il nino!
Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Ragiunta meta - Domenico Arcidiacono

 

I miniracconti di Domenico Arcidiacono: Ragiunta meta

 
Domenico Arcidiacono

ID Autore: 2057
ID Testo: 3131

Dedica: agli anni che son passati con la donna della mia vita da quando sposati.

Testo online da martedì 9 giugno 2009
Ultima modifica del martedì 9 giugno 2009
Scritto nel 2008

 

Ragiunta meta

Oggi diciannove aprile del duemilaotto ritorna alla mia mente il ricordo lontano che mutò trasformò la mia vita, legandomi alla donna del mio cuore. Cinquant'anni gli anni passati di gioie e dolori che continuano ancora. Ritornano oggi nella mia mente svelata, quelli più belli ricordati fulgenti che ci videro uniti nell'amore fervente, nella fedeltà, nel rispetto dell'onore, nell'amore sempre crescente. Nessun rimpianto o pentimento, n'errori, uno all'altro con ardore ci unimmo con fervore, in quel giorno ricordato della profumata primavera, anche s'è stata senza sole e piovosa, così dice il proverbio antico: "sposa bagnata, sposa fortunata". Quel giorno senza sole, ma nel tuo grande splendore, illuminante candore, ti portai raggiante così col mio cuore colmo del tuo amore come giglio candido di fiore, all'altare del signore alla sua legge con gioia per unirti a me nell'itinerario d'amore, ancora, ti feci mia sposa, coronando così il dolce nostro sogno d'amore dei nostri due cuori. Mia sposa adorata del tempo lontano, compagna fedele e tanto premurosa negli anni trascorsi amore focoso. Da quel giorno già scritto: diciannove aprile millenovecentocinquantotto. Ci tiene ancora, ci tiene pur ora che gli anni sono avanzati e ci hanno in parte invecchiati, il corpo cambiato, variato l'aspetto, ma il cuore che governa l'amore non è mutato, per nulla variato è sempre lo stesso è quello d'allora che il mio col tuo uniti nell'amore, per cinquanta anni di felicità passati e, così porteremo uniti per il bene di noi i nostri due cuori legati come due fiori profumati dall'edera avvinghiati nel perenne abbraccio d'affetto e d'amore. Cinquanta anni di fede grandiosa nell'uno, nell'altro, ci tengono ancora legati nel nostro amore fino all'ultimo giorno che sarà ancora nel nostro destino nel fato in questa vita ancorata, pur bella anche se è avanzata. Con gran gioia infinita, nel bene, nel male. Per tutta la vita che sarà ancora dei due vecchi amori, andremo così sempre uniti nel lento cammino fino al compimento del nostro destino.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento al miniracconto di Domenico Arcidiacono: Ragiunta meta

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...