il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!
Abbasso le tasse!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Almanacco del giorno 15 febbraio:

 
 

Oggi Nacque: Totò, Antonino Fleres

 & nome_1_db_1(i) &

130
Totò
Antonio de Curtis Gagliardi Ducas Comneno di Bisanzio
15 febbraio 1898
Napoli - Italia
Fu un martedì di 121 anni fa

Scomparve il
15 aprile 1967
Roma - Italia
Fu un sabato di 52 anni fa
Aveva 69 anni

(A cura di Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Attore, scrittore, compositore, poeta.
Da giovanissimo iniziò la sua carriera con serate di intrattenimento nei locali napoletani, poi si trasferì a Roma dove continuò con teatro e rivista e, grazie alla sua straordinaria capacità di espressione nella mimica facciale e del corpo, riuscì ad emergere e cominciò, nel 1937 a fare cinema. La carriera di attore si consolidò nel 1947 e da allora continuò quasi esclusivamente con i film. Nel corso della sua vita, fece Teatro, Cinema, Televisione, scrisse Poesie e Canzoni. Innumerevoli i film da lui interpretati, da ricordare un extra generis in Uccellacci Uccellini di Pier Paolo Pasolini del 1966.

 & nome_1_db_1(i) &

630
Antonino Fleres
15 febbraio 1925
Borgetto, Palermo - Italia
Fu un domenica di 94 anni fa

Scomparve il
28 maggio 1944
Colle Fiorentino, Lariano, Roma - Italia
Fu un domenica di 75 anni fa
Aveva 19 anni

(A cura di Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Carabiniere.
Penultimo di sei figli, tre sorelle e due fratelli, sin da bambino voleva seguire le orme di suo papà (anch'egli Carabiniere), ed infatti si arruolò nell'Arma appena diciottenne; lo fece all'insaputa dalla mamma perché ella, molto preoccupata, si opponeva.
Il 27 maggio 1944, il Carabiniere Antonino Fleres, insieme ad un commilitone (Filomeno Moretti) e ad un gruppetto di soldati americani incontrati per strada, nel corso di una missione che lo portava a "Colle Fortuna" (località nei pressi di Lariano), mentre procedevano in un sentiero boschivo in località "Molara" vennero sorpresi da un gruppo di soldati tedeschi che, ingaggiato un combattimento, ebbe la meglio. Lo scontro si risolse con l'uccisione di due soldati americani, la cattura del carabiniere Antonino e la fuga di tutti gli altri.
Il carabiniere Antonino venne condotto, insieme ad altri prigionieri larianesi, in località "Capo Croce" ma riuscì a fuggire e, anziché cercare la salvezza presso la zona in cui si trovavano gli alleati, preferì accomunarsi alla "sua gente" presso una grotta occupata dagli sfollati del luogo.
Qui venne nuovamente catturato dai soldati tedeschi, ma anziché cercare la salvezza collaborando con questi, il suo unico pensiero fu quello di rincuorare i suoi amici sfollati e dar loro direttive affinché evitassero il peggio.
Fu torturato, ed infine fucilato, intorno alle 23:30 del 28 maggio, in località "Acqua di Papa"; ma non fu sepolto che dopo diversi giorni (ovvero quando i tedeschi abbandonarono le postazioni), perché i comandanti nazisti volevano che la popolazione, vedendo il cadavere martoriato di Antonino, ne avesse a monito.
Molte furono le iniziative per ricordare il suo sacrificio.
Il 16 dicembre 2006 venne inaugurata una stele in piazza Martiri della Libertà, a Lariano, in sua memoria. Nella stele è scolpito un albero, emblema dell'albero della vita.
Il primo marzo 2007 fu insignito della Medaglia d'Oro al Merito Civile (alla memoria) con la seguente motivazione: "In servizio presso la stazione di Lariano, nel corso dell'ultimo conflitto mondiale, si metteva a disposizione di una pattuglia americana in qualità di guida. A seguito di un violento combattimento, veniva catturato dai soldati tedeschi e barbaramente fucilato per essersi rifiutato di fornire informazioni sulla posizione delle forze alleate. Preclaro esempio di amor patrio e spirito di servizio, spinti sino all'estremo sacrificio della vita."
Il 16 ottobre 2009 venne intitolata ad Antonino Fleres la Caserma dei Carabinieri a Lariano (Roma) in via Urbano IV.
Il 25 giugno 2010, a Borgetto venne intitolata piazzetta Fleres con un monumento (busto) a lui dedicato.

 
 
 
 

Oggi nella Storia - Fatti: Bombardata Abazia di Montecassino

 & nome_1_db_1(i) &

129
Bombardata Abazia di Montecassino
15 febbraio 1944
Cassino, Frosinone - Italia
Fu un martedì di 75 anni fa

(A cura di: Antonino Fleres)
http://www.battagliamontecassino.it/

 

Ricerca Avanzata

San Benedetto da Norcia costruì il suo monastero, dedicato a San Martino, a Montecassino nell'anno 529 e predisse che l'abbazia sarebbe stata distrutta e ricostruita 4 volte. Prima i Barbari nel 577, poi i Saraceni nell'883 ed infine un terremoto nel 1349. La quarta volta furono sganciate 800 tonnellate di bombe da 250 bombardieri alleati durante 8 missioni iniziate il 15 febbraio alle ore 9:30. La seconda guerra mondiale era agli epiloghi. Gli alleati, nel settembre 1943, erano sbarcati in Sicilia ed arrivarono fino a Napoli senza grossi problemi. Da lì a Roma solo 200 Km, ma anziché un paio di settimane ci vollero 8 mesi per liberare Roma e quindi l'Italia intera poiché la resistenza tedesca si dimostrò molto dura, prima sulla linea Reinhard e poi sulla linea Gustav (che comprendeva tralaltro la zona di Anzio e Cassino). Dopo lo sbarco ad Anzio del 22 gennio 1944, deciso dagli alleati per agevolare l'avanzata e quindi lo sfondamento della linea Gustav, dato che le cose si mettevano sempre peggio, si decise di radere al suolo l'Abazia perché qualcuno pensò che la testa della resistenza tedesca si nascondesse tra le sacre mura. Non fu così, dopo tre giorni di bombardamenti a tappeto, tra le rovine del Monastero non un solo soldato nemico. Ci vollero altri tre mesi per superare quella linea (18 maggio 1944) ed arrivare a Roma (4 giugno del 1944). Costo totale in vite umane: 50.000 militari, 10.000 civili. "Come prima, dove era prima" così venne ricostruito per la quarta volta il monastero (dal 1948 al 1964). Nel dopoguerra venne conferita al comune di Cassino (città martire) la medaglia d'oro al valore militare. Nel 1964 San Benedetto da Norcia venne nominato patrono d'Europa da papa Paolo VI.

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...