il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Mattino!
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Gli altri si lamentano - Federico Presutti

 
 

Le canzoni di Federico Presutti: Gli altri si lamentano

 
Federico Presutti

ID Autore: 2081
ID Testo: 2709

Dedica: Agli innocenti, che pagano le colpe altrui.

Testo online da domenica 15 marzo 2009

Ultima modifica del domenica 15 marzo 2009
Scritto nel 2008

 

Gli altri si lamentano

Ho rubato una gallina tanto tempo fa,
e sconto ancora la pena in questa squallida città.

Ho pugnalato mio fratello circa un mese,
e adesso sono libero e mi godo la città.

Ho studiato per vent'anni,
a cos'è servito non lo so,
ho fatto solo danni ed ora impazzirò.

Ho lavorato poco in tutta la mia vita,
gli altri si esaurivano ed io me ne andavo in gita,
mio padre i soldi ce li aveva,
un posto mi ha trovato,
gli altri si lamentano ma io mi sono realizzato.

Ho sofferto come un cane nella mia nazione,
guerre dopo guerre e tanta distruzione,
adesso vengo qui per ricostruire il mio futuro mattone su mattone lavorando come un mulo,
ma questo sacrificio sembra non interessare a chi mi crede ladro e a chi mi tratta male.

Ho sempre cercato una professione comoda,
senza sacrifici e che non fosse scomoda,
considerando che ho una certa cultura
non voglio di certo raccoglier spazzatura,
quindi rimango a casa e mi godo la poltrona affermando ciecamente che il lavoro non si trova.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla canzone di Federico Presutti: Gli altri si lamentano

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...