il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
Abbasso le tasse!...
Dona!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Sento l'aura mia anticha... (Canzoniere - CCCXX) - Francesco Petrarca

 
 

Le poesie di Francesco Petrarca: Sento l'aura mia anticha... (Canzoniere - CCCXX)

 
Francesco Petrarca

ID Autore: 2339
ID Testo: 8564

Testo online da sabato 3 novembre 2007

Ultima modifica del sabato 3 novembre 2007
Scritto nel 13??

 

Sento l'aura mia anticha... (Canzoniere - CCCXX)

Sento l'aura mia anticha, e i dolci colli
veggio apparire, onde 'l bel lume nacque
che tenne gli occhi mei mentr'al ciel piacque
bramosi et lieti, or li tèn tristi et molli.

O caduche speranze, o penser' folli!
Vedove l'erbe et torbide son l'acque,
et vòto et freddo 'l nido in ch'ella giacque,
nel qual io vivo, et morto giacer volli,

sperando alfin da le soavi piante
et da begli occhi suoi, che 'l cor m'ànn'arso,
riposo alcun de le fatiche tante.

O' servito a signor crudele et scarso:
ch'arsi quanto 'l mio foco ebbi davante,
or vo piangendo il suo cenere sparso.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Francesco Petrarca: Sento l'aura mia anticha... (Canzoniere - CCCXX)

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...