il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

U viscuvu - Giuseppe Princiotto

 

Le poesie di Giuseppe Princiotto: U viscuvu

 
Giuseppe Princiotto

ID Autore: 2197
ID Testo: 4488

Dedica: a chi si arrese alle altrui volontà.

Testo online da mercoledì 18 agosto 2010
Ultima modifica del mercoledì 18 agosto 2010
Scritto nel 2010

 

U viscuvu

Lu potiri spirituali, tempurali iò lu pottu,
ciuri, vasatini e l'inchinati, pilli strati,
nesci la Maronna, cu mia, dilla porta,
inchinati: Sindacu, Maresciallu e Magistrati.

Li genti salutanu la Madonna fistusi,
o Maria, oggi è ionnu di festa,
botti fannu cianciri li carusi,
ora è a tia la me testa.

Penso a l'amuri di lu me cori,
a li to vesti scuri a li to occhi chiari,
allu beddu sorrisu ca ti detti lu Signuri,
e alla scelta mia, fatta cu duluri.

O Maria, regina dilli me sorta,
vinti di sti festi passaru,
spettannu lu passari sutta a porta,
quannu pi mia ficiru, scelta di dinaru.

O maria, di lu me cori lu tormentu,
notti ianchi e di tristizza,
anima sicca, cori in chiantu,
oggi ricordu da sta iazza.

O Maria, lu tempu ni trovò, dopo tanti cercamenti,
e ora ca dugnu la santa binidiziuni,
pensu li me anni arreri! cu tia dalla me menti,
pirchì!mi vaddi tristi dallu barcuni?

O Maria, comu la maronna lu vosi allu signuri,
tormentato dilli sofferenzi,
ti auguru ogni beni, felicità e amuri,
e chi a levarli Diu, mai ci penzi.

o Maria, ca mi levi l'amarizza,
tantu potiri e tantu stancu;
Ma sulu una è la mia ricchizza:
lu tua e lu me sangu.

---**---

Traduzione:

Il Vescovo

Il potere spirituale, temporale io lo porto,
fiori, baci e inchini per le strade,
esce la Madonna, con me dalla porta,
inchinati: Sindaco, Maresciallo e Magistrati.

La gente saluta la Madonna festosi,
o Maria, oggi è giorno di festa,
i botti fanno piangere i bambini,
adesso è a te la mia testa.

Penso al'amore del mio cuore,
alle tue vesti scure, ai tuoi occhi chiari,
al bel sorriso che ti dette il Signore,
alla scelta mia, fatta con dolore.

O Maria, regina della mia sorte,
venti di queste feste passarono,
aspettando il passaggio della porta,
ricordi quando per me fecero scelta di denaro?

O Maria, del mio cuore il tormento,
notti bianche e di tristezza,
anima secca, cuore in pianto,
oggi ricordo in questa piazza.

O Maria, il tempo ci trovò, dopo tante ricerche,
e adesso che do la santa benedizione,
penso indietro ai miei anni, con te nella mia mente,
perchè? mi guardi triste dal balcone?

O Maria, come la Madonna lo ha voluto al Signore,
tormentato dalle sofferenze,
ti auguro ogni bene, felicità e amore,
e a toglierle Dio, mai ci pensi.

O Maria, che mi togli l' amarezza,
tanto potere e tanto stanco;
ma solo una è la mia ricchezza:
il tuo è il mio sangue.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Giuseppe Princiotto: U viscuvu

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2021 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...