il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Mattino!
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Almanacco del giorno 26 aprile:

 
 

Oggi Nacque: Imperatore Marco Aurelio, Nino Benvenuti

 & nome_1_db_1(i) &

561
Imperatore Marco Aurelio
Cesare Marco Aurelio Anonino Augusto, Marco Annio Vero
26 aprile 121
Roma - Italia
Fu un sabato di 1898 anni fa

Scomparve il
17 marzo 180
Sirmio (attuale Sremska Mitrovica) - Serbia
Fu un venerdì di 1839 anni fa
Aveva 59 anni

(A cura di Riccardo Zucaro)

 

Ricerca Avanzata

Imperatore romano
Fece parte della dinastia degli Antonini. Adottato dallo zio già Imperatore Antonino Pio, cambiò nome in Marco Aurelio Valerio. Salì al trono nel 161, con il nome di Marco Aurelio, saltò subito agli occhi per la sua educazione. Educato allo stoicismo, filosofia adatta alla monarchia e che dava risposte ai bisogni spirituali dell'epoca, fu egli stesso attivo in campo culturale. Capitò in un periodo difficile per l'impero romano, caratterizzato da notevoli problemi esteri. Con una manovra eccellente, Marco Aurelio affiancò al proprio regno il fratello, Lucio Vero, che non fu molto apprezzato. I compiti affidati a Lucio Vero furono, in primis, di combattere Vologese, re dei Parti, in una guerra durata dal 161 per cinque anni, vincendola. Intanto, dalla Scandinavia, Marcomanni e Quadi si spinsero contro l'impero negli anni successivi alla guerra combattuta da Vero. Nel 168 l'imperatore Marco Aurelio condusse la campagna contro gli invasori, passando al contrattacco nel 172. Un governo difficile, dovuto ad asti interni, ma dopotutto corretto ed equilibrato. Marco Aurelio fu molto religioso, come testimoniano i suoi scritti; si rivelò attivo nel contrastare il cristianesimo, come nell'episodio datato 177 in cui, a Lione, un gruppo di cristiani, durante dei giochi, venne condannato al supplizio ed esposto alle belve, fornendo materiale per la celebrazione tradizionale. Marco Antonio fu il primo degli Antonini a designare come successore il figlio, conosciuto come Imperatore Commodo. In passato, i membri della stessa dinastia optarono per l'adozione, necessaria perché gli imperatori non ebbero figli. Morì nel 180.

 & nome_1_db_1(i) &

71
Nino Benvenuti
Giovanni Benvenuti
26 aprile 1938
Isola d'Istria, Trieste - Slovenia (allora Italia)
Fu un martedì di 81 anni fa

(A cura di Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Pugile.
Iniziò a soli 13 anni, e, a 16 anni, nel 1954 vinse a Parma il suo primo titolo italiano (nei pesi welter leggeri). Da dilettante fu campione europeo dei welter nel 1957 e 1959, vinse poi, nel 1960, la medaglia d'oro alle olimpiadi di Roma (pesi welter). Da professionista (dal 1961 in poi) fece 90 incontri di cui 82 vittorie, 1 pareggio e 7 sconfitte. L'1 marzo 1963 fu campione italiano dei pesi medi, battendo Tommaso Truppi a Roma per KO. Il 14 maggio 1966 fu campione europeo dei pesi medi battendo a Berlino Jupp Elze per KO.
Vinse il titolo mondiale dei superwelter il 18 giugno 1965 contro Sandro Mazzinghi a Milano per KO, vinse il titolo mondiale dei pesi medi a New York il 17 aprile 1967 contro Emile Griffith ai punti, lo rivinse il 4 marzo 1968 contro Emile Griffith ai punti, fino a perderlo il 7 novembre 1970 a Roma contro Carlos Monzon per KO alla dodicesima ripresa. Fu il primo campione mondiale italiano dei pesi medi.
Dopo il ritiro dal ring, Nino Benvenuti continuò ad occuparsi del mondo della box ed anche di quello del volontariato.

 
 
 
 

Oggi nella Storia - Fatti: Esplosione centrale nucleare di Chernobyl

 & nome_1_db_1(i) &

70
Esplosione centrale nucleare di Chernobyl
26 aprile 1986
Chernobyl - Ucraina
Fu un sabato di 33 anni fa

(A cura di: Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

La notte del 26 aprile 1986 alle ore 1:23, esplose il reattore n. 4 della centrale nucleare da 4.000 MW di Chernobyl costruita nel 1983. Quasi 2/3 delle sostanze radioattive sollevate in aria dall'esplosione caddero sulla parte sud-est del territorio della Repubblica di Belarus (Bielorussia). La contaminazione con i radionuclidi coprì 150 mila chilometri quadrati attorno alla centrale (il 23% del territorio bielorusso, il 4,8% di quello ucraino e lo 0,5% di quello russo). Il danno totale della catastrofe per il periodo dal 1986 al 2015 fu stimato di 235 miliardi di dollari USA. Vittime ufficiali: 31 morti, 185 contaminati, 135.000 evacuati, ma si sa che che le cifre sono senz'altro più pesanti.

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...