il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Il sentiero da percorrere è lungo. E si perde tra arcaici muri di rovo dove è nascosta la felicità da scoprire per chiunque voglia una risposta suadente. E tu? Silente pensiero.In quali meandri del fiume ti convogli per arrivare a scoprire le repentine onde del mare. Ognuno cerca il sentiero da seguire, e sperando che sia quello buono, i lenti passi continuano il cammino, finche il bui ...
Scritto nel 2020
On line da: giovedì 27 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8881 - Tipo: p

Dalla montagna scendi tu bella montanara tra le braccia mi prendi tu dolce mia cara Con i capelli al vento ti avvicinai da me bello fu quel momento che io mi strinsi a te Fu dolce e tranquillo l'amore che mi desti mi sentivo nel cielo dove tu ti vorresti Ogni tuo dolce incanto mi creò confusione ti desidero tanto, tanto con amore ed emozione Non tornerai sul monte ma rim ...
Scritto nel 2020
On line da: mercoledì 26 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8880 - Tipo: p

Perchè cercare lontano se molte cose sono a portata di mano? Il vento, il sole, la luce, vengono loro da noi. Noi: io, e la mia ombra, ci facciamo compagnia giorno e notte. Dormiamo tutti e due nello stesso letto. All'alba quando mi sveglio io, si sveglia anche lei, ed è pronta a seguirmi, non mi lascia un minuto solo. Se io mi sento male,si sente male anche lei. Non bisticciamo ma ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 21 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8879 - Tipo: p

Arriva puntuale la primavera col profumo di una bella rosa che profuma di mattina e sera. Si riveste ogni albero spoglio si addobba di gemme e fiori sia il tronco che il cespuglio. sono un'incanto i veri giardini tra bruscoli secchi e verdi tapeti dove giocano api e bambini. Arriva il vento con la frescura arriva il sole, le stelle e la Luna in quella vasta e verde pianura. ...
Scritto nel 2020
On line da: giovedì 20 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8878 - Tipo: p

In un buon silenzio eloquente riposa stanco ogni buon cuore nessuna anima buona mente e non serba a nessun rancore è semplice e senza lamento è un amore che brama godere nei momenti di grande piacere con un cuor felice e contento. ...
Scritto nel 2020
On line da: mercoledì 19 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8877 - Tipo: p

Lascia che sia un mondo semplice… per poter vivere una vita più facile in questa confusa realtà. Viviamo tutti con la paura che presto in peggio cambierà. Sii di cuore buono,lascia più libertà, nelle cose senza pericolo, che a nessun, mal farà, non sii cosi ridicolo. Sai bene, fin troppo bene, che stai sbagliando, se non aiuti chi ancora sta imparando. Lascia che sia un mondo se ...
Scritto nel 2020
On line da: sabato 15 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8876 - Tipo: c

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

La bottiglia è presente ad ogni festa! Stappata versata brindata Il suo gusto un po’ brioso si sorseggia pian pianino e se è frizzantino ci solletica un pochino. ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 17 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 2098 - Tipo: p

E quando è il cuore a parlare a nulla valgono le paure annidate fin dentro l'anima... Dei dubbi, dei se, dei giorni senza fine e delle lacrime lasciate per via... non ha pudore... Cerca... vuol amare... e del dolore ne fa ragione... Perché sa bene che ad illuminar la vita è solo amore... Con quel battere d'ali... Soffice danzar su nuvole al suono di passione... Carezze ardite ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 29 aprile 2011
Stato: 1 Cod: 5126 - Tipo: p

Io sono il vento che accarezza il tuo viso, il freddo pungente che ti entra nell'anima e il torpore risveglia... Io sono il calore che pervade il tuo cuore mentre con voglia un raggio di sole lo sfiora... Io sono del tuo profumo la scia, intensa percorre la via... Quel brivido improvviso... brezza del mattino che ovunque ti segue... Io sono respiro, sospiro... passione che nasce, ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 16 giugno 2011
Stato: 1 Cod: 5219 - Tipo: p

Ho fatto un po' di pace con me stessa ho cercato di sorridere su questo mio destino ho cercato di trovare il lato buono in una storia che ormai è finita ho fatto un po' di pace con me stessa ma non riesco più a guardarmi in uno specchio evito la mia immagine riflessa l'avevo superato grazie a te ma non sempre le parole corrispondono ai fatti ho visto la delusione sul tuo volto ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 29 agosto 2012
Stato: 1 Cod: 6362 - Tipo: p

Vorrei tornare ad avere ventanni per poter sbagliare su altre cose ...
Scritto nel 2005
On line da: sabato 1 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 221 - Tipo: m

Tardiva dispare l'ultima stella nel cielo albeggia. Spirati sono i notturni sogni sbuca il giorno, longevità di tedi, cruda lentezza d'ore aspre si annunciano per chi come te niente si aspetta uomo solo. Tu certo ricordi le strade gremite di presenze ora spopolate e da tempo non più frequentate rievochi come alle prime luci ricominci lo spingere, il pestare, il gran vociare, i tafferugli ...
Scritto nel 2010
On line da: venerdì 13 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 4461 - Tipo: p

Nel chiuso della cella passa il tempo tutto uguale senza fretta. Nel cuore tanta è la pena di aver sbagliato, ancora una volta. Nella stanza scura i giorni trascorrono a contare le lune a guardare le stelle. Ma poi, il veder passare più lontano uccelli liberi in un lieto volar all'improvviso fa meditar sulla vita, sprecata alla ricerca di effimere cose. E segue nel cuore la p ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 21 dicembre 2009
Stato: 1 Cod: 3767 - Tipo: p

Sorgono al limitare della distesa erbosa sono nati quasi per caso si ergono maestosi sopra le rose giorno dopo giorno salgono verso il sole paterno le corolle si gonfiano al giorno che nasce --- estate 2006 ...
Scritto nel 2006
On line da: giovedì 13 dicembre 2007
Stato: 1 Cod: 625 - Tipo: p

Si è spento circa un secolo da quando, sulla terra tra i popoli scoppiava la prima grande guerra. Io non comprendo ancora le cause e l'intenzione di tale, assurdo evento che insulta la ragione. Forse perché degli uomini drogati dal potere, decisero: era già tempo di conquistare paesi e territori! E quasi il mondo intero entrò, così, in conflitto ...che immenso cimitero! ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 10 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2245 - Tipo: p

Notte, immensa, alveo oscuro, tenebra costante, luci e ombre, sagome enormi; luci pallide, tremulano, lampioni, come pini abbandonati; silenzio sacro, e religioso; tutto il mondo è dormiente, o quasi. Il tempo, sembra indulgere, e non passa; zoppica come una testuggine stanca. Nottempo. ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 20 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6820 - Tipo: p

eroi che mostrano orgogliosi ferite inferte dal sole ...
Scritto nel 2007
On line da: sabato 12 aprile 2008
Stato: 1 Cod: 1073 - Tipo: p

Colpi d'ala. Gabbiani che scivolano intorno gridando sogni di una calda estate. ...
Scritto nel 2004
On line da: sabato 18 agosto 2007
Stato: 1 Cod: 186 - Tipo: p

A esempio, un tempio e tu, sacerdotessa che canta e danza attorno al simulacro del sacro fuoco e tira, senza spreco manciate di una dubbia polverina, potrebbe essere lievito e farina. Potrebbe essere polvere d'incenso, non senti che sta profumando l'aria muffa di questa storia senza senso con cui impastiamo i versi dell'immenso per mescolarli all'arte culinaria? E ritorniamo dunque ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 4 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6731 - Tipo: p

E ti dirò che siamo come amanti lungo la strada che ha le stesse selci, appena parli sento i traboccanti profumi della bocca e delle felci da cui ti sporgi con foglie tremanti. Tu foglia e pietra come me consunta che sa di infissi ed usci decadenti, io pietra dei ricordi ancora ardenti, tu verde di dolore e di compunta, sofferta verità in cui ti alimenti. Abbiamo addosso il vivo lu ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 2 agosto 2012
Stato: 1 Cod: 6224 - Tipo: p

Tutto avvenne come sempre avviene nei sogni quando attraversi in un lampo lo spazio e il tempo e in un battito di ciglia percorri una vita intera ma come avviene di solito nei miei sogni ...sapevo di sognare e al di sopra delle leggi dell'essere e della ragione mi fermavo laddove il mio cuore voleva fermarsi. Mi vedevo bambina attaccata al tuo seno lisciavi i miei capelli color del grano ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 17 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 5295 - Tipo: p

Dentro questa stanza io vivo ogni mio giorno a casa so'... non farò mai più ritorno. Intorno a me c'è gente che non mi riconosce ed altra ancora che mi compatisce. A volte qualcuno mi allunga la mano altri invece mi stanno anche lontano... col tempo poi le visite si diradano lasciano posto ad una sedia vuota e ad un tavolo. Sto sempre sola con i miei pensieri e coi miei ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 3 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4207 - Tipo: p

La notte è volata via, è bastato un incantesimo breve; chiudere gli occhi per un po', cadere nell'oblio, non sentire non vedere, meglio così; evadere, e andare via, da questo mondo pazzo e squallido, voltare le spalle, ai problemi, alle parole vuote della gente, al tedio, all'ottusità e l'indifferenza; dormire un poco, riposare, un minuto, un eternità, e stare tranquilli, fare ...
Scritto nel 2013
On line da: sabato 18 maggio 2013
Stato: 1 Cod: 7491 - Tipo: p

Il silenzio mi consola e mi sento bene sola, poi affiora il mio passato: quel vuoto è ritornato. Sento l'aria, vedo il cielo ma io dentro avverto il gelo, una mano che mi tocca la mia mente che si blocca... una bocca bacia piano, il mio corpo va lontano, il sussurro è un coltello il problema è sempre quello. Voglio fare una magia che mi possa portar via, via da freddo, via dal male, ...
Scritto nel 2007
On line da: sabato 24 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1257 - Tipo: p

Ma io non saprò mai che cosa intenda il cra cra cadenzato della rana che sia affaccia al balcone della sera, quando nel vespro sale la preghiera e sfuma piano piano e si allontana. Quando un rintocco dolce di campana irradia la sua voce e dice spera a chi, passata infine la bufera, umile, a un altro giorno si prepara. Non saprò mai s'è un pregio il mio soffrire, un fiato che non m ...
Scritto nel 2012
On line da: venerdì 22 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6078 - Tipo: p

Mi piaci quando sorseggi fissando lo sguardo sugli argini delle illusioni in piena. ancora tu, piena e oscena di artifici ti svesti delle polveri sottili dell'ingenuità. ...
Scritto nel 2015
On line da: giovedì 14 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8093 - Tipo: p

è un antico dolce tepore che riscalda le membra e il cor... si alzano gli occhi agli azzurri cieli arrivando ad ascoltar canti soavi e lieti di annunciate primavere, quando essi inebriati e persi sognano mondi diversi lontani e rapiti d'amor... tutto si perde nello sguardo tutto si allontana nella beltà ed i pensieri cambiano rotta liberando le catene della mente sollevando ancore ...
Scritto nel 2013
On line da: venerdì 8 febbraio 2013
Stato: 1 Cod: 7302 - Tipo: p

Ci sono immagini che la memoria muta, confonde, ma non riesce a cancellare: Auschwitz e orizzonti di filo spinato; colline di scarpe abbandonate. In un mosaico di tetri colori, sbiadite dal sole, la pioggia,la cenere dormono sonni inquieti, evocano fantasmi che non possono gridare. Restano immobili nel mare di pelle e cuoio, nell'odore dolciastro di morte, i lacci slegati, com ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 5 novembre 2011
Stato: 1 Cod: 5494 - Tipo: p

Era ieri che il sole si cullava tra i miei castelli edificati a riva e i sensi sconfinati come il cuore, fra sorsi di poesia e sfuggenti ondate di nuvole d'argento impaginate. Poi passa pure il mito della luna coi gatti accoccolati sopra i tetti, il tempo spilla i giorni mentre aspetti la sera dove il cielo rasserena. Ma non hai fatto i conti con quel bieco destino che ti porta come ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 13 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6600 - Tipo: p

Che ci sono andato a fare alla Coop questa mattina? non c'era l'Acqua Velva Ice Blue e nemmeno colla alla Coccoina Sono entrato solo per il formaggio e per qualche piccola lattina? sconsolato torno a casa ma sorpresa: l'alberello è in grande festa! gialli, marroni ma di solito arancioni pendono dai rami scuri decine e decine di kaki ben maturi avanti e indietro e sotto e sopra m ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 2 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 1993 - Tipo: p

Nessuno ti amerà davvero, se tu stesso non impari ad amarti come sei. ...
Scritto nel 2007
On line da: venerdì 18 maggio 2007
Stato: 1 Cod: 19 - Tipo: m

...che sia del tutto vero, cosa importa, quello che resta in fondo è quel che conta non siamo destinati alla durata ne' avremo ore infinite per giocare stiamo affacciati al vento della vita come bianchi lenzuoli profumati guardiamo il cielo e calpestiamo sassi, guardiamo sassi e cieli di passaggio... ...
Scritto nel 1993
On line da: mercoledì 19 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 303 - Tipo: p

Poesie nate tra luna e stelle, al sorgere del timido sole, germoglieranno timide le viole. Danza di nubi lombi di pioggia, fantasia musicale intona la roggia, al canto la sirena ammalia la sposa. Frasi nascenti, naturali lodi eccelsi, inni innalzati nei cantici antichi, cresce un fiore nel prato dei poeti. Un raggio di luce tra nubi ribelle, giardino di rovi matura ...
Scritto nel 2015
On line da: giovedì 17 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 8310 - Tipo: p

Quanta forza in quel nonnetto Quanta fede in quell'uomo vero, quanto amore talvolta incompreso, quanta gioia emanava da sé. "Grazie papi dei tuoi veri doni grazie papi delle strette di mano grazie papi d'avermi baciato grazie papi d'avermi capito! Avrei voluto coi baci calmare, Il tuo dolore che riuscivi a celare, Avrei voluto parlare, parlare Per dirti cose che mai seppi fare! ...
Scritto nel 1996
On line da: mercoledì 14 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1209 - Tipo: p

Con questi occhi io ti vedo. Con questi stessi occhi io ti osservo. Con un brivido lungo la schiena ti perdo. Ora le lacrime appannano la tua visione... Via via più lontano m'appare quel cielo sbiadito da un pianto che non ha più sapore. Occhi che piangono... sempre... e ancor più piangeranno nel sonno d'addio, nel viaggio del non ritorno. E piansi. Occhi che mai più rivedrò. ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 20 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2345 - Tipo: p

Soffia sopra di me come su legno, aspro e duro maestrale. Mi scortica la vita con artigliate dita. E dentro è vuoto. La fonte disseccata non trova più parole ai miei pensieri. Ed era solo ieri che, con foglio e matita, potevo dare vita a quadri pennellati con spontanea sapienza. E ora? Farne senza lascia un vuoto malsano, tronca netto il respiro. E immobile, sulla p ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 9 marzo 2015
Stato: 1 Cod: 8020 - Tipo: p

Oggi sull'Autostrada del Sol laddove nei pressi s'esce di quel di Bologna casel, padre, madre, due bimbi, chiusi vivi, carbonizzati son morti nella ferrea cassa mortal... ..Oggi si canta e si balla in quel della canzone festival sull'odoroso e variopinto palco davanti alla platea festante di gioie e firme luccicanti fra le quali notar si fan in prima fila ministri d'industria e d ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 14 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1640 - Tipo: p

Dire che la vita non ha senso, e come ripudiare ad essa stessa. Io ne facio uso e sempre la penso, la vivo perchè l'amo e m'interessa. La vita ha sempre senso, se la vivi in modo intenso. Il senso della vita è una tua consapevole scelta, sei tu, che la crei e la giudichi giusta o sbagliata. Dovrai accontentarti anche di un piccolo compenso. Se vivi la vita perchè tu vivi, vivrai del ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 15 maggio 2012
Stato: 1 Cod: 5905 - Tipo: p

Lungo il mio percorso solitario, non so quanti personaggi ho io portato in me con anime diverse, disparate, incoerenti. E pur sempre in continue baruffe, inspiegabili zuffe. Ah quante fatiche inutili, perché vi si accordassero fra loro! Alcuni, hanno perso. Arresi, tanti altri. Altri ancora hanno vinto, ghignanti, stringendo con boria quel solito pugno di mosche. ...
Scritto nel 2005
On line da: giovedì 17 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7147 - Tipo: p

Per un amore che non sa... dove andare non esiste vento che lo può far partire che lo farà arrivare non trova amore dove approdare che lo riuscirà a trasportare non trova strada da percorrere ma solamente un cerchio su cui continuamente correre... Per un amore che non sa... nessun tempo è favorevole quando un amore è con sé stesso arrendevole quando di sé stesso ha perduto la potenza ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 18 dicembre 2011
Stato: 1 Cod: 5613 - Tipo: p

"Tacque la pioggia ed arrivò l'inverno. A rompere l'incanto del silenzio soltanto i passi tuoi lontani che senza peso solcavano la neve. Non ti guardasti indietro un attimo per non sentire il sibilo del vento e non mostrare per pudore gli occhi feriti dalle lacrime e dal freddo. Chissà perchè mi torni in mente adesso tra i luccichii di un mondo diventato altro che non ho mai compreso fi ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 15 gennaio 2012
Stato: 1 Cod: 5666 - Tipo: p

L'estate Roma è in gran festa! T'accoglie, t'illumina, ti diverte e t'innamora; e le sue iniziative sono sempre più creative. Buona estate romana a tutti! ...
Scritto nel 2009
On line da: venerdì 19 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3188 - Tipo: p

Sono notti fredde le mie! Anche la luna mi ha voltato le spalle! Cerco conforto nelle stelle. Anch'esse non danno calore! La mia mente fa strani sogni, intravedo due figure, amanti che non mi appartengono turbano il mio già precario sonno! Avvelenano la mia notte. Si insinua la vipera gelosia che accende il mio corpo che scosso. si gira, si rigira, un uragano tra le bianche lenzuola, ...
Scritto nel 2006
On line da: domenica 14 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 415 - Tipo: p

Sono un albero cresciuto. Ho proteso sempre i rami verso nuove sensazioni, emozioni. Oggi, ho guardato le mie radici, le fondamenta dela mia vita. Le radici che mi danno sicurezza, che sono àncora quando il vento, impetuoso, incalzante, agita e confonde le fronde. Le radici, oggi, i vostri occhi, le vostre voci i miei ricordi più belli. ...
Scritto nel 2002
On line da: sabato 9 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1497 - Tipo: p

Com'è bella quest'acqua color cielo che accarezza il tuo corpo così nero mentre i raggi del sole come un velo dal fondo raffiorar fanno un veliero. Com'è bella quest'acqua assai salata che dimora di creature è diventata dove i pescator la rete han già calata e che grandi vele bianche hanno solcata. Com'è bella quest'acqua cristallina che si infrange sugli scogli con un'onda il tramo ...
Scritto nel 1990
On line da: domenica 26 aprile 2009
Stato: 1 Cod: 2938 - Tipo: p

Profumo arabescato in voluttuose spire leggere che sfiorano i sensi e li avvolgono pian piano di sublime piacere... La tazzina ondeggia il mescolare scuro con il dolce per un sentore amaro che inebria il palato... mentre veleggia tutt'intorno l'aroma che come magia ricompensa l'anima... ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 20 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 306 - Tipo: p

Tutti gli esseri umani muniti di intelligenza, nel bene e nel male, in virtù dell'uso della propria capacità intellettiva, possiedono tutto ciò che realmente meritano di possedere. ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 28 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6195 - Tipo: m

Pensare che esiste un dopo vita è come proiettare il pensiero in un posto che non conosci. Pensando però che metà della nostra vita la viviamo addormentati, ci potrebbe far pensare che in quel momento viviamo una dopo vita inattiva e silente. La vera vita la vivi quando usi coscientemente il cervello e con gli occhi fotografi tutto quello che hai d'avanti. Se riflettia ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 13 maggio 2012
Stato: 1 Cod: 5895 - Tipo: p

Così è volato pure questo giorno dentro la nostalgia del tuo pensiero lontano che fa un male dell'inferno cui pure il paradiso sembra arreso. Fuggono via le ali della luce coi sogni che si spengono al mattino lasciando una malinconia feroce dell'innocente mondo di bambino. ...
Scritto nel 2012
On line da: venerdì 3 agosto 2012
Stato: 1 Cod: 6235 - Tipo: p

Per la festa più bella dell'anno, sempre mi travestivo. I coriandoli erano cerchi di grandine che si posavano nel mio mantello. La schiuma bianca era il più semplice ornamento che si potesse dare ad un'ingenua bambina. Il mio compagno Zorro, sorrideva calando la gioia che mi aveva resa partecipe non sentendo più i battiti del mio cuore. Per lunghi attimi si fermavano. Anche se ero perseguitata da ...
Scritto nel 1999
On line da: lunedì 23 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2596 - Tipo: r

Notte senza lumi Soffocata in un panno di cielo Come olio ti versi sui tetti Plasmante Notte troppo silente Nei bar della piazza Solo un tacco si ode Lontano E veloce rincorri una guardia In pedali leggeri Notte distesa sui lucidi asfalti Non sussulti al mio pianto E non passi Non passi mai Dietro a un vetro appannato ...
Scritto nel 1981
On line da: mercoledì 18 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1360 - Tipo: p

Se vuoi arrivare tu Amicizie importanti e Zelo intraprendente Non ti basteranno mai Non importa se così Un rapporto dovrai sopportar Falsa e ipocrita La società di qua Io venderei Anche le mie più antiche cose Non ci penserei Ma il sentiero è di sassi e rose Yuppy Io non ti sopporto più Donne sesso e vitamina C Sembri un marziano Con le antenne da grillo Senza evitare g ...
Scritto nel 1991
On line da: domenica 23 novembre 2014
Stato: 1 Cod: 7957 - Tipo: c

Evanescente si libra nell'aria anima invisibile par trasparente Quando stranita s'avvide del suo che inerte giace sul freddo marmo Panico sale marea improvvisa tocca allibita cinereo volto Singhiozzi muti impulso a fuggire no non comprende tarda a capire Son qua non vedete?? Sembra implorare Terror dell'ignoto ama la vita puro sgomento come è finita!!! Un frullio di ali... ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 19 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 898 - Tipo: p

Ho chiesto a Dio Perché? Ho detto a Dio ti amo! Ho pianto per questo Grande Amore che per dolcezza mi spacca il cuore! Ho pianto pensandoti mio tenero Amore perché tu sei Il Vero Amore. ...
Scritto nel 2015
On line da: giovedì 3 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 8272 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Novo intatto sentier segnami, o Musa, Onde non stia tua fiamma in me sepolta. È forse a somma gloria ogni via chiusa, Che ancor non sia d'altri vestigj folta? Dante ha la tromba, e il cigno di Valchiusa La dolce lira; e dietro han turba molta. Flora ad Ascre agguagliosse; e Orobia incolta Emulò Smirna, e vinse Siracusa. Primo signor de l'italo coturno, Te vanta il secol nostro, e te ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8725 - Tipo: p

O voi che siete in piccioletta barca, desiderosi d'ascoltar, seguiti dietro al mio legno che cantando varca, tornate a riveder li vostri liti: non vi mettete in pelago, ché forse, perdendo me, rimarreste smarriti. L'acqua ch'io prendo già mai non si corse; Minerva spira, e conducemi Appollo, e nove Muse mi dimostran l'Orse. Voialtri pochi che drizzaste il collo per tempo al pan de ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8638 - Tipo: p

La vita fugge, et non s'arresta una hora, et la morte vien dietro a gran giornate, et le cose presenti et le passate mi dànno guerra, et le future anchora; e 'l rimembrare et l'aspettar m'accora, or quinci or quindi, sí che 'n veritate, se non ch'i' ò di me stesso pietate, i' sarei già di questi penser' fòra. Tornami avanti, s'alcun dolce mai ebbe 'l cor tristo; et poi da l'altra pa ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8558 - Tipo: p

Se mai più che d'Euterpe il furor santo, E d'Erato il sospiro, o dolce madre, L'amaro ghigno di Talia mi piacque, Non è consiglio di maligno petto. Né del mio secol sozzo io già vorrei Rimescolar la fetida belletta, Se un raggio in terra di virtù vedessi, Cui sacrar la mia rima. A te sovente Così diss'io: ma poi che sospirando, Come si fa di cosa amata e tolta, Narrar t'udia di che virt ...
Scritto nel 1806
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8730 - Tipo: p

Benigna volontade in che si liqua sempre l'amor che drittamente spira, come cupidità fa ne la iniqua, silenzio puose a quella dolce lira, e fece quietar le sante corde che la destra del cielo allenta e tira. Come saranno a' giusti preghi sorde quelle sustanze che, per darmi voglia ch'io le pregassi, a tacer fur concorde? Bene è che sanza termine si doglia chi, per amor di cosa che ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8651 - Tipo: p

J'ai longtemps habité sous de vastes portiques Que les soleils marins teignaient de mille feux, Et que leurs grands piliers, droits et majestueux, Rendaient pareils, le soir, aux grottes basaltiques. Les houles, en roulant les images des cieux, Mêlaient d'une façon solennelle et mystique Les tout-puissants accords de leur riche musique Aux couleurs du couchant reflété par mes yeux. ...
Scritto nel 1854
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8691 - Tipo: p

O patria mia, vedo le mura e gli archi e le colonne e i simulacri e l'erme torri degli avi nostri, ma la gloria non vedo, non vedo il lauro e il ferro ond'eran carchi i nostri padri antichi. Or fatta inerme, nuda la fronte e nudo il petto mostri. Oimè quante ferite, che lividor, che sangue! oh qual ti veggio, formosissima donna! Io chiedo al cielo e al mondo: dite dite; chi la ridusse ...
Scritto nel 1818
On line da: venerdì 4 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8568 - Tipo: p

Un vate di gran lode Sul principio d'un'ode Piange il suo fior gentile E il suo vigor virile, E quando alcun s'aspetta Ch'egli invochi il Paletta Od altro di tal arte, Invoca Bonaparte. ...
Scritto nel 1799
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8722 - Tipo: p

«Osanna, sanctus Deus sabaòth, superillustrans claritate tua felices ignes horum malacòth!». Così, volgendosi a la nota sua, fu viso a me cantare essa sustanza, sopra la qual doppio lume s'addua; ed essa e l'altre mossero a sua danza, e quasi velocissime faville mi si velar di sùbita distanza. Io dubitava e dicea 'Dille, dille!' fra me, 'dille' dicea, 'a la mia donna che mi diset ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8643 - Tipo: p

Colui che con fatiche e con patimenti, o anche solo dopo molto aspettare, ha conseguito un bene, se vede altri conseguire il medesimo con facilità e presto, in fatti non perde nulla di ciò che possiede, e nondimeno tal cosa è naturalmente odiosissima, perché nell'immaginativa il bene ottenuto scema a dismisura se diventa comune a chi per ottenerlo ha speso e penato poco o nulla. Perciò l'operaio ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8525 - Tipo: m

Viens-tu du ciel profond ou sors-tu de l'abîme, O Beauté ? ton regard, infernal et divin, Verse confusément le bienfait et le crime, Et l'on peut pour cela te comparer au vin. Tu contiens dans ton oeil le couchant et l'aurore; Tu répands des parfums comme un soir orageux; Tes baisers sont un philtre et ta bouche une amphore Qui font le héros lâche et l'enfant courageux. Sors-tu du g ...
Scritto nel 1845
On line da: venerdì 15 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 8704 - Tipo: p

Chi viaggia molto, ha questo vantaggio dagli altri, che i soggetti delle sue rimembranze presto divengono remoti; di maniera che esse acquistano in breve quel vago e quel poetico, che negli altri non è dato loro se non dal tempo. Chi non ha viaggiato punto, ha questo svantaggio, che tutte le sue rimembranze sono di cose in qualche parte presenti, poiché presenti sono i luoghi ai quali ogni sua me ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8531 - Tipo: m

Vago augelletto che cantando vai, over piangendo, il tuo tempo passato, vedendoti la notte e 'l verno a lato e 'l dí dopo le spalle e i mesi gai, se, come i tuoi gravosi affanni sai, cosí sapessi il mio simile stato, verresti in grembo a questo sconsolato a partir seco i dolorosi guai. I' non so se le parti sarian pari, ché quella cui tu piangi è forse in vita, di ch'a me Morte e ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8565 - Tipo: p

En ces temps merveilleux où la Théologie Fleurit avec le plus de sève et d'énergie, On raconte qu'un jour un docteur des plus grands, – Après avoir forcé les coeurs indifférents ; Les avoir remués dans leurs profondeurs noires ; Après avoir franchi vers les célestes gloires Des chemins singuliers à lui-même inconnus, Où les purs Esprits seuls peut-être étaient venus, – Comme un homme ...
Scritto nel 1845
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8697 - Tipo: p

Tu sì che a noi t'ascondi: L'occhio ti cerca invano; Ma l'opre di tua mano Ti svelano, o Signor. Tutto del tuo gran nome In terra, in ciel, favella; Risplende in ogni stella, È scritto in ogni fior ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8751 - Tipo: p

Di nova pena mi conven far versi e dar matera al ventesimo canto de la prima canzon, ch'è d'i sommersi. Io era già disposto tutto quanto a riguardar ne lo scoperto fondo, che si bagnava d'angoscioso pianto; e vidi gente per lo vallon tondo venir, tacendo e lagrimando, al passo che fanno le letane in questo mondo. Come 'l viso mi scese in lor più basso, mirabilmente apparve esser t ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8589 - Tipo: p

Io era già da quell' ombre partito, e seguitava l'orme del mio duca, quando di retro a me, drizzando 'l dito, una gridò: «Ve' che non par che luca lo raggio da sinistra a quel di sotto, e come vivo par che si conduca!». Li occhi rivolsi al suon di questo motto, e vidile guardar per maraviglia pur me, pur me, e 'l lume ch'era rotto. «Perché l'animo tuo tanto s'impiglia», disse 'l m ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8608 - Tipo: p

Era già l'ora che volge il disio ai navicanti e 'ntenerisce il core lo dì c'han detto ai dolci amici addio; e che lo novo peregrin d'amore punge, se ode squilla di lontano che paia il giorno pianger che si more; quand' io incominciai a render vano l'udire e a mirare una de l'alme surta, che l'ascoltar chiedea con mano. Ella giunse e levò ambo le palme, ficcando li occhi verso l'or ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8611 - Tipo: p

Noi eravamo al sommo de la scala, dove secondamente si risega lo monte che salendo altrui dismala. Ivi così una cornice lega dintorno il poggio, come la primaia; se non che l'arco suo più tosto piega. Ombra non lì è né segno che si paia: parsi la ripa e parsi la via schietta col livido color de la petraia. «Se qui per dimandar gente s'aspetta», ragionava il poeta, «io temo forse ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8616 - Tipo: p

Rubens, fleuve d'oubli, jardin de la paresse, Oreiller de chair fraîche où l'on ne peut aimer, Mais où la vie afflue et s'agite sans cesse, Comme l'air dans le ciel et la mer dans la mer; Léonard de Vinci, miroir profond et sombre, Où des anges charmants, avec un doux souris Tout chargé de mystère, apparaissent à l'ombre Des glaciers et des pins qui ferment leur pays; Rembrandt, tris ...
Scritto nel 1855
On line da: giovedì 23 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8687 - Tipo: p

Donne ch'avete intelletto d'amore, i' vo' con voi de la mia donna dire, non perch'io creda sua laude finire, ma ragionar per isfogar la mente. Io dico che pensando il suo valore, Amor sì dolce mi si fa sentire, che s'io allora non perdessi ardire, farei parlando innamorar la gente. E io non vo' parlar sì altamente, ch'io divenisse per temenza vile; ma tratterò del suo stato gentile ...
Scritto nel 1293
On line da: giovedì 26 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8675 - Tipo: p

«O tu che se' di là dal fiume sacro», volgendo suo parlare a me per punta, che pur per taglio m'era paruto acro, ricominciò, seguendo sanza cunta, «dì, dì se questo è vero; a tanta accusa tua confession conviene esser congiunta». Era la mia virtù tanto confusa, che la voce si mosse, e pria si spense che da li organi suoi fosse dischiusa. Poco sofferse; poi disse: «Che pense? Rispo ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8634 - Tipo: p

Né 'l dir l'andar, né l'andar lui più lento facea, ma ragionando andavam forte, sì come nave pinta da buon vento; e l'ombre, che parean cose rimorte, per le fosse de li occhi ammirazione traean di me, di mio vivere accorte. E io, continüando al mio sermone, dissi: «Ella sen va sù forse più tarda che non farebbe, per altrui cagione. Ma dimmi, se tu sai, dov' è Piccarda; dimmi s'io ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8627 - Tipo: p

Io vidi già cavalier muover campo, e cominciare stormo e far lor mostra, e talvolta partir per loro scampo; corridor vidi per la terra vostra, o Aretini, e vidi gir gualdane, fedir torneamenti e correr giostra; quando con trombe, e quando con campane, con tamburi e con cenni di castella, e con cose nostrali e con istrane; né già con sì diversa cennamella cavalier vidi muover né pe ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8591 - Tipo: p

Madre de' Santi, immagine Della città superna, Del sangue incorruttibile Conservatrice eterna; Tu che, da tanti secoli, Soffri, combatti e preghi, Che le tue tende spieghi Dall'uno all'altro mar; Campo di quei che sperano; Chiesa del Dio vivente, Dov'eri mai? qual angolo Ti raccogliea nascente, Quando il tuo Re, dai perfidi Tratto a morir sul colle, Imporporò le zolle Del suo subli ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8749 - Tipo: p

Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto su la tua pietra, o fratel mio, gemendo il fior de' tuoi gentili anni caduto. La madre or sol, suo dì tardo traendo, parla di me col tuo cenere muto: ma io deluse a voi le palme tendo; e se da lunge i miei tetti saluto, sento gli avversi numi, e le secrete cure che al viver tuo furon tempesta, e preg ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 23 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8505 - Tipo: p

Italia mia, benché 'l parlar sia indarno a le piaghe mortali che nel bel corpo tuo sí spesse veggio, piacemi almen che ' miei sospir' sian quali spera 'l Tevero et l'Arno, e 'l Po, dove doglioso et grave or seggio. Rettor del cielo, io cheggio che la pietà che Ti condusse in terra Ti volga al Tuo dilecto almo paese. Vedi, Segnor cortese, di che lievi cagion' che crudel guerra; e i cor ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8551 - Tipo: p

Quando ambedue li figli di Latona, coperti del Montone e de la Libra, fanno de l'orizzonte insieme zona, quant' è dal punto che 'l cenìt inlibra infin che l'uno e l'altro da quel cinto, cambiando l'emisperio, si dilibra, tanto, col volto di riso dipinto, si tacque Bëatrice, riguardando fiso nel punto che m'avëa vinto. Poi cominciò: «Io dico, e non dimando, quel che tu vuoli udir ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8665 - Tipo: p

Je suis belle, ô mortels ! comme un rêve de pierre, Et mon sein, où chacun s'est meurtri tour à tour, Est fait pour inspirer au poète un amour Eternel et muet ainsi que la matière. Je trône dans l'azur comme un sphinx incompris; J'unis un coeur de neige à la blancheur des cygnes ; Je hais le mouvement qui déplace les lignes, Et jamais je ne pleure et jamais je ne ris. Les poètes, d ...
Scritto nel 1845
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8698 - Tipo: p

«Ecco la fiera con la coda aguzza, che passa i monti e rompe i muri e l'armi! Ecco colei che tutto 'l mondo appuzza!». Sì cominciò lo mio duca a parlarmi; e accennolle che venisse a proda, vicino al fin d'i passeggiati marmi. E quella sozza imagine di froda sen venne, e arrivò la testa e 'l busto, ma 'n su la riva non trasse la coda. La faccia sua era faccia d'uom giusto, tanto be ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8586 - Tipo: p

Altissimu, onnipotente bon Signore, Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione. Ad Te solo, Altissimo, se konfano, et nullu homo ene dignu te mentovare. Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate Sole, lo qual è iorna, et allumeni noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de Te, Altissimo, porta significatione. ...
Scritto nel 1224
On line da: lunedì 7 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8569 - Tipo: p

A ciascun'alma presa, e gentil core, nel cui cospetto ven lo dir presente, in ciò che mi rescrivan suo parvente salute in lor segnor, cioè Amore. Già eran quasi che atterzate l'ore del tempo che onne stella n'è lucente, quando m'apparve Amor subitamente cui essenza membrar mi dà orrore. Allegro mi sembrava Amor tenendo meo core in mano, e ne le braccia avea madonna involta in un dra ...
Scritto nel 1293
On line da: giovedì 26 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8676 - Tipo: p

La tribu prophétique aux prunelles ardentes Hier s'est mise en route, emportant ses petits Sur son dos, ou livrant à leurs fiers appétits Le trésor toujours prêt des mamelles pendantes. Les hommes vont à pied sous leurs armes luisantes Le long des chariots où les leurs sont blottis, Promenant sur le ciel des yeux appesantis Par le morne regret des chimères absentes. Du fond de son ré ...
Scritto nel 1859
On line da: lunedì 11 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8693 - Tipo: p

Poi fummo dentro al soglio de la porta che 'l mal amor de l'anime disusa, perché fa parer dritta la via torta, sonando la senti' esser richiusa; e s'io avesse li occhi vòlti ad essa, qual fora stata al fallo degna scusa? Noi salavam per una pietra fessa, che si moveva e d'una e d'altra parte, sì come l'onda che fugge e s'appressa. «Qui si conviene usare un poco d'arte», cominciò ' ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8613 - Tipo: p

Settembre, oggi veder vorrei l'azzurro del tuo cielo riempiere la bocca rotonda della maschera di pietra in cima alla colonna che si sfalda nei secoli, convolta dal rosaio che si sfoglia nell'ora, entro quel chiostro quadrato che di biondo travertino chiarisce il cotto delle antiche Terme. Forse d'Orfeo ragionerei con Erme sul margine del fonte ove i delfini reggon la tazza in su le c ...
Scritto nel 1093
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8712 - Tipo: p

O falce di luna calante che brilli su l'acque deserte, o falce d'argento, qual messe di sogni ondeggia al tuo mite chiarore qua giù! Aneliti brevi di foglie, sospiri di fiori dal bosco esalano al mare: non canto non grido non suono pe 'l vasto silenzio va. Oppresso d'amor, di piacere, il popol de' vivi s'addorme... O falce calante, qual messe di sogni ondeggia al tuo mite chiarore ...
Scritto nel 1881
On line da: lunedì 18 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8710 - Tipo: p

Affetto al suo piacer, quel contemplante libero officio di dottore assunse, e cominciò queste parole sante: «La piaga che Maria richiuse e unse, quella ch'è tanto bella da' suoi piedi è colei che l'aperse e che la punse. Ne l'ordine che fanno i terzi sedi, siede Rachel di sotto da costei con Bëatrice, sì come tu vedi. Sarra e Rebecca, Iudìt e colei che fu bisava al cantor che per ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8668 - Tipo: p

Di pari, come buoi che vanno a giogo, m'andava io con quell' anima carca, fin che 'l sofferse il dolce pedagogo. Ma quando disse: «Lascia lui e varca; ché qui è buono con l'ali e coi remi, quantunque può, ciascun pinger sua barca»; dritto sì come andar vuolsi rife'mi con la persona, avvegna che i pensieri mi rimanessero e chinati e scemi. Io m'era mosso, e seguia volontieri del mi ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8615 - Tipo: p

Passata è la tempesta: odo augelli far festa, e la gallina, tornata in su la via, che ripete il suo verso. Ecco il sereno rompe là da ponente, alla montagna; sgombrasi la campagna, e chiaro nella valle il fiume appare. Ogni cor si rallegra, in ogni lato risorge il romorio torna il lavoro usato. L'artigiano a mirar l'umido cielo, con l'opra in man, cantando, fassi in su l'uscio; a prov ...
Scritto nel 1829
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8498 - Tipo: p

«O Padre nostro, che ne' cieli stai, non circunscritto, ma per più amore ch'ai primi effetti di là sù tu hai, laudato sia 'l tuo nome e 'l tuo valore da ogne creatura, com' è degno di render grazie al tuo dolce vapore. Vegna ver' noi la pace del tuo regno, ché noi ad essa non potem da noi, s'ella non vien, con tutto nostro ingegno. Come del suo voler li angeli tuoi fan sacrificio ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8614 - Tipo: p

Già si godeva solo del suo verbo quello specchio beato, e io gustava lo mio, temprando col dolce l'acerbo; e quella donna ch'a Dio mi menava disse: «Muta pensier; pensa ch'i' sono presso a colui ch'ogne torto disgrava». Io mi rivolsi a l'amoroso suono del mio conforto; e qual io allor vidi ne li occhi santi amor, qui l'abbandono: non perch' io pur del mio parlar diffidi, ma per la ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8654 - Tipo: p

Forse perché della fatal quiete tu sei l'immago a me sì cara vieni o Sera! E quando ti corteggian liete le nubi estive e i zeffiri sereni, e quando dal nevoso aere inquiete tenebre e lunghe all'universo meni sempre scendi invocata, e le secrete vie del mio cor soavemente tieni. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van ...
Scritto nel 1802
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8519 - Tipo: p

Qual su le Cinzie cime Alta sovrasta a le minori Oreadi Col volto, e col sublime D'auree frecce sonante omero Delia, E appar movendo per la sacra riva Veracemente Diva; Tal prima a gli occhi miei Non ancor dotti d'amorose lagrime Appariva costei, Vincendo di splendor l'emule Vergini Per mover d'occhi dolcemente grave E per voce soave. Da gl'innocenti sguardi Che ancor lor possa e ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8727 - Tipo: p

Io dico, seguitando, ch'assai prima che noi fossimo al piè de l'alta torre, li occhi nostri n'andar suso a la cima per due fiammette che i vedemmo porre, e un'altra da lungi render cenno, tanto ch'a pena il potea l'occhio tòrre. E io mi volsi al mar di tutto 'l senno; dissi: «Questo che dice? e che risponde quell' altro foco? e chi son quei che 'l fenno?». Ed elli a me: «Su per le ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8577 - Tipo: p

Taci. Su le soglie del bosco non odo parole che dici umane; ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane. Ascolta. Piove dalle nuvole sparse. Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove su i pini scagliosi ed irti, piove su i mirti divini, su le ginestre fulgenti di fiori accolti, su i ginepri folti di coccole aulenti, piove su i nostri volti silvani, piove ...
Scritto nel 1902
On line da: lunedì 18 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8709 - Tipo: p

Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrir Progne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia. Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena; Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia. Ma per me, lasso, tornano i piú gravi sospiri, che del cor profondo tragge ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8562 - Tipo: p

Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d'Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare: scendono all'Adriatico selvaggio che verde è come i pascoli dei monti. Han bevuto profondamente ai fonti alpestri, che sapor d'acqua natía rimanga ne' cuori esuli a conforto, che lungo illuda la lor sete in via. Rinnovato hanno verga d'avellano. E vanno pel trattu ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8711 - Tipo: p

C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d'antico: io vivo altrove, e sento che sono intorno nate le viole. Son nate nella selva del convento dei cappuccini, tra le morte foglie che al ceppo delle quercie agita il vento. Si respira una dolce aria che scioglie le dure zolle, e visita le chiese di campagna, ch'erbose hanno le soglie: un'aria d'altro luogo e d'altro mese e d'altra ...
Scritto nel 1900
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8513 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...