il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Son nato fragile, come senza pelle ed a volte ero di una fragilità così assurda che nessuno la poteva capire bastava un alito di vento un pò più forte del normale a farmi stare male, a farmi soffrire Forse per questo mi piace guardare la realtà della vita come dal di fuori esserne parte per me significava stare male e continuavo a vedere gente che stava molto meglio di me e che invece si ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 20 giugno 2020
Stato: 1 Cod: 8902 - Tipo: p

Duecento milioni di donne infibulate perchè non le si vuole libere d'amare cento milioni di ciechi sanabili che quasi nessuno si preoccupa d'aiutare e da cinquemila anni almeno neanche un minuto senza una guerra è questa la tristissima realtà del pianeta terra... E gente che viene sfruttata senza pietà perchè siam tutti pieni d'egoismo inutile sperare cambi presto la situazione eppure a v ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8899 - Tipo: p

Tu, infelice virus assassino, hai organizzato il tuo cammino, e hai seminato il tuo veleno distrugendo tante anime innocenti di tutto il mondo. Noi, ti sapremo far sparire perchè da solo non sei capace a grogredire. Il nostro veleno è più forte del tuo. Morirai quando mai te lo aspetterai. ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 5 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8889 - Tipo: p

Espressione e specchio dell'anima i tuoi occhi sinceri cercano i miei, mentre il tuo sorriso mi sfiora dentro... i tuoi occhi pieni di noi sanno di me, profumo di nuvole rosa nell'azzurro inseguendo la scia di un aquilone... i tuoi occhi da favola, sospesi tra il senso e l'idea di noi dove tutto è da cogliere, cogliere sul fatto... i tuoi occhi profondi come il mare, dove posso immerger ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 1 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8888 - Tipo: p

Paurosi e silenti momenti tolgono la forza al nostro sorriso. Con un cuore dolente e confuso speriamo di non essere perdenti Purtroppo,la poca forza non aiuta crediamo nel vero aiuto di Dio speriamo che non sia l'ultimo addio che la pace e la salute sia benvenuta Ogni strada deserta, è un cuore vuoto è un fiume che non scorre e si arena l'ultima goccia riposa silente e serena nessun an ...
Scritto nel 2020
On line da: domenica 5 aprile 2020
Stato: 1 Cod: 8886 - Tipo: p

Torna la primavera col mandorlo fiorito la frescura della sera dolcemente ho goduto Tutti i campi sono in fiore con il mare smeraldino c'è spontaneo ogni colore nello spazio del giardino Ogni uccello è contento e nidifica il suo nido del buon tempo io mi fido anche quando vola il vento Sopra l'ombra dei viali splende un sole cocente il suo caldo mai mente e ti salva dei brutt ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 17 marzo 2020
Stato: 1 Cod: 8885 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Si svegliò stiracchiata nel cielo una notte deforme grassa di blu cobalto con striature nero pece che slordavano d'immanenza le frasche tenere del castagno fino a calarsi lente come acquattate fiere a straziare i tremuli spaventati fili d'erba. Solo un grillo impavido cantava impettito su uno stelo davanti all'intensa tenebra, finchè una grassa palla sfacciata di luce riflessa co ...
Scritto nel 2009
On line da: sabato 14 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2543 - Tipo: p

La vita non ti dona sempre ciò che fantastichi da piccino nel tempo in cui ti leggono fiabe, e tu cucciolo disteso sul grembo dei tuoi cari, vaghi con l'immaginazione su come diverrai e cosa realizzerai. Non sempre la felicità si cela dietro l'angolo come si racconta, devi perseverare ed avere molta forza per non farti inghiottire dalla grande vorace che la stessa ti mette in agguato. Non sempr ...
Scritto nel 2005
On line da: lunedì 2 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2642 - Tipo: m

Sono un cubano vero, nella mente e nel cuore. Gerardo è il nome mio, che spesso nell'America del Nord portano pure gli immigrati dall'Italia. Non ce la faccio più, a camminare in lungo e in largo, fiutando fuori della cella l'odore aspro del mare. Voglio e debbo ritornare: aiutatemi a farlo, combattete per me, per noi cinque, per Cuba. Ma intanto il giudice yankee la libertà mi ruba ...
Scritto nel 2011
On line da: mercoledì 23 novembre 2011
Stato: 1 Cod: 5557 - Tipo: p

Chiuso a chiave ho il mio sorriso... abbandonato nella via... tra coltre di pensieri... nascosti nella nebbia... Affidato al vento queste mie parole... escon dal cuore... recan in volo... come angeli frustrati... il mio bisogno di te... Che possa la magia di questa notte... nel suo manto... luminoso tra le stelle... accarezzato dalla luna... far giungere... la mia voce... nel tuo ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 19 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4285 - Tipo: p

Ogni giorno passava davanti alla vetrina del negozio di giocattoli, non sapeva aspettare, rimandava sempre a domani, il giorno del suo compleanno si avvicinava ma Cristina, vestita con un bellissimo vestito a fiorellini, non se ne rendeva conto più di tanto, sapeva solo che ogni giorno che passava si avvicinava. Era una bambola bellissima con un grembiulino colorato posta in vetrina su uno sfond ...
Scritto nel 2007
On line da: martedì 1 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 678 - Tipo: r

La società è solo un branco di pecore, allineate ed in fila; un sistema putrefatto, che sfrutta la gente, e ci vuole stupidi, ignoranti e incolti; e il peggiore và avanti, e prevale il cretino, il più scemo, il becerismo, la volgarità, i peggiori stanno a galla, e vanno avanti comunque, e per i buoni è dura sopravvivere; in un mondo pazzo e demenziale, una società meschina e corr ...
Scritto nel 2015
On line da: sabato 7 novembre 2015
Stato: 1 Cod: 8174 - Tipo: p

Le palpebre sfavillano nella penombra del lusinghiero pensiero reale, all'ombra la luce della vita, essa fugge strisciando silenziosamente nel silenzioso clamore della falsa ricchezza, formicolio di vita che scende e sale giù per le infernali scale, abbagliati dal luccichio delle piccole lucciole addobbate in gran mostra in enorme vetrine di falso cristallo, nell'insieme di ...
Scritto nel 2013
On line da: martedì 12 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8081 - Tipo: p

Descrivere di te a cielo aperto con mani a circondare nell'abbraccio il tuo respiro nell'atto che precede un bacio... Nascere fai il sole e fiorir prati infiniti mentre campane a festa il trambusto dei cuori nella felicità di unirsi.. Nel lievitar la voglia e la dolcezza sui nostri corpi affamati e in quel bisogno che stringe e prorompente scatena mare di tempesta... A ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 22 maggio 2011
Stato: 1 Cod: 5186 - Tipo: p

Tenero si sfoglia quest'incarnato di gracili ore Nello spasmo ocraceo di un refolo in frantumi Forse sa il confine arrossato L'invariato turbinio Della ruvida attesa di foglie antiche Che l'animo m'abbatte sui selciati Lastricati di piogge calcinate E lo sparso scricchiolio Che ancora arranca sotto il piede indelicato Come amara delizia fra pezzi di grida Ciarliere sono le ossa dei ...
Scritto nel 2000
On line da: mercoledì 29 luglio 2009
Stato: 1 Cod: 3372 - Tipo: p

Un'altra pagina chiusa in un libro ormai ingiallito dal tempo e dalle lacrime che nella notte scorrevano piano piano fino a scivolare sulle pagine che non avevo saputo leggere ormai è troppo tardi per imparare a scrivere troppo tardi per imparare a leggere troppo presto per morire anche se si può morire cento mille volte si muore dentro nell'anima nel cuore e poi aspetti che ci ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 19 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6061 - Tipo: p

Oh lode a tutti gli angeli che chi ha la fortuna di averli riempie la vita di coriandoli, con le ali volano e la tua vita addolciscono e il dolore molto spesso affievoliscono, il cuore fanno risplendere e a volte possono sorprendere, cos'e questa preoccupazione? fonte di delusione? sarnno questi sentimenti insopportabili che mi squarciano il petto, purezza inalienabile, ho tr ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 25 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 484 - Tipo: p

Nel respiro dell'inverno un sibilo d'azzurro mi vestì d'estate! Era cielo? O le tue iridi in volo verso i miei sempre verdi pascoli? ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 25 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5071 - Tipo: p

Girelliamo nella notte, testa a testa, lo sguardo nello sguardo, si chiacchiera delle Teste d'angelo che fanno il diavolo a quattro nel témenos, per renderci immortali, immorali, veltri dagli arti alati, antropofagi alienati, teoreti arcani; ma ci accorgiamo presto di aver perso il passo e di quant'è scialba la luna all'aurora, questa scialba luce che ci oscura, che travalica quest'occh ...
Scritto nel 2013
On line da: lunedì 26 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7637 - Tipo: p

Perdonami se ti ho fatto del male. forse ho peccato nei tuoi confronti? E non me ne sono accorto. Se cosi fosse, sappi, che ti ho voluto e ti voglio ancora bene. Che dei nostri cuori, ne facciamo un cuore, e che conserverà un vivente ricordo, che mai muore. Anche quando, lasceremo questo mondo, per andare al cielo, se Dio ci vuole. Speriamo. Sei l'unico amore, di cui ho gi ...
Scritto nel 2013
On line da: giovedì 10 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7107 - Tipo: p

L'amore quello più bello, il più splendido, il più onesto e sincero, quello che incanta... che riesce ad imbambolare tutto il nostro essere sconvolgendolo completamente, è senza ombra di dubbio quello che sa risvegliare la nostra anima dal suo poltrire, dal suo letargo, dal suo mesto perire. È proprio quello l'amore che ci fa desiderare di andare lontano, che ci da la spinta per provare ad arri ...
Scritto nel 2016
On line da: sabato 5 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 8291 - Tipo: m

Mi distruggi l'anima e poi ti scomodi per venirmi incontro ma resta poco tempo per accarezzarmi, sono già andato via, la tenerezza si confonde e il sereno non può esistere nel nostro mondo, accuso te per non avermi ucciso in riva al mare, con quella pietra avresti spaccato la mia testa e la pazzia sarebbe volata via ed io con lei, solo e lontano verso il paradiso che non esiste, spesso ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 21 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 4705 - Tipo: p

Se si potesse viaggiare per le epoche con una macchina del tempo e certezze poche, si visiterebbero periodi e popolazioni diverse ma anche sentimenti contrastanti, amori di colui che sofferse, battaglie cruente tra uomini di fede e ideali opposti onore e libertà da dividere con due eserciti contrapposti, la vita si spegneva molte volte tramite la decisione di un comandante con lo spirito dei so ...
Scritto nel 2007
On line da: domenica 21 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 456 - Tipo: r

Perché l'odore della morte ci sta sempre intorno sempre addosso... ballando il suo macabro girotondo pronta ad annullare quando la felicità è infinita il suo odore pronto a confondere i profumi della vita. come un cavaliere dalla rigida armatura ma dal cuore lieve dolce e leggero semplice e sincero che sempre cavalca il suo cavallo tra gioie, dolori, adrenalina e sballo che lo cura, l ...
Scritto nel 2011
On line da: sabato 29 ottobre 2011
Stato: 1 Cod: 5480 - Tipo: p

Tu, che sei amore Incanti gli occhi miei Stella di un cielo senza nubi Incedi e col sorriso nel tempo capriccioso degli addii marchiato hai sulla pelle il profumo del desiderio... Scavato con le parole nel buio di un'anima che incredula ancora per te donarsi vuole... Rosa fiorir fai al tuo passaggio Rosso il mio cuore nelle tue carezze trova dolce il tepore... Tu, che sei amor ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 20 dicembre 2010
Stato: 1 Cod: 4832 - Tipo: p

Attraversava il campo della notte tutte le notti, come un personaggio fantastico nell'ombra delle stelle tra l'erba amara e il fumido paesaggio. Lo sguardo un po' sommesso, sempre fisso sul passo claudicante come avesse timore di cadere in ogni istante dal buio nell'abisso della mente. Nel velo della nebbia si frangeva fra i peschi inumiditi dalla brina e in ogni perla d'acqua rispe ...
Scritto nel 2015
On line da: lunedì 18 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8105 - Tipo: p

Tornare a ritroso nel tempo, guardarsi fanciullo come te quando giochi al computer con personaggi fantastici elaborati per internet avidamente gustando patatine e pop corn comperate in sacchetti policromi al supermercato. Ammirare gli alberi fioriti in una sfavillante primavera dietro la casa di campagna, il cane che abbaia a squarciagola a un gatto imperterrito,immobile, come la ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 27 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6681 - Tipo: p

Voglio vagabondare su un prato al sole incedere.. su un tappeto di sogni per emozionare intenzioni silenti.. Il viso a cercar luce da raggi ..per non spezzare l'incanto... Ho voglia d'amare... l'aria che solletica, che smuove capelli come carezza e il suo fiato caldo nel sogno come labbra sul collo tenere di baci... ho voglia d'amare un pensiero che vibra nel cuore ma che fugace ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 7 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 848 - Tipo: p

L'amore è follia, è quella bugia detta per passare la notte con la tua ragazza, è quel bambino troppo insicuro di se, perso nel buio che sente in cuore. l'amore è illusione, pura apparenza, un sogno pronto a volarti via dalle mani, un abbraccio pronto a svanire. l'amore è utopia, desiderio che piano svanisce nella troppa fretta, nel caos della notte, nella luce dei pensieri. l'amore è ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 25 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 482 - Tipo: p

Soffoca la tristezza dentro il petto ogni barlume di speranza. Amore assente, non puoi più spegnere il mio pianto. Adesso intorpidisci gli occhi nel nulla adesso travasi ogni pensiero. Vuoto che brucia l'anima Che ha fermato il tempo Che ha smarrito il luogo Dove il sole struggente volò via dal petto. Il mio cuore tace. Rintocchi di dolore che le viscere torcono che le labbra intrid ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 18 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5044 - Tipo: p

Muri, che appena visti, senti di averli sempre vissuti. Dove vorresti passare giorni, minuti, anni. Che non sanno che siano gli inganni, i misteri. Tra cui filtrano, leggeri, i raggi di un sole pulito. Muri aperti alla terra che, tra le sue verdi braccia, li serra, come madre affettuosa. Muri affacciati sulla valle ridente dei frutti aranciati che danno l'oblio. È tra di voi c ...
Scritto nel 2006
On line da: lunedì 30 novembre 2009
Stato: 1 Cod: 3674 - Tipo: p

L'eterno mi travolge liberandomi dall'inganno del sogno terreno. Unica realtà è l'amore che sempre più mi sorprende stravolgendomi e guarendomi da ogni dolore. Svanisco a me stesso per ritrovarmi straripante di gioie sconfinate. Niente esiste, solo beatitudini sottili e profonde che prendono il posto degli immaginari desideri e mi lascio andare all'estasi che mi riporta a Casa ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 30 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5387 - Tipo: p

La gretta birbetta cervello di piva giocava nel verde schiumando saliva. Saliva sul podio gridando giuliva: "M'uccido, m'ammazzo!", ma sempre era viva. Cantava birbetta di rose, di fiori, promesse di giochi dai dubbi valori e mentre inseguiva farfalle a colori strappava nell'ombra legami ed amori. "Sta buona birbetta, così non si fa!" (un falco dall'alto l'aveva scoperta) ...
Scritto nel 2009
On line da: domenica 23 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 7012 - Tipo: p

Sopra quel verde prato dalla rugiada umettato una foglia rossastra langue rigata da una lacrima esangue. Innumerevoli cristalline gocce lucenti brillano al poco sole danzano su corolle di viole poi scorrono giù lo stelo del fiore Mucchi di foglie morte bagnate paion miraggio di dune pittate la natura sopita nella nebbia sfuma la bruma della sera cala come una piuma. ...
Scritto nel 2009
On line da: sabato 31 ottobre 2009
Stato: 1 Cod: 3565 - Tipo: p

Odiose le parole, abitano l'etere, occupano tonnellate di cellulosa; se le ascolti, se le leggi, non hanno mai un senso solo. Le parole esprimono concetti, eppure, da sole, non valgono nulla. Nemmeno quando sei tu a scrivere o a parlare; le parole non contrastano il proprio destino, rimangono tali, anonime, per sempre. Le azioni invece lasciano un segno, non confondono la loro esistenza con qu ...
Scritto nel 2006
On line da: venerdì 15 settembre 2006
Stato: 1 Cod: 64 - Tipo: r

Beata te, falena, che alla pena del cuore bruci l'anima e all'istante ritorni nel respiro dell'immenso ignara che il tuo tutto vale niente. ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 25 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6850 - Tipo: p

Poemetto micron, con qualche parola alla rinfusa, con qualche concetto, un po' serio, un po' faceto; per ridere un po', e mandare via la tristezza, e la bruttura del mondo. ...
Scritto nel 2014
On line da: mercoledì 22 gennaio 2014
Stato: 1 Cod: 7825 - Tipo: p

Poche gocce di pioggia una bava di vento qualche nuvola in cielo ed è già autunno. ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 22 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 459 - Tipo: p

Vagheggiare con la speranza, un'aspettativa venuta meno. Ho fame di te. Un'utopia ora che si sta allontanando. L'empireo osservo e penso. Ti vedo mio Signore. L'empio, il nefando, il profano voglio distanziare d ame perchè il loro pensare non possa mai influire sulla mia devozione, sul mio credo. L'inferno in cui vivono qui ora, non l'ho voglio nemmeno affiorare. Voglio andare incontro a ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 18 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 5312 - Tipo: p

Il campo di neve brillava come se fosse d'argento perché la dolcezza di un mattino di primavera, che aveva perso la strada per il paese del sogno ed era rimasta imprigionata in esso, si era vestita della luce di un raggio di sole per riscaldarsi fino alla primavera successiva. ...
Scritto nel 1995
On line da: giovedì 10 aprile 2008
Stato: 1 Cod: 1070 - Tipo: r

A dorso nudo il pescatore sulla riva del fiume stà, mira la balsa d'oro dipinta galleggiar sulle azzurre acque, sapientemente vibra la canna che al minimo tocco alza, mira e sogna che al fato abbocchi, e al curvar della canna la sapiente maestria alzi al cesto il buon pesce. ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 15 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1212 - Tipo: p

è mattino, all'orizzonte in uno scorcio si mostra maestoso, perfetto in tutto il suo emiciclo nello sfondo madamigelle tenui tonalità di azzurro sorelle maggiori nubi grigie, nubi blu, giocano combinandosi di rosa sovrano l'Arcobaleno --- campagna veneta - settembre 2006 ...
Scritto nel 2006
On line da: martedì 13 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2287 - Tipo: p

Lo so, hai ragione, non ho protezione e vanno mascherate le intenzioni, i battiti del cuore, le emozioni, mentre io sono come una bambina che quando non va giù ributto fuori l'amaro che mi scende nei pensieri. Bisogna essere falsi, arrampicarsi tra specchi e spicchi come quella luna, arruffianarsi i cuori con l'inganno, solo così hai una corte per cui basta lo schiocco delle dita e se ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 2 settembre 2012
Stato: 1 Cod: 6373 - Tipo: p

Se per te non esisto esisti tu per me. Esiste una luce che s'irradia in un sentimento che mi fa toccare il cielo con un dito. Esiste l'eternità. dove la felicità trova il suo rifugio. Esiste l'amore che va al di là dell'amore, la coerenza e la costanza d'un bene che non ha fine e che vive e sogna e vive ancora, per dare vita a questa esistenza che ci appartiene. Esiste il giorno c ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 28 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 585 - Tipo: p

Non vorrei davvero essere dove ora sono perché qui per me c'è solo il rumore del tuono troppo spesso mi stordisce il suo pesante suono ogni volta la sua forza con violenza mi colpisce e di nuovo la mia anima perde la sua pace e ancora una volta si avvilisce qui per me non c'è mai il sole troppo poco amore... fin troppo dolore vorrei essere in un altro posto forse lì sarei meno debole e un ...
Scritto nel 2016
On line da: sabato 28 maggio 2016
Stato: 1 Cod: 8361 - Tipo: p

Cinque giorni a Natale, non va bene, non va male, cinque giorni a Natale, e tutto questo cielo mi sembra così lontano da questo monolocale. Cinque giorni a Natale, non piove da un po', dovrei passare per venirti a trovare, ma è come un grande mare da attraversare. Qui fuori va tutto per il suo verso, discorsi senza senso, vita, politica, famiglia, tutto sembra controverso. Cinqu ...
Scritto nel 2015
On line da: mercoledì 3 febbraio 2016
Stato: 1 Cod: 8236 - Tipo: p

Ascoltando la voce del silenzio... si può imparare ad ascoltare gli altri... anche quelli che non hanno voce. ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 22 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 4504 - Tipo: m

Vola il mio pensiero, Verso una terra lontana, Tanto amata dagli emigranti Italiani. Terra del canguro e del koala, Un altro mondo, Un'altra Italia, Tanto grande è: l'Australia. Amore gioia di vivere e una casa, Ha dato all'emigrato. Giunga a Te mia compagna diletta E Ti affretta con amore A prepararti per il ritorno, Dopo tanti felici giorni Passati con gran gioia Vicino ai t ...
Scritto nel 2000
On line da: mercoledì 23 novembre 2011
Stato: 1 Cod: 5553 - Tipo: p

Non è mai tardi per l'amore... perdersi nel profilo di mani che con un dito disegnano sul tuo corpo l'infinito... Sciogliere capelli al vento... lasciarsi fiduciosa trasportare in una fiaba... Correre a perdifiato e quel nome ...ripetuto... ed il suo viso impresso nei ricordi... Sorrisi spenti persi su nuvole cariche di lacrime e poi... il sole... frizzante e caldo... nel briv ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 10 aprile 2010
Stato: 1 Cod: 4062 - Tipo: p

La mia piccola Roberta si è diplomata, da quando ha incominciato, piccolissima, la danza a frequentare nella preparata scuola "ruskaja". Dodici gli anni trascorsi in balletti e danze, come bocciolo profumato del giardino sbocciato è da "ruskaja" questa ballerina come fiore di vita alla danza preparata. È fine corso è annunciata, viene con voce gioiosa la diplomanda "Roberta Alviano" la ballerina ...
Scritto nel 2002
On line da: venerdì 8 maggio 2009
Stato: 1 Cod: 3013 - Tipo: r

Io prigioniera d'un sentimento buio e di pensieri spenti d'amore. Smarrita e vagabonda cammino fra spine di crudeltà in questa valle di silenzi. Nuda sento l'anima incapace di reagire a questa tempesta di incertezze. Indebolita e fragile di speranze, soffoca il mio spirito in questo corpo magro senza fine. Cuore mio! Batti ancora per poter sentire un sospiro in più. ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 15 aprile 2012
Stato: 1 Cod: 5829 - Tipo: p

A risate beffarde si mescola l'odore della vita, a parole bugiarde. Tali son gli spassi e il diletto degli umani, come se da essi dipendesse ognuno, perché potesse sopravvivere. E che sapore disgustoso: gl'incontrollabili inganni, che inquinano amicizie! Quasi non resta che assuefarsi a quest'unico scopo dell'essere. A queste delusioni che dolorano, ti spengono, ti gelano ...
Scritto nel 2001
On line da: giovedì 24 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7219 - Tipo: p

È nella notte che si accumulano i pensieri... venature trasparenti di lamenti... che lievi sgorgano dal cuore... Son ferite che ti porti dentro... regalandoti malinconie... mentre lucidi appaion i tuoi occhi... Sono stelle di un firmamento... a cui la luna regalato ha la sua luce... Viaggiono e scorrono... come treni in corsa... e nel sereno di un giorno qualunque... velocemente arriv ...
Scritto nel 2010
On line da: mercoledì 17 marzo 2010
Stato: 1 Cod: 3990 - Tipo: p

Sparisci tu dal mio mondo, dall'inferno da te creato da tutto ciò che ti assomigli sfuggi dalla luce lunare dalle lacrime del cuore sparisci per sempre dai muri della frenetica città. lei che amor non dà di notte cammina per la stanza i piedi nudi toccano il suolo le sue mani stringono quel peluche nei suoi occhi neanche un accenno di malinconia dai suoi pensieri non traspare amore. lei che amo ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 31 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 809 - Tipo: r

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l'incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato. Bene non seppi, fuori del prodigio che schiude la divina Indifferenza: era la statua nella sonnolenza del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8892 - Tipo: p

Cigola la carrucola del pozzo, l'acqua sale alla luce e vi si fonde. Trema un ricordo nel ricolmo secchio, nel puro cerchio un'immagine ride. Accosto il volto ad evanescenti labbri: si deforma il passato, si fa vecchio, appartiene ad un altro... Ah che già stride la ruota, ti ridona all'atro fondo, visione, una distanza ci divide. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8895 - Tipo: p

Era il tramonto: ai garruli trastulli erano intenti, nella pace d'oro dell'ombroso viale, i due fanciulli. Nel gioco, serio al pari d'un lavoro, corsero a un tratto, con stupor de' tigli, tra lor parole grandi più di loro. A sé videro nuovi occhi, cipigli non più veduti, e l'uno e l'altro, esangue, ne' tenui diti si trovò gli artigli, e in cuore un'acre bramosia di sangue, e lo v ...
Scritto nel 1904
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8514 - Tipo: p

Sublime specchio di veraci detti, mostrami in corpo e in anima qual sono: capelli, or radi in fronte, or rossi pretti; lunga statura, e capo a terra prono; sottil persona in su due stinchi schietti; bianca pelle, occhi azzurri, aspetto buono; giusto naso, bel labbro, e denti eletti; pallido in volto, più che un re sul trono: or duro, acerbo, ora pieghevol, mite; irato sempre, e non m ...
Scritto nel 1786
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8521 - Tipo: p

La morte non è male: perché libera l'uomo da tutti i mali, e insieme coi beni gli toglie i desiderii. La vecchiezza è male sommo: perché priva l'uomo di tutti i piaceri, lasciandogliene gli appetiti; e porta seco tutti i dolori. Nondimeno gli uomini temono la morte, e desiderano la vecchiezza. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8524 - Tipo: m

Io dico, seguitando, ch'assai prima che noi fossimo al piè de l'alta torre, li occhi nostri n'andar suso a la cima per due fiammette che i vedemmo porre, e un'altra da lungi render cenno, tanto ch'a pena il potea l'occhio tòrre. E io mi volsi al mar di tutto 'l senno; dissi: «Questo che dice? e che risponde quell' altro foco? e chi son quei che 'l fenno?». Ed elli a me: «Su per le ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8577 - Tipo: p

Parea dinanzi a me con l'ali aperte la bella image che nel dolce frui liete facevan l'anime conserte; parea ciascuna rubinetto in cui raggio di sole ardesse sì acceso, che ne' miei occhi rifrangesse lui. E quel che mi convien ritrar testeso, non portò voce mai, né scrisse incostro, né fu per fantasia già mai compreso; ch'io vidi e anche udi' parlar lo rostro, e sonar ne la voce e ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8655 - Tipo: p

Ora cen porta l'un de' duri margini; e 'l fummo del ruscel di sopra aduggia, sì che dal foco salva l'acqua e li argini. Quali Fiamminghi tra Guizzante e Bruggia, temendo 'l fiotto che 'nver' lor s'avventa, fanno lo schermo perché 'l mar si fuggia; e quali Padoan lungo la Brenta, per difender lor ville e lor castelli, anzi che Carentana il caldo senta: a tale imagine eran fatti quel ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8584 - Tipo: p

Altissimu, onnipotente bon Signore, Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione. Ad Te solo, Altissimo, se konfano, et nullu homo ene dignu te mentovare. Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate Sole, lo qual è iorna, et allumeni noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de Te, Altissimo, porta significatione. ...
Scritto nel 1224
On line da: lunedì 7 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8569 - Tipo: p

Nel campo mezzo grigio e mezzo nero resta un aratro senza buoi, che pare dimenticato, tra il vapor leggero. E cadenzato dalla gora viene lo sciabordare delle lavandare con tonfi spessi e lunghe cantilene: Il vento soffia e nevica la frasca, e tu non torni ancora al tuo paese! Quando partisti, come son rimasta! Come l'aratro in mezzo alla maggese. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8507 - Tipo: p

Al tornar de la mente, che si chiuse dinanzi a la pietà d'i due cognati, che di trestizia tutto mi confuse, novi tormenti e novi tormentati mi veggio intorno, come ch'io mi mova e ch'io mi volga, e come che io guati. Io sono al terzo cerchio, de la piova etterna, maladetta, fredda e greve; regola e qualità mai non l'è nova. Grandine grossa, acqua tinta e neve per l'aere tenebroso ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8575 - Tipo: p

Movesi il vecchierel canuto et biancho del dolce loco ov'à sua età fornita et da la famigliuola sbigottita che vede il caro padre venir manco; indi trahendo poi l'antiquo fianco per l'extreme giornate di sua vita, quanto piú pò, col buon voler s'aita, rotto dagli anni, et dal cammino stanco; et viene a Roma, seguendo 'l desio, per mirar la sembianza di colui ch'ancor lassú nel cie ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8543 - Tipo: p

L'uomo è condannato o a consumare la gioventù senza proposito, la quale è il solo tempo di far frutto per l'età che viene, e di provvedere al proprio stato, o a spenderla in procacciare godimenti a quella parte della sua vita, nella quale egli non sarà più atto a godere. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8529 - Tipo: m

Il padre fra' Volpino Che pien di santo zelo Suda sui libri ascetici E veglia sul Vangelo, E quando alcun s'aspetta Di Bayle e di Calvino I dogmi iniqui e pazzi, Il seme giacobino, ecc. ...
Scritto nel 1799
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8720 - Tipo: p

Felicità raggiunta, si cammina per te sul fil di lama. Agli occhi sei barlume che vacilla, al piede, teso ghiaccio che s'incrina; e dunque non ti tocchi chi più t'ama. Se giungi sulle anime invase di tristezza e le schiari, il tuo mattino e' dolce e turbatore come i nidi delle cimase. Ma nulla paga il pianto del bambino a cui fugge il pallone tra le case. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8893 - Tipo: p

Tu sì che a noi t'ascondi: L'occhio ti cerca invano; Ma l'opre di tua mano Ti svelano, o Signor. Tutto del tuo gran nome In terra, in ciel, favella; Risplende in ogni stella, È scritto in ogni fior ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8751 - Tipo: p

«Vexilla regis prodeunt inferni verso di noi; però dinanzi mira», disse 'l maestro mio, «se tu 'l discerni». Come quando una grossa nebbia spira, o quando l'emisperio nostro annotta, par di lungi un molin che 'l vento gira, veder mi parve un tal dificio allotta; poi per lo vento mi ristrinsi retro al duca mio, ché non lì era altra grotta. Già era, e con paura il metto in metro, là ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8603 - Tipo: p

Quel sol che pria d'amor mi scaldò 'l petto, di bella verità m'avea scoverto, provando e riprovando, il dolce aspetto; e io, per confessar corretto e certo me stesso, tanto quanto si convenne leva' il capo a proferer più erto; ma visione apparve che ritenne a sé me tanto stretto, per vedersi, che di mia confession non mi sovvenne. Quali per vetri trasparenti e tersi, o ver per acq ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8639 - Tipo: p

La sottise, l'erreur, le péché, la lésine, Occupent nos esprits et travaillent nos corps, Et nous alimentons nos aimables remords, Comme les mendiants nourrissent leur vermine. Nos péchés sont têtus, nos repentirs sont lâches ; Nous nous faisons payer grassement nos aveux, Et nous rentrons gaiement dans le chemin bourbeux, Croyant par de vils pleurs laver toutes nos taches. Sur l'or ...
Scritto nel 1855
On line da: venerdì 3 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8678 - Tipo: p

La bocca sollevò dal fiero pasto quel peccator, forbendola a' capelli del capo ch'elli avea di retro guasto. Poi cominciò: «Tu vuo' ch'io rinovelli disperato dolor che 'l cor mi preme già pur pensando, pria ch'io ne favelli. Ma se le mie parole esser dien seme che frutti infamia al traditor ch'i' rodo, parlar e lagrimar vedrai insieme. Io non so chi tu se' né per che modo venuto s ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8602 - Tipo: p

O toison, moutonnant jusque sur l'encolure! O boucles! O parfum chargé de nonchaloir! Extase! Pour peupler ce soir l'alcôve obscure Des souvenirs dormant dans cette chevelure, Je la veux agiter dans l'air comme un mouchoir! La langoureuse Asie et la brûlante Afrique, Tout un monde lointain, absent, presque défunt, Vit dans tes profondeurs, forêt aromatique! Comme d'autres esprits vog ...
Scritto nel 1859
On line da: sabato 21 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8673 - Tipo: p

La gola e 'l somno et l'otiose piume ànno del mondo ogni vertú sbandita, ond'è dal corso suo quasi smarrita nostra natura vinta dal costume; et è sí spento ogni benigno lume del ciel, per cui s'informa humana vita, che per cosa mirabile s'addita chi vòl far d'Elicona nascer fiume. Qual vaghezza di lauro, qual di mirto? Povera et nuda vai philosophia, dice la turba al vil guadagno ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8541 - Tipo: p

O patria mia, vedo le mura e gli archi e le colonne e i simulacri e l'erme torri degli avi nostri, ma la gloria non vedo, non vedo il lauro e il ferro ond'eran carchi i nostri padri antichi. Or fatta inerme, nuda la fronte e nudo il petto mostri. Oimè quante ferite, che lividor, che sangue! oh qual ti veggio, formosissima donna! Io chiedo al cielo e al mondo: dite dite; chi la ridusse ...
Scritto nel 1818
On line da: venerdì 4 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8568 - Tipo: p

Fiamma dal ciel su le tue treccie piova, malvagia, che dal fiume et da le ghiande per l'altrui impoverir se' ricca et grande, poi che di mal oprar tanto ti giova; nido di tradimenti, in cui si cova quanto mal per lo mondo oggi si spande, de vin serva, di lecti et di vivande, in cui Luxuria fa l'ultima prova. Per le camere tue fanciulle et vecchi vanno trescando, et Belzebub in mezzo ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8553 - Tipo: p

Settembre, il tuo minor fratello Aprile fioriva le vestigia di San Marco a Capodistria, quando navigammo il patrio mare cui Trieste addenta co' i forti moli per tenace amore. Capodistria, succiso adriaco fiore! Io vidi nella loggia d'un palagio nidi di balestrucci appesi a travi fosche, tra mazzi penduli di sorbe. Cinericcio era il tempo, umido e dolco. Or laggiù, pel remaggio senza ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8715 - Tipo: p

Settembre, oggi veder vorrei l'azzurro del tuo cielo riempiere la bocca rotonda della maschera di pietra in cima alla colonna che si sfalda nei secoli, convolta dal rosaio che si sfoglia nell'ora, entro quel chiostro quadrato che di biondo travertino chiarisce il cotto delle antiche Terme. Forse d'Orfeo ragionerei con Erme sul margine del fonte ove i delfini reggon la tazza in su le c ...
Scritto nel 1093
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8712 - Tipo: p

Un vate di gran lode Sul principio d'un'ode Piange il suo fior gentile E il suo vigor virile, E quando alcun s'aspetta Ch'egli invochi il Paletta Od altro di tal arte, Invoca Bonaparte. ...
Scritto nel 1799
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8722 - Tipo: p

Al fine de le sue parole il ladro le mani alzò con amendue le fiche, gridando: «Togli, Dio, ch'a te le squadro!». Da indi in qua mi fuor le serpi amiche, perch' una li s'avvolse allora al collo, come dicesse 'Non vo' che più diche'; e un'altra a le braccia, e rilegollo, ribadendo sé stessa sì dinanzi, che non potea con esse dare un crollo. Ahi Pistoia, Pistoia, ché non stanzi d'in ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8594 - Tipo: p

Cantando come donna innamorata, continüò col fin di sue parole: 'Beati quorum tecta sunt peccata!'. E come ninfe che si givan sole per le salvatiche ombre, disiando qual di veder, qual di fuggir lo sole, allor si mosse contra 'l fiume, andando su per la riva; e io pari di lei, picciol passo con picciol seguitando. Non eran cento tra ' suoi passi e ' miei, quando le ripe igualmente ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8632 - Tipo: p

Così di ponte in ponte, altro parlando che la mia comedìa cantar non cura, venimmo; e tenavamo 'l colmo, quando restammo per veder l'altra fessura di Malebolge e li altri pianti vani; e vidila mirabilmente oscura. Quale ne l'arzanà de' Viniziani bolle l'inverno la tenace pece a rimpalmare i legni lor non sani, ché navicar non ponno - in quella vece chi fa suo legno novo e chi rist ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8590 - Tipo: p

Lungi dal proprio ramo, povera foglia frale, dove vai tu? Dal faggio l à dov'io nacqui, mi divise il vento. Esso, tornando, a volo dal bosco alla campagna, dalla valle mi porta alla montagna. Seco perpetuamente vo pellegrina, e tutto l'altro ignoro. Vo dove ogni altra cosa, dove naturalmente va la foglia di rosa, e la foglia d'alloro. ...
Scritto nel 1935
On line da: giovedì 20 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8499 - Tipo: p

En ces temps merveilleux où la Théologie Fleurit avec le plus de sève et d'énergie, On raconte qu'un jour un docteur des plus grands, – Après avoir forcé les coeurs indifférents ; Les avoir remués dans leurs profondeurs noires ; Après avoir franchi vers les célestes gloires Des chemins singuliers à lui-même inconnus, Où les purs Esprits seuls peut-être étaient venus, – Comme un homme ...
Scritto nel 1845
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8697 - Tipo: p

Nessun maggior segno d'essere poco filosofo e poco savio, che volere savia e filosofica tutta la vita. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8527 - Tipo: m

Vago già di cercar dentro e dintorno la divina foresta spessa e viva, ch'a li occhi temperava il novo giorno, sanza più aspettar, lasciai la riva, prendendo la campagna lento lento su per lo suol che d'ogne parte auliva. Un'aura dolce, sanza mutamento avere in sé, mi feria per la fronte non di più colpo che soave vento; per cui le fronde, tremolando, pronte tutte quante piegavano ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8631 - Tipo: p

Souvent, pour s'amuser, les hommes d'équipage Prennent des albatros, vastes oiseaux des mers, Qui suivent, indolents compagnons de voyage, Le navire glissant sur les gouffres amers. A peine les ont-ils déposés sur les planches, Que ces rois de l'azur, maladroits et honteux, Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches Comme des avirons traîner à côté d'eux. Ce voyageur ailé, co ...
Scritto nel 1859
On line da: sabato 28 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8677 - Tipo: p

Mère des souvenirs, maitresse des maitresses, O toi, tous mes plaisirs ! o toi, tous mes devoirs ! Tu te rappelleras la beauté des caresses, La douceur du foyer et le charme des soirs, Mère des souvenirs, maitresse des maitresses ! Les soirs illuminés par l'ardeur du charbon, Et les soirs au balcon, voilés de vapeurs roses. Que ton sein m'était doux! que ton cÂœur m'était bon! Nous avon ...
Scritto nel 1856
On line da: lunedì 16 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8670 - Tipo: p

Sutta un'antica quercia, Chi attraversu spurgìa da un vàusu alpestri, Cu 'na manu a la frunti, Don Chisciotti Mestissinu sidia: 'na rocca allatu Di chiàppari cuverta, e la pinnenti Arèddara d'attornu a la sua cima, Facìanu pavigghiuni a la sua testa, Ripusava oziusa la gran spata Tra la purvuli e l'erva, a un virdi ramu Stava appujata l'asta di la guerra, Sutta un vrazzu lu scutu, e l'e ...
Scritto nel 1810
On line da: sabato 12 dicembre 2015
Stato: 1 Cod: 8754 - Tipo: p

In su l'estremità d'un'alta ripa che facevan gran pietre rotte in cerchio, venimmo sopra più crudele stipa; e quivi, per l'orribile soperchio del puzzo che 'l profondo abisso gitta, ci raccostammo, in dietro, ad un coperchio d'un grand' avello, ov' io vidi una scritta che dicea: 'Anastasio papa guardo, lo qual trasse Fotin de la via dritta'. «Lo nostro scender conviene esser tardo, ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8580 - Tipo: p

O voi che siete in piccioletta barca, desiderosi d'ascoltar, seguiti dietro al mio legno che cantando varca, tornate a riveder li vostri liti: non vi mettete in pelago, ché forse, perdendo me, rimarreste smarriti. L'acqua ch'io prendo già mai non si corse; Minerva spira, e conducemi Appollo, e nove Muse mi dimostran l'Orse. Voialtri pochi che drizzaste il collo per tempo al pan de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8638 - Tipo: p

La vita fugge, et non s'arresta una hora, et la morte vien dietro a gran giornate, et le cose presenti et le passate mi dànno guerra, et le future anchora; e 'l rimembrare et l'aspettar m'accora, or quinci or quindi, sí che 'n veritate, se non ch'i' ò di me stesso pietate, i' sarei già di questi penser' fòra. Tornami avanti, s'alcun dolce mai ebbe 'l cor tristo; et poi da l'altra pa ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8558 - Tipo: p

Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir' mi rimembra) a lei di fare al bel fiancho colonna; herba et fior' che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; aere sacro, sereno, ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse: date udienza insieme a le dolenti mie parole extreme. S'egli è pur mio destino ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8550 - Tipo: p

Buio d'inferno e di notte privata d'ogne pianeto, sotto pover cielo, quant' esser può di nuvol tenebrata, non fece al viso mio sì grosso velo come quel fummo ch'ivi ci coperse, né a sentir di così aspro pelo, che l'occhio stare aperto non sofferse; onde la scorta mia saputa e fida mi s'accostò e l'omero m'offerse. Sì come cieco va dietro a sua guida per non smarrirsi e per non dar ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8619 - Tipo: p

Ne l'ora che non può 'l calor diurno intepidar più 'l freddo de la luna, vinto da terra, e talor da Saturno - quando i geomanti lor Maggior Fortuna veggiono in oriente, innanzi a l'alba, surger per via che poco le sta bruna -, mi venne in sogno una femmina balba, ne li occhi guercia, e sovra i piè distorta, con le man monche, e di colore scialba. Io la mirava; e come 'l sol confort ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8622 - Tipo: p

Pour soulever un poids si lourd, Sisyphe, il faudrait ton courage! Bien qu'on ait du coeur à l'ouvrage, L'Art est long et le Temps est court. Loin des sépultures célèbres, Vers un cimetière isolé, Mon coeur, comme un tambour voilé, Va battant des marches funèbres. – Maint joyau dort enseveli Dans les ténèbres et l'oubli, Bien loin des pioches et des sondes; Mainte fleur épanche ...
Scritto nel 1850
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8690 - Tipo: p

Rapido fiume che d'alpestra vena rodendo intorno, onde 'l tuo nome prendi, notte et dí meco disioso scendi ov'Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi: il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; et pria che rendi suo dritto al mar, fiso u' si mostri attendi l'erba piú verde, et l'aria piú serena. Ivi è quel nostro vivo et dolce sole, ch'addorna e 'nfiora la tua riva manca: ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8556 - Tipo: p

Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrir Progne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia. Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena; Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia. Ma per me, lasso, tornano i piú gravi sospiri, che del cor profondo tragge ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8562 - Tipo: p

Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la spoglia immemore orba di tanto spiro, così percossa, attonita la terra al nunzio sta, muta pensando all'ultima ora dell'uom fatale; né sa quando una simile orma di pie' mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà. Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque; quando, con vece assidua, cadde, ri ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 30 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8522 - Tipo: p

Capel bruno: alta fronte; occhio loquace: Naso non grande e non soverchio umile: Tonda la gota e di color vivace: Stretto labbro e vermiglio: e bocca esile: Lingua or spedita or tarda, e non mai vile, Che il ver favella apertamente, o tace. Giovin d'anni e di senno; non audace: Duro di modi, ma di cor gentile. La gloria amo e le selve e il biondo iddio: Spregio, non odio mai: m'attri ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8723 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...