il nino!
Chiunque tu sia ,
Buona Sera!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

La luce che si oscura - Emi Giuffrida

 

Le poesie di Emi Giuffrida: La luce che si oscura

 
Emi Giuffrida

ID Autore: 2284
ID Testo: 7211

Testo online da giovedì 24 gennaio 2013
Ultima modifica del giovedì 24 gennaio 2013
Scritto nel 2013

 

La luce che si oscura

Da quando andasti via non ho più luce,
ti sei portato pure il contatore,
il contagocce, grucce e dove prima
ci avevo il cuore adesso c'è l'abisso
in cui ci affosso tutto il mio dolore.

Non ti facevo sai così venale,
venoso, artificioso e ti ho dipinto
con l'acquarello azzurro del maestrale
per metterti su in cima al primo piolo
che sfiora il cielo e caddi dalle scale.

Le stelle che credevo d'aver visto
non erano lassù nell'infinito
ma giù nel sottosuolo in cui ho sbattuto
la testa e con lo spirito azzoppato
riprendo ogni mia briciola rimasta.

Da quando andasti via non c'è più luce
però ho trovato un alito di voce
ironica, la chiave di lettura
che smonta la Poesia alla nostalgia,
è un fiato di sepolcro in questa via.

Macabra? Si, ma è poi un dato di fatto
guardando la realtà che seppellisce
un verso dietro l'altro con parole
la luce che si oscura in faccia al sole.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Emi Giuffrida: La luce che si oscura

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...