il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Sera!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Nel ricordo e nell'attesa - Ornella Bianchini

 
 

Le poesie di Ornella Bianchini: Nel ricordo e nell'attesa

 
Ornella Bianchini

ID Autore: 2183
ID Testo: 5233

Testo online da venerdì 24 giugno 2011
Ultima modifica del venerdì 24 giugno 2011
Scritto nel 2011

 

Nel ricordo e nell'attesa

Sono io che vivo qui
non so da quanto tempo
chissà... forse da sempre
e non ricordo
di essere stato mai
in nessun luogo diverso
migliore
certo mai peggiore di questo
e tu... tu che solo per caso
hai incontrato il mio sguardo
ma poi sempre... e di proposito
puntualmente
e ogni giorno
mi vieni a trovare
mi vieni a cercare
si... sei tu ma io non ti conosco
e tu che forse non conosci me... o forse
sono io che non mi ricordo di te
e sono ancora io che vedo il mondo fuori
attraverso i tuoi occhi
in essi si riflette... specchiandosi
tra le deboli fessure
e poi quel tuo dolce sguardo
tutto del mondo mi racconta
i miei occhi chiusi tra queste spesse mura
dietro queste arrugginite grate
vedono poca luce
e non sanno se è giorno
o se è notte
dai vetri oscurati e sempre chiusi
non si capisce
e tutto pare essere uguale
questi miei occhi... affossati
ormai di colore nero ardente
come carbone
che bruciano su questo mio viso
pallido come la neve
freddo come il ghiaccio
questi occhi che cercano
forse nulla... forse tutto
ma non trovano mai
e vedono sempre gli stessi volti
di chi come me vive qui
di quelli che arrivano... e poi se ne vanno
e l'indomani tornano
come te
e ancora non capiscono
io non so come e non so perché
perché mi trovo qui
tra questi pazzi... come me
capisco però che vorrei essere cieco
e non vedere ciò che vedo
per non sentirmi e non vedermi
le mie orecchie ascoltano
la tua voce che mi parla
che mi racconta
ma non sentono
sono ruvide e sorde
sono come i rami di un giovane albero
che lentamente sta morendo
perché non ha più il nutrimento
e non ha scopo
non ha amore... o no lo trova
o... ormai non lo cerca più
ma con le mie dita
con queste mie mani
sempre e costantemente tremanti
vorrei toccare il cielo
graffiare Dio... per chiedergli
per sentirlo... per sapere
e capire il perché
e tu che mi parli e mi chiedi
e ancora mi domandi
e le mie labbra a fatica ti rispondono
sempre sedate dai farmaci
sono diventate come sassi
sulle sponde di un fiume dove l'acqua
non riesce più a scorrere
queste mie labbra
che non sanno dire... spiegare
sorridere... sono mute
sono come il gelo
non riescono a sciogliersi
senza quel sole che non arriva mai
e la mia voce sempre roca
troppo secca o troppo umida
troppo fragile
incapace di esternarsi
lei si che dal mio interno grida
grida come una pazza
ma nessuno la sente
nessuno l'ascolta
ma è meglio così o per me sarebbe peggio
anche se non vedo
un peggiore di questo... non credo esista
quando arrivano i loro passi
i camici e le loro mani
a curarmi o per meglio dire
a sedarmi... a sedarci
anche se siamo inermi
indifesi e incapaci... di vivere
capaci solo a sopravvivere
affaticati e incerti nei nostri passi
spesso... sempre traballanti
ma definiti troppo pericolosi
per essere lasciati sobri... normali
cos'è la normalità per noi che siamo
o ci hanno convinti di essere... pazzi
o con il tempo e in questo spazio
lo siamo diventati davvero
sai... fin che tu non arrivi
ogni istante nei miei pensieri
ti chiamo... i miei occhi ti cercano
le mie mani ti toccano
la mia mente ti parla
e quando stai ancora nel viale
io già sento il tuo profumo
porti addosso l'odore della libertà
di un fiore colto nella terra
di un profumato frutto raccolto
nel suo maturare
o in un mercato affollato di gente
che non so cos'è perché non l'ho mai visto
ma lo stesso lo penso
e tu vedi ogni giorno questo mio viso
e questo mio corpo
che questo luogo ha fermato... sospeso
nella mia testa forse
è rimasto un solo pensiero... tu
l'unico limpido... lucido
libero dalle catene interiori
che mi tengono prigioniero
tu... per me l'unica sicurezza
il restante di me è un pupazzo... un burattino
attaccato a fili spinati
che altri dalla parte meno pungente
sanno bene come manovrare
io capisco che non potremo mai
andarcene insieme... mano nella mano
perché la tua vita non è la mia
e io non sarò mai come te
tu però hai già capito che io non posso più
fare a meno di te... che di te sono pazzo
e tu non sai stare senza vedermi
senza toccarmi... senza sentire
quel mio balbettare... farneticare
così poco comprensibile
non sai più stare senza guardare il mio silenzio
senza vivermi e farmi vivere
anche se solo per poco... ogni giorno
non so se domani quando tornerai
io ci sarò ancora... un'altra volta
per gioire e godere di quei momenti
o se me ne sarò andato
trasportato
da un vento amico
che nel mio silenzioso... star sedato
mi avrà portato a graffiare Dio
oltre quel cielo
e troverò quel sole
quell'amore libero
dalle pareti di questa mia presunta pazzia

scusa se non puoi leggere
questo mio pensare di te
perché non ho un foglio... e nemmeno una penna
sai nella mia intimità non posso tenerli
ma tu capisci lo stesso
come fai sempre
attraverso questo mio essere.
Ora lentamente vado
perché sento già il tuo profumo
e so che stai arrivando... da me
ancora
e per oggi ancora... io vivo qui
e tu per oggi ancora
ritorni da me
e questo mi basta... mi riempie
anima e cuore
mi da ispirazione
per continuare a sopravvivere
fino a domani
quando di nuovo ti rivedrò
e rifarò scorta di te
passano così questi miei giorni
nel ricordo e nell'attesa.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Ornella Bianchini: Nel ricordo e nell'attesa

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...