il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Autori: Giacomo Leopardi

 
 

Autori: Giacomo Leopardi

 
Giacomo Leopardi

ID Autore: 2332

Iscrizione: mercoledì 9 giugno 2010

 

Biografia

Per la biografia di Giacomo Leopardi, clicca qui: Giacomo Leopardi

 

_

 
 

Le Poesie di: Giacomo Leopardi

All'Italia
O patria mia, vedo le mura e gli archi e le colonne e i simulacri e l'erme torri degli avi nostri, ma la gloria non vedo, non vedo il lauro e il ferro ond'eran carchi i nostri padri antichi. Or fatta inerme, nuda la fronte e nudo il petto mostri. Oimè quante ferite, che lividor, che sangue! oh qual ti veggio, formosissima donna! Io chiedo al cielo e al mondo: dite dite; chi la ridusse ...
Cod: 8568 - On line dal: venerdì 4 gennaio 2008 - Ultima modifica: venerdì 4 gennaio 2008

La sera del dì di festa
Dolce e chiara è la notte e senza vento, e queta sovra i tetti e in mezzo agli orti posa la luna, e di lontan rivela serena ogni montagna. O donna mia, g ià tace ogni sentiero, e pei balconi rara traluce la notturna lampa: tu dormi, che t'accolse agevol sonno nelle tue chete stanze; e non ti morde cura nessuna; e già non sai nè pensi quanta piaga m'apristi in mezzo al petto. Tu dormi: i ...
Cod: 8518 - On line dal: venerdì 28 settembre 2007 - Ultima modifica: venerdì 28 settembre 2007

Imitazione
Lungi dal proprio ramo, povera foglia frale, dove vai tu? Dal faggio l à dov'io nacqui, mi divise il vento. Esso, tornando, a volo dal bosco alla campagna, dalla valle mi porta alla montagna. Seco perpetuamente vo pellegrina, e tutto l'altro ignoro. Vo dove ogni altra cosa, dove naturalmente va la foglia di rosa, e la foglia d'alloro. ...
Cod: 8499 - On line dal: giovedì 20 settembre 2007 - Ultima modifica: giovedì 20 settembre 2007

A Silvia
Silvia, rimembri ancora quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi? Sonavan le quiete stanze, e le vie dintorno, al tuo perpetuo canto, allor che all'opre femminili intenta sedevi, assai contenta di quel vago avvenir che in mente avevi. Era il maggio odoroso: e tu solevi così m ...
Cod: 8492 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

Alla luna
O graziosa luna, io mi rammento che, or volge l'anno, sovra questo colle io venia pien d'angoscia a rimirarti: e tu pendevi allor su quella selva siccome or fai, che tutta la rischiari. Ma nebuloso e tremulo dal pianto che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci il tuo volto apparia, che travagliosa era mia vita: ed è, nè cangia stile o mia diletta luna. E pur mi giova la ricordanza, e il n ...
Cod: 8493 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

L'infinito
Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte de l'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminato spazio di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvie ...
Cod: 8494 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

Il passero solitario
D'in su la vetta della torre antica, passero solitario, alla campagna cantando vai finché non more il giorno; ed erra l'armonia per questa valle. Primavera dintorno brilla nell'aria, e per li campi esulta, sì ch'a mirarla intenerisce il core. Odi greggi belar, muggire armenti; gli altri augelli contenti, a gara insieme per lo libero ciel fan mille giri, pur festeggiando il lor ...
Cod: 8495 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

Alla sua donna
Cara beltà che amore lunge m'inspiri o nascondendo il viso, fuor se nel sonno il core ombra diva mi scuoti, o ne' campi ove splenda p iù vago il giorno e di natura il riso; forse tu l'innocente secol beasti che dall'oro ha nome, or leve intra la gente anima voli? o te la sorte avara c h'a noi t'asconde, agli avvenir prepara? Viva mirarti omai nulla spene m'avanza; s 'allor non fos ...
Cod: 8496 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

Il sabato del villaggio
La donzelletta vien dalla campagna, in sul calar del sole, col suo fascio dell'erba; e reca in mano un mazzolin di rose e di viole, onde, siccome suole, ornare ella si appresta dimani, al dì di festa, il petto e il crine. Siede con le vicine su la scala a filar la vecchierella, incontro là dove si perde il giorno; e novellando vien del suo buon tempo, quando ai dì della fest ...
Cod: 8497 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

La quiete dopo la tempesta
Passata è la tempesta: odo augelli far festa, e la gallina, tornata in su la via, che ripete il suo verso. Ecco il sereno rompe là da ponente, alla montagna; sgombrasi la campagna, e chiaro nella valle il fiume appare. Ogni cor si rallegra, in ogni lato risorge il romorio torna il lavoro usato. L'artigiano a mirar l'umido cielo, con l'opra in man, cantando, fassi in su l'uscio; a prov ...
Cod: 8498 - On line dal: lunedì 17 settembre 2007 - Ultima modifica: lunedì 17 settembre 2007

I MiniRacconti di: Giacomo Leopardi

Le Massime di: Giacomo Leopardi

Pensieri (VI)
La morte non è male: perché libera l'uomo da tutti i mali, e insieme coi beni gli toglie i desiderii. La vecchiezza è male sommo: perché priva l'uomo di tutti i piaceri, lasciandogliene gli appetiti; e porta seco tutti i dolori. Nondimeno gli uomini temono la morte, e desiderano la vecchiezza. ...
Cod: 8524 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (XII)
Colui che con fatiche e con patimenti, o anche solo dopo molto aspettare, ha conseguito un bene, se vede altri conseguire il medesimo con facilità e presto, in fatti non perde nulla di ciò che possiede, e nondimeno tal cosa è naturalmente odiosissima, perché nell'immaginativa il bene ottenuto scema a dismisura se diventa comune a chi per ottenerlo ha speso e penato poco o nulla. Perciò l'operaio ...
Cod: 8525 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (XVII)
Come le prigioni e le galere sono piene di genti, a dir loro, innocentissime, così gli uffizi pubblici e le dignità d'ogni sorte non sono tenute se non da persone chiamate e costrette a ciò loro mal grado. È quasi impossibile trovare alcuno che confessi di avere o meritato pene che soffra, o cercato né desiderato onori che goda: ma forse meno possibile questo, che quello. ...
Cod: 8526 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (XXVII)
Nessun maggior segno d'essere poco filosofo e poco savio, che volere savia e filosofica tutta la vita. ...
Cod: 8527 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (XXVIII)
Il genere umano e, dal solo individuo in fuori, qualunque minima porzione di esso, si divide in due parti: gli uni usano prepotenza, e gli altri la soffrono. Né legge né forza alcuna, né progresso di filosofia né di civiltà potendo impedire che uomo nato o da nascere non sia o degli uni o degli altri, resta che chi può eleggere, elegga. Vero è che non tutti possono, né sempre. ...
Cod: 8528 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (XLVII)
L'uomo è condannato o a consumare la gioventù senza proposito, la quale è il solo tempo di far frutto per l'età che viene, e di provvedere al proprio stato, o a spenderla in procacciare godimenti a quella parte della sua vita, nella quale egli non sarà più atto a godere. ...
Cod: 8529 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (LXXVI)
Nulla è più raro al mondo, che una persona abitualmente sopportabile. ...
Cod: 8530 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (LXXXVII)
Chi viaggia molto, ha questo vantaggio dagli altri, che i soggetti delle sue rimembranze presto divengono remoti; di maniera che esse acquistano in breve quel vago e quel poetico, che negli altri non è dato loro se non dal tempo. Chi non ha viaggiato punto, ha questo svantaggio, che tutte le sue rimembranze sono di cose in qualche parte presenti, poiché presenti sono i luoghi ai quali ogni sua me ...
Cod: 8531 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (CV)
L'astuzia, la quale appartiene all'ingegno, è usata moltissime volte per supplire la scarsità di esso ingegno, e per vincere maggior copia del medesimo in altri. ...
Cod: 8532 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (CIX)
L'uomo è quasi sempre tanto malvagio quanto gli bisogna. Se si conduce dirittamente, si può giudicare che la malvagità non gli è necessaria. Ho visto persone di costumi dolcissimi, innocentissimi, commettere azioni delle più atroci, per fuggire qualche danno grave, non evitabile in altra guisa. ...
Cod: 8533 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Pensieri (CX)
È curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto, hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore. ...
Cod: 8534 - On line dal: martedì 16 ottobre 2007 - Ultima modifica: martedì 16 ottobre 2007

Le Canzoni di: Giacomo Leopardi

Gli Articoli di: Giacomo Leopardi

Gli Annunci di: Giacomo Leopardi

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...