il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Durc - Giampiero Iezzi

 
 

Le poesie di Giampiero Iezzi: Durc

 
Giampiero Iezzi

ID Autore: 2282
ID Testo: 6065

Testo online da mercoledì 20 giugno 2012
Ultima modifica del mercoledì 20 giugno 2012
Scritto nel 2012

 

Durc

Tutti abbiamo un sogno viandante da realizzare
nel male la mia sofferenza ha imparato bene a non
essere mai pedante e diverso al ripetitivo vivere
preso come aperitivo sempre da gustare
nell'assistere con competenza la bella vita.
È un inferno! Qui da me Mao per vivere
bene tutti uguali i giorni son d'accordo patologici
contrari nel male diversificano il dolore unico ricordo
compatibile per la ragione.
Ragionamenti difficili ripassano al vaglio della mente
contorta nei comandi annacciati dalla troppa levodopa,
insabbia il benservito alfin del vivere.
Lo sai! Che dopo tra gli inutili qualcuno di noi per
necessità viene ammazzato, dal fato si salvano quelli
con i vestiti da fattucchiera, clown per divertire chi
incurabile sospira amari suicidi alle malinconiche rive
disprezzate di noia in quel lago sazio del terrore dei
piranha con l'attrazione delle sabbie mobili.
Depenna l'impegno celeste perfino di una anima,
in un corpo con la morte nel cuore pieno d'amore
ooh Signore non cadere in errore in un corpo terrestre
d'interior "grigio pusillanime" io ti grido!
Non ti avvicinare con la pietà, il corpo trasmigrato è
di dolori unici rampanti camaleontici (Durc) parkinsoniani
proteso con gli occhi cercando pace in qualche cancro
nuvoloso in cielo, giammai! La stella cometa spenta,
un muto faro lunare è che riversa la sera alla notte
un quanto ma non porta consiglio caso mai scompiglio.
Sulla rabbia scotta la pece risveglia la vita
che come gli pare, perquote il sonno migratore.
Come uccelli migratori imbalsamati d'asfalto
rosicchiano la morte con la vita come quella mia
s'interrompe tutto in un solitario ludico.
Inesorabilmente ogni mattina al punto zero della vita
insieme si sta al dunque da cui lui, parte e io arrivo.
Non perdere tempo parkinson! Offrimi gli estremi per vivere
da come vedo sono sempre un po' di meno del giorno prima per
sopravvivere, con la voglia che è tanta per il gran casino la
salute manca sul corpo che, non ancora sventola bandiera bianca.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Giampiero Iezzi: Durc

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United States of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...