il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Autori: Gesuino Curreli

 
 

Autori: Gesuino Curreli

 
Gesuino Curreli

ID Autore: 2039

Iscrizione: domenica 11 gennaio 2009

 

Biografia

 

_

 
 

Le Poesie di: Gesuino Curreli

E ti dirò.....
E ti dirò che siamo come amanti lungo la strada che ha le stesse selci, appena parli sento i traboccanti profumi della bocca e delle felci da cui ti sporgi con foglie tremanti. Tu foglia e pietra come me consunta che sa di infissi ed usci decadenti, io pietra dei ricordi ancora ardenti, tu verde di dolore e di compunta, sofferta verità in cui ti alimenti. Abbiamo addosso il vivo lu ...
Cod: 6224 - On line dal: giovedì 2 agosto 2012 - Ultima modifica: giovedì 2 agosto 2012

And i love her
...così la sento nel pomeriggio avvolto dal maestrale che ti bacia il corpo sulla spiaggia, mentre sei con l'anima al domani, alle cose lontane dal mio sole, lontana tu, ed anche la speranza di incontrarti ... ...And I love her .... Frano sui toni di malinconia, e mi immergo nel gorgo dolce e crudo nel quale ci sveliamo poca cosa, vinti da incomprensibili guadagni che fann ...
Cod: 6207 - On line dal: lunedì 30 luglio 2012 - Ultima modifica: lunedì 30 luglio 2012

Inno al silenzio
Questo è il silenzio che non parla mai, quello sordo che non ascolta e vede il mio disagio, di chi non ha fede, e scivola sul vetro di ogni guai. Questo è il silenzio che non ha colore, muto come una casa abbandonata che ha smesso le persiane violentata dai venti e poi dal nulla e dal livore. Il silenzio che cola sopra i muri e si ferma sugli occhi della cagna, anch'essa muta come ...
Cod: 6208 - On line dal: lunedì 30 luglio 2012 - Ultima modifica: lunedì 30 luglio 2012

Inno al sole
E il sole, alto, mi scalda sulla rena in mezzo ai sassi neri di levante, nella giornata limpida il sestante mi segnerà la rotta più serena. Ma non sarò poeta e neanche santo senza la forza giusta per lenire le ferite dell'anima e salire le scale che non sappiano di pianto. Nella miseria e nel fragile stato, dentro il peccato che non so fuggire ritaglio coordinate per mentire a ch ...
Cod: 6209 - On line dal: lunedì 30 luglio 2012 - Ultima modifica: lunedì 30 luglio 2012

Inno alla pioggia
Appare grigia come un gran piccione, e arriva e dà il respiro dell'autunno la pioggia tanto attesa. Che emozione! E scroscia e monda i tetti ed assottiglia la voglia dell'estate, che pure infonde luce ed assomiglia a una madre prolifica e clemente. Perché il caldo sfinisce e neanche il ragno si ferma nello spigolo a guardare il mio silenzio rotto e ogni penare del mondo genuflesso ...
Cod: 6210 - On line dal: lunedì 30 luglio 2012 - Ultima modifica: lunedì 30 luglio 2012

Inno all'onda
Arriva spumeggiante da lontano e spegne sulle spalle la mia arsura, l'onda che porta in capo la figura dell'elmo scintillante di un ontano. L'onda che bacia e avvinghia l'arenile, si insinua in gole dentro la scogliera poi rigurgita nella roccia nera con un mugugno roco a volte ostile. Inesausta, mai del tutto spenta batte sulle pietruzze colorate con scintillio di gocce frantumate ...
Cod: 6211 - On line dal: lunedì 30 luglio 2012 - Ultima modifica: lunedì 30 luglio 2012

...ma io non saprò
Ma io non saprò mai che cosa intenda il cra cra cadenzato della rana che sia affaccia al balcone della sera, quando nel vespro sale la preghiera e sfuma piano piano e si allontana. Quando un rintocco dolce di campana irradia la sua voce e dice spera a chi, passata infine la bufera, umile, a un altro giorno si prepara. Non saprò mai s'è un pregio il mio soffrire, un fiato che non m ...
Cod: 6078 - On line dal: venerdì 22 giugno 2012 - Ultima modifica: venerdì 22 giugno 2012

...Allora ti cerco
...Allora ti cerco nella stagione in cui il sole bruciava, quando il cuore amava altre cose, piccole cose di poche pretese. Il cuore era verde, era verde l'età che vivevi, erano verdi i pensieri che non avrebbero retto i venti autunnali, così sono caduti, come valorosi pionieri di un'età fatta di canti e di tante parole. Verde come le poesie che scrivevo, come la malinconi ...
Cod: 4363 - On line dal: lunedì 19 luglio 2010 - Ultima modifica: lunedì 19 luglio 2010

Amo leggere poesie
Amo leggere poesie, che abbiano il candore e le bugie. Leggo l'altrui sentire espresso in ogni forma anche puerile e rozzo, disordinato, acerbo, ma che abbia semplicità nel dire. Nella vanità l'uomo scintilla se di un mattino coglie l'intimo della fiamma quando brilla. Se il cuore più profondo, di ogni piccolo mondo che bisbiglia, penetra, o il seme più fecondo di un gior ...
Cod: 4364 - On line dal: lunedì 19 luglio 2010 - Ultima modifica: lunedì 19 luglio 2010

L'amore è come un albero...
L'albero ha offerto il pomo del peccato, poi l'ombra al gregge nel pomeriggio immobile e assolato. Pietoso, ha porto il ramo all' impiccato, e con la fronda vivida ha addobbato l'angolo del selciato, per salutare l'ostensorio e la preghiera. "Amore che al cor gentil..".. e si fa sera mentre mi torna l'eco e la chimera di quello che vissi tenero e beato. Pare lontano, oppure non è nato ...
Cod: 4135 - On line dal: giovedì 13 maggio 2010 - Ultima modifica: giovedì 13 maggio 2010

Passeranno bianche anche stasera
Passeranno bianche anche stasera, perché il sole è pallido, le nuvole sulle quali sognavo amori e fughe facili lontano. Passeranno e ricorderò come non ebbi mai il coraggio, mai, ebbro di supina quotidianità, degna di un animale da cortile. Ho montato, ma non sono vile, le nuvole col viaggio di ritorno, quando le rendeva, a mezzogiorno, il vento nei meriggi di Barbagia. Su quel ...
Cod: 4136 - On line dal: giovedì 13 maggio 2010 - Ultima modifica: giovedì 13 maggio 2010

È autunno
Di roride foglie mi cibo e di respiri al mattino che bagna i bordi dei sentieri e le labbra del bosco in autunno. È autunno il mio discorso solitario, i desideri assottigliati nella lista del giorno, è autunno il percorso che mi allontana da troppe voci per cercare sussurri di lecci, fantomatici intrecci di canzoni e chimere sotto querce giganti. Sono autunno i ricordi accesi de ...
Cod: 3826 - On line dal: domenica 17 gennaio 2010 - Ultima modifica: domenica 17 gennaio 2010

Le foglie morte
Le foglie morte ....e il vento non le porta via in questo autunno caldo di poesia. L'estate insiste e non si arrende, tace il maestrale gelido e non fende i verdi olivi della terra mia. Le foglie morte ....nei sentieri del bosco, lungo le strade e agli angoli nei viali di città dove si accende più triste l'autunno di vetrine. Le foglie morte ...nello scintillio di luci colorat ...
Cod: 3750 - On line dal: mercoledì 16 dicembre 2009 - Ultima modifica: mercoledì 16 dicembre 2009

L'ultimo consiglio (di mia madre)
Ti pesava il capo, reclinato sul cuscino bianco, nello sforzo di cercarmi, e, incontrando il mio sguardo, mi abbracciasti con gli occhi velati dalla morte. Con l'indice, per gioco, premevi, le pieghe del lenzuolo stretto dentro il palmo della mano. Non avevi paura del domani che ti avrebbe strappato ai miei giorni, ti dava pena, invece, l'inquietudine che, per ultima magia, m ...
Cod: 3751 - On line dal: mercoledì 16 dicembre 2009 - Ultima modifica: mercoledì 16 dicembre 2009

Amapola
Amapola rossa nei campi floridi di maggio, delicata farfalla chiara nelle note di una voce che scivola nell'aria. Amapola magica e lontana come un amore nato che non torna dai caldi meriggi dell'estate, amapola di voce vellutata che non vola ora che il fiato dell'autunno implora un gorgheggio sfumato ed un sospiro, appena scende l'umido e la sera non se la sente di attendere l'auror ...
Cod: 3579 - On line dal: mercoledì 4 novembre 2009 - Ultima modifica: mercoledì 4 novembre 2009

L'ultimo consiglio
Ti pesava il capo, reclinato sul cuscino bianco, nello sforzo di cercarmi, e, incontrando il mio sguardo, mi abbracciasti con gli occhi velati dalla morte. Con l'indice, per gioco, premevi, le pieghe del lenzuolo stretto dentro il palmo della mano. Non avevi paura del domani che ti avrebbe strappato ai miei giorni, ti dava pena, invece, l'inquietudine che, per ultima magia, m ...
Cod: 3575 - On line dal: martedì 3 novembre 2009 - Ultima modifica: martedì 3 novembre 2009

Sono fortunato
Sono fortunato perché io finirò prima dei cisti, perché ancora vedrò il sole giocare fra le guglie del calcare, perché posso vagare fra cespugli, entrare nei cancelli, calpestare tratturi bordati d'erba vergine benedetti dal canto degli uccelli. Annusare il profumo dei torrenti tra pietre nere e bianche, sentire la pernacchia dei mufloni che annunciano la fuga, come eleg ...
Cod: 3577 - On line dal: martedì 3 novembre 2009 - Ultima modifica: martedì 3 novembre 2009

Poeta
Più di ogni altro sentirai l'amore di stagioni trascorse e di sirene, poeta, che trasfondi nelle vene un brivido o un dolce altro sentore. Tu che vaghi fra gli uomini nascosto come il più comune chicchessia, tu che scegli la solitaria via, e la libertà del cuore ad ogni costo, sfidi l'incomprensione e non ti tocca il facile giudizio che si arrocca nei nidi perbenisti degli snob. ...
Cod: 3578 - On line dal: martedì 3 novembre 2009 - Ultima modifica: martedì 3 novembre 2009

Autunno, grazie...!
Autunno, grazie per l'umido abbraccio che rinnovi alle fresche piaghe dell'estate. Grazie per i colori che sostituiranno i voli dei gabbiani, nelle attese inquiete sopra il molo per i pesci d'avanzo, minuti e fuori taglia, dispensati da incolpevoli reti per inclementi leggi di natura e maglia. Nella stretta rete di stagione passeranno giorni molto brevi, e noi saremo ...
Cod: 3521 - On line dal: lunedì 12 ottobre 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 ottobre 2009

No, non bere i miei versi!
No, non bere i miei versi! Stasera viene a trovarmi la luna, e con essa io voglio brindare, senza i giochi perversi di una fiaba mondana. No, non bere i miei versi! Vesto panni diversi, di cotone e di lana, e con pochi sesterzi passo la settimana. No non bere i miei versi! Credo ancora alla fata Morgana, e nei canti ho già persi tutti i giochi meschini fatti in salsa nostrana. ...
Cod: 3522 - On line dal: lunedì 12 ottobre 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 ottobre 2009

Cavallino corri e va...
"Cavallino corri e va......" Nell'umida penombra della stanza cerco di contrapporre al solleone la breve oscurità perché mi spogli. Cerco un motivo che non trovo per combattere un male di stagione, qualcosa che mi imbrogli, nell'afa nebulosa del meriggio, e finga di volare sul respiro di fiori sparsi, lungo umide ombre di cipressi, o nell'alito sottile di un gran pino. È meschi ...
Cod: 3482 - On line dal: sabato 19 settembre 2009 - Ultima modifica: sabato 19 settembre 2009

Dicendo troppe parole
Dicendo troppe parole rischierei di sbagliare, e sarebbe un insulto al silenzio che ci ha fatto vagare nell'immensità di un mare pacato. Il fato. La sorte. Il destino. Ad essi m'inchino, perché senza, sarebbe stata la morte. Le parole racchiuse nel gelo, hanno squarciato il velo delle calde intenzioni nascoste, e come nel cielo, che sia coperto di nubi tuonanti, concede agli a ...
Cod: 3478 - On line dal: giovedì 17 settembre 2009 - Ultima modifica: giovedì 17 settembre 2009

La nostra storia
È breve la nostra storia, nasce ad ogni incontro. È lunga la nostra storia non si contano le lune, e con alterne fortune arriviamo fino ad oggi da un giorno ch'è lontano. Dallo stagno si levano libellule e vibrano ali d'argento sulla querule voci della sera. Nasce, zoppica e pasce la verde serenità dell'incoscienza, poi si propaga e prende, sale, s'inerpica e scoscende nei dirupi ...
Cod: 3352 - On line dal: domenica 26 luglio 2009 - Ultima modifica: domenica 26 luglio 2009

Reminiscenze
Abbiamo battuto i selciati, roventi e ghiacciati, e siamo cresciuti con i piedi scalzi cercando gli avanzi nei giorni del mercatino. Al culo dei pantaloni avevamo i rattoppi o cuciture sghembe che fermavano gli strappi. Siamo passati, strumenti usati, da un mondo che soffriva chiunque, ed ora viviamo in un mondo che non sopportiamo. L'ingratitudine cresce, ed é difficil ...
Cod: 3354 - On line dal: domenica 26 luglio 2009 - Ultima modifica: domenica 26 luglio 2009

Occhi
È pomeriggio tardi di una giornata afosa. Tu hai gli occhi come dardi, occhi color di rosa, occhi color d'arancio, occhi di poiana, di civetta, occhi di chi mi guarda e non aspetta, occhi color del sale, occhi color del miele, occhi color di foglia, di foglia di castagno, verde come il ginepro, occhi di lepre in fuga, del cisto quando è in fiore, occhi grandi dorati di muflone ...
Cod: 3084 - On line dal: martedì 26 maggio 2009 - Ultima modifica: martedì 26 maggio 2009

una poesia
Una scia che passa leggera sotto un cielo coperto di stelle. Poesia. Una tristezza, un pensiero dell'anima mia. Smarrimento e fobia, esaltazione spavalda, taciturna malinconia. Un bacio lanciato alla luna, ad un viso di donna che non ho perdonato, all'amara sfortuna. Un mesto sorriso perché son fortunato a nuotare in un disagio che non si legge nel viso. Poesia. Perché la vita ri ...
Cod: 2886 - On line dal: lunedì 13 aprile 2009 - Ultima modifica: lunedì 13 aprile 2009

È lunga la sera
È lunga la sera, e non si stanca la luna nel suo ripetitivo giro di giostra. Il giorno s'inchina a baciare la notte, regina di ore fino all'estremo confine del solstizio d'inverno. Notte di gelo stellato, stagione lenta e assonnata, vogliosa d'intimità, come la stella che cade e tende le braccia a ponente in cerca dell'ultimo raggio di sole. Senza brio, l'ha appena ingoiato l' ...
Cod: 2857 - On line dal: martedì 7 aprile 2009 - Ultima modifica: martedì 7 aprile 2009

Sopra il livido......
Sopra il livido e tremulo orizzonte scorre il brivido della prima sera e il cuore, abbandonata la chimera, naviga a vista con il sole in fronte. S'alza impietosa e fredda la bufera e in mezzo alle onde sbatte e si dimena il cuore in cerca di una bianca rena, ultimo approdo che oramai dispera. L'onda si infrange sullo scoglio e brilla di cristalli d'argento e di bagliori che cadon ...
Cod: 2728 - On line dal: sabato 21 marzo 2009 - Ultima modifica: sabato 21 marzo 2009

Abba durche (acqua dolce)
La lava ricoperta di cisti e lentischi a picco sul mare di giada. "Abba Durche si nada": per una fonte che non era salmastra. Si dilungava un sentiero sugli scogli dipinti di bianco e di nero, e lì spesso passavo tenendo per mano un dolce animale nostrano. Un volatile con gli occhi del falco esile quanto una tenue speranza, e più si va in fondo e si avanza nel pensiero di stringerla ...
Cod: 2729 - On line dal: sabato 21 marzo 2009 - Ultima modifica: sabato 21 marzo 2009

Mi tornano alla mente...
Mi tornano alla mente i regali scambiati, anche cose banali, e tutto il mio trasporto che avrei voluto stringere fra i denti per non farlo capire. Poi un giorno, distratta, ti ho colto a non seguire la lettera scritta in tutta una nottata e io leggevo credendo alle tue ali di farfalla e che tu non potessi mai mentire. Però la vita è quella: novella che ti affascina e ti inganna co ...
Cod: 2499 - On line dal: sabato 7 febbraio 2009 - Ultima modifica: sabato 7 febbraio 2009

Neruda non mi aiuta
Neruda non mi aiuta e non trovo parole, ogni bella metafora è caduta, nel momento che, per te, avrei voluto sentirmi indiscusso poeta fra la muta degli occhi che ti guardano. . Che cosa, maestro dell'amore, dire di un'invasione silenziosa che tocca corde nuove e non riposo più se non trovo il coraggio per averla? L'anima si stende come un panno bagnato d'umiltà, di profumato sudor ...
Cod: 2472 - On line dal: mercoledì 4 febbraio 2009 - Ultima modifica: mercoledì 4 febbraio 2009

D'ottobre
D'ottobre sul mare compare una nebbia che assale evaporati ricordi di libeccio e maestrale. Tu ancora non c'eri, sei nata l'altro ieri e hai scritto una storia di una dolce memoria ch'è rimasta scolpita. D'ottobre sul mare una nebbia scompare e rimane smarrita la mente nel ricordo di un'estate cocente lievitata sul cielo come un velo d'organza. Riappare la vela nel c ...
Cod: 2454 - On line dal: martedì 3 febbraio 2009 - Ultima modifica: martedì 3 febbraio 2009

La luna
Ti hanno invocato sfortunati amanti, poeti di ogni tempo, raffinati cantori ti hanno eletta regina della notte, i lestofanti ti hanno maledetta per la presenza tua troppo indiscreta, e il barbagianni sa che a darti retta si diventa notturni abitatori. E tu ti alzi solenne e silenziosa, di tutti amante e di nessuno sposa, e per tratturi celesti ti muovi e non calpesti l'erba dei prati ...
Cod: 2439 - On line dal: lunedì 2 febbraio 2009 - Ultima modifica: lunedì 2 febbraio 2009

Perché sono qui?
Perché questo è il momento, e il tempo ha deciso per me l'evento della vita in questo mondo. Ebbene eccomi qua, nel girotondo, con tanti, e non sapremo mai il perché. Eccomi, immigrante sbigottito, nel caotico stress delle domande, animale di senso che risponde ai moniti del cuore rammollito. Contento di una pioggia che mi bagna e del disegno fatto con il dito come se il cielo fosse ...
Cod: 2418 - On line dal: giovedì 29 gennaio 2009 - Ultima modifica: giovedì 29 gennaio 2009

Primo quarto di luna
È di nuovo d'argento stasera, più alta nel cielo, e indossa, elegante, il suo primo quarto. Il sarto che l'ha vestita, con filo di seta, ha imbastito l'estremo confine, e per unire il cielo alla terra adagia a metà, sul nero profilo dei monti, un'ampia nuvola grigia e appena più in là una nube allungata e più stretta, come monile posato sulla soglia del misterioso aldilà. Nel ...
Cod: 2419 - On line dal: giovedì 29 gennaio 2009 - Ultima modifica: giovedì 29 gennaio 2009

Canzone d'amore
Il cielo ha baciato la terra, quella che mi fremeva sotto i piedi, o mi incollava rigido alla zolla, come un tronco di lustri e di stagioni, impoverito dei fiori e degli uccelli. Tutto succede in un battibaleno, e anche questo è un mistero, in giorni che sono appena un soffio nel fluire di vicende mai interrotte che ci percuotono di gioia e di pena, segnando cadenze all'esistenza ...
Cod: 2406 - On line dal: martedì 27 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 27 gennaio 2009

È lunga la sera....
È lunga la sera, e non si stanca la luna nel suo ripetitivo giro di giostra. Il giorno s'inchina a baciare la notte, regina di ore fino all'estremo confine del solstizio d'inverno. Notte di gelo stellato, stagione lenta e assonnata, vogliosa d'intimità, come la stella che cade e tende le braccia a ponente in cerca dell'ultimo raggio di sole. Senza brio, l'ha appena ingoiato l' ...
Cod: 2378 - On line dal: sabato 24 gennaio 2009 - Ultima modifica: sabato 24 gennaio 2009

Aprile d'anno e di vita
Gioca a nascondersi il sole dietro le nubi d'Aprile, figlio tenero e incerto dell'anno, quello che scalda il malanno del tiepido inverno trascorso. Procede incerto l'andare dei giorni, e il fluire è zoppo del nostro sentire. Appena più in là ci sono i vent'anni, e il pensiero che vola, e il cuore che non si ferma a dormire. Ora vedo amici partire, visi adulti e consueti dentro i ...
Cod: 2362 - On line dal: giovedì 22 gennaio 2009 - Ultima modifica: giovedì 22 gennaio 2009

Sogno
È un lampo che schiude alla mente il senso del tempo trascorso, un volo verso l'oriente di un uccello dorato, una gioia al tramonto, un delirio che non vuole finire. Un poeta ubriaco di rime, un canto vissuto, un colore sfumato, un suono lieve e intonato, rinnovato ad ogni abbandono, quando il capo si china a leggere quello che è stato, e lo sguardo, intontito, sprofonda nel vuoto ...
Cod: 2346 - On line dal: mercoledì 21 gennaio 2009 - Ultima modifica: mercoledì 21 gennaio 2009

Che cos'é?
È un mortale incontro di sensi e l'abbiamo trovato per aria. Per timore hai taciuto il suo nome ma certo a qualcosa risponde, oltre che alle corde di un vecchio violino. Delle tante, è una cosa accaduta fra il succedere casuale di eventi, il destino che spesso chiamiamo cretino e al quale gridiamo la nostre paure. Abbiamo battuto i venti del nostro emisfero e a cavallo dei controa ...
Cod: 1676 - On line dal: martedì 20 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 20 gennaio 2009

Anche i candidi gabbiani
Anche i candidi gabbiani volteggiano sulle discariche immonde. Non troviamo l'intreccio dei voli, cercando il velo che stendevano fra nuvola e nuvola, fra la scogliera bianca e nera ed il molo. I raggi forti e inclementi trafiggono il suolo e noi ci arrotoliamo inquieti sui ciottoli bianchi, come gatti sui tetti, dopo aver perso un amore, e sui letti stiamo da soli, più soli di prima. ...
Cod: 2333 - On line dal: lunedì 19 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 19 gennaio 2009

La recita è finita
La recita è finita, abbandonano il palco attori e coro, e viene giù il sipario. Così la vita a ognuno quando la morte arriva, e sul datario si ferma il cerchietto della conta. Restano intatti i numeri, e non ha più valore il calendario. La date dei giorni si succedono, come l'abbecedario, danno conto di sé, non segnano il trascorso e l'avvenire, e come lettere sole non fanno le parol ...
Cod: 2324 - On line dal: domenica 18 gennaio 2009 - Ultima modifica: domenica 18 gennaio 2009

È arrivata la neve... e ha i tuoi occhi
È arrivata la neve sui monti e il candore ricama le guglie, le cime frastagliate più spoglie si coprono di merletti e di trine. Sono come vetrine addobbate, e da qui odo il vento che scorre e passa di fretta le cime e i canali, e corre, impazza, s'inerpica e passa, fischia e corre, scivola e spazza le pareti imbiancate nel mattino di vetro che ha acceso i fanali. Come le luci fred ...
Cod: 2313 - On line dal: sabato 17 gennaio 2009 - Ultima modifica: sabato 17 gennaio 2009

Si é zittita per strada...
Si è zittita per strada la canzone che cantavi stonata. Ora è peggio il silenzio che soffre della storia finita. Nella mia passeggiata l'erba rinverdita d'autunno segue ogni tratturo e con esso s'inerpica sull'erta che sale, sopra il muro sconnesso e lungo la dolce cunetta che ondeggia e si butta lungo tutto il canale. Noi andiamo a cercare i ricordi sui quali ci vorremmo fer ...
Cod: 2305 - On line dal: venerdì 16 gennaio 2009 - Ultima modifica: venerdì 16 gennaio 2009

Quando
Quando la vita spengerà i suoi lumi, e i giorni segneranno la mia assenza per un trapasso senza sofferenza perché dal buio evaporo nei fumi del mondo che è sfuggito anche alla scienza. Allora, le persone, gli amici, i miei lamenti, gli amori, quelli veri e i tradimenti, politici, furfanti ed indolenti, corrotti corruttibili eccellenti, clericali incredibili e credenti, laici onesti qu ...
Cod: 2301 - On line dal: giovedì 15 gennaio 2009 - Ultima modifica: giovedì 15 gennaio 2009

Poeta
Più di ogni altro sentirai l'amore di stagioni trascorse e di sirene, poeta, che trasfondi nelle vene un brivido o un dolce altro sentore. Tu che vaghi fra gli uomini nascosto come il più comune chicchessia, tu che scegli la solitaria via, e la libertà del cuore ad ogni costo, sfidi l'incomprensione e non ti tocca il facile giudizio che si arrocca nei nidi perbenisti degli snob. ...
Cod: 2296 - On line dal: mercoledì 14 gennaio 2009 - Ultima modifica: mercoledì 14 gennaio 2009

Ultimo stadio
Che rimane se finisce il respiro dell'anima assieme a quello del mondo? Che rimane quando svanirà l'immondo odore dei corpi e dimentichiamo anche i morti, gli eroi, i ladri, i gitani vissuti come i fiori nel pattume dell' esistenza per bene? Che sarà di chi ha dato anche un rene per salvare suo figlio, dopo che questo perisce nell'immane groviglio che a stento vorremmo capi ...
Cod: 2273 - On line dal: martedì 13 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 13 gennaio 2009

A passi lenti
Andremo a passi lenti dove siamo stati amanti, a passi lenti scorreremo pensieri mai scordati e ci troveremo ancora in cima a volteggiare con i venti moribondi, a cercare l'angolo dove per amore ti nascondi e piangi poi l'infedeltà goduta. A passi lenti, un giorno, saremo già distanti, faremo percorsi facili col buio dentro il cuore. Sarà ben poca cosa la libertà del sole al quale ci da ...
Cod: 2274 - On line dal: martedì 13 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 13 gennaio 2009

Aspettare
Aspettare... a che serve? È lontano il sogno di pochi mandarini e qualche pallina colorata fra mille aghi di pini, nell'angolo più adorno della stanza: un tavolo piccolo e quattro sedie intorno. Non c'è più il bello di quella povertà quando era magia la fiaba dell'età. Neanche i figli, ahimè godono della fola e i giorni son votati ad una cosa sola, Risorge la persona che mi manca, ri ...
Cod: 2275 - On line dal: martedì 13 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 13 gennaio 2009

Allora ti cerco
...Allora ti cerco nella stagione in cui il sole bruciava, quando il cuore amava altre cose, piccole cose di poche pretese. Il cuore era verde, era verde l'età che vivevi, erano verdi i pensieri che non avrebbero retto i venti autunnali, così sono caduti, come valorosi pionieri di un'età fatta di canti e di tante parole. Verde come le poesie che scrivevo, come la malinconi ...
Cod: 2276 - On line dal: martedì 13 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 13 gennaio 2009

Dicendo troppe parole
Dicendo troppe parole rischierei di sbagliare, e sarebbe un insulto al silenzio che ci ha fatto vagare nell'immensità di un mare pacato. Il fato. La sorte. Il destino. Ad essi m'inchino, perché senza, sarebbe stata la morte. Le parole racchiuse nel gelo, hanno squarciato il velo delle calde intenzioni nascoste, e come nel cielo, che sia coperto di nubi tuonanti, concede agli a ...
Cod: 2277 - On line dal: martedì 13 gennaio 2009 - Ultima modifica: martedì 13 gennaio 2009

Sono o non sono poeta?
Che cos'è questa smania che sento quando voglio tuffarmi in due occhi d'argento o neri come la razza ferina? Mi presento così per naturale postura dell'animo che si offre col canto anziché con un'altra maniera. E canto, canto, canto finché non mi stanco, dovesse arrivare la sera e farmi toccare la luna. Lo faccio con alterna fortuna, ora bene ora male, - Che bella! Non vale!- Però mi ri ...
Cod: 2249 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

Le nuvole fanno schermo...
Le nuvole fanno schermo nel cielo, l'inverno si vergogna e sparge il gelo nella campagna, amante silenziosa e pudica, lasciata dopo aver fatto l'amore per tanto. L'autunno ha partorito, nei fiumi, negli orti, nelle vigne e nei campi, frutti abbondanti e odorosi, poi è invecchiato di colpo lasciando la terra coperta di fogliame dorato. Vorrei respirare del sole, ma l'inverno non vuole, c ...
Cod: 2251 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

Stasera la pioggia...
Stasera la pioggia si è presa riposo, e sembra l'umida terra sconfitta dopo tanto penare. Io mi trascino stentato sul suolo bagnato e ho malinconia nel pensare, ma trovo che la strada riluce la bianca e gelida luce del gobbo lampione serale. La mia anima cuce i suoi versi sghembi e non si accontenta di vedersi anch'essa riflessa nell'umidità che dilaga. Cammina senza entusiasmo, tr ...
Cod: 2252 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

Ascolto la luce...
Ascolto la luce che irradia la gelida notte invernale. È pieno di stelle il boccale del cielo e la luna fatica a superare la cresta dei monti per saltare aldiquà, nella valle che si offre all'amore di chi vuol raccontare. Si è spenta da un po' la giornata e, con voce stonata, vola via senza vento il mio canto nello spazio che si apre al chiarore lunare. Notte di immenso silenzio, v ...
Cod: 2253 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

Che rimane...?
Che rimane se finisce il respiro dell'anima assieme a quello del mondo? Che rimane quando svanirà l'immondo odore dei corpi e dimentichiamo anche i morti, gli eroi, i ladri, i gitani vissuti come i fiori nel pattume dell' esistenza per bene? Che sarà di chi ha dato anche un rene per salvare suo figlio, dopo che questo perisce nell'immane groviglio che a stento vorremmo capi ...
Cod: 2260 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

L'amore é come un albero
L'amore è come un albero... L'albero ha offerto il pomo del peccato, poi l'ombra al gregge nel pomeriggio immobile e assolato. Pietoso, ha porto il ramo all' impiccato, e con la fronda vivida ha addobbato l'angolo del selciato, per salutare l'ostensorio e la preghiera. "Amore che al cor gentil..."... e si fa sera mentre mi torna l'eco e la chimera di quello che vissi tenero e beato. Pa ...
Cod: 2261 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

A un amore
Ho atteso l'amore alla porta, tante volte l'ho chiusa. tante altre l'ho aperta. È entrato vellutato, profumato di muschio, verde color di raganella, sgusciante, voglioso. È entrato musone color del carbone, con la fuliggine addosso, scontroso,: "Non posso", e si sedeva prezioso sul divano imprestato. Era grillo e saltava, nel suo frac di seta orientale. Era serpe e pungeva come ...
Cod: 2262 - On line dal: lunedì 12 gennaio 2009 - Ultima modifica: lunedì 12 gennaio 2009

I MiniRacconti di: Gesuino Curreli

Le Massime di: Gesuino Curreli

Le Canzoni di: Gesuino Curreli

Gli Articoli di: Gesuino Curreli

Gli Annunci di: Gesuino Curreli

 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...