il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Mattino!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Almanacco del giorno 3 ottobre:

 
 

Oggi Nacque: Sandro Mazzinghi, Stevie Ray Vaughan, Carmen Russo

 & nome_1_db_1(i) &

433
Sandro Mazzinghi
Alessandro Mazzinghi
03 ottobre 1938
Pontedera, Pisa - Italia
Fu un lunedì di 82 anni fa

(A cura di Antonino Fleres)
http://www.sandromazzinghi.com/

 

Ricerca Avanzata

Pugile.
Iniziò a soli 14 anni, seguendo le orme del fratello maggiore Guido (Guanto d'Oro d'America, medaglia di bronzo alle olimpiadi di Helsinki nel 1952 e Campione d'Italia) che divenne in seguito suo maestro, allenatore e consigliere. Il primo grosso successo arrivò nel 1961 in America, dove Sandro Mazzinghi conquistò la corona di campione mondiale Militare, per la categoria dei pesi welter pesanti. Ma il vero sogno mondiale si realizzò il 7 settembre 1963 al Vigorelli di Milano, qui Sandro Mazzinghi stese l'Americano Ralph Dupas alla nona ripresa consacrandosi così campione mondiale. Difese poi il titolo fino al 1965 quando lo perse contro Nino Benvenuti. In seguito (17 giugno 1966) vinse il titolo europeo, e, il 26 maggio 1968 il secondo titolo mondiale contro il coreano Ki Soo KIM. Sandro esordì come scrittore nel 1993 con Pugni Amari (che vinse diversi premi), il secondo libro fu Sul tetto del mondo. Nel 2003 vinse il premio Rocca d'Oro.

 & nome_1_db_1(i) &

619
Stevie Ray Vaughan
Stephen Ray Vaughan
03 ottobre 1954
Dallas, Texas - U.S.A.
Fu un domenica di 66 anni fa

Scomparve il
27 agosto 1990
East Troy, Wisconsin - U.S.A.
Fu un lunedì di 30 anni fa
Aveva 36 anni

(A cura di Riccardo Zucaro)

 

Ricerca Avanzata

Chitarrista
Nacque da Jim e Martha Vaughan a Dallas, trasferendosi poco dopo a Austin, sempre in Texsas. Proprio come il fratello Jimmie, di tre anni più grande, conosciutissimo chitarrista blues, iniziò a suonare la chitarra. Nel 1971 abbandonò la scuola per potersi dedicare a tempo pieno alla musica. Cominciò a farsi le ossa con alcune band. La prima aveva il nome di Cast Of Thousand, che lascerà dopo due anni per i Nightcrawlers. Con questi ultimi incise un demo. Nel 1975 entrò a far parte dei Paul Ray & Cobras con i quali registrò l'album "Texas Clover". Due anni dopo la band si sciolse e Stevie si unì con i Triple Threat Revue, i quali cambieranno nome in Double Trouble, riferendosi alla canzone omonima di Otis Rush; di questa band Stevie diventò il leader. Nella band sono presenti Chris Layton alla batteria, Jackie NewHouse al basso e la cantante Lou Ann Barton. Nel 1979 si sposò con Leonora Baily, detta Lenny, dalla quale divorziò nove anni dopo. Lou Ann lasciò la band nel 1980 e l'anno dopo fu la volta di Jackie; quest'ultimo fu sostituito da Tommy Shannon. La formazione rimase così definitiva e cavalcò il successo per un decennio. Mick Jagger e il produttore discografico Jerry Wexler scrutarono Stevie Ray Vaughan e i Double Trouble facendoli così partecipare al Montreux Jazz Festival; nonostante il pubblico avesse reagito male, David Bowie sembrò pensarla diversamente, tanto da ingaggiare Stevie nella registrazione di "Let's Dance" del 1983 e il successivo tour mondiale. Ma Stevie non partecipò al tour e tornò dai Double Trouble. Nello stesso anno, Stevie e i Double Trouble debuttarono con il loro primo album, "Texas Flood". L'album venne registrato in tre giorni grazie al contributo di Jackson Browne che mise a disposizione i propri studi di registrazione alla band. Quest'album ottenne un successo impensabile e "Pride and Joy" entrò nella classifica tra venti brani più venduti. L'album dell'anno successivo, "Couldn't Stand the Weather" consacrò Stevie e I Double Trouble sulla scena mondiale; all'interno di questo album vi è contenuta una cover di "Voodoo Child" di Jimi Hendrix. Questo lavoro verrà apprezzato in tutto il mondo grazie anche a sonorità più rock e meno grezze rispetto ai precedenti. Nello stesso anno, Stevie e i Double Trouble vinsero il Grammy Award. Il seguente tour toccò l'Europa centrale e il Giappone; nel luglio dello stesso anno, Stevie approdò in Italia all'Umbria Jazz Festival per la prima volta. Continuò la sua carriera con collaborazioni diverse, fino a doversi assentare dalle scene per circa due mesi per disintossicarsi da alcool e droga, che avevano ridotto il suo fisico in pessime condizioni. Ripresosi, tornò alla ribalta con un album live e un tour affiancato da Jeff Beck, tenutosi tra il 1987 e il 1988, toccando anche tappe italiane. Nel 1989 uscì con un nuovo album, "In Step", con il quale vinse un Grammy Award come miglior album blues contemporaneo e più di un milione di dischi venduti. Nel 1990 iniziò una collaborazione con il fratello Jimmie per un disco di Bob Dylan, "Under The Red Sky", e per un progetto tra fratelli, "Family Style". Lasciò la chitarra elettrica per un'acustica dodici corde in occasione dell'MTV Unplugged, dove propose un riarrangiamento di "Testify", acclamato dal pubblico e riproposto più volte nel corso della serata, tanto da dover interrompere gli altri brani. Ma tornò alla chitarra elettrica in un tour con Joe Cocker. Il 27 agosto 1990 prese parte all'Alpine Valley Music Theater, in Wisconsin, insieme a Eric Clapton, Robert Cray, Buddy Guy e il fratello Jimmie Vaughan. Terminato l'evento, Stevie salì su un elicottero, che precipitò probabilmente a causa della fitta nebbia. Pubblicati postumi furono alcuni album come "The Sky Is Crying", 1990, "In Session", nel 1999 registrata con Albert King del 1983. Fu sepolto a Dallas, dove il sindaco proclamò il 3 ottobre, data di nascita di Stevie, come Stevie Ray Vaughan Day. La Fender, che iniziò una produzione poco prima della morte di Stevie, mise in commercio la "Number One", con caratteristiche simili alla originale del 1959, la chitarra preferita da Stevie, con dei pick up "Texas Special" messi a punto per l'occasione. Kevin Russel, Pat Travers, Jon Butcher e Steve Huner incisero, nel 1993, un album riproponendo alcuni classici brani di Stevie. L'album ha il titolo "Hats Off To Stevie Ray". L'anno dopo fu scolpita una statua a Austin per commemorare Stevie. Nel 1996 un altro tributo al meraviglioso chitarrista, al quale presero parte B.B. King, Eric Clapton, Buddy Guy e Bonnie Rait; nello stesso anno, "Crossfire: A Salute to Stevie Ray" con Steve Morse e tanti altri uscì come nuovo omaggio al chitarrista. La Fender mise in commercio, in versione limitata, la "Number One", in versione vissuta; seguentemente, uscì una serie di chitarre, anch'esse in versione limitata, chiamate Lenny, in onore della mog

 & nome_1_db_1(i) &

432
Carmen Russo
Carmela Carolina Fernanda Russo
03 ottobre 1959
Genova - Italia
Fu un sabato di 61 anni fa

(A cura di Antonino Fleres)
http://www.carmenrusso.it/

 

Ricerca Avanzata

Ballerina, attrice.
Vinse il titolo di miss Emilia quando aveva solo 14 anni e, da li a qualche anno, tra un concorso di bellezza e l'altro, iniziò ad esibirsi in alcuni locali come ballerina raggiungendo una discreta popolarità locale, tanto che nel 1978 debuttò in La Bustarella trasmessa da una TV locale. Quindi entrò in Rai con Colosseum e subito dopo a Canale 5 con Drive In (1983) che la consacrò alla notorietà nazionale. Non disdegnò nè il cinema nè il teatro: ricordiamo il debutto in Di che segno sei? con Paolo Villaggio e Giovani, belle... probabilmente ricche con Gianfranco D'Angelo del 1983.

 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...