il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Silenti momenti - Lorenzo Cisci

 

Le poesie di Lorenzo Cisci: Silenti momenti

 
Lorenzo Cisci

ID Autore: 2004
ID Testo: 8886

Testo online da domenica 5 aprile 2020
Ultima modifica del domenica 5 aprile 2020
Scritto nel 2020

 

Silenti momenti

Paurosi e silenti momenti
tolgono la forza al nostro sorriso.
Con un cuore dolente e confuso
speriamo di non essere perdenti
Purtroppo,la poca forza non aiuta
crediamo nel vero aiuto di Dio
speriamo che non sia l'ultimo addio
che la pace e la salute sia benvenuta
Ogni strada deserta, è un cuore vuoto
è un fiume che non scorre e si arena
l'ultima goccia riposa silente e serena
nessun anfibio riprenderà il nuoto
Dall'alba al tramonto,è in ansia il pensiero
che parla in silenzio, è dice a se stesso;
stai dentro! Anche se sei prigioniero
ti salverai la vita con tanto successo
Ogni giorno che passa,è un sogno vissuto
con tante speranze che allietano il cuore
creando piacevoli piene fonti d'amore
che ti stanno vicino,ora soprattutto
Aspettiamo che tutto ritorni tranquillo
con coraggio,speranza e tanto rispetto
ci atteniamo al dovere giusto e perscritto
ne traemo vantagio del servizio più bello.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Lorenzo Cisci: Silenti momenti

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...