il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Mattino!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Don Chisciotti e Sanciu Panza - Giovanni Meli

 
 

Le poesie di Giovanni Meli: Don Chisciotti e Sanciu Panza

 
Giovanni Meli

ID Autore: 2348
ID Testo: 8754

Testo online da sabato 12 dicembre 2015
Ultima modifica del sabato 12 dicembre 2015
Scritto nel 1810

 

Don Chisciotti e Sanciu Panza

Sutta un'antica quercia,
Chi attraversu spurgìa da un vàusu alpestri,
Cu 'na manu a la frunti, Don Chisciotti
Mestissinu sidia: 'na rocca allatu
Di chiàppari cuverta, e la pinnenti
Arèddara d'attornu a la sua cima,
Facìanu pavigghiuni a la sua testa,
Ripusava oziusa la gran spata
Tra la purvuli e l'erva, a un virdi ramu
Stava appujata l'asta di la guerra,
Sutta un vrazzu lu scutu, e l'elmu a terra.
Comu nuvuli densi di molesti
Minutissimi insetti, a scheri a scheri
L'amurusi pinseri
S'affuddavanu tutti a la sua menti,
'Ntra li suspiri ardenti.
Quasi accisu Vulcanu, lu so pettu
Fumu e ciammi esalava,
E mentri intornu intornu
Li valli e li furesti
Taciti, attenti e mesti
Si stannu spettaturi a la gran scena,
Cussì cantannu sfoga la sua pena:
Munti e vàusi, menu duri
Di lu cori di dd'Ingrata,
Petri, trunchi, erbetti e ciuri
Chi adurnati sta vallata,
Deh! salvatimi d'Amuri,
Chi mi à l'alma trapanata,
O parrati vui pri mia
A la cara Dulcinia.
Ciumiceddu lentu lentu,
Chi di l'unni cristallini
Vai spargennu lu lamentu
A li vòscura vicini,
Di stu cori lu turmentu
Dimmi tu si avirrà fini.
Ah, dumannacci pri mia
A la cara Dulcinia.
Zefiretti, chi lascivi
Cu lu ciatu 'nnamuratu
Li mei ciammi ardenti e vivi
Cchiù m'aviti, oimè, sbampatu.
Ah, squagghiati vui la nivi
Di ddu cori, ch'è 'nghilatu,
Acciò bruci, comu mia,
La mia cara Dulcinia.
Ocidduzzi, chi cuntenti
'Ntra li rami e tra li ciuri
A lu suli già nascenti
Intricanti inni d'amuri,
Deh, pristatimi l'accenti,
Cussì grati e cussì puri,
Acciò gratu e accettu sia
A la cara Dulcinia.
Da sti vàusi, unn'eu m'aggiru,
Mia tirannu amatu beni,
L'aria stissa, ch'eu respiru,
Missaggera a tia già veni,
Porta acchiusi 'ntra un suspiru
Li mei crudi acerbi peni,
Don Chisciotti è chi l'invia
A la cara Dulcinia.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Giovanni Meli: Don Chisciotti e Sanciu Panza

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...