il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Lu dammusu - Giovanni D'auria

 
 

I miniracconti di Giovanni D'auria: Lu dammusu

 
Giovanni D'auria

ID Autore: 2035
ID Testo: 7411

Testo online da lunedì 15 aprile 2013

Ultima modifica del lunedì 15 aprile 2013
Scritto nel 2012

 

Lu dammusu

Nna jurnata, avia a ghiri indra nna casa, e caminnannu e circannu la truvava, mi ritruvavu davanti a nna porta chiusa, di fora l'affacciata era tutta nova, rjfatta moderna, lu putunjeddru tingiutu di friscu e propriu druocu ju avia a trasiri, perciò ! Comu si nenti fussi mi ritruvavu jndra stu stanzuni ranni e friscu.Cuomu ppi jncantu, l'uocchi mia a lu celi spingivu, li sgranavu a cchiù nun puozzu, la vucca aperta comu nnalluccutu, mmiezzu a la chiazza, ristavu mbassulutu e ppi nni ddri jstanti riturnavu carusu, quannu iva nni ma nanna a faricci cumpagnia. Ddru tettu mi fici ddra mbrissioni, era lu dammusu di ma nanna, tunnu a lu centru e quattru veli calavanu nni l'anguli a mità strata,ngapu nni lu pavimentu, nni ogni angulu un cupierchiu di lignu, chissa! Era la dispenza, ddra jndra cc'era, la nghiusa, lu furmientu ppi la mmirnata, nni latru li favi ppi la mula e ppi lu maccu, nni latru ancora tumazzu, ulivi e passiluna, ciciri sicchi e fasola, e ppi finiri ficu sicchi, miennuli e fastuchi,poi lu liettu nni lu centru li commodina a lu latu la stanza cunzava, lu capizzali la Santa di la Madunnuzza ccu lu bammineddru mai mancava, dichiancu San Giusippuzzu e la fotogafia di lu luntanu matrimoniu,ca addivintà a culuri rugini ppi la gran vicchiaia, mi pariva tuttu un suonnu, ma ! Avianu passatu, chiossà di cinquanta anni.

*-*-*---------
Traduzione

Un giorno, dovevo andare in una casa, camminando e cercando la trovavo, mi ritrovai davanti a una porta chiusa, fuori la facciata era tutta nuova rifatta moderna, il portone dipinto di recente, proprio lì io dovevo entrare, quindi !Come se niente fosse, mi sono ritrovato dentro una grande stanza fresca. Come per incanto, gli occhi al cielo alzavo, li sgranavo a più non posso, la bocca aperta come un allocco, in mezzo alla piazza, rimanevo stordito e per un istante ritornavo bambino, quando mi recavo da mia nonna, per farci compagnia. Quel tetto mi fece quella impressione, era il tetto di mia nonna, tondo al centro, e quattro vele calavano dagli angoli a metà strada, sopra nel pavimento, in ogni angolo un coperchio di legno, quella era la dispensa! La dentro vi erano le scorte, il frumento per l'inverno, in un altro, le fave per la mula e per il (macco) minestrone a base di fave)in un altro ancora formaggio, olive verdi, e olive nere, ceci secchi e fagioli, e per finire fichi secchi, mandorle e pistacchi, poi il letto al centro con i comodini di fianco la stanza intera ornava, il capezzale la santa della Madonnina con Gesù bambino, mai mancava, di fianco San Giuseppe e la foto del lontano matrimonio, che è diventata colore ruggine dalla vecchiaia, mi sembrava tutto un sogno, ma erano passati più di cinquanta anni.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento al miniracconto di Giovanni D'auria: Lu dammusu

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...