il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Una bellissima passeggiata - Giovanna Musmeci

 
 

I miniracconti di Giovanna Musmeci: Una bellissima passeggiata

 
Giovanna Musmeci

ID Autore: 1904
ID Testo: 716

Testo online da venerdì 11 gennaio 2008
Ultima modifica del venerdì 11 gennaio 2008
Scritto nel 2002

 

Una bellissima passeggiata

Vide lo scoiattolo arrampicarsi e poi sparire veloce sull'albero, si fermò a guardarlo sorridendo. Riprese a camminare adagio, ascoltando quel silenzio rotto a tratti dal canto degli uccelli e dal rumore delle foglie sugli alberi mossi dal vento. Tutto era così bello intorno a lei da sembrare quasi irreale, sembrava che i rami degli alberi si chinassero fino a lei per salutarla, si sentiva calma e rilassata, felice di aver deciso di fare quella passeggiata in quel paradiso dove tutto sembrava magico. Alzò gli occhi verso il cielo, un uccellino sul ramo di un albero sembrò intonare una canzone soltanto per lei, girò lo sguardo e si accorse che il sole stava tramontando, camminando non si era resa conto che si era fatto così tardi. Si girò per tornare indietro, ma dopo un po' che camminava si accorse di aver sbagliato strada, ne tentò altre e altre ancora, ma tutte si interrompevano dopo un po'. Cominciò ad avere paura, si era persa e intanto si faceva buio. Gli alberi le apparivano adesso come enormi mostri minacciosi, i versi degli animali la spaventavano a morte, gli uccellini non cantavano più, sobbalzava ad ogni piccolo rumore. Cominciò a correre, i rami degli alberi le graffiavano il viso, le laceravano i vestiti, sembravano mani enormi che tentavano di afferrarla. Avanzava, tornava indietro, cambiava strada, ma aveva l'impressione di girare su se stessa e di essere sempre nello stesso punto. Piangeva ormai presa dal panico, si fermò senza fiato guardandosi intorno in quel buio sempre più fitto, vide due occhi luminosi che la fissavano, gridò con tutto il fiato che le era rimasto e gli occhi luminosi volarono via. Riprese a correre terrorizzata accecata dalle lacrime, cadde, sentì un bruciore alle ginocchia e alle mani, ma si rialzò e riprese a correre ignorando il dolore, la paura era molto più forte. Quando all'improvviso le sembrò di scorgere delle luci in lontananza, senti i suoi amici che la chiamavano a gran voce, (preoccupati per non averla vista rientrare avevano deciso di andare a cercarla). Era salva, il cuore gli batteva forte per la gioia, Capì di aver trovato finalmente la strada giusta per uscire da quell'incubo, da quello che le era sembrato un Paradiso e che in poche ore si era trasformato per lei in un Inferno!!

Commento al testo dell'autore Giovanna Musmeci:

Due modi di vedere lo stesso luogo.. Con una luce e uno stato d'animo diversi.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento al miniracconto di Giovanna Musmeci: Una bellissima passeggiata

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...