il nino!
Chiunque tu sia ,
Buona Sera!
Dipendenti tartassati...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Per la Madre e... il Libro
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Lo sprofumo der letto de la vita - Aldo Fiorenza

 

Le poesie di Aldo Fiorenza: Lo sprofumo der letto de la vita

 
Aldo Fiorenza

ID Autore: 1959
ID Testo: 1288

Testo online da martedì 3 giugno 2008
Ultima modifica del martedì 3 giugno 2008
Scritto nel 1995

 

Lo sprofumo der letto de la vita

A nonnè. Ma che fai su quella panca
co' 'no sguardo de gesso?
Pari 'n busto der Pincio,
ma, da come stai messo a penzoloni,
t'hanno aggiunto quarche pezzo de cianca.
S'arzi l'occhi pari 'n burattino
che 'n ce crede a Geppetto;
poi li richiudi pe' scaccià la visione
de la vita, co' la bocca a sghimbescio.
Nun dà retta, si te guardi intorno,
te ripija, eccome, er vizietto der monno!
T'aricordi de quanno, rigazzino,
intignavi a dì: "chi s'engrugna, paga pegno"?
Ma li pensieri tua so' tosti,
inchiodati a la panca de legno.
Mò tremi com'a 'na foja marzolina:
è segno de bbona salute er batticore
ed è er principio de la vita stesso.
A nonnè, fatte servì,
fa' venì giù a perdifiato
la bellezza che te core appresso.
Smovi quer ragazzino che ciai drento:
ricomincia a nasce
come quanno respiranno da tu' madre
er concetto der monno,
sfiatavi pe' la vita via cor vento.
Fijetto, er tempo tuo sia benvenuto:
io sò la fantasia che nun invecchia
t'ariempie er monno d'allegria
e nun ce vò sta che fenisce a fetecchia.
Perciò si ce sei batti 'n corpo, bello mio
sinnò arzo li tacchi e te saluto.
E vabbè, nun voi che vada...
ma si t'aspetto,
m'hai da guardà nell'occhi
com'ar tempo
che me sprofumavi er letto a tutte l'ore.
Nun m'ariconoschi?
Io so la vita, er tuo primo amore.


Traduzione:
Lo sprofumo del letto della vita

A nonnè! Ma che stai facendo su quella panchina
con lo sguardo tutto fisso fisso
che sembra di gesso?
Sembri un busto del Pincio
ma, da come sei seduto, a penzoloni,
sembra che t'appoggi a un bastone.
Se alzi gli occhi sembri un burattino
Che non crede neanche a Geppetto;
poi li rinchiudi per scacciare la visione
della vita, con la bocca che fa una smorfia di dolore.
Non dare retta, se ti guardi intorno,
ti riprende, eccome, il gusto del mondo!
Ti ricordi quando, da ragazzino,
t'impuntavi a dire; a chi tocca, ci deve stare".
Ma i pensieri tuoi sono brutti assai
e fissi come la tua panchina di legno.
Adesso tremi come una foglia a marzo:
è un segno di buona salute, sai, il batticuore,
anzi è il principio stesso della vita.
A nonnè, dammi retta, fai venire giù a perdifiato
La bellezza della vita che ce l'hai addosso.
Smuovi quel ragazzino che hai dentro:
ricomincia a nascere come quando
respiravi da tua madre il senso della vita
e correvi per la strada via col vento.
Figlietto mio, il tempo tuo sia benvenuto:
Io sono la Fantasia che non invecchia,
che ti riempie il mondo d'allegria
e non vuole che tutto finisca male.
Perciò se ci sei batti un colpo
Se no alzo i tacchi e ti saluto.
E vabbè, scherzo...non vuoi che vada via...
ma se t'aspetto
mi devi guardare con quegli occhi
che avevi una volta, come al tempo
che mi profumavi il letto a tutte l'ore.
Non mi riconosci?
Io sono la vita, il tuo primo amore.

 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Aldo Fiorenza: Lo sprofumo der letto de la vita

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2021 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World), Milky Way Galaxy ...

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...
Sopra...Sopra...