperioso, il sole è grande come una stella gigante. Il sole è glorioso ed anche meraviglioso, il sole è sgargiante e tanto brillante. Il sole è tutto per noi. ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 12 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2536 - Tipo: p

Il problema non è capire se i soldi facciano la felicità (di chi li possiede (non di chi ne è posseduto)) o meno. A sentir ricchi e potenti la risposta prevalente è senz'altro "No". Va anche detto che non mancano i "pazzi" posseduti e felici. (...e via di seguito). Viviamo certamente in un pianeta variegato... Occorre invece concentrarsi sul fatto se sia meglio essere infelici e senza il ...
Scritto nel 2014
On line da: mercoledì 19 novembre 2014
Stato: 1 Cod: 7939 - Tipo: m

Una bolla di sapone. O meglio: una bolla di vetro, grande come una camera da letto, tutta insaponata. Questa era la sensazione; ed era per ciò che ad ogni respiro le bruciava la gola, la trachea, la faringe. Deglutiva in continuazione e le mucose del cavo orale, sempre più legnose, le procuravano di riflesso inediti fastidi alle orecchie e al naso. I polpastrelli lisci la tradivano crudelmente e ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 8 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 4438 - Tipo: r

Sarebbe bello, se un dato giorno, a certi signorotti assai temuti, tanto per dimostrar che son cornuti, spuntasse sulla fronte un gran bel corno. Presi d'un tratto da cotanto scorno, penso che alfin starebbero un po' muti, e per non farsi dir: "Via! Cornuti!" Non tanto ci starebbero d'attorno! ...
Scritto nel 1950
On line da: giovedì 7 dicembre 2006
Stato: 1 Cod: 52 - Tipo: p

Introduzione: Chi sono io? Chiunque io sia, sono diverso da tutti, quindi lasciamo stare le classificazioni. Ma sono di sinistra o di destra? Mi piace la canzone di J.Ax (al secolo Alessandro Aleotti (Milano, 5 agosto 1972)) e Fedez (al secolo Federico Leonardo Lucia (Milano, 15 ottobre 1989)): Comunisti col Rolex (anche se in realtà questi è un album (pubblicato il 20 gennaio 2017 da ...
Scritto nel 2018
On line da: sabato 19 maggio 2018
Stato: 1 Cod: 8801 - Tipo: r

Straziante pianto e disperazione di uomini un tempo sereni. Affetti ormai persi per sempre in un tragico violento momento. La città risorgerà migliore di allora, per dar forza, speranza e futuro, a chi è stato scioccato e violato nell'intimo animo puro. ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 14 aprile 2009
Stato: 1 Cod: 2892 - Tipo: p

Il primo giorno del mese io non so se ballare cantare mangiare o piangere: i soldi del mese passato finiti son già, i soldi del mese neonato ancor non son qua. Il fatto che ancora "intelligo" sicuramente si pone alla gente di qui positivamente se poi tra le righe del gobbo a cristalli leggo che al mondo, sicuro, si sa, che c'è di peggio, qualcuno mi deve spiegare tale precetto: che d ...
Scritto nel 2015
On line da: giovedì 4 giugno 2015
Stato: 1 Cod: 8116 - Tipo: p

Grande castello comparso nel vento voglio pensarci ancora un momento L'ultima neve ormai s'é già sciolta voglio pensarci ancora una volta Si apre la notte nella sua infinità ondeggia contenta la mia volontà Cerchi d'incanto comparsi sul lago la mente sconfina ed io sono pago Abbozzi di scene su sfondi sbiaditi echeggian la vita di campi fioriti Silenzio nel buio della realtà il m ...
Scritto nel 1982
On line da: domenica 23 novembre 2014
Stato: 1 Cod: 7938 - Tipo: c

Passeggiando per Roma non la finisci mai di scoprire, anche per questo si chiama “la città eterna” ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 29 ottobre 2008
Stato: 1 Cod: 1784 - Tipo: r

Eccoci siamo qui a danzare! Agili, leggeri come foglie al vento atteni e audaci ci muoviamo con talento la musica ci rallegra e ci chiama nella danza contemporanea. ...
Scritto nel 2021
On line da: venerdì 1 ottobre 2021
Stato: 1 Cod: 8906 - Tipo: p

Vedo il sole risplendere nel cielo azzurro, l'aria fresca mi accarezza le guance sento il suo profumo, la sua freschezza aumenta, scorgo velocemente immensi panorami abeti vellutati e ovattati tutt'intorno; il mio corpo si flette regolarmente a destra e a sinistra, provo una gioia immensa, mi sento come un gabbiano che vola libero nel cielo. Ecco... mi accorgo... che sto sc ...
Scritto nel 2008
On line da: venerdì 14 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1897 - Tipo: p

Un giorno, arriverà un giorno... un giorno arriva sempre... ma se fosse arrivato prima, l'assegno, forse il giorno sarebbe stato un altro, sarebbe arrivato un altro giorno, quel giorno... Non dico tanto...: vent'anni? Un entusiasmo diverso agevolava le azioni di quei periodi, e se fosse capitato allora, l'assegno in questione, avrebbe sortito ben altro scalpitio: avrei regalato un autentico sor ...
Scritto nel 2007
On line da: domenica 1 aprile 2007
Stato: 1 Cod: 73 - Tipo: r

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

J'ai longtemps habité sous de vastes portiques Que les soleils marins teignaient de mille feux, Et que leurs grands piliers, droits et majestueux, Rendaient pareils, le soir, aux grottes basaltiques. Les houles, en roulant les images des cieux, Mêlaient d'une façon solennelle et mystique Les tout-puissants accords de leur riche musique Aux couleurs du couchant reflété par mes yeux. C' ...
Scritto nel 1854
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8691 - Tipo: p

Non rifugiarti nell’ombra di quel folto di verzura come il falchetto che strapiomba fulmineo nella caldura. È ora di lasciare il canneto stento che pare s’addorma e di guardare le forme della vita che si sgretola. Ci muoviamo in un pulviscolo madreperlaceo che vibra, in un barbaglio che invischia gli occhi e un poco ci sfibra. Pure, lo senti, nel gioco d’aride onde che impigra in que ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8891 - Tipo: p

L'Alpe di Mommio un pallido velame d'ulivi effonde al cielo di giacinto, come un colle dell'isola di Same o di Zacinto. Il Monte Magno di più cupo argento fascia la sua piramide; il Matanna è porpora e viola come il lento fior della canna. O canneti lungh'essi i fiumicelli di Camaiore, appreso ho il vostro carme. Vedess'io rosseggiare gli albatrelli sul Monte Darme! Dal Capo Cor ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8719 - Tipo: p

Settembre, son mature le carrube. Or tu pel caldo mare di Cilicia conduci dalla riva cipriota la saica a scafo tondo e a vele quadre. Bonaccia, e nel saffiro non è nube. Germa con sue maggiori quattro vele, garbo o schirazzo, legni levantini carichi di baccelli dolci e bruni conduci verso l'isola dei Sardi. E vien teco un odor di tetro miele. La siliqua, che ingrassa la muletta dal ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8717 - Tipo: p

Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte de l'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminato spazio di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvie ...
Scritto nel 1820
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8494 - Tipo: p

La tribu prophétique aux prunelles ardentes Hier s'est mise en route, emportant ses petits Sur son dos, ou livrant à leurs fiers appétits Le trésor toujours prêt des mamelles pendantes. Les hommes vont à pied sous leurs armes luisantes Le long des chariots où les leurs sont blottis, Promenant sur le ciel des yeux appesantis Par le morne regret des chimères absentes. Du fond de son réd ...
Scritto nel 1859
On line da: lunedì 11 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8693 - Tipo: p

Movesi il vecchierel canuto et biancho del dolce loco ov'à sua età fornita et da la famigliuola sbigottita che vede il caro padre venir manco; indi trahendo poi l'antiquo fianco per l'extreme giornate di sua vita, quanto piú pò, col buon voler s'aita, rotto dagli anni, et dal cammino stanco; et viene a Roma, seguendo 'l desio, per mirar la sembianza di colui ch'ancor lassú nel cie ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8543 - Tipo: p

Benigna volontade in che si liqua sempre l'amor che drittamente spira, come cupidità fa ne la iniqua, silenzio puose a quella dolce lira, e fece quietar le sante corde che la destra del cielo allenta e tira. Come saranno a' giusti preghi sorde quelle sustanze che, per darmi voglia ch'io le pregassi, a tacer fur concorde? Bene è che sanza termine si doglia chi, per amor di cosa che ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8651 - Tipo: p

S'io avessi le rime aspre e chiocce, come si converrebbe al tristo buco sovra 'l qual pontan tutte l'altre rocce, io premerei di mio concetto il suco più pienamente; ma perch' io non l'abbo, non sanza tema a dicer mi conduco; ché non è impresa da pigliare a gabbo discriver fondo a tutto l'universo, né da lingua che chiami mamma o babbo. Ma quelle donne aiutino il mio verso ch'aiut ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8601 - Tipo: p

Miro quel giorno pur, che de' miei giorni sarà fausto preludio alla quiete, ed io, sepolta ogni fatica in Lete, oziosa godrò l'ombra degli orni. Voi, d'inculte boscaglie ermi soggiorni, province popolate a me sarete; voi, della patria mia rupi secreta, lusingate a letizia i miei ritorni. Diedero, della luce a' primi inviti, l'euro quivi talor, talor qui l'ostro, aria reciprocata a' ...
Scritto nel 1670
On line da: lunedì 12 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 8708 - Tipo: p

Quanto piú m'avicino al giorno extremo che l'umana miseria suol far breve, piú veggio il tempo andar veloce et leve, e 'l mio di lui sperar fallace et scemo. I' dico a' miei pensier': Non molto andremo d'amor parlando omai, ché 'l duro et greve terreno incarco come frescha neve si va struggendo; onde noi pace avremo: perché co·llui cadrà quella speranza che ne fe' vaneggiar sí lu ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8544 - Tipo: p

Era il giorno ch'al sol si scoloraro per la pietà del suo factore i rai, quando i' fui preso, et non me ne guardai, ché i be' vostr'occhi, donna, mi legaro. Tempo non mi parea da far riparo contra colpi d'Amor: però m'andai secur, senza sospetto; onde i miei guai nel commune dolor s'incominciaro. Trovommi Amor del tutto disarmato et aperta la via per gli occhi al core, che di lagrim ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8537 - Tipo: p

La sottise, l'erreur, le péché, la lésine, Occupent nos esprits et travaillent nos corps, Et nous alimentons nos aimables remords, Comme les mendiants nourrissent leur vermine. Nos péchés sont têtus, nos repentirs sont lâches ; Nous nous faisons payer grassement nos aveux, Et nous rentrons gaiement dans le chemin bourbeux, Croyant par de vils pleurs laver toutes nos taches. Sur l'orei ...
Scritto nel 1855
On line da: venerdì 3 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8678 - Tipo: p

Fiamma dal ciel su le tue treccie piova, malvagia, che dal fiume et da le ghiande per l'altrui impoverir se' ricca et grande, poi che di mal oprar tanto ti giova; nido di tradimenti, in cui si cova quanto mal per lo mondo oggi si spande, de vin serva, di lecti et di vivande, in cui Luxuria fa l'ultima prova. Per le camere tue fanciulle et vecchi vanno trescando, et Belzebub in mezzo ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8553 - Tipo: p

Io era già da quell' ombre partito, e seguitava l'orme del mio duca, quando di retro a me, drizzando 'l dito, una gridò: «Ve' che non par che luca lo raggio da sinistra a quel di sotto, e come vivo par che si conduca!». Li occhi rivolsi al suon di questo motto, e vidile guardar per maraviglia pur me, pur me, e 'l lume ch'era rotto. «Perché l'animo tuo tanto s'impiglia», disse 'l m ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8608 - Tipo: p

Ricorditi, lettor, se mai ne l'alpe ti colse nebbia per la qual vedessi non altrimenti che per pelle talpe, come, quando i vapori umidi e spessi a diradar cominciansi, la spera del sol debilemente entra per essi; e fia la tua imagine leggera in giugnere a veder com' io rividi lo sole in pria, che già nel corcar era. Sì, pareggiando i miei co' passi fidi del mio maestro, usci' fuor ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8620 - Tipo: p

Noi eravamo al sommo de la scala, dove secondamente si risega lo monte che salendo altrui dismala. Ivi così una cornice lega dintorno il poggio, come la primaia; se non che l'arco suo più tosto piega. Ombra non lì è né segno che si paia: parsi la ripa e parsi la via schietta col livido color de la petraia. «Se qui per dimandar gente s'aspetta», ragionava il poeta, «io temo forse ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8616 - Tipo: p

Silvia, rimembri ancora quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi? Sonavan le quiete stanze, e le vie dintorno, al tuo perpetuo canto, allor che all'opre femminili intenta sedevi, assai contenta di quel vago avvenir che in mente avevi. Era il maggio odoroso: e tu solevi così m ...
Scritto nel 1828
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8492 - Tipo: p

Contra miglior voler voler mal pugna; onde contra 'l piacer mio, per piacerli, trassi de l'acqua non sazia la spugna. Mossimi; e 'l duca mio si mosse per li luoghi spediti pur lungo la roccia, come si va per muro stretto a' merli; ché la gente che fonde a goccia a goccia per li occhi il mal che tutto 'l mondo occupa, da l'altra parte in fuor troppo s'approccia. Maladetta sie tu, an ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8623 - Tipo: p

«Poscia che Costantin l'aquila volse contr' al corso del ciel, ch'ella seguio dietro a l'antico che Lavina tolse, cento e cent' anni e più l'uccel di Dio ne lo stremo d'Europa si ritenne, vicino a' monti de' quai prima uscìo; e sotto l'ombra de le sacre penne governò 'l mondo lì di mano in mano, e, sì cangiando, in su la mia pervenne. Cesare fui e son Iustiniano, che, per voler de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8642 - Tipo: p

Nessun maggior segno d'essere poco filosofo e poco savio, che volere savia e filosofica tutta la vita. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8527 - Tipo: m

'Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore; fecemi la divina podestate, la somma sapienza e 'l primo amore. Dinanzi a me non fuor cose create se non etterne, e io etterno duro. Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate'. Queste parole di colore oscuro vid' io scritte al sommo d'una porta; ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8572 - Tipo: p

I tronchi detti e il lagrimoso volto Di quella generosa Anima bella Avean là tutto il mio pensier raccolto, Quando tutto a sé 'l trasse una novella Turba, che di rincontro a me venia, D'abito più recente e di favella. Confuso e irresoluto io me ne gìa, Com'uom che in terra sconosciuta mova, Che lento lento dubbiando s'avvia. Ed erano color che per la nova Libertade s'alzar fra l'a ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8738 - Tipo: p

A Victor Hugo I Dans les plis sinueux des vieilles capitales, Où tout, même l'horreur, tourne aux enchantements, Je guette, obéissant à mes humeurs fatales, Des êtres singuliers, décrépits et charmants. Ces monstres disloqués furent jadis des femmes, Eponine ou Lais ! Monstres brisés, bossus Ou tordus, aimons-les ! ce sont encor des âmes. Sous des jupons troués et sous de froids tiss ...
Scritto nel 1859
On line da: giovedì 19 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8672 - Tipo: p

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono di quei sospiri ond'io nudriva 'l core in sul mio primo giovenile errore quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono, del vario stile in ch'io piango et ragiono fra le vane speranze e 'l van dolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero trovar pietà, nonché perdono. Ma ben veggio or sì come al popol tutto favola fui gran tempo, onde so ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8540 - Tipo: p

Tutto annerò. Brillava, in alto in alto, il cielo azzurro. In via con me non c'eri, in lontananza, se non tu, Rio Salto. Io non t'udiva: udivo i cantonieri tuoi, le rane, gridar rauche l'arrivo d'acqua, sempre acqua, a maceri e poderi. Ricordavo. A' miei venti anni, mal vivo, pensai tramata anche per me la morte nel sangue. E, solo, a notte alta, venivo per questa via, dove ...
Scritto nel 1903
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8517 - Tipo: p

Settembre, il tuo minor fratello Aprile fioriva le vestigia di San Marco a Capodistria, quando navigammo il patrio mare cui Trieste addenta co' i forti moli per tenace amore. Capodistria, succiso adriaco fiore! Io vidi nella loggia d'un palagio nidi di balestrucci appesi a travi fosche, tra mazzi penduli di sorbe. Cinericcio era il tempo, umido e dolco. Or laggiù, pel remaggio senza ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8715 - Tipo: p

O voi che siete in piccioletta barca, desiderosi d'ascoltar, seguiti dietro al mio legno che cantando varca, tornate a riveder li vostri liti: non vi mettete in pelago, ché forse, perdendo me, rimarreste smarriti. L'acqua ch'io prendo già mai non si corse; Minerva spira, e conducemi Appollo, e nove Muse mi dimostran l'Orse. Voialtri pochi che drizzaste il collo per tempo al pan de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8638 - Tipo: p

Ne la stagion che 'l ciel rapido inchina verso occidente, et che 'l dí nostro vola a gente che di là forse l'aspetta, veggendosi in lontan paese sola, la stancha vecchiarella pellegrina raddoppia i passi, et piú et piú s'affretta; et poi cosí soletta al fin di sua giornata talora è consolata d'alcun breve riposo, ov'ella oblia la noia e 'l mal de la passata via. Ma, lasso, ogni dol ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8545 - Tipo: p

Quand, les deux yeux fermés, en un soir chaud d'automne, Je respire l'odeur de ton sein chaleureux, Je vois se dérouler des rivages heureux Qu'éblouissent les feux d'un soleil monotone; Une île paresseuse où la nature donne Des arbres singuliers et des fruits savoureux; Des hommes dont le corps est mince et vigoureux, Et des femmes dont l'oeil par sa franchise étonne. Guidé par ton od ...
Scritto nel 1946
On line da: venerdì 15 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 8705 - Tipo: p

Contemplons ce trésor de grâces florentines; Dans l'ondulation de ce corps musculeux L'Elégance et la Force abondent, sÂœurs divines. Cette femme, morceau vraiment miraculeux, Divinement robuste, adorablement mince, Est faite pour trôner sur des lits somptueux Et charmer les loisirs d'un pontife ou d'un prince. - Aussi, vois ce souris fin et voluptueux Où la Fatuité promène son extase ; ...
Scritto nel 1857
On line da: venerdì 18 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 8702 - Tipo: p

O muse de mon coeur, amante des palais, Auras-tu, quand Janvier lâchera ses Borées, Durant les noirs ennuis des neigeuses soirées, Un tison pour chauffer tes deux pieds violets? Ranimeras-tu donc tes épaules marbrées Aux nocturnes rayons qui percent les volets? Sentant ta bourse à sec autant que ton palais Récolteras-tu l'or des voûtes azurées? II te faut, pour gagner ton pain de chaq ...
Scritto nel 1945
On line da: domenica 19 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8685 - Tipo: p

Già era l'angel dietro a noi rimaso, l'angel che n'avea vòlti al sesto giro, avendomi dal viso un colpo raso; e quei c'hanno a giustizia lor disiro detto n'avea beati, e le sue voci con 'sitiunt', sanz' altro, ciò forniro. E io più lieve che per l'altre foci m'andava, sì che sanz' alcun labore seguiva in sù li spiriti veloci; quando Virgilio incominciò: «Amore, acceso di virtù, se ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8625 - Tipo: p

Passata è la tempesta: odo augelli far festa, e la gallina, tornata in su la via, che ripete il suo verso. Ecco il sereno rompe là da ponente, alla montagna; sgombrasi la campagna, e chiaro nella valle il fiume appare. Ogni cor si rallegra, in ogni lato risorge il romorio torna il lavoro usato. L'artigiano a mirar l'umido cielo, con l'opra in man, cantando, fassi in su l'uscio; a prov ...
Scritto nel 1829
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8498 - Tipo: p

Colui che con fatiche e con patimenti, o anche solo dopo molto aspettare, ha conseguito un bene, se vede altri conseguire il medesimo con facilità e presto, in fatti non perde nulla di ciò che possiede, e nondimeno tal cosa è naturalmente odiosissima, perché nell'immaginativa il bene ottenuto scema a dismisura se diventa comune a chi per ottenerlo ha speso e penato poco o nulla. Perciò l'operaio ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8525 - Tipo: m

Sì come quando i primi raggi vibra là dove il suo fattor lo sangue sparse, cadendo Ibero sotto l'alta Libra, e l'onde in Gange da nona riarse, sì stava il sole; onde 'l giorno sen giva, come l'angel di Dio lieto ci apparse. Fuor de la fiamma stava in su la riva, e cantava 'Beati mundo corde!' in voce assai più che la nostra viva. Poscia «Più non si va, se pria non morde, anime san ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8630 - Tipo: p

Qual venne a Climenè, per accertarsi di ciò ch'avëa incontro a sé udito, quei ch'ancor fa li padri ai figli scarsi; tal era io, e tal era sentito e da Beatrice e da la santa lampa che pria per me avea mutato sito. Per che mia donna «Manda fuor la vampa del tuo disio», mi disse, «sì ch'ella esca segnata bene de la interna stampa: non perché nostra conoscenza cresca per tuo parlare ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8653 - Tipo: p

Sublime specchio di veraci detti, mostrami in corpo e in anima qual sono: capelli, or radi in fronte, or rossi pretti; lunga statura, e capo a terra prono; sottil persona in su due stinchi schietti; bianca pelle, occhi azzurri, aspetto buono; giusto naso, bel labbro, e denti eletti; pallido in volto, più che un re sul trono: or duro, acerbo, ora pieghevol, mite; irato sempre, e non m ...
Scritto nel 1786
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8521 - Tipo: p

Tacque ciò detto, e su l'enfiate labbia Gorgogliava un suon muto di vendetta, Un fremer sordo d'intestina rabbia. E le affollate intorno ombre, "vendetta" Gridar, "vendetta", e la commossa riva Inorridita replicò "vendetta". I torbid'occhi il crino a lui copriva; Fascio parea di vepri o di gramigna, Onde un'atra erompea luce furtiva; Come veggiamo il sol, se una sanguigna Nugola i ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8739 - Tipo: p

«O tu che se' di là dal fiume sacro», volgendo suo parlare a me per punta, che pur per taglio m'era paruto acro, ricominciò, seguendo sanza cunta, «dì, dì se questo è vero; a tanta accusa tua confession conviene esser congiunta». Era la mia virtù tanto confusa, che la voce si mosse, e pria si spense che da li organi suoi fosse dischiusa. Poco sofferse; poi disse: «Che pense? Rispo ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8634 - Tipo: p

«Vexilla regis prodeunt inferni verso di noi; però dinanzi mira», disse 'l maestro mio, «se tu 'l discerni». Come quando una grossa nebbia spira, o quando l'emisperio nostro annotta, par di lungi un molin che 'l vento gira, veder mi parve un tal dificio allotta; poi per lo vento mi ristrinsi retro al duca mio, ché non lì era altra grotta. Già era, e con paura il metto in metro, là ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8603 - Tipo: p

Mère des souvenirs, maitresse des maitresses, O toi, tous mes plaisirs ! o toi, tous mes devoirs ! Tu te rappelleras la beauté des caresses, La douceur du foyer et le charme des soirs, Mère des souvenirs, maitresse des maitresses ! Les soirs illuminés par l'ardeur du charbon, Et les soirs au balcon, voilés de vapeurs roses. Que ton sein m'était doux! que ton cÂœur m'était bon! Nous avon ...
Scritto nel 1856
On line da: lunedì 16 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8670 - Tipo: p

Tu nella torre avita, passero solitario, tenti la tua tastiera, come nel santuario monaca prigioniera l'organo, a fior di dita; che pallida, fugace, stupì tre note, chiuse nell'organo, tre sole, in un istante effuse, tre come tre parole ch'ella ha sepolte, in pace. Da un ermo santuario che sa di morto incenso nelle grandi arche vuote, di tra un silenzio immenso mandi le tue t ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8516 - Tipo: p

Settembre, teco io sia sul Loricino che fece blandi gli ozii del pretore: in sabbia quasi rosea fluisce scabra di rughe e sparsa di negrore come il palato del mio dolce veltro. Sorvolano le rondini quel vetro lieve cui godon rompere coi bianchi petti: una piuma cade e corre al mare. E di là dalle verdi canne i monti di Cori son cilestri come il mare. Forza del Lazio quanto sei soave ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8713 - Tipo: p

Souvent, pour s'amuser, les hommes d'équipage Prennent des albatros, vastes oiseaux des mers, Qui suivent, indolents compagnons de voyage, Le navire glissant sur les gouffres amers. A peine les ont-ils déposés sur les planches, Que ces rois de l'azur, maladroits et honteux, Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches Comme des avirons traîner à côté d'eux. Ce voyageur ailé, comm ...
Scritto nel 1859
On line da: sabato 28 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8677 - Tipo: p

Erano i capei d'oro a l'aura sparsi che 'n mille dolci nodi gli avvolgea, e 'l vago lume oltre misura ardea di quei begli occhi, ch'or ne son sì scarsi; e 'l viso di pietosi color farsi, non so se vero o falso, mi parea : i' che l'esca amorosa al petto avea, qual meraviglia se di subito arsi? Non era l'andar suo cosa mortale, ma d'angelica forma, e le parole sonavan altro che pur vo ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8538 - Tipo: p

Quel sol che pria d'amor mi scaldò 'l petto, di bella verità m'avea scoverto, provando e riprovando, il dolce aspetto; e io, per confessar corretto e certo me stesso, tanto quanto si convenne leva' il capo a proferer più erto; ma visione apparve che ritenne a sé me tanto stretto, per vedersi, che di mia confession non mi sovvenne. Quali per vetri trasparenti e tersi, o ver per acq ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8639 - Tipo: p

Viens-tu du ciel profond ou sors-tu de l'abîme, O Beauté ? ton regard, infernal et divin, Verse confusément le bienfait et le crime, Et l'on peut pour cela te comparer au vin. Tu contiens dans ton oeil le couchant et l'aurore; Tu répands des parfums comme un soir orageux; Tes baisers sont un philtre et ta bouche une amphore Qui font le héros lâche et l'enfant courageux. Sors-tu du gou ...
Scritto nel 1845
On line da: venerdì 15 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 8704 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2021 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World), Milky Way Galaxy ...

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...
Sopra...Sopra...