il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!
Abbasso le tasse!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Presepe a vallemare - Giampiero Iezzi

 
 

I miniracconti di Giampiero Iezzi: Presepe a vallemare

 
Giampiero Iezzi

ID Autore: 2282
ID Testo: 6933

Testo online da domenica 9 dicembre 2012

Ultima modifica del domenica 9 dicembre 2012
Scritto nel 2012

 

Presepe a vallemare

Sappiamo da tempo che il vivere non è poesia come diversamente abili per loro noi non siamo più la lieta novella del Natale per essere cristiani tutti sulla terra, distoglie la tristezza con tenerezza delle carezze porta in casa la dolcezza in età avanzata. Ben altro s'aspettano! Come i regali del consumo per quel piacere di dare amore son le emozioni brevi che vanno in fumo, scaldano le mani appena per scambiare un gesto di pace, mah non per ricevere con l'anima, per essere contenti, nel cuore. Buon Natale! Con chiese e basiliche in tutti i luoghi nel tempo parlano di te Gesù che ci hai relegato l'invincibile vita regalata nella quotidianità, con noi vivaci alla ricerca religiosa d'un punto d'incontro. A iosa ci sono persone che parlano di te in cattedrali del deserto. Sì! Son vaticane e, romane mah la nebbia brina ahimè gli occhi umani di chi non crede, ancora. Sei tu ooh Gesù il nostro punto d'incontro per vivere bene in sé stessi nel rispetto reciproco in una società strisciante per te, sopportano nel loro ambito in tutte le generazioni quella carne umana fresca, frequentemente ghettizzata nell'oro d'un microcosmo disabile psicologico si è in depressione rapida in una società con la sanità ormai un'industria di carità civile. Tu, che nasci ogni anno sempre al solito posto del passato in luoghi remoti dal vivo e in altri più frequentati sei una copia in porcellana della tua immagine ooh bel Gesù... Fai come Totò questo Natale vieni di persona, come bambinello eeh Cambiala Betlemme! Sarà un presepio vivente con te fantastico!!! A Vallemare, bellissima valle della nora un fiume incastonato smeraldo nella natura con le pecore, pastori e contadini, con bue, asinello e il cane che fanno festa nell'aia con gli altri animali del cortile, sarà reale il presepio da amare a Vallemare. Marchiato disabile ci sono anch'io nel microcosmo caduto in disgrazia trattenuto per la gravità della patologia incurabile sono insaziabile di verità. Diverso son da loro consumistici per il mio vivere adesso di te! Il mio mistico vive confuso. Dissente dalla normalità delle cose nel sentire addosso tutta la delusione di chi con dovuta rassegnazione deve accettarsi comunque con la morte, per relazionare la vita con gli altri esseri umani, sani, dove per saper vivere lo si può anche immaginare che: Sia sempre e solo bella.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento al miniracconto di Giampiero Iezzi: Presepe a vallemare

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...