il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
Abbasso le tasse!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Almanacco del giorno 17 novembre:

 
 

Oggi Nacque: Mario Soldati, Jeff Buckley, Imperatore Vespasiano

 & nome_1_db_1(i) &

413
Mario Soldati
17 novembre 1906
Torino - Italia
Fu un sabato di 113 anni fa

Scomparve il
19 giugno 1999
Tellaro, La Spezia - Italia
Fu un sabato di 20 anni fa
Aveva 93 anni

(A cura di Laura Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Scrittore, regista, sceneggiatore cinematografico.
Dopo aver compiuto gli studi superiori presso i Gesuti a Torino, si laureò in lettere nell'università della sua città natale e poi conseguì la specializzazione all'Istituto superiore di Storia dell'arte a Roma. Ebbe una proficua carriera letteraria. Dopo aver pubblicato la raccolta di novelle "Salmace" nel 1929, partì per gli Stati Uniti dove fu docente presso la Columbia University. La sua esperienza americana fu narrata nel libro "America, primo amore" del 1935. Ottenne molti riconoscimenti dal pubblico e dalla critica: con "Le lettere di Capri" (1954) vinse il premio Strega e con "L'attore" (1970) ottenne il premio Campiello. Grande successo ottenne anche il romanzo "La sposa americana" del 1977. Particolarmente brillante fu la sua carriera legata al cinema. Fu sceneggiatore e regista di film tratti dai romanzi di importanti autori. Rispettivamente nel 1941 e nel 1942 adattò per il grande schermo "Piccolo mondo antico e "Malombra" di Antonio Fogazzaro, quindi nel 1953 diresse "La provinciale", con Gina Lollobrigida, tratto da un' opera di Alberto Moravia. Negli anni Cinquanta fu autore e conduttore della trasmissione televisiva "Viaggio nella valle del Po alla scoperta dei cibi genuini", un programma che anticipò la moda del turismo enogastronomico. Nel 1967 furono pubblicati "I racconti del maresciallo" a cui seguì l'omonima e seguitissima serie televisiva. Visse a lungo tra Roma e Milano, ma trascorse la sua vecchiaia a Tellaro, nel comune di Lerici (La Spezia), di cui, nel 1986, divenne cittadino onorario; lo stesso riconoscimento gli fu assegnato dalla sua città natale, Torino, nel 1991. Nel 1994 fu insignito del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell' Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Morì a Tellaro all'età di 93 anni.

 & nome_1_db_1(i) &

607
Jeff Buckley
Jeffrey Scott Buckley
17 novembre 1966
Anaheim, California - U.S.A.
Fu un giovedì di 53 anni fa

Scomparve il
29 maggio 1997
Memphis, Tennessee - U.S.A.
Fu un giovedì di 22 anni fa
Aveva 31 anni

(A cura di Riccardo Zucaro)

 

Ricerca Avanzata

Cantautore.
Figlio di @@Tim Buckley@@ e della violoncellista Mary Guibert. La madre divorziò dal marito per risposarsi con Ron Moorhead. Jeff cominciò ad avvicinarsi alla musica suonando la chitarra e diplomandosi nel 1985. Iniziò la carriera di musicista e cantante cinque anni dopo, insieme al produttore musicale Hal Willner, che lo invitò a suonare al "Greetings for @@Tim Buckley@@"; momento fondamentale per Jeff che conobbe Gary Lucas, con il quale scrisse brani famosi come "Grace". Nel 1992 la svolta discografica: Jeff firmò un contratto con la Columbia Records; dopo uno showcase tour tra U.S.A. e vecchio continente, pubblicò il suo album, "Grace". In quest'album Jeff suonò la chitarra, l'organo, l'harmonium e fu accompagnato al basso da Mick Grondhal, Matt Johnson alla batteria e Gary Lucas alle chitarre. Ottenne il disco d'oro in Francia e Australia, si esibì con Luciano Libague per le date del tour italiano. Jeff ottenne un successo immediato. Tra gli anni 1996 e 1997 lavorò al nuovo album, che però non vide pubblicato. Il titolo è "Sketches for My Sweetheart the Drunk". Il 29 maggio 1997 si recò all'aereoporto di Memphis, decise in compagnia di un amico di fermarsi sulla riva del Wolf River; si immerse nel fiume vestito e morì; le indagini stabilirono che non era sotto effetto di droghe né di alcool. Successivamente alla sua morte, uscirono altri album, come "Mystery White Boy" del 2000 e due live, uno a Chicago nello stesso anno e l'altro a Olympia nel 2001. Una delle sue più conosciute canzoni è la cover di Leonard Cohen "Halleluja".

 & nome_1_db_1(i) &

572
Imperatore Vespasiano
Tito Flavio Vespasiano
17 novembre 9
Cittareale, Rieti - Italia
Fu un martedì di 2010 anni fa

Scomparve il
23 giugno 79
Roma - Italia
Fu un sabato di 1940 anni fa
Aveva 70 anni

(A cura di Riccardo Zucaro)

 

Ricerca Avanzata

Imperatore romano
Fondatore della dinastia flavia, fu il quarto imperatore a salire al trono nell'anno dei quattro imperatori, governando, a differenza dei suoi predecessori, per dieci anni. Nacque in Sabina da Flavio Sabino e Vespasia Polla. Fu membro dell'esercito in Tracia, divenne questore, poi edile e pretore; sposatosi con Flavia Domitilla, ebbe tre figli: il successore al ruolo di Imperatore Tito, il futuro Imperatore Domiziano e Domitilla. Salito al trono, Vespasiano dimostrò ottime capacità ed esperienza, dati i suoi precedenti nell'esercito e con l'Imperatore Nerone, nell' amministrare al meglio l'impero. Rinnovò l'accordo con il senato, affermò un programma di restaurazione inerente con la tradizione romana e italica. Qui nacque la lex de imperio Vespasiani, che fissava i limiti dell'imperatore. Dichiarò, inoltre, di voler fondare una dinastia, con l'Imperatore Tito (che ancora non aveva ottenuto quella carica) a pieni poteri e l'Imperatore Domiziano (che otterrà la carica di principe dopo il fratello) in ruolo inferiore. Il futuro Imperatore Tito si impadronì, nel 70, di Gerusalemme, distruggendone il tempio (di quella costruzione è oggi rimasta solo la parte occidentale, detta Muro del Pianto). In quegli anni, l'imperatore fece ricostruire il tempio di Giove capitolino; per la politica estera, importanti furono la stabilizzazione di aree in Britannia. In campo finanziario, l'imperatore Vespasiano continuò con una politica di sfruttamento delle risorse esistenti con precisi studi. Attuò anche una politica di costruzione di opere pubbliche, tra le quali spicca l'inizio dell'edificazione del Colosseo. Morì nel 79.

 
 

Oggi Scomparve: Imperatore Valentiniano I

 & nome_1_db_1(i) &

590
Imperatore Valentiniano I
Flavio Valentiniano
17 novembre 375
Brigezione - Pannonia
Fu un lunedì di 1644 anni fa
Aveva 54 anni

Nacque il
03 luglio 321
Cibalae (Vinkovci) - Croazia
Fu un domenica di 1698 anni fa

(A cura di: Riccardo Zucaro)

 

Ricerca Avanzata

Imperatore romano
Giudò l'impero romano d'Occidente per undici anni. Nel 357 fu cesare sotto l'Imperatore Giuliano. Nel 364 Valentiniano divenne imperatore eletto dai comandanti dell'esercito romano e nominò suo fratello l'Imperatore Valente augusto nella parte orientale dell'impero. Valentiniano stabilì, come ormai era consueto fare, la capitale a Milano; in questo modo potè difendersi dai Germani che minacciavano di attaccare il confine dell'impero. Le battaglie principali che fu costretto ad affrontare furono inizialmente contro gli Alemanni, che giunsero fino al'odierna Mainz. Successivamente affrontò anche i Sassoni, che avevano intenzione di invadere e conquistare la Britannia. Per questo scontro l'imperatore Valentiniano I si spostò a Parigi, in modo da avere un maggiore controllo sulla situazione della battaglia. Decise, quindi, di stabilizzarsi in Germania. Nel 372 un'altra battaglia fu combattuta: questa volta in Africa, contro Firmo, che intendeva usurpare il trono di Valentiniano. L'imperatore inviò il futuro Imperatore Teodosio, che tre anni dopo sconfisse il rivoltoso. Il governo di Valentiniano I si mosse in favore dell'esercito, aumentando il salario dei soldati; così facendo, aumentò le tasse dei cittadini, rendendole quasi insostenibili. Di religione cristiana, insieme a papa Damaso I cominciò a prodigarsi per una speciale politica di tolleranza riguardo la pratica degli altri culti diversi dal cristianesimo, con l'intento di non vietare al singolo cittadino la pratica religiosa che sceglieva. Morì nel 375, lasciando l'impero in mano all'Imperatore Graziano, all'Imperatore Valentiniano II e all'Imperatore Valente.

 
 

Oggi nella Storia - Fatti: Inaugurazione Canale di Suez

 & nome_1_db_1(i) &

412
Inaugurazione Canale di Suez
17 novembre 1869
Porto Said / Suez - Egitto
Fu un mercoledì di 150 anni fa

(A cura di: Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Il canale, tra Porto Said e Suez, è lungo 195 chilometri (largo 110 metri e profondo 17 metri) e collega l'Europa e l'Asia ossia il Mediterraneo e il Mar Rosso. La sua definitiva costruzione la si deve a Ferdinand de Lesseps, vice console di Francia ad Alessandria che riuscì a trovare i fondi necessari per finanziare l'opera. I lavoroi iniziarono nel 1859, durarono 10 anni e si basarono su un progetto dell'italiano Luigi Negrelli che faceva parte della Società di Studi del Canale di Suez fondata nel 1846.

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...