il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Lu cuoccio di littra - Giovanni D'auria

 
 

Le poesie di Giovanni D'auria: Lu cuoccio di littra

 
Giovanni D'auria

ID Autore: 2035
ID Testo: 8078

Testo online da lunedì 11 maggio 2015
Ultima modifica del lunedì 11 maggio 2015
Scritto nel 2015

 

Lu cuoccio di littra

La firma di ma matri jera nna cruci,
la littra nun sapia mancu unna stassi,
mfamiglia l'allittrati jeranu picca,
cu avia la secunna je ccu la ata terza.

Ma patri! Bonarmuzza avia la secunna
je si spurzava assai ppi fari la firma,
li cunta a la fimminina buoni li faciva
je nuddru mbrugliarilu ciarrinisciva.

Frati je suoru spurzati sapianu cuntari
je leggiri cantannu a li voti a zuppiari,
nuddru compiti ncasa mi potti nzignari
je chiddru ca sapianu mi puottiru dari.

Lu professuri d'indra jera ju ccu la quinta
je ccu lu trasi je nesci mi nzignavu quantu basta,
li nzignamienti a la scola li pigliavu buoni
je dicu grazii a Borsellino ca mi li sappi dari.

Lu cucciddru di littra ora mi sta sirbiennu
je lieggiu je scrivu cuomu nnallittratu veru,
li cunta mi veinnu facili je tornanu giusti,
macari ca li calculatrici sunnu cchiu moderni.

La ma vilanza pisa la misura giusta
je nunmminnammanca je mancu abbunna,
lu giustu vasta ppi jessiri prisenti,
je nun ristari a vucca aperta d'ignoranti.

*-*-*-*-
Traduzione

Il chicco di lettera

La firma di mia madre era una croce,
la scuola non sapeva neanche cosa fosse,
in famiglia i letterati erano pochi,
chi aveva la seconda e chi la alta terza.

Mio padre! Buonanima aveva la seconda
e si sforzava assai per fare la firma,
i conti alla femminina buoni li faceva
e nessuno imbrogliarlo ci provava.

Fratelli e sorelle sforzati sapevano contare
e leggere cantando a volte zoppicando,
nessuno i compiti in casa mi potè insegnare
e quello che sapevano mi poterono dare.

Il professore a casa ero io con la quinta
e con l'entrare e uscire ho imparato quanto basta,
gli insegnamenti a scuola li ho presi bene,
grazie a Borsellino che me li ha saputi dare.

Il chicco di istruzione ora mi sta servendo
e leggo e scrivo come un letterato vero,
i conti mi vengono facili e tornano giusti,
anche se le calcolatrici sono più moderne.

La mia bilancia pesa la misura giusta
e non manca e neanche troppo abbonda,
il giusto basta per essere presenti
e non restare a bocca aperta da ignorante.

Commento al testo dell'autore Giovanni D'auria:

Negli anni sessanta il grado di istruzione scolastico era basso, così come per i miei genitori quasi analfabeti, in famiglia il più alto grado di istruziuone era il mio, con appena la licenza elementare.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Giovanni D'auria: Lu cuoccio di littra

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...