il nino!
Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Almanacco del giorno 28 dicembre:

 
 
 
 

Oggi nella Storia - Persone: Giuseppe Saragat quinto presidente della Repubblica italiana

 & nome_1_db_1(i) &

104
Giuseppe Saragat quinto presidente della Repubblica italiana
28 dicembre 1964
Roma - Italia
Fu un lunedì di 56 anni fa

Aveva 66 anni

(A cura di Antonino Fleres)
http://www.quirinale.it/

 

Ricerca Avanzata

Quinto presidente della Repubblica Italiana.
Giuseppe Saragat fu eletto al ventunesimo scrutino con 646 voti su 937 votanti.

Speciale: tutti i presidenti della repubblica italiana

Oggi nella Storia - Fatti: Terremoto di Messina e Reggio Calabria, Eccidio fratelli Cervi

 & nome_1_db_1(i) &

105
Terremoto di Messina e Reggio Calabria
28 dicembre 1908
Messina - Reggio Calabria - Italia
Fu un lunedì di 112 anni fa

(A cura di Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Alle ore 5,21 del mattino, una forte scossa di terremoto con movimento sussultorio, ondulatorio e rotatorio, del decimo grado della scala mercalli, con epicentro sullo stretto di Messina, della durata di più di mezzo minuto, rase al suolo Messina e Reggio Calabria e tutti i centri limitrofi. Subito dopo un violento maremoto, prima fece ritirare le acque per circa 70 metri dalla costa, poi irruppe con 3 onde anomale alte fino a 20 metri che rasero al suolo gli edifici che erano rimasto in piedi e causarono più vittime del sisma. Il numero totale delle vittime fu di oltre 70 mila persone. Nelle 24 ore successive, seguirono altre 138 scosse di assestamento. Forse preannunciato dal terremoto di minore entità dell'8 settembre 1905.

 & nome_1_db_1(i) &

103
Eccidio fratelli Cervi
28 dicembre 1943
Reggio Emilia - Italia
Fu un martedì di 77 anni fa

(A cura di Antonino Fleres)
http://www.fratellicervi.it/

 

Ricerca Avanzata

Contadini, partigiani.
Ettore (1921), Ovidio (1918), Agostino (1916), Ferdinando (1911), Aldo (1909), Antenore (1904), Gelindo (1901), avevano dai 21 ai 42 anni. Tutti e sette i fratelli Cervi furono fucilati al poligono di Reggio Emilia, alle prime luci del 28 dicembre del 1943.
Circa un mese prima, il 25 novembre 1943, a seguito di una imponente azione di forza (50 uomini) della Guardia Nazionale Repubblicana, furono arrestati nella loro cascina ai campi Rossi e, insieme al padre Alcide e ad altri membri antifascisti, portati al carcere dei Servi a Reggio. Questo perché i fratelli Cervi insieme al padre, avevano in precedenza fondato la cosiddetta "Banda Cervi", che, al fianco di tanti altri partigiani, si rese attiva in vere e proprie azioni di guerriglia e sabotaggio ai danni del regime fascista.
I sette fratelli Cervi, insieme ad un loro compagno partigiano, Quarto Camurri (1921), vennero ufficialmente fucilati per rappresaglia, in quanto, dopo il loro arresto, nonostante l'ordine dei vertici partigiani di non compiere attenti, furono compiute ad opera di partigiani "disubbidienti" diverse azioni gappiste; come quella del 15 dicembre 1943 ove venne ucciso Giovanni Fagiani, primo seniore della Milizia, o quella (determinante) del 27 dicembre 1943 ove venne ucciso a Bagnolo in Piano, alle ore 18, Vincenzo Onfiani, segretario comunale fascista. Di fatto, persino alcune alte cariche del Fascismo (c'è chi dice addirittura Benito Mussolini), espressero perplessità (evidentemente senza troppa convinzione) di fronte a tale atrocità. Fu comunque subito chiaro che l'eccidio sarebbe stato controproducente per cìò che rimaneva del Regime Fascista di Salò, tanto che le sepolture furono eseguite in gran fretta e quasi segretamente, tentando così di insabbiare l'accaduto.
L'8 gennaio 1944, a seguito di un bombardamento alleato, le mura del carcere crollarono e papà Alcide, ancora detenuto, riuscì a fuggire e tornare a casa.
Nella ricorrenza dell'eccidio vengono ricordati anche la madre Genoeffa Cocconi che morì distrutta dal dolore a 65 anni, il 14 novembre 1944, ed il padre Alcide Cervi che morì a 95 anni, il 27 marzo 1970, dopo aver avuto la forza di ricominciare insieme alle nuore ed agli 11 nipoti. I coniugi Alcide Cervi e Genoeffa Cocconi, sposati nel 1899, ebbero in tutto 9 figli, sette maschi e due femmine: Diomira (1906) e Rina (1912).
Il 20 ottobre 1945, dopo la liberazione di Reggio, avvenuta il 24 aprile 1945, vennero riesumate le salme e organizzati i funerali dei 7 tratelli che, da quel giorno riposano nella tomba monumentale del cimitero di Campegine (Reggio Emilia).
Il 7 gennaio del 1947, Enrico De Nicola consegnò le 7 medaglie d'argento al valore militare a papà Alcide. Nel 1955 Renato Nicolai (intellettuale comunista) fu incaricato dal Partito Comunista di redarre un libro che raccogliesse le memorie e la storia della famiglia Cervi.

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...