il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Eppur tutti - Maria Rosa Cugudda

 
 

Le poesie di Maria Rosa Cugudda: Eppur tutti

 
Maria Rosa Cugudda

ID Autore: 2308
ID Testo: 8446

Testo online da domenica 30 ottobre 2016

Ultima modifica del domenica 30 ottobre 2016
Scritto nel 2010

 

Eppur tutti

Sento vicina lei genitrice
per abbracciare il Cielo
mi ha lasciata in un freddo giorno d'inverno.

Per unirsi alla schiera degli angeli
lui genitore una mattina d'estate
mi ha sussurrato
«tu aspetta».

La sorella tanto amata
per dialogare col suo Gesù
in terra il suo posto mi ha affidato.

Ma ora anche il mio Amore
si è rivestito di Luce
al commiato "i veri poveri" mi ha raccomandato.

E intanto ancora con gelide lacrime
presenti li sento
la mano mi tendono per cogliere l'amore
e donarlo a chi in solitudine prosegue nel buio.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Maria Rosa Cugudda: Eppur tutti

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...