il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Lascia che sia un mondo semplice… per poter vivere una vita più facile in questa confusa realtà. Viviamo tutti con la paura che presto in peggio cambierà. Sii di cuore buono,lascia più libertà, nelle cose senza pericolo, che a nessun, mal farà, non sii cosi ridicolo. Sai bene, fin troppo bene, che stai sbagliando, se non aiuti chi ancora sta imparando. Lascia che sia un mondo se ...
Scritto nel 2020
On line da: sabato 15 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8876 - Tipo: c

Una mamma buona è sempre preocupata. Soffrirà senza far finta di niente e lotterà anche senza voglia,pur di vedere felici figli e marito. Non apparirà mai triste, anche se il dolore le spezza il cuore. Il suo finto sorriso penetra nei cuori di chi merita l'affetto di una buona mamma che ama i suoi come se stessa. ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 14 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8875 - Tipo: p

L'amico nemico: Fra te e lui, tutto passerà inosservato. E mai ti accorgi di aver vicino l'amico sbagliato. Continuerà il suo cammino, con una valanga di bugie e una premeditata falsa idea. Arriverà il giorno che da vero amico diventerà falso nemico e ti toglierà dal suo falso cuore. ...
Scritto nel 2020
On line da: giovedì 13 febbraio 2020
Stato: 1 Cod: 8874 - Tipo: p

Le Rose sono rosse, le Viole sono viola... ma l'amore, quello ha il colore dei tuoi occhi e lo splendore del tuo sorriso. ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 24 gennaio 2020
Stato: 1 Cod: 8873 - Tipo: p

Noi giovani d'oggi siamo straordinari, Abbiamo, tutti, un grosso problema... l'istruzione odierna. È come se fossimo sulla stessa barca ma nessuno Ha intenzione di remare, anzi, creiamo buchi sul fondo Così, da affondare. Tutti insieme. ...
Scritto nel 2020
On line da: mercoledì 15 gennaio 2020
Stato: 1 Cod: 8872 - Tipo: p

La verità è che tutto finto... E neanche questo è vero. L'unica travisata certezza è nella tirannia del dubbio. ...
Scritto nel 2019
On line da: sabato 12 ottobre 2019
Stato: 1 Cod: 8871 - Tipo: m

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Dall'alto dei miei anni.un pò maturi, guardavo i figli miei intenti al gioco! Correvano felici. in cuore puri, insieme a degli amici a darsi sfogo! Di colpo riflessioni vanno a mente donandomi l'orgoglio d'esser padre, "l'argilla" che ha plasmato onnipotente, per dare in questo ruolo Bimbo a madre! Frenetica è la vita nel suo andare tra battiti del cuore.il suo motore, ti spinge avanti ...
Scritto nel 2007
On line da: sabato 2 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 830 - Tipo: c

La Stanza.... ...stava leggendo un libro.... come faceva solitamente nell'ultimo periodo dopo il lavoro... improvvisamente un alito di vento freddo la distolse dalla lettura... si alzò e vide davanti la finestra seduto sul davanzale un uomo austero nel viso ma molto Affascinante vestito in abiti del 700 occhiialini tondi capelli lunghi boccolosi raccolti in un nastro di raso a formare una coda.. ...
Scritto nel 2004
On line da: venerdì 4 luglio 2008
Stato: 1 Cod: 1406 - Tipo: r

Stanza Pittoresca E graziosa La tua sala cucina, piccola stanza raccolta e non grande, ma con tutto il necessario, non ti manca niente; mi piace ed è rilassante, un tavolo chiaro, le sedie varie di varia forma, una poltrona con degli abiti sopra, un credenzona con le ante, piena di masserizie, di oggetti e piccoli souvenir che ti piacciono tanto, e che dicono molto di te; tante ...
Scritto nel 2019
On line da: lunedì 13 maggio 2019
Stato: 1 Cod: 8835 - Tipo: p

Credevo una volta che il cristallo nerissimo degli occhi nascondesse un misterioso prezioso corallo, la profondità di un'ignota messe. Sempre davanti ho quel buio inchiostro, tra le ciglia quasi un mondo arcano con il profumo d'un antico chiostro: tanto vorrei poter toccar con mano. Cosa si muove nell'abisso oscuro, forse una donna allo stato puro? Origine di ogni nostra essenza ...
Scritto nel 2015
On line da: venerdì 11 settembre 2015
Stato: 1 Cod: 8142 - Tipo: p

Vorrei mi regalassi un paio di scarpe nuove tessute di luna quando è quasi piena e filo di grano ben maturo con lacci di segale scura. Così potrei salire in cima a quella scala alta là vicino al leccio non so dove mi porta ma sento dal profumo e dalla forma leggiadra che arriverò a toccare Sirio, la stella che da bimba immaginavo luogo d'incontri d'amore. Aiutami a salire dolc ...
Scritto nel 2008
On line da: sabato 22 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 1007 - Tipo: p

Impregnato e lercio di nulla più non temo il domani potrò sì separarmi da una vita che non ho vissuto che a tratti. Più niente chiedo e sento lo so e lo so bene e lo voglio e ogni smentita è vana. Eloquente un ossimoro accarezza significo le mie ossa modella il viso dei miei giorni; dal promontorio delle attese tutto è una chiara foschia diffusa. Poche volte ci baciò amore poco forbi ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 16 marzo 2009
Stato: 1 Cod: 2693 - Tipo: p

Sento vicina lei genitrice per abbracciare il Cielo mi ha lasciata in un freddo giorno d'inverno. Per unirsi alla schiera degli angeli lui genitore una mattina d'estate mi ha sussurrato «tu aspetta». La sorella tanto amata per dialogare col suo Gesù in terra il suo posto mi ha affidato. Ma ora anche il mio Amore si è rivestito di Luce al commiato "i veri poveri" mi ha raccomanda ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 30 ottobre 2016
Stato: 1 Cod: 8446 - Tipo: p

Luci rosse all'alba cuore palpita, galoppa, scuce le ore in tagli. L'occhio osserva sicuro mano che si sgretola, a carezze di luna. Batte forte e lo si sente, come un tam, tam, che arde dentro e martella l'anima assopita. D'amore succoso, goccia dopo goccia, le pulsazioni rallentano genunino ardore. Luci arancio al tramonto cuore tace, muore, strappa l'attesa. ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 9 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6001 - Tipo: p

"Mi senti? Ho deciso di raccontarti della mia vita, tu, che hai gli orecchi sempre tesi ad ascoltare chi ha bisogno di te. Ma tu sei sempre tra di noi. Prima di andare a letto, sul far della sera e spesso anche a tavola, con il tuo manto oscuro, arrivi e tutti restano ad ammirarti. Imponente. O qual bellezza. Hai sempre paura dello specchio, e quando, il mattino, m'appresto ad andare in bagno, se ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 25 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2392 - Tipo: r

Una tazzina di caffè decisamente amaro come il nostro ricordo sepolto insieme ai sogni una tazza di cappuccio io la sostanza te la schiuma ti sciogli rapida come l'onda e muori sulla battigia nessun gabbiano assapora il tuo delicato profumo nessun granello di sabbia a sfiorare il tuo dolce sorriso io e te il nostro castello divino la nostra vita spazzata per sempre da una leg ...
Scritto nel 2007
On line da: martedì 17 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1354 - Tipo: p

L'alba, si leva la luce; brusio dei volatili, celati tra le fronde; un altro giorno, altra incognita. ...
Scritto nel 2013
On line da: lunedì 17 giugno 2013
Stato: 1 Cod: 7529 - Tipo: p

D'amore spaccami il cuore e poi ricomponilo con... di un altro... l'amore porta via da me tutto il dolore trasporta da me lontano questo tetro rancore cambia nell'amore la mia sorte spalanca per me le tue porte portami solo felicità e gioia spazza via la tristezza e quella solitaria noia trasportami dove c'è un tempo nuovo un cielo sempre azzurro senza mai un tuono vento d'amore vienimi ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 10 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6578 - Tipo: p

Befana Befanina, qui la notte si avvicina! solcando tetti e strade porterai le calzette in tutte le casette, la tua scopa scintillante dona un tocco di magia in questo giorno di Epifania. Oh! Vecchietta, tu che puoi, porta un po' di scintillio anche per noi! Nella mia calzetta metti un carboncino, ma anche quel dono dimenticato da da Babbo Natale nel magazzino. ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 5 gennaio 2012
Stato: 1 Cod: 5643 - Tipo: p

Chi ha molto da dire... fà. Chi ha niente da fare... parla. ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 28 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 792 - Tipo: m

Ora che ci sei non ti lascio più davvero per nessuna ragione. Chissà cosa darei per respirare, sono sincero, ogni stagione del nostro amore finché respireremo assieme. E quando viene o verrà al più tardi che può o che potrà, scapperà con uno sfottò, la brutta comare secca, la morte che ci aspetta. Anima mia dolcissima poesia le mie forti braccia cacceranno via ogni minaccia. ...
Scritto nel 2013
On line da: mercoledì 17 luglio 2013
Stato: 1 Cod: 7589 - Tipo: p

Vorrei poterti dire che mi piaci, guardarti ogni istante mentre dormi, sentire il profumo della tua pelle sulla mia, non dividerti con nessun altro, ma sarei troppo egoista. Vorrei poterti dire che ti voglio bene, vederti sempre felice e contenta, augurarti le cose più belle al mondo, realizzare ogni tuo desiderio, ma sarei troppo bugiardo. Vorrei poterti dire che ti amo, sei entrata p ...
Scritto nel 2003
On line da: venerdì 2 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2205 - Tipo: p

Giorno di novembre, brutto, cielo greve, pesante, pieno di nubi, con la pioggia appesa, che scende da un momento all'altro; aria autunnale, freddo, noia nell'aria, malinconica domenica della stagione delle foglie, della vendemmia, le castagne per terra, le panchine vuote e zuppe d'acqua, l'erba pregna, chiazze un po' ovunque; e ti senti solo, e smarrito, il mondo sembra che ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 4 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6734 - Tipo: p

Fugge menzogna, falsità, calunnia, il core esangue e l'animo ferito da color, bestie infamanti rigonfie di stoltezza, che dell'invidia fan grande ricchezza. Correr lontano dal mondo, or depravato e brutto, di squallido color dal marcio frutto, è il sentir d'una coscienza a lutto, che voce umana udir giammai si vole. Ma lo spirto isolar no, non si deve, dopo il dolor di ...
Scritto nel 2007
On line da: sabato 23 giugno 2007
Stato: 1 Cod: 104 - Tipo: p

Fremiti mi sfiorano di lei, la mia compagna, mentre ella è vinta e avvolta dal suo sonno. Il suo respiro, ignaro e inconsapevole, me l'allontana in chissà quali sogni sconosciuti... Ed io le giaccio accanto, insonne, assorto in miei pensieri. E tutto ciò che freme nella notte, in un silenzio fatto di misteri, viene a turbarmi, incognito, a rendermi infelice. Un desiderio stran ...
Scritto nel 1986
On line da: martedì 8 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7096 - Tipo: p

Scusa se non posso stringerti, scusa se non posso abbattere questa parete tra di noi, fatta di chilometri e chilometri che si distendono lungo il mare, il tempo ci rende lontani, colpa di quella maledetta voglia che mi stringe forte forte e non mi lascia più, qui tra lacrime dolori senza te rischio di cader a picco a testa in giù, cadere o volare dimmi di te dimmi finché il cielo non cambia color ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 19 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1916 - Tipo: r

Anche quest'anno il Natale è arrivato e tanti pacchetti colorati e infiocchettati sono accatastati sotto l'albero illuminato. Nell'aria una fanciullesca allegria nelle case una domestica frenesia nel cuore tanta malinconia ma con tanta voglia di cacciarla via. La curiosità di vedere quel che mi è stato regalato mi aggredisce come un predatore infuriato e con il cuore puro come un bamb ...
Scritto nel 1993
On line da: martedì 27 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1266 - Tipo: p

Scriviamo la nostra storia con la vita, col passar della nostra vita, lentamente e inesorabilmente ci porta alla fine, in un continuo avvicendarsi di mali, di dolori, che offre gratuitamente. Questa è la vita, quasi per tutti, un cumulo d'affanni, di privazioni, un continuo fuggire nel dolore che Ti avvolge, un sempre rincorrere la pace nella quale trovi solo per pochi attimi di gioia, il resto ...
Scritto nel 2004
On line da: martedì 28 aprile 2009
Stato: 1 Cod: 2924 - Tipo: r

Butta la luna nel pozzo ed incomincia a pensare, comete striscianti nello scuro cielo della notte, immediate, fatue, dense, dal passo rapido come un ladro che ruba un sogno all'amore. Ripercorri sentieri lontani nel tempo trascorso insieme, in infuocati amplessi nelle gelide notti piemontesi quando anche un casto bacio aveva il profumo di Posillipo ed un amplesso ardente lo sfond ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 14 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5025 - Tipo: p

Giorni interminabili, imbevuti di noia, tedio e calura, cercando l'ombra, scrutando le nuvole rare nel cielo, agognando un temporale, che non viene mai; selciato cotto dal sole, corri alla doccia, e al frigo, in cerca di una bibita, di un rinfresco; la sera è la benvenuta, con la brezza, se c'è, e un po' di frescura. ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 18 luglio 2010
Stato: 1 Cod: 4360 - Tipo: p

Era un ragazzo come Noi, però Lui ha scelto di servire Dio, ha scelto di aiutare chi era nel bisogno. Ora ha raggiunto la meta che si era prefisso, ora quel ragazzo è un Papa: da pochi giorni Lui è venuto qui fra noi a Vicenza, per portarci la speranza, sì perché dovunque vada Egli infonde coraggio e forza ha dato coraggioai nostri malati a chi forse non potrà guarire a ognuno di noi comunque ha ...
Scritto nel 1991
On line da: sabato 17 maggio 2008
Stato: 1 Cod: 1224 - Tipo: r

Metti da parte per un momento il tuo egosimo saprai cogliere nel mio sorriso la luce di un nuovo giorno Saprai andare oltre i tuoi pensieri che incatenano il tuo cuore privandolo della beltà di un sentimento vero.... Se tu riuscissi a fuggire dal nero della tua anima sapresti anche volare e così in alto da averne quasi paura... Se solo per una notte dimenticassi la vita che ti sei sc ...
Scritto nel 2009
On line da: giovedì 26 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2628 - Tipo: p

Ho guardato lontano il cielo nero di nubi. E l'orizzonte bruciava di lampi. Mi son guardato dintorno. E un sorriso ha riportato il sereno. ...
Scritto nel 2004
On line da: mercoledì 3 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3111 - Tipo: p

Le città con i loro innumerevoli rumori... inghiottite negli inguardabili squallori immensi palazzi, interminabili grattaceli... che hanno coperto prati ed erbosi sentieri le ville di ricchi imprenditori... le baracche dei poveri con i loro dolori strade sempre più affollate, trafficate... da inquinamento denso e grigio investite tra i negozi facce pulite, posture eleganti... nelle v ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 27 febbraio 2011
Stato: 1 Cod: 4985 - Tipo: p

Inutile è ostinare l'impossibile per essere credibili con le cazzate insaporite in due lesche di pane raffermo, se di casa non si sa del tutto la verità del perchè scelto con impeto son quale attor disabile. No! non è bello per nessuno trascurarsi con la voglia di agire, sarà fatalità da lassù vero Dio! Non basta andare sulla luna per essere uomini quando con odio guardiamo il nostro nem ...
Scritto nel 2012
On line da: venerdì 12 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6588 - Tipo: p

essere respiro battito pulsante pensiero celato desiderio improvviso immagine nell'immagine voce che più ti è cara sogno ricorrente nome sulla tua bocca... sangue nelle tue vene... vorrei! ...
Scritto nel 2011
On line da: martedì 20 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5422 - Tipo: p

Quando ero piccola credevo che i soldi fossero la cosa più importante nella vita. Oggi che sono anziana sò che è vero. ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 17 maggio 2007
Stato: 1 Cod: 17 - Tipo: m

Nel Dicembre del 1996 in un piccolo paese di provincia una famiglia si apprestava ad iniziare i preparativi per il Natale. Erano padre, madre e un piccolo angelo di quasi 4 anni. La piccola era gioiosa ed entusiasta per quelle festività; e per quell'anno aveva un desiderio molto particolare: avrebbe tanto voluto recarsi al Polo Nord per aiutare Babbo Natale e preparare con lui i regali da portare ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 24 giugno 2010
Stato: 1 Cod: 4302 - Tipo: r

Mi sono dispersa per un attimo Tra me stessa e il cielo. Perduta. Ricercavo la direzione Un equilibrio d'amore. Ero diretta a quelle nuove vite che s' aprono dietro l' orizzonte. Novità sfiorate di bocca in bocca. Impalpabili vite e felici mondi, miraggi. Cercando la direzione mi trovavo su questo sentiero. Così incerto. Nessuna indicazione Né informazione. ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 4 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1392 - Tipo: p

Nell'avvinghiarmi a te, nell'esplorare me, la sera, ci percorre... la tua pelle, sulla mia la sento, si diffonde... ...
Scritto nel 1997
On line da: lunedì 11 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 5277 - Tipo: p

Il mio corpo volava tra nuvole e sole e saliva sempre più su! Poi d'improvviso ... un gelido vento mi gelava il volto e brividi ... pervadevano tutto il mio essere. Precipitavo nel baratro... non riuscivo a capire... e di colpo un tonfo! Ero a terra, le mie ali disfatte.. Il mio corpo rannicchiato In un buco Nero!! ...
Scritto nel 2016
On line da: giovedì 3 marzo 2016
Stato: 1 Cod: 8288 - Tipo: p

Qui seduta nella stazione di questa mia vita, vedo passare i treni, ma rimango qui immobile, mentre veloci si allontanano da me, vorrei avere il coraggio di alzarmi da questa fredda panchina, dirigermi verso di loro e andar lontano ma adesso mi accorgo che quello della gioventù è già passato, quello della felicità non è mai arrivato, quello dei sogni mi ha riportato di nuovo nella stazione della ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 21 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 5775 - Tipo: r

Tra quattro petali d'arancio la malinconia sospinge fantasmi e bambole smorte. I suoi aneliti sono ancestrali, invadono la tela del caos mentre i superstiti di Dio ammiccano tra le ombre buone per salvaguardare la genuinità della croce. Eppure, le delizie di quegli occhi tanto buoni pieni di misericordia e timore, imbiancano un mosaico straordinario fatto di terre ...
Scritto nel 2015
On line da: venerdì 4 dicembre 2015
Stato: 1 Cod: 8188 - Tipo: p

Quest'ora del dì che volge a vespro, tra nubi sfumate all'orizzonte, tra rossi pensieri avvolti in cuore, ricordi di te, parlano chiaro. Respiri profondi nel cammino, lucente la scia d'un aereoplano nel cielo di quasi primavera, nell'aria pulita della sera. ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 29 febbraio 2012
Stato: 1 Cod: 5730 - Tipo: p

Linee, colori, forme. Lo spirito che dorme, Rosaspina incantata, rompe il guscio robusto della mono-tonia. Chiamatela "mania". Fondendo i blu coi verdi, i gialli con i rossi, salta, ridendo, i fossi, la mia malinconia. ...
Scritto nel 2006
On line da: martedì 22 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 759 - Tipo: p

Nel mio intimo, un paradiso sconosciuto, d'acqua e brividi, natura e pulsioni, di certe incursioni. Dammi uno specchio, le rughe affiorano, come sulla terra arida le crepe dal troppo sole. Dal mio fuori, un tornado di perplessità, mentre le mani tese di gente intontita grida aiuto. Sulla schiena un'ape, sul tronco un buco, sulla fronte una gemma, porzioni di sacralità. L ...
Scritto nel 2011
On line da: mercoledì 21 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 5776 - Tipo: p

Imbrunire a giugno Mentre la macchina È sulla via del ritorno, rincasando, guardo fuori, verso l’alto, il cielo si staglia con un colorito rossastro, tante striature gialle, cromatismi colorati, nubi sottili, striature rossicce si dilungano nel cielo, imbrunire a giugno, cielo simile a una tavolozza da pittore, tante chiazze di colore, con venature scarlatte; spettacolo sug ...
Scritto nel 2019
On line da: domenica 9 giugno 2019
Stato: 1 Cod: 8849 - Tipo: p

Chi ti si vende per trenta denari, o per un piatto di lenticchie e riso un plauso, qualche orgasmo, due, tre fiori e il quattro a picche batte il re di cuori. Ma nella fonte dei miei sogni appari la nuda dea, coi piedi nudi dentro le trasparenze d'acqua senz'allori che il mondo ostenta e spaccia per tesori. E te ne vai fra rovi, ortiche, spine a consolare cristi senza nome né titoli ...
Scritto nel 2013
On line da: domenica 13 gennaio 2013
Stato: 1 Cod: 7126 - Tipo: p

...mi trovo in una stanza buia. brividi violenti, scuotono il mio corpo come pervaso dalla corrente. Dove, mi trovo! Aiuto, grido io. Sbarro gli occhi nel buio sperando di sgorgere un lume. Mille pensieri nella mente, corrono come cavalli disperati, perché da qualcuno braccati Corpo sfinito, inerte bloccato di paure certe. Finché il rumore del silenzio accende una speranz ...
Scritto nel 2007
On line da: domenica 1 luglio 2007
Stato: 1 Cod: 97 - Tipo: p

Su pensieri senza senso inerpico le parole perché della sofferenza in amore la crudeltà conosco.. Incantatrice non sono se a Te conduce il cuore ma la ragione frena il mio viaggiare... Di me conosci il viso, del mio scriver la poesia e con risate cristalline coloro delle emozioni i sogni... Di Te l'ardire penetra e avanza con passione su questo corpo che nel Tuo fare cerca la do ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 29 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 5789 - Tipo: p

Notte senza lumi Soffocata in un panno di cielo Come olio ti versi sui tetti Plasmante Notte troppo silente Nei bar della piazza Solo un tacco si ode Lontano E veloce rincorri una guardia In pedali leggeri Notte distesa sui lucidi asfalti Non sussulti al mio pianto E non passi Non passi mai Dietro a un vetro appannato ...
Scritto nel 1981
On line da: mercoledì 18 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1360 - Tipo: p

Prega per noi, Luce d'amore, Luce del cuore, Fiore purissimo e profumato, Tu sei la madre di tutto il creato. O dolce Madre, Madre d'amore, Luce del cuore Sei Tu per me. O santa Madre Immacolata, Pura e vergine sei creata, Dona o Madre ai figli Tuoi, Il Tuo aiuto Il Tuo perdono. Stacci vicino ogni momento, O Santa Vergine, Madre potente, Madre nostra, Madre di Dio, ...
Scritto nel 1997
On line da: mercoledì 6 maggio 2009
Stato: 1 Cod: 2952 - Tipo: p

Voglio credere in te... nelle tue parole e nel tuo sorriso.. Immergere il mio sguardo nei tuoi occhi e leggervi desiderio e amore... Arrivare fino alla tua anima... dolcemente e cogliere ogni tua emozione... Sfiorare con le dita il tuo cuore... mentre sul tuo petto poso il mio respiro... Riempirti voglio di me e del mio profumo e regalarti fiori senza spine e poi sentire insieme a ...
Scritto nel 2009
On line da: giovedì 4 giugno 2009
Stato: 1 Cod: 3122 - Tipo: p

Gli antichi bagliori d'aurora proiettano sogni nell'aria tra nuvole, soffi di vento, brandelli di muta memoria. Le luci di stelle d'argento scintillano dentro le gocce del pianto notturno che ha spento la voce al silenzio di croce. La notte ricuce ferite nell'anima in punti dolenti, discioglie la nebbia e i castelli di sabbia che avevi davanti. ...
Scritto nel 2012
On line da: venerdì 27 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6192 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Non era ancor di là Nesso arrivato, quando noi ci mettemmo per un bosco che da neun sentiero era segnato. Non fronda verde, ma di color fosco; non rami schietti, ma nodosi e 'nvolti; non pomi v'eran, ma stecchi con tòsco. Non han sì aspri sterpi né sì folti quelle fiere selvagge che 'n odio hanno tra Cecina e Corneto i luoghi cólti. Quivi le brutte Arpie lor nidi fanno, che caccia ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8582 - Tipo: p

O graziosa luna, io mi rammento che, or volge l'anno, sovra questo colle io venia pien d'angoscia a rimirarti: e tu pendevi allor su quella selva siccome or fai, che tutta la rischiari. Ma nebuloso e tremulo dal pianto che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci il tuo volto apparia, che travagliosa era mia vita: ed è, nè cangia stile o mia diletta luna. E pur mi giova la ricordanza, e il n ...
Scritto nel 1820
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8493 - Tipo: p

Souvent, pour s'amuser, les hommes d'équipage Prennent des albatros, vastes oiseaux des mers, Qui suivent, indolents compagnons de voyage, Le navire glissant sur les gouffres amers. A peine les ont-ils déposés sur les planches, Que ces rois de l'azur, maladroits et honteux, Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches Comme des avirons traîner à côté d'eux. Ce voyageur ailé, co ...
Scritto nel 1859
On line da: sabato 28 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8677 - Tipo: p

La gloria di colui che tutto move per l'universo penetra, e risplende in una parte più e meno altrove. Nel ciel che più de la sua luce prende fu' io, e vidi cose che ridire né sa né può chi di là sù discende; perché appressando sé al suo disire, nostro intelletto si profonda tanto, che dietro la memoria non può ire. Veramente quant' io del regno santo ne la mia mente potei far tes ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8637 - Tipo: p

Su le populee rive e sul bel piano Da le insubri cavalle esercitato, Ove di selva coronate attolle La mia città le favolose mura, Prego, suoni quest'Inno: e se pur degna Penne comporgli di più largo volo La nostra Musa, o sacri colli, o d'Arno Sposa gentil, che a te gradito ei vegna Chieggo a le Grazie. Ché dai passi primi Nel terrestre viaggio, ove il desio Crudel compagno è de la via, ...
Scritto nel 1809
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8740 - Tipo: p

D'in su la vetta della torre antica, passero solitario, alla campagna cantando vai finché non more il giorno; ed erra l'armonia per questa valle. Primavera dintorno brilla nell'aria, e per li campi esulta, sì ch'a mirarla intenerisce il core. Odi greggi belar, muggire armenti; gli altri augelli contenti, a gara insieme per lo libero ciel fan mille giri, pur festeggiando il lor ...
Scritto nel 1834
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8495 - Tipo: p

La gola e 'l somno et l'otiose piume ànno del mondo ogni vertú sbandita, ond'è dal corso suo quasi smarrita nostra natura vinta dal costume; et è sí spento ogni benigno lume del ciel, per cui s'informa humana vita, che per cosa mirabile s'addita chi vòl far d'Elicona nascer fiume. Qual vaghezza di lauro, qual di mirto? Povera et nuda vai philosophia, dice la turba al vil guadagno ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8541 - Tipo: p

Settembre, teco io sia sul Loricino che fece blandi gli ozii del pretore: in sabbia quasi rosea fluisce scabra di rughe e sparsa di negrore come il palato del mio dolce veltro. Sorvolano le rondini quel vetro lieve cui godon rompere coi bianchi petti: una piuma cade e corre al mare. E di là dalle verdi canne i monti di Cori son cilestri come il mare. Forza del Lazio quanto sei soave ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8713 - Tipo: p

Au-dessus des étangs, au-dessus des vallées, Des montagnes, des bois, des nuages, des mers, Par delà le soleil, par delà les éthers, Par delà les confins des sphères étoilées, Mon esprit, tu te meus avec agilité, Et, comme un bon nageur qui se pâme dans l'onde, Tu sillonnes gaiement l'immensité profonde Avec une indicible et mâle volupté. Envole-toi bien loin de ces miasmes morbides ...
Scritto nel 1856
On line da: domenica 5 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8679 - Tipo: p

Lenta la neve fiocca, fiocca, fiocca. Senti: una zana dondola pian piano. Un bimbo piange, il piccol dito in bocca; canta una vecchia, il mento sulla mano. La vecchia canta: Intorno al tuo lettino c'è rose e gigli, tutto un bel giardino. Nel bel giardino il bimbo s'addormenta. La neve fiocca lenta, lenta, lenta. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8511 - Tipo: p

È risorto: or come a morte La sua preda fu ritolta? Come ha vinto l'atre porte, Come è salvo un'altra volta Quei che giacque in forza altrui? Io lo giuro per Colui Che da' morti il suscitò. È risorto: il capo santo Più non posa nel sudario; È risorto: dall'un canto Dell'avello solitario Sta il coperchio rovesciato: Come un forte inebbriato Il Signor si risvegliò. Come a mezzo del ca ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8745 - Tipo: p

Era il tramonto: ai garruli trastulli erano intenti, nella pace d'oro dell'ombroso viale, i due fanciulli. Nel gioco, serio al pari d'un lavoro, corsero a un tratto, con stupor de' tigli, tra lor parole grandi più di loro. A sé videro nuovi occhi, cipigli non più veduti, e l'uno e l'altro, esangue, ne' tenui diti si trovò gli artigli, e in cuore un'acre bramosia di sangue, e lo v ...
Scritto nel 1904
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8514 - Tipo: p

Così di ponte in ponte, altro parlando che la mia comedìa cantar non cura, venimmo; e tenavamo 'l colmo, quando restammo per veder l'altra fessura di Malebolge e li altri pianti vani; e vidila mirabilmente oscura. Quale ne l'arzanà de' Viniziani bolle l'inverno la tenace pece a rimpalmare i legni lor non sani, ché navicar non ponno - in quella vece chi fa suo legno novo e chi rist ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8590 - Tipo: p

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono di quei sospiri ond'io nudriva 'l core in sul mio primo giovenile errore quand'era in parte altr'uom da quel ch'i' sono, del vario stile in ch'io piango et ragiono fra le vane speranze e 'l van dolore, ove sia chi per prova intenda amore, spero trovar pietà, nonché perdono. Ma ben veggio or sì come al popol tutto favola fui gran tempo, onde so ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8540 - Tipo: p

Luogo è in inferno detto Malebolge, tutto di pietra di color ferrigno, come la cerchia che dintorno il volge. Nel dritto mezzo del campo maligno vaneggia un pozzo assai largo e profondo, di cui suo loco dicerò l'ordigno. Quel cinghio che rimane adunque è tondo tra 'l pozzo e 'l piè de l'alta ripa dura, e ha distinto in dieci valli il fondo. Quale, dove per guardia de le mura più e ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8587 - Tipo: p

Se lamentar augelli, o verdi fronde mover soavemente a l'aura estiva, o roco mormorar di lucide onde s'ode d'una fiorita et fresca riva, là 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva, lei che 'l ciel ne mostrò, terra n'asconde, veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva di sí lontano a' sospir' miei risponde. "Deh, perché inanzi 'l tempo ti consume? - mi dice con pietate - a che pur versi ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8560 - Tipo: p

Al fine de le sue parole il ladro le mani alzò con amendue le fiche, gridando: «Togli, Dio, ch'a te le squadro!». Da indi in qua mi fuor le serpi amiche, perch' una li s'avvolse allora al collo, come dicesse 'Non vo' che più diche'; e un'altra a le braccia, e rilegollo, ribadendo sé stessa sì dinanzi, che non potea con esse dare un crollo. Ahi Pistoia, Pistoia, ché non stanzi d'in ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8594 - Tipo: p

Ora era onde 'l salir non volea storpio; ché 'l sole avëa il cerchio di merigge lasciato al Tauro e la notte a lo Scorpio: per che, come fa l'uom che non s'affigge ma vassi a la via sua, che che li appaia, se di bisogno stimolo il trafigge, così intrammo noi per la callaia, uno innanzi altro prendendo la scala che per artezza i salitor dispaia. E quale il cicognin che leva l'ala ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8628 - Tipo: p

Poi fummo dentro al soglio de la porta che 'l mal amor de l'anime disusa, perché fa parer dritta la via torta, sonando la senti' esser richiusa; e s'io avesse li occhi vòlti ad essa, qual fora stata al fallo degna scusa? Noi salavam per una pietra fessa, che si moveva e d'una e d'altra parte, sì come l'onda che fugge e s'appressa. «Qui si conviene usare un poco d'arte», cominciò ' ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8613 - Tipo: p

Settembre, son mature le carrube. Or tu pel caldo mare di Cilicia conduci dalla riva cipriota la saica a scafo tondo e a vele quadre. Bonaccia, e nel saffiro non è nube. Germa con sue maggiori quattro vele, garbo o schirazzo, legni levantini carichi di baccelli dolci e bruni conduci verso l'isola dei Sardi. E vien teco un odor di tetro miele. La siliqua, che ingrassa la muletta dal ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8717 - Tipo: p

In quella età che, di veder bramoso, Ancor l'ingegno a le cagioni è cieco, Ascoso un Genio, anco a me stesso ascoso, Disse improvviso al mio pensier: Son teco. Ei le cose mi mostra che animoso Primier, siccome io valgo, in luce io reco; Sicché da lui le tenga ogni cortese Cui non incresca de l'averle intese. Qual compagno s'avesse a la sua via Infin d'allora il giovinetto acerbo, Tal ...
Scritto nel 1809
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8741 - Tipo: p

La tribu prophétique aux prunelles ardentes Hier s'est mise en route, emportant ses petits Sur son dos, ou livrant à leurs fiers appétits Le trésor toujours prêt des mamelles pendantes. Les hommes vont à pied sous leurs armes luisantes Le long des chariots où les leurs sont blottis, Promenant sur le ciel des yeux appesantis Par le morne regret des chimères absentes. Du fond de son ré ...
Scritto nel 1859
On line da: lunedì 11 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8693 - Tipo: p

Rubens, fleuve d'oubli, jardin de la paresse, Oreiller de chair fraîche où l'on ne peut aimer, Mais où la vie afflue et s'agite sans cesse, Comme l'air dans le ciel et la mer dans la mer; Léonard de Vinci, miroir profond et sombre, Où des anges charmants, avec un doux souris Tout chargé de mystère, apparaissent à l'ombre Des glaciers et des pins qui ferment leur pays; Rembrandt, tris ...
Scritto nel 1855
On line da: giovedì 23 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8687 - Tipo: p

Se mai più che d'Euterpe il furor santo, E d'Erato il sospiro, o dolce madre, L'amaro ghigno di Talia mi piacque, Non è consiglio di maligno petto. Né del mio secol sozzo io già vorrei Rimescolar la fetida belletta, Se un raggio in terra di virtù vedessi, Cui sacrar la mia rima. A te sovente Così diss'io: ma poi che sospirando, Come si fa di cosa amata e tolta, Narrar t'udia di che virt ...
Scritto nel 1806
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8730 - Tipo: p

La morte non è male: perché libera l'uomo da tutti i mali, e insieme coi beni gli toglie i desiderii. La vecchiezza è male sommo: perché priva l'uomo di tutti i piaceri, lasciandogliene gli appetiti; e porta seco tutti i dolori. Nondimeno gli uomini temono la morte, e desiderano la vecchiezza. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8524 - Tipo: m

Di pensier in pensier, di monte in monte mi guida Amor, ch'ogni segnato calle provo contrario a la tranquilla vita. Se 'n solitaria piaggia, rivo, o fonte, se 'nfra duo poggi siede ombrosa valle, ivi s'acqueta l'alma sbigottita; e come Amor l'envita, or ride, or piange, or teme, or s'assecura; e 'l volto che lei segue ov'ella il mena si turba et rasserena, 10 et in un esser picciol temp ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8552 - Tipo: p

Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la spoglia immemore orba di tanto spiro, così percossa, attonita la terra al nunzio sta, muta pensando all'ultima ora dell'uom fatale; né sa quando una simile orma di pie' mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà. Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque; quando, con vece assidua, cadde, ri ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 30 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8522 - Tipo: p

La Nature est un temple où de vivants piliers Laissent parfois sortir de confuses paroles; L'homme y passe à travers des forêts de symboles Qui l'observent avec des regards familiers. Comme de longs échos qui de loin se confondent Dans une ténébreuse et profonde unité, Vaste comme la nuit et comme la clarté, Les parfums, les couleurs et les sons se répondent. II est des parfums frais ...
Scritto nel 1857
On line da: domenica 5 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8680 - Tipo: p

Contemplons ce trésor de grâces florentines; Dans l'ondulation de ce corps musculeux L'Elégance et la Force abondent, sÂœurs divines. Cette femme, morceau vraiment miraculeux, Divinement robuste, adorablement mince, Est faite pour trôner sur des lits somptueux Et charmer les loisirs d'un pontife ou d'un prince. – Aussi, vois ce souris fin et voluptueux Où la Fatuité promène son extas ...
Scritto nel 1857
On line da: venerdì 18 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 8702 - Tipo: p

Era già l'ora che volge il disio ai navicanti e 'ntenerisce il core lo dì c'han detto ai dolci amici addio; e che lo novo peregrin d'amore punge, se ode squilla di lontano che paia il giorno pianger che si more; quand' io incominciai a render vano l'udire e a mirare una de l'alme surta, che l'ascoltar chiedea con mano. Ella giunse e levò ambo le palme, ficcando li occhi verso l'or ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8611 - Tipo: p

Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno, e la stagione, e 'l tempo, e l'ora, e 'l punto, e 'l bel paese, e 'l loco ov'io fui giunto da' duo begli occhi che legato m'hanno; e benedetto il primo dolce affanno ch'i'ebbi ad esser con Amor congiunto, e l'arco, e le saette ond'io fui punto, e le piaghe che 'nfin al cor mi vanno. Benedette le voci tante ch'io chiamando il nome de mia d ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8536 - Tipo: p

Novilunio di settembre! Nell'aria lontana il viso della creatura celeste che ha nome Luna, trasparente come la medusa marina, come la brina nell'alba, labile come la neve su l'acqua, la schiuma su la sabbia, pallido come il piacere su l'origliere, pallido s'inclina e smuore e langue con una collana sotto il mento sì chiara che l'oscura: silenzioso viso esangue della creatura c ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8718 - Tipo: p

Un vate di gran lode Sul principio d'un'ode Piange il suo fior gentile E il suo vigor virile, E quando alcun s'aspetta Ch'egli invochi il Paletta Od altro di tal arte, Invoca Bonaparte. ...
Scritto nel 1799
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8722 - Tipo: p

«Chi è costui che 'l nostro monte cerchia prima che morte li abbia dato il volo, e apre li occhi a sua voglia e coverchia?». «Non so chi sia, ma so ch'e' non è solo; domandal tu che più li t'avvicini, e dolcemente, sì che parli, acco'lo». Così due spirti, l'uno a l'altro chini, ragionavan di me ivi a man dritta; poi fer li visi, per dirmi, supini; e disse l'uno: «O anima che fitta ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8617 - Tipo: p

Altissimu, onnipotente bon Signore, Tue so' le laude, la gloria e l'honore et onne benedictione. Ad Te solo, Altissimo, se konfano, et nullu homo ene dignu te mentovare. Laudato sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate Sole, lo qual è iorna, et allumeni noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore: de Te, Altissimo, porta significatione. ...
Scritto nel 1224
On line da: lunedì 7 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 8569 - Tipo: p

La vita fugge, et non s'arresta una hora, et la morte vien dietro a gran giornate, et le cose presenti et le passate mi dànno guerra, et le future anchora; e 'l rimembrare et l'aspettar m'accora, or quinci or quindi, sí che 'n veritate, se non ch'i' ò di me stesso pietate, i' sarei già di questi penser' fòra. Tornami avanti, s'alcun dolce mai ebbe 'l cor tristo; et poi da l'altra pa ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8558 - Tipo: p

Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo Sole piacesti sí, che 'n te Sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole: ma non so 'ncominciar senza tu' aita, et di Colui ch'amando in te si pose. Invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede: Vergine, s'a mercede miseria extrema de l'humane cose già mai ti volse, al mio prego t'inchina, soccorri a la ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8567 - Tipo: p

Rapido fiume che d'alpestra vena rodendo intorno, onde 'l tuo nome prendi, notte et dí meco disioso scendi ov'Amor me, te sol Natura mena, vattene innanzi: il tuo corso non frena né stanchezza né sonno; et pria che rendi suo dritto al mar, fiso u' si mostri attendi l'erba piú verde, et l'aria piú serena. Ivi è quel nostro vivo et dolce sole, ch'addorna e 'nfiora la tua riva manca: ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8556 - Tipo: p

En ces temps merveilleux où la Théologie Fleurit avec le plus de sève et d'énergie, On raconte qu'un jour un docteur des plus grands, – Après avoir forcé les coeurs indifférents ; Les avoir remués dans leurs profondeurs noires ; Après avoir franchi vers les célestes gloires Des chemins singuliers à lui-même inconnus, Où les purs Esprits seuls peut-être étaient venus, – Comme un homme ...
Scritto nel 1845
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8697 - Tipo: p

O tementi dell'ira ventura, Cheti e gravi oggi al tempio moviamo, Come gente che pensi a sventura, Che improvviso s'intese annunziar. Non s'aspetti di squilla il richiamo; Nol concede il mestissimo rito: Qual di donna che piange il marito, È la veste del vedovo altar. Cessan gl'inni e i misteri beati, Tra cui scende, per mistica via, Sotto l'ombra de' pani mutati, L'ostia viva di pace ...
Scritto nel 1821
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8748 - Tipo: p

Vago augelletto che cantando vai, over piangendo, il tuo tempo passato, vedendoti la notte e 'l verno a lato e 'l dí dopo le spalle e i mesi gai, se, come i tuoi gravosi affanni sai, cosí sapessi il mio simile stato, verresti in grembo a questo sconsolato a partir seco i dolorosi guai. I' non so se le parti sarian pari, ché quella cui tu piangi è forse in vita, di ch'a me Morte e ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8565 - Tipo: p

Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d'Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare: scendono all'Adriatico selvaggio che verde è come i pascoli dei monti. Han bevuto profondamente ai fonti alpestri, che sapor d'acqua natía rimanga ne' cuori esuli a conforto, che lungo illuda la lor sete in via. Rinnovato hanno verga d'avellano. E vanno pel trattu ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8711 - Tipo: p

L'uomo è quasi sempre tanto malvagio quanto gli bisogna. Se si conduce dirittamente, si può giudicare che la malvagità non gli è necessaria. Ho visto persone di costumi dolcissimi, innocentissimi, commettere azioni delle più atroci, per fuggire qualche danno grave, non evitabile in altra guisa. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8533 - Tipo: m

Qual masso che dal vertice Di lunga erta montana, Abbandonato all'impeto Di rumorosa frana, Per lo scheggiato calle Precipitando a valle, Batte sul fondo e sta; Là dove cadde, immobile Giace in sua lenta mole; Né, per mutar di secoli, Fia che riveda il sole Della sua cima antica, Se una virtude amica In alto nol trarrà: Tal si giaceva il misero Figliol del fallo primo, Dal dì che ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8747 - Tipo: p

Mon coeur est maintenant ouverte comme une porte. Il vous attend, ma Bien-Aimée: y viendrez-vous? Que vous veniez aujourd'hui ou demain, peu m'importe! Le jour, lointain ou proche, en sera-t-il moins doux? Ce n'est point un vain mal que celui de l'attente! Il conserve nouveau le plus ancien désir. L'inattendu bonheur dont la venue enchante Passe; à peine en a-t-on su goûter le plaisir. ...
Scritto nel 1909
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8684 - Tipo: p

Col pensier, con gli orecchi e con le ciglia I' era immerso in quell'altera vista, Come colui che tace e maraviglia; Qual dicon che de' Spirti in fra la lista, Stette mirando le magiche note Il furente di Patmo Evangelista. Quand'io vidi la Dea, che su l'immote Maladette sorelle il cocchio spinse, E su le infami cigolar le rote, Primamente un terror freddo mi strinse, Poi surse in ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8737 - Tipo: p

Nella Torre il silenzio era già alto. Sussurravano i pioppi del Rio Salto. I cavalli normanni alle lor poste frangean la biada con rumor di croste. Là in fondo la cavalla era, selvaggia, nata tra i pini su la salsa spiaggia; che nelle froge avea del mar gli spruzzi ancora, e gli urli negli orecchi aguzzi. Con su la greppia un gomito, da essa era mia madre; e le dicea sommessa: ...
Scritto nel 1903
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8515 - Tipo: p

Movesi il vecchierel canuto et biancho del dolce loco ov'à sua età fornita et da la famigliuola sbigottita che vede il caro padre venir manco; indi trahendo poi l'antiquo fianco per l'extreme giornate di sua vita, quanto piú pò, col buon voler s'aita, rotto dagli anni, et dal cammino stanco; et viene a Roma, seguendo 'l desio, per mirar la sembianza di colui ch'ancor lassú nel cie ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8543 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...