il nino!
Chiunque tu sia ,
Buona Notte!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Son nato fragile, come senza pelle ed a volte ero di una fragilità così assurda che nessuno la poteva capire bastava un alito di vento un pò più forte del normale a farmi stare male, a farmi soffrire Forse per questo mi piace guardare la realtà della vita come dal di fuori esserne parte per me significava stare male e continuavo a vedere gente che stava molto meglio di me e che invece si ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 20 giugno 2020
Stato: 1 Cod: 8902 - Tipo: p

Duecento milioni di donne infibulate perchè non le si vuole libere d'amare cento milioni di ciechi sanabili che quasi nessuno si preoccupa d'aiutare e da cinquemila anni almeno neanche un minuto senza una guerra è questa la tristissima realtà del pianeta terra... E gente che viene sfruttata senza pietà perchè siam tutti pieni d'egoismo inutile sperare cambi presto la situazione eppure a v ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8899 - Tipo: p

Tu, infelice virus assassino, hai organizzato il tuo cammino, e hai seminato il tuo veleno distrugendo tante anime innocenti di tutto il mondo. Noi, ti sapremo far sparire perchè da solo non sei capace a grogredire. Il nostro veleno è più forte del tuo. Morirai quando mai te lo aspetterai. ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 5 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8889 - Tipo: p

Espressione e specchio dell'anima i tuoi occhi sinceri cercano i miei, mentre il tuo sorriso mi sfiora dentro... i tuoi occhi pieni di noi sanno di me, profumo di nuvole rosa nell'azzurro inseguendo la scia di un aquilone... i tuoi occhi da favola, sospesi tra il senso e l'idea di noi dove tutto è da cogliere, cogliere sul fatto... i tuoi occhi profondi come il mare, dove posso immerger ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 1 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8888 - Tipo: p

Paurosi e silenti momenti tolgono la forza al nostro sorriso. Con un cuore dolente e confuso speriamo di non essere perdenti Purtroppo,la poca forza non aiuta crediamo nel vero aiuto di Dio speriamo che non sia l'ultimo addio che la pace e la salute sia benvenuta Ogni strada deserta, è un cuore vuoto è un fiume che non scorre e si arena l'ultima goccia riposa silente e serena nessun an ...
Scritto nel 2020
On line da: domenica 5 aprile 2020
Stato: 1 Cod: 8886 - Tipo: p

Torna la primavera col mandorlo fiorito la frescura della sera dolcemente ho goduto Tutti i campi sono in fiore con il mare smeraldino c'è spontaneo ogni colore nello spazio del giardino Ogni uccello è contento e nidifica il suo nido del buon tempo io mi fido anche quando vola il vento Sopra l'ombra dei viali splende un sole cocente il suo caldo mai mente e ti salva dei brutt ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 17 marzo 2020
Stato: 1 Cod: 8885 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

fri fri nnè strapperei le ali ai grilli e alle cicale ruberei l'ugola di un fringuello suonerei viole e violoncelli per poterti col mio canto innammorare fri fri nnè il mio gioiello più bello lo zefiro dei pensieri miei ti darei ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 7 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1609 - Tipo: p

È soltanto un sogno mio lo so, ma non voglio svegliarmi voglio continuare a sognare. Non importa se la realtà non è uguale ai sogni, io voglio sognare per vivere voglio sognarti perché tu sei stato il mio sogno più bello, la mia realtà la mia fantasia. Sei l'unica ancora ancora di salvezza, in questo inquieto mare della mia misera vita. Voglio sognare e sognare e sognarti ancora, gi ...
Scritto nel 2013
On line da: mercoledì 20 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 7365 - Tipo: p

Languida lingua, o languida qualcosa, con l'umiltà dipinta sulla faccia ma in fondo agli occhi ci ha la luce accesa dalla boriosità del sottotraccia. Non la vorrei nemmeno oltre la porta accantonata sopra allo zerbino, è di una falsità che mi sconcerta quando protende il palmo della mano. Non la vorrei nemmeno...mah... vediamo... a mille e più chilometri lontano! Eh si, sono una s ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 14 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6602 - Tipo: p

Esplode la mente gridano cuore e anima nel silenzio... più forte urlano ma tu non lasci trasparire... nulla e... congeli tutto dietro quella tua calma apparente nessuno sa... nessuno deve sapere nessuno dovrà sapere... mai e intanto vivi... e sopravvivi e muori lentamente un po' ogni momento in ogni tuo attimo... in ogni tuo istante in ogni tuo respiro... dentro ogni alito... di que ...
Scritto nel 2011
On line da: giovedì 15 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5415 - Tipo: p

Il vento soffia increspando le onde. il mare è bicolore; la sua schiuma s'infrange sulla riva - dolcemente - come se volesse invitarti ad un gioco. In alto i gabbiani s'incrociano, si abbassano, si alzano contrastati o aiutati dal vento. Puntano improvvisi sull'acqua in cerca di pesce che afferrano coi becchi. Sono velocissimi o statici. A volte sembrano immobili nell'aria; poi con ...
Scritto nel 2001
On line da: mercoledì 24 dicembre 2008
Stato: 1 Cod: 2138 - Tipo: p

Purtroppo chi sta male, vive male anche per altro ancora per cose sensibili e non... Ogni giorno si piange a secco senza lacrime con la tristezza in mano s`attraversa il quotidiano imbarcato nella fantasia se si vuole trovare il proprio porto di pace nel silenzio. Poi... il tremore ricomincia pian piano il suo malore un po` sopporti man mano sempre di più perché anche l`amico parkinson de ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 10 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6130 - Tipo: p

Sull'onda di non so che sensazione un tonfo mi percuote nel profondo dell'anima e fatico a respirare nella malinconia in cui lo nascondo. Mi sembra inarrivabile la sera se va allo stesso passo del mio cuore quel vento che trascina all'orizzonte lo sguardo fino all'alito del mare. Non vedo l'ora, sai, non vedo l'ora di spengere la luce scivolando tra le lenzuola e accendere il silenz ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 27 settembre 2012
Stato: 1 Cod: 6488 - Tipo: p

Perché? Non so risponderti, mamma. Son passati vent'anni o quasi e ancora riecheggia nella mia mente la tua parola d'aiuto, il tuo grido di immane sofferenza. E alla tua flebile voce che mi chiedeva: Perché? Perché proprio a me? Ancora oggi non so rispondere... E con le lacrime nel cuore di figlio affettuoso ogni giorno mi affido all'Amore di Dio per capirlo. ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 18 dicembre 2011
Stato: 1 Cod: 5616 - Tipo: p

Mia piccola, mia gioia è inverno fuori anche se il sole scotta il cielo è terso s'ode fuori musica indolente alla finestra semiaperta.. Mia piccola, mia gioia t'abbraccio con le sue braccia, ricordi... forti braccia, ti sorrido con il suo sorriso, ti parlo con le sue parole, senti la sua voce.. tu mi chiedi ma dov'è papà... Mia piccola, mia gioia.. nel mio cuore, oceano di lacr ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 10 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 254 - Tipo: p

Miei baci, scoloriti, invecchiati, danzate ancora come diavoli volanti sulle aureole delle peccatrici infanti? Ah, come ricordo quando il murmure incessante delle foglie intonava la melodia dell'amore, e dopo ancora l'Autan che mi alitava alle orecchie parole mortuarie. Un pino, un grosso pino, svettava ai bordi della strada, come un fulmine sul cielo di Bahia, ed io non lo ved ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 26 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7665 - Tipo: p

Nata sotto il segno della luna destinata ad esserle figlia Tutta la vita sognando di essere lassù vicina a quella luminescente atmosfera saltando come su una nuvola Non sente l'aria rarefatta quella bambina dolce e sognante respira a pieni polmoni Gioca e canta è il giorno del suo compleanno Felice di aver assaporato la luce che da essa si sprigiona È lì, non crede ai suoi occhi c ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 11 novembre 2009
Stato: 1 Cod: 3602 - Tipo: p

Ogni cosa tace stasera. Anche l'aria sembra immobile... quasi in attesa. Niente suoni solo il mio respiro. M'induce a pensare guardarmi dentro. Il perché di momenti vuoti assenti ove sembra mancare alito di vita slanci di cuore... Rilasso la mente torna a divagare subisco quest' attimo la lascio andare. Pace... tutto è a posto Progetti ed eventi son rimandati pigrizia nottu ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 5 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 840 - Tipo: p

Un alito di nuvola magenta galleggia sul tramonto sospiroso, il mare che traspare in lontananza è un canto di sirena che m'incanta. Le more, la rugiada che scintilla le lacrime del buio sul mattino, le spine, ed una luna che non brilla di luce propria sopra il cielo bruno. Sospirano le nuvole al tramonto, sembrano sogni ricamati al filo del vento per soffiarli in un istante verso ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 26 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6083 - Tipo: p

A squola cera il sole stamattina, pioveva l'oro sopra la collina e sospirava ai fili d'erba acerba il fiato di una nube adamantina, che avevo voglia di portarmi fuori ha capitombolare in mezzo hai fiori. Non dirmi che ci trovi qualche orrore o mi deturperai questa bellezza! Non sai che è data in dono a noi poeti licenza di far come più ci piace, e non abbiamo regole ho divieti? Hab ...
Scritto nel 2011
On line da: venerdì 14 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 6957 - Tipo: p

Stella murent, rituorn a sorrider, rind a st'uocchij turn a brillà, questo cielo quasi spento ormai, tornerà ad essere tuo, stella murent, le tue mani fredde mi regalano solo indifferenza, attuorn a te tanta solitudin, t viest e culur, ma t'accurg ka staj mal, rind all'anem pur tu staj comm e me, a nott t rà turmient, o juorn disperazion. cont miez e stell, staser c mank sul tu, la ...
Scritto nel 2007
On line da: venerdì 11 gennaio 2008
Stato: 1 Cod: 719 - Tipo: p

La notte mi avvolge, coi suoi incantesimi, i suoi sogni spezzati, i desideri segreti, gli aneliti, i dolori d'amore, e questa vita, che passa, troppo veloce, troppo incasinata. ...
Scritto nel 2014
On line da: giovedì 22 maggio 2014
Stato: 1 Cod: 7870 - Tipo: p

Ti pago un caffè al banco e un due a zero a tavolino e pago una notte in bianco e buona parte del mattino perché i guai vengono dopo quando si spegne il fuoco perché innamorarsi per noi è una scienza esatta bisogna abbandonarsi abbandonarsi ... è fatta! ma i guai vengono dopo a poco a poco quando si spegne il fuoco non dirmi che ti perdi nel mare dei miei occhi verdi dicesti tu n ...
Scritto nel 2000
On line da: giovedì 7 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 4671 - Tipo: p

Sei pieno di tutte le ombre che mi inseguono di tutti quegli attimi che mi lasciano un segno... Tu sei dove le rose si schiudono... ove uccelli di bosco sussurrano ai monti, sei tra i topazi e le fresie... tra il suono di campane che si espande e le chiese Sei pieno di domande e muto di risposte Ombra e luce sono le tue colpe. ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 7 settembre 2009
Stato: 1 Cod: 3461 - Tipo: p

Pallido luminoso emerge a tratti un sole da nubi a metà cielo scorre nella mente mia il tuo volto lontano amore si compie poi il giorno in una densità d'assenza e malinconie aggrumate. Oh sciagura nell'attimo che non ci sei e cedo: gravosa prova di dolore pianto di anima privata cumulo di sospiri trattenuti avariarsi di baci appassiti! Vedi: spaiate, infelici allodole nel plumbeo ...
Scritto nel 2015
On line da: giovedì 14 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8088 - Tipo: p

Il tempo è vestito di grigio, un serio signore attempato che pare adeguare il suo passo fra un osso di luna e lo strato di grasso sul bordo del cuore che ormai lo fa immune al dolore pesato sul cielo passato, sensibile solo al suo fiato. Soltanto per pochi è presente nell'attimo in cui si rivela mostrando il suo volto sfuggente, la mano che tende e la sola visione del tutto nel brev ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 13 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6599 - Tipo: p

Lascio salire il cuore sopra l'accelerato. Lo lascio cullare dal lento arrancare. La mente divaga. Filari di viti, coi grappoli al sole, si danno la mano. Io sono lontano. Mi lascio alle spalle parole non dette, omissioni, distacchi. Con questi miei pacchi di nuove emozioni e un po' di paura, magari ci provo ad amare di nuovo. ...
Scritto nel 2000
On line da: giovedì 27 marzo 2008
Stato: 1 Cod: 1015 - Tipo: p

Frammenti di luce nel buio di un cielo che ha preso terreno fra note di pioggia, lampioni d'ovatta, fanali di treni che sembrano sguardi sfuggenti dal viso dei giorni morenti. Ho spento nel pianto la voce piantando le croci nel cuore, negli occhi, nel fiato del mare, sul mare di nuvole nere fra sogni che lasciano i segni nei pugni in cui spremo il sapore. Frammenti di te nella not ...
Scritto nel 2012
On line da: venerdì 2 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6722 - Tipo: p

Sin da bambina ho sempre sognato che se un potere mi fosse dato Farei del bene a destra e a manca render felice la gente tanta Prima la casa grande problema ovvia ragione di gente in pena Tanto lavoro per tutti diverso metterei fine con un solo gesto come per caso ma senza posa la sorte avversa chi ha a patire Ma ancor prima io penserei tutti i malanni debellerei Iniqui af ...
Scritto nel 2008
On line da: martedì 19 febbraio 2008
Stato: 1 Cod: 900 - Tipo: p

Seduto, accanto a te, ti sfioro i capelli castani, miriadi di fili, guardo il tuo naso, mentre scruti la tele, vicini; ti abbraccio e non sento più dolore, il peso di questa vita, i guai, e i pensieri menosi di ogni giorno, con tutto il resto, e la pazzia infingarda del mondo; stò con te e mi basta, il mondo vada pure dove vuole, la gente dica quello che vuole, ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 26 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 4727 - Tipo: p

Fulmini e saette in lontananza lacerano il sereno cielo stellato adirandosi gli si scagliano contro, prepotente il ruggito del vento mostra l'impeto irruente all'inerme terra spoglia sottostante, il verme striscia lentamente nel tentativo di salvar la pelle, il passero tra i rami frustati si nasconde tra le foglie morte, luci sfolgoranti in piena notte rischiarano la campagna sotto ...
Scritto nel 2013
On line da: giovedì 2 maggio 2013
Stato: 1 Cod: 7471 - Tipo: p

Quannu la prima vota ti vitti e ti incuntravu, la prima cosa beddra ca di tia mi piacieru, fuoru l'uocchi tua d'amuri ca ma abbagliaru, l'uocchi tua d'amuri, stuocchi d'amuri, ca mi incantaru. Ci taliavu indra e ci vitti lu to cori, iungiutu a chiddru miu, insiemi eranu l'amuri, era chiddru ca lu cori miu circava, e taliannu nni l'uocchi tua, l'amuri sinceru e veru, iu ci truva ...
Scritto nel 1999
On line da: sabato 7 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2498 - Tipo: c

Siamo angeli destinati a sognare, angeli di porcellana, angeli di vetro che brillano al sole e fanno un suono dolce al vento; siamo "Donne d'Amore", che sognano solo un grembo fertile come la terra in primavera, per poter concepire un figlio, crescerlo e allattarlo con amore... Siamo sogni fragili, destinati a infrangersi su uno scoglio... o sogni destinati a durare per sempre "com ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 25 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2623 - Tipo: p

Mi querida, mi sumbra, mi sol, mia Denise, non mi bastano mai i tuoi sguardi decisi, furiosi, furenti, ma dolci, ma attenti, plasmati dalla mimica del tuo volto, ad ogni suo più impercettibile accenno o accento. Divento più grande, anzi lo sono già, mi ritengo beato se mi abbandono tra le pieghe morbide e umide dei tuoi occhi silvestri e silvani, mobili, liquidi, umani che mi carezzano il cuore. ...
Scritto nel 2009
On line da: sabato 25 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 4609 - Tipo: r

Indovina chi è che, pur essendo come di noi ciascuno, lo è come nessuno? ... Ognuno! ...
Scritto nel 2015
On line da: sabato 21 febbraio 2015
Stato: 1 Cod: 8010 - Tipo: m

Quel figlio di gran puttana lo vessava. Lo pungeva, lo infastidiva. Lo mandava a svolgere il lavoro in posti assurdi, sacrificati: appartamenti al quinto piano senza ascensore, vicoli ciechi aggrovigliati di auto parcheggiate. Il furgone stentava ad entrare in quelle stradine, e nel fare retromarcia si urtavano inevitabilmente le auto in sosta. Tornando la sera in sede un principalino controlla ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 21 settembre 2009
Stato: 1 Cod: 3486 - Tipo: r

Credevo che il mio disegno fosse colorato invece si é presentato in bianco e nero. Credevo in una vita migliore di questa attuale. Credevo in una strada diritta, invece è rocciosa e ripida. Credevo, credevo. ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 5 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 4653 - Tipo: p

Fanciulla (età 12-18) Che mi prende? Un brivido che non conosco... Sono forse sulla soglia infinita? Brulicano le fitte di cuore dal covo sconosciuto dei sospiri. Perché ieri no? Cos'è cambiato nel cielo fisso? Se le stelle sono palpiti, bracieri accesi che scintillano l'alcova di luna, è la notte di luna tutta amore? Che n'è del mondo delle favole che soccorreva i miei sogni? Er ...
Scritto nel 1996
On line da: giovedì 19 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1362 - Tipo: p

Quando per gioco lanciavamo i sassi nel fiume, tu stupita guardavi il cerchio nell'acqua crearsi. Il tonfo sordo del sasso non volevi udirlo perché come tua svanita chimera s'affondava. L'acqua limacciosa cancellò quel breve aperto disegno di un cuore e tu quasi in pianto mi poggiavi la dolce testolina al petto. Oh quei cari luoghi dei sogni giammai vorrò che il tempo li t ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 14 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 542 - Tipo: p

Poscia che al vecchio e stanco giorno, segue la notte spenta e senza voci, non seppellir le preci tue nel sonno profondo e senza tempo ma ai primi albori, per non recar le rughe del dì passato, chiare e fresche recitar le devi, per preparar il nuovo che t'aspetta. Tu sei vittima sol di stesso. Nel cammin di tua vita hai fatto ognor quel che parea a te. Al par di te anche gli al ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 8 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1617 - Tipo: p

Dal nulla, non si ottiene nulla. Ricorda anche che, sarai utile per gli altri, solo quando saprai essere utile per te stesso. Solo allora, capirai l'importanza del sapere. La persona sapiente è una ricchezza per la società. Ma, chi non s'impegna non sa, e non capirà mai che nel mondo, c'è, e ci sarà, sempre da imparare. ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 21 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6631 - Tipo: p

Era una giornata uggiosa un po' triste e pur radiosa quella in cui, in compagnia, si die' fine alla categoria. Una storia lunga assai a fine arrivata è ormai, gloriosa, brillante, a volte emozionante che del Paese fa la storia, per l'Italia, non per gloria. Domani sarem dottori ma dentro i nostri cuori sarem sempre Ragionieri oggi e domani, più di ieri. ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 24 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1947 - Tipo: p

il cielo è terso, di un azzurro intenso, ricco quasi fosse un sovrano lo decorano impalpabili ancelle, quasi velate nubi mi trovo in una fiaba, l'ambiente è magico lo sovrastano silenziosi, innevati picchi, fidati custodi fanno da corona ai larici secolari, testimoni del divenire --- Rifugio Treviso – 28 gennaio 2007 ...
Scritto nel 2007
On line da: giovedì 22 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2364 - Tipo: p

No, tu non eri pronto per il viaggio dentro all'Universo nel Tutto infinito che ci circonda e del quale non siamo che una piccola pausa spazio-temporale, invisibile pulviscolo nelle complesse ruote del Cosmo. No, tu non eri pronto! Chi lo sa cosa farai ancora dentro a quei tuoi panni di uomo? Dentro il tuo tempo puoi essere ciò che puoi, ciò che vuoi. Un uomo assorbito nei suoi ...
Scritto nel 1983
On line da: venerdì 6 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1300 - Tipo: p

Come foglie nel vento che il vento con sé trasporta infinite anime danzano e danzando si perdono e perdendosi cercano tra i ricordi del loro passato vivere cercando coloro che hanno lasciato coloro che hanno amato... che gli hanno amati cercando il loro presente nella trasparenza della nuova vita tentando di comprendere un futuro senza spazio... senza tempo ne confini... ne orizzonti ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 21 giugno 2012
Stato: 1 Cod: 6070 - Tipo: p

Questo è il silenzio che non parla mai, quello sordo che non ascolta e vede il mio disagio, di chi non ha fede, e scivola sul vetro di ogni guai. Questo è il silenzio che non ha colore, muto come una casa abbandonata che ha smesso le persiane violentata dai venti e poi dal nulla e dal livore. Il silenzio che cola sopra i muri e si ferma sugli occhi della cagna, anch'essa muta come ...
Scritto nel 2012
On line da: lunedì 30 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6208 - Tipo: p

Non so come né perché quella mattina d'autunno dell'anno 2001 mi vennero in mente le tre profezie di nonno Savio. Forse per il fatto che avevo letto, giusto qualche giorno prima, che nel trapasso dal regime monetario della Lira a quello dell'Euro, l'unità di conto europea, nelle abitudini dei consumatori italiani, andava sostituendo le vecchie mille lire, piuttosto che coprire gli acquisti corris ...
Scritto nel 2001
On line da: domenica 25 ottobre 2009
Stato: 1 Cod: 3555 - Tipo: r

Di questo mese un tempo si diceva che rinfrescava il bosco ma ai giorni nostri ormai non è più così del mese di agosto troppo caldo e troppo sole non per tutti è quello che ci vuole ciò che invece in questo mese sarebbe una buona cosa sarebbe vedere ad agosto qualche coraggioso che si sposa con un caldo così torrido una bella doccia d'acqua fresca quella sì che è da ristoro... e per un po' ...
Scritto nel 2016
On line da: lunedì 8 agosto 2016
Stato: 1 Cod: 8399 - Tipo: p

C'è ancora tanta strada per arrivare al fiume, una valle di sogni e parole su onde argentate. Così bella da far invidia alla luna così sola sotto questo cielo. C'è ancora tanta vita per giungere al mare, senza timore di perdersi fra stelle pagane rinchiusa in un fiore che sboccia solo nelle tenebre. Le voci del vento danzano tra le vette, intorno al fuoco cantano le ombre. Sovran ...
Scritto nel 2015
On line da: mercoledì 19 agosto 2015
Stato: 1 Cod: 8136 - Tipo: p

Vedran Smailovic, all'anagrafe... da Sarajevo defunta... oggi?... redivivo in Irlanda! Mi porto ancora dentro il cuore la mia patria come il mio fiore all'occhiello una patriottica, pur se defunta ghirlanda. Intonai l'Adagio di Albinoni per 22 giorni consecutivi all'interno della Biblioteca Nazionale sventrata... uniche mie amiche le macerie - niente rumori e suoni - giacevano in ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 3 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1571 - Tipo: p

Il fruscio del vento irrompe sull'uniforme bellica e mentre tu scompari io mi riparo per non fuggire alla morte. ...
Scritto nel 2015
On line da: mercoledì 13 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8084 - Tipo: p

Disguidi interni, talvolta contraddittori, ipocriti e veritieri che trovano pace nel voler raccontare di chi non si conosce, di voler punire d'invenzioni per propria gelosia, ferire per invidia, essere privi di sensibilità, umiltà, responsabilità personale nell'ammettere l'immotività. Scaturire e provocare confusione. Tutto ciò in un piccolo paese. Eppure tutti siamo destinati ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 1 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2194 - Tipo: p

Più di ogni altro sentirai l'amore di stagioni trascorse e di sirene, poeta, che trasfondi nelle vene un brivido o un dolce altro sentore. Tu che vaghi fra gli uomini nascosto come il più comune chicchessia, tu che scegli la solitaria via, e la libertà del cuore ad ogni costo, sfidi l'incomprensione e non ti tocca il facile giudizio che si arrocca nei nidi perbenisti degli snob. ...
Scritto nel 2009
On line da: mercoledì 14 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2296 - Tipo: p

Sommo talento lirico, al Poeta! Ed ecco qui la formula segreta per rimanere sempre sopra l'onda più alta della crosta del cristallo lunare quando al sole spicchia il giallo. Sommo talento lirico, in un sorso di vento e anche dal cielo avrai soccorso, talento sommo pure quando è spenta la luce che dà voce al sentimento, ma quel che conta è farlo poi contento in modo che si spenda nel r ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 15 novembre 2012
Stato: 1 Cod: 6796 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

Dolce e chiara è la notte e senza vento, e queta sovra i tetti e in mezzo agli orti posa la luna, e di lontan rivela serena ogni montagna. O donna mia, g ià tace ogni sentiero, e pei balconi rara traluce la notturna lampa: tu dormi, che t'accolse agevol sonno nelle tue chete stanze; e non ti morde cura nessuna; e già non sai nè pensi quanta piaga m'apristi in mezzo al petto. Tu dormi: i ...
Scritto nel 1820
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8518 - Tipo: p

La Nature est un temple où de vivants piliers Laissent parfois sortir de confuses paroles; L'homme y passe à travers des forêts de symboles Qui l'observent avec des regards familiers. Comme de longs échos qui de loin se confondent Dans une ténébreuse et profonde unité, Vaste comme la nuit et comme la clarté, Les parfums, les couleurs et les sons se répondent. II est des parfums frais ...
Scritto nel 1857
On line da: domenica 5 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8680 - Tipo: p

Solea creder lo mondo in suo periclo che la bella Ciprigna il folle amore raggiasse, volta nel terzo epiciclo; per che non pur a lei faceano onore di sacrificio e di votivo grido le genti antiche ne l'antico errore; ma Dione onoravano e Cupido, quella per madre sua, questo per figlio, e dicean ch'el sedette in grembo a Dido; e da costei ond' io principio piglio pigliavano il vocab ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8644 - Tipo: p

Taci. Su le soglie del bosco non odo parole che dici umane; ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane. Ascolta. Piove dalle nuvole sparse. Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove su i pini scagliosi ed irti, piove su i mirti divini, su le ginestre fulgenti di fiori accolti, su i ginepri folti di coccole aulenti, piove su i nostri volti silvani, piove ...
Scritto nel 1902
On line da: lunedì 18 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8709 - Tipo: p

Rombando s'ingolfava dentro l'arcuata ripa un mare pulsante, sbarrato da solchi, cresputo e fioccoso di spume. Di contro alla foce d’un torrente che straboccava il flutto ingialliva. Giravano al largo i grovigli dell’alighe e tronchi d’alberi alla deriva. Nella conca ospitale della spiaggia non erano che poche case di annosi mattoni, scarlatte, e scarse capellature di tamerici pal ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8896 - Tipo: p

La sete natural che mai non sazia se non con l'acqua onde la femminetta samaritana domandò la grazia, mi travagliava, e pungeami la fretta per la 'mpacciata via dietro al mio duca, e condoleami a la giusta vendetta. Ed ecco, sì come ne scrive Luca che Cristo apparve a' due ch'erano in via, già surto fuor de la sepulcral buca, ci apparve un'ombra, e dietro a noi venìa, dal piè guar ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8624 - Tipo: p

Donne ch'avete intelletto d'amore, i' vo' con voi de la mia donna dire, non perch'io creda sua laude finire, ma ragionar per isfogar la mente. Io dico che pensando il suo valore, Amor sì dolce mi si fa sentire, che s'io allora non perdessi ardire, farei parlando innamorar la gente. E io non vo' parlar sì altamente, ch'io divenisse per temenza vile; ma tratterò del suo stato gentile ...
Scritto nel 1293
On line da: giovedì 26 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8675 - Tipo: p

Da poi che Carlo tuo, bella Clemenza, m'ebbe chiarito, mi narrò li 'nganni che ricever dovea la sua semenza; ma disse: «Taci e lascia muover li anni»; sì ch'io non posso dir se non che pianto giusto verrà di retro ai vostri danni. E già la vita di quel lume santo rivolta s'era al Sol che la riempie come quel ben ch'a ogne cosa è tanto. Ahi anime ingannate e fatture empie, che da s ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8645 - Tipo: p

Mentr' io dubbiava per lo viso spento, de la fulgida fiamma che lo spense uscì un spiro che mi fece attento, dicendo: «Intanto che tu ti risense de la vista che hai in me consunta, ben è che ragionando la compense. Comincia dunque; e dì ove s'appunta l'anima tua, e fa ragion che sia la vista in te smarrita e non defunta: perché la donna che per questa dia region ti conduce, ha ne ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8662 - Tipo: p

Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi. Nelle crepe del suolo o su la veccia spiar le file di rosse formiche ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano a sommo di minuscole biche. Osservare tra frondi il palpitare lontano di scaglie di mare m entre si levano tremuli scricchi di cicale dai calvi ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8890 - Tipo: p

Già si godeva solo del suo verbo quello specchio beato, e io gustava lo mio, temprando col dolce l'acerbo; e quella donna ch'a Dio mi menava disse: «Muta pensier; pensa ch'i' sono presso a colui ch'ogne torto disgrava». Io mi rivolsi a l'amoroso suono del mio conforto; e qual io allor vidi ne li occhi santi amor, qui l'abbandono: non perch' io pur del mio parlar diffidi, ma per la ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8654 - Tipo: p

O carrettiere che dai neri monti vieni tranquillo, e fosti nella notte sotto ardue rupi, sopra aerei ponti; che mai diceva il querulo aquilone che muggia nelle forre e fra le grotte? Ma tu dormivi sopra il tuo carbone. A mano a mano lungo lo stradale venìa fischiando un soffio di procella: ma tu sognavi ch'era di natale; udivi i suoni d'una cennamella. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8512 - Tipo: p

Godi, Fiorenza, poi che se' sì grande che per mare e per terra batti l'ali, e per lo 'nferno tuo nome si spande! Tra li ladron trovai cinque cotali tuoi cittadini onde mi ven vergogna, e tu in grande orranza non ne sali. Ma se presso al mattin del ver si sogna, tu sentirai, di qua da picciol tempo, di quel che Prato, non ch'altri, t'agogna. E se già fosse, non saria per tempo. Cos ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8595 - Tipo: p

Le soleil, en l'azur d'un ciel pur et nouveau Dont le bleu printanier de lumière ruisselle, Monte royalement, et sa vaste étincelle Allume un feu de joie au fond des flaques d'eau. La neige amoncelée au toit luisant et haut, Où s'épand longuement la flamme universelle, S'affaisse, se dissout, et, parcelle à parcelle, Tombe et coule au trottoir qui la glisse au ruisseau. Alors, de sa b ...
Scritto nel 1910
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8692 - Tipo: p

Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto su la tua pietra, o fratel mio, gemendo il fior de' tuoi gentili anni caduto. La madre or sol, suo dì tardo traendo, parla di me col tuo cenere muto: ma io deluse a voi le palme tendo; e se da lunge i miei tetti saluto, sento gli avversi numi, e le secrete cure che al viver tuo furon tempesta, e preg ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 23 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8505 - Tipo: p

Cantando come donna innamorata, continüò col fin di sue parole: 'Beati quorum tecta sunt peccata!'. E come ninfe che si givan sole per le salvatiche ombre, disiando qual di veder, qual di fuggir lo sole, allor si mosse contra 'l fiume, andando su per la riva; e io pari di lei, picciol passo con picciol seguitando. Non eran cento tra ' suoi passi e ' miei, quando le ripe igualmente ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8632 - Tipo: p

Non era ancor di là Nesso arrivato, quando noi ci mettemmo per un bosco che da neun sentiero era segnato. Non fronda verde, ma di color fosco; non rami schietti, ma nodosi e 'nvolti; non pomi v'eran, ma stecchi con tòsco. Non han sì aspri sterpi né sì folti quelle fiere selvagge che 'n odio hanno tra Cecina e Corneto i luoghi cólti. Quivi le brutte Arpie lor nidi fanno, che caccia ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8582 - Tipo: p

La nebbia a gl'irti colli piovigginando sale, e sotto il maestrale urla e biancheggia il mar; va per le vie del borgo dal ribollir de' tini va l'aspro odor de i vini l'anime a rallegrar. Gira su' ceppi accesi lo spiedo scoppietando: sta il cacciator fischiando sull'uscio a rimirar tra le rossastre nubi stormi d'uccelli neri, com'esuli pensieri, nel vespero migrar. ...
Scritto nel 1883
On line da: venerdì 21 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8500 - Tipo: p

Tu sì che a noi t'ascondi: L'occhio ti cerca invano; Ma l'opre di tua mano Ti svelano, o Signor. Tutto del tuo gran nome In terra, in ciel, favella; Risplende in ogni stella, È scritto in ogni fior ...
Scritto nel 1812
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8751 - Tipo: p

Quando colui che tutto 'l mondo alluma de l'emisperio nostro sì discende, che 'l giorno d'ogne parte si consuma, lo ciel, che sol di lui prima s'accende, subitamente si rifà parvente per molte luci, in che una risplende; e questo atto del ciel mi venne a mente, come 'l segno del mondo e de' suoi duci nel benedetto rostro fu tacente; però che tutte quelle vive luci, vie più lucendo ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8656 - Tipo: p

Spesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l'incartocciarsi della foglia riarsa, era il cavallo stramazzato. Bene non seppi, fuori del prodigio che schiude la divina Indifferenza: era la statua nella sonnolenza del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato. ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8892 - Tipo: p

O Simon mago, o miseri seguaci che le cose di Dio, che di bontate deon essere spose, e voi rapaci per oro e per argento avolterate, or convien che per voi suoni la tromba, però che ne la terza bolgia state. Già eravamo, a la seguente tomba, montati de lo scoglio in quella parte ch'a punto sovra mezzo 'l fosso piomba. O somma sapienza, quanta è l'arte che mostri in cielo, in terra ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8588 - Tipo: p

All'ombra de' cipressi e dentro l'urne confortate di pianto è forse il sonno della morte men duro? Ove piú il Sole per me alla terra non fecondi questa bella d'erbe famiglia e d'animali, e quando vaghe di lusinghe innanzi a me non danzeran l'ore future, né da te, dolce amico, udrò piú il verso e la mesta armonia che lo governa, né piú nel cor mi parlerà lo spirto delle vergini Muse e ...
Scritto nel 1807
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8520 - Tipo: p

Solo et pensoso i piú deserti campi vo mesurando a passi tardi et lenti, et gli occhi porto per fuggire intenti ove vestigio human l'arena stampi. Altro schermo non trovo che mi scampi dal manifesto accorger de le genti, perché negli atti d'alegrezza spenti di fuor si legge com'io dentro avampi: sí ch'io mi credo omai che monti et piagge et fiumi et selve sappian di che tempre sia ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8535 - Tipo: p

L'Alpe di Mommio un pallido velame d'ulivi effonde al cielo di giacinto, come un colle dell'isola di Same o di Zacinto. Il Monte Magno di più cupo argento fascia la sua piramide; il Matanna è porpora e viola come il lento fior della canna. O canneti lungh'essi i fiumicelli di Camaiore, appreso ho il vostro carme. Vedess'io rosseggiare gli albatrelli sul Monte Darme! Dal Capo Cor ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8719 - Tipo: p

Quando per dilettanze o ver per doglie, che alcuna virtù nostra comprenda, l'anima bene ad essa si raccoglie, par ch'a nulla potenza più intenda; e questo è contra quello error che crede ch'un'anima sovr' altra in noi s'accenda. E però, quando s'ode cosa o vede che tegna forte a sé l'anima volta, vassene 'l tempo e l'uom non se n'avvede; ch'altra potenza è quella che l'ascolta, e ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8607 - Tipo: p

'Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l'etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore; fecemi la divina podestate, la somma sapienza e 'l primo amore. Dinanzi a me non fuor cose create se non etterne, e io etterno duro. Lasciate ogne speranza, voi ch'intrate'. Queste parole di colore oscuro vid' io scritte al sommo d'una porta; ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8572 - Tipo: p

Luogo è in inferno detto Malebolge, tutto di pietra di color ferrigno, come la cerchia che dintorno il volge. Nel dritto mezzo del campo maligno vaneggia un pozzo assai largo e profondo, di cui suo loco dicerò l'ordigno. Quel cinghio che rimane adunque è tondo tra 'l pozzo e 'l piè de l'alta ripa dura, e ha distinto in dieci valli il fondo. Quale, dove per guardia de le mura più e ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8587 - Tipo: p

Su le populee rive e sul bel piano Da le insubri cavalle esercitato, Ove di selva coronate attolle La mia città le favolose mura, Prego, suoni quest'Inno: e se pur degna Penne comporgli di più largo volo La nostra Musa, o sacri colli, o d'Arno Sposa gentil, che a te gradito ei vegna Chieggo a le Grazie. Ché dai passi primi Nel terrestre viaggio, ove il desio Crudel compagno è de la via, ...
Scritto nel 1809
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8740 - Tipo: p

Ora cen porta l'un de' duri margini; e 'l fummo del ruscel di sopra aduggia, sì che dal foco salva l'acqua e li argini. Quali Fiamminghi tra Guizzante e Bruggia, temendo 'l fiotto che 'nver' lor s'avventa, fanno lo schermo perché 'l mar si fuggia; e quali Padoan lungo la Brenta, per difender lor ville e lor castelli, anzi che Carentana il caldo senta: a tale imagine eran fatti quel ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8584 - Tipo: p

Viens-tu du ciel profond ou sors-tu de l'abîme, O Beauté ? ton regard, infernal et divin, Verse confusément le bienfait et le crime, Et l'on peut pour cela te comparer au vin. Tu contiens dans ton oeil le couchant et l'aurore; Tu répands des parfums comme un soir orageux; Tes baisers sont un philtre et ta bouche une amphore Qui font le héros lâche et l'enfant courageux. Sors-tu du g ...
Scritto nel 1845
On line da: venerdì 15 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 8704 - Tipo: p

Italia mia, benché 'l parlar sia indarno a le piaghe mortali che nel bel corpo tuo sí spesse veggio, piacemi almen che ' miei sospir' sian quali spera 'l Tevero et l'Arno, e 'l Po, dove doglioso et grave or seggio. Rettor del cielo, io cheggio che la pietà che Ti condusse in terra Ti volga al Tuo dilecto almo paese. Vedi, Segnor cortese, di che lievi cagion' che crudel guerra; e i cor ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8551 - Tipo: p

Quando si parte il gioco de la zara, colui che perde si riman dolente, repetendo le volte, e tristo impara; con l'altro se ne va tutta la gente; qual va dinanzi, e qual di dietro il prende, e qual dallato li si reca a mente; el non s'arresta, e questo e quello intende; a cui porge la man, più non fa pressa; e così da la calca si difende. Tal era io in quella turba spessa, volgendo ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8609 - Tipo: p

Diva di fonte umil, non d'altro ricca Che di pura onda e di minuto gregge, Te, come piacque al ciel, nato a le grandi De l'Eridano sponde, a questi ameni Cheti recessi e a tacit'ombre invito. Non feroci portenti o scogli immani Né pompa io vanto d'infinito flutto O di abitati pin; né imperioso Innalzo il corno, a le città soggette Signoreggiando le torrite fronti; Ma verdi colli e bianc ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8729 - Tipo: p

Qual venne a Climenè, per accertarsi di ciò ch'avëa incontro a sé udito, quei ch'ancor fa li padri ai figli scarsi; tal era io, e tal era sentito e da Beatrice e da la santa lampa che pria per me avea mutato sito. Per che mia donna «Manda fuor la vampa del tuo disio», mi disse, «sì ch'ella esca segnata bene de la interna stampa: non perché nostra conoscenza cresca per tuo parlare ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8653 - Tipo: p

«O tu che se' di là dal fiume sacro», volgendo suo parlare a me per punta, che pur per taglio m'era paruto acro, ricominciò, seguendo sanza cunta, «dì, dì se questo è vero; a tanta accusa tua confession conviene esser congiunta». Era la mia virtù tanto confusa, che la voce si mosse, e pria si spense che da li organi suoi fosse dischiusa. Poco sofferse; poi disse: «Che pense? Rispo ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8634 - Tipo: p

Settembre, il tuo minor fratello Aprile fioriva le vestigia di San Marco a Capodistria, quando navigammo il patrio mare cui Trieste addenta co' i forti moli per tenace amore. Capodistria, succiso adriaco fiore! Io vidi nella loggia d'un palagio nidi di balestrucci appesi a travi fosche, tra mazzi penduli di sorbe. Cinericcio era il tempo, umido e dolco. Or laggiù, pel remaggio senza ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8715 - Tipo: p

A ciascun'alma presa, e gentil core, nel cui cospetto ven lo dir presente, in ciò che mi rescrivan suo parvente salute in lor segnor, cioè Amore. Già eran quasi che atterzate l'ore del tempo che onne stella n'è lucente, quando m'apparve Amor subitamente cui essenza membrar mi dà orrore. Allegro mi sembrava Amor tenendo meo core in mano, e ne le braccia avea madonna involta in un dra ...
Scritto nel 1293
On line da: giovedì 26 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8676 - Tipo: p

In quella età che, di veder bramoso, Ancor l'ingegno a le cagioni è cieco, Ascoso un Genio, anco a me stesso ascoso, Disse improvviso al mio pensier: Son teco. Ei le cose mi mostra che animoso Primier, siccome io valgo, in luce io reco; Sicché da lui le tenga ogni cortese Cui non incresca de l'averle intese. Qual compagno s'avesse a la sua via Infin d'allora il giovinetto acerbo, Tal ...
Scritto nel 1809
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8741 - Tipo: p

Se la mia vita da l'aspro tormento si può tanto schermire, et dagli affanni, ch'i' veggia per vertù de gli ultimi anni, donna, de' be' vostr'occhi il lume spento, e i cape' d'oro fin farsi d'argento, et lassar le ghirlande e i verdi panni, e 'l viso scolorir che ne' miei danni a·llamentar mi fa pauroso et lento: pur mi darà tanta baldanza Amore ch'i' vi discovrirò de' mei martiri q ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8542 - Tipo: p

Novilunio di settembre! Nell'aria lontana il viso della creatura celeste che ha nome Luna, trasparente come la medusa marina, come la brina nell'alba, labile come la neve su l'acqua, la schiuma su la sabbia, pallido come il piacere su l'origliere, pallido s'inclina e smuore e langue con una collana sotto il mento sì chiara che l'oscura: silenzioso viso esangue della creatura c ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8718 - Tipo: p

En ces temps merveilleux où la Théologie Fleurit avec le plus de sève et d'énergie, On raconte qu'un jour un docteur des plus grands, – Après avoir forcé les coeurs indifférents ; Les avoir remués dans leurs profondeurs noires ; Après avoir franchi vers les célestes gloires Des chemins singuliers à lui-même inconnus, Où les purs Esprits seuls peut-être étaient venus, – Comme un homme ...
Scritto nel 1845
On line da: lunedì 10 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 8697 - Tipo: p

Vergine bella, che di sol vestita, coronata di stelle, al sommo Sole piacesti sí, che 'n te Sua luce ascose, amor mi spinge a dir di te parole: ma non so 'ncominciar senza tu' aita, et di Colui ch'amando in te si pose. Invoco lei che ben sempre rispose, chi la chiamò con fede: Vergine, s'a mercede miseria extrema de l'humane cose già mai ti volse, al mio prego t'inchina, soccorri a la ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8567 - Tipo: p

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant'è amara che poco è più morte; ma per trattar del ben ch'i' vi trovai, dirò de l'altre cose ch'i' v'ho scorte. Io non so ben ridir com'i' v'intrai, tant' era pien di so ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8570 - Tipo: p

Era lo loco ov' a scender la riva venimmo, alpestro e, per quel che v'er' anco, tal, ch'ogne vista ne sarebbe schiva. Qual è quella ruina che nel fianco di qua da Trento l'Adice percosse, o per tremoto o per sostegno manco, che da cima del monte, onde si mosse, al piano è sì la roccia discoscesa, ch'alcuna via darebbe a chi sù fosse: cotal di quel burrato era la scesa; e 'n su la ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8581 - Tipo: p

I tronchi detti e il lagrimoso volto Di quella generosa Anima bella Avean là tutto il mio pensier raccolto, Quando tutto a sé 'l trasse una novella Turba, che di rincontro a me venia, D'abito più recente e di favella. Confuso e irresoluto io me ne gìa, Com'uom che in terra sconosciuta mova, Che lento lento dubbiando s'avvia. Ed erano color che per la nova Libertade s'alzar fra l'a ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8738 - Tipo: p

Contemplons ce trésor de grâces florentines; Dans l'ondulation de ce corps musculeux L'Elégance et la Force abondent, sÂœurs divines. Cette femme, morceau vraiment miraculeux, Divinement robuste, adorablement mince, Est faite pour trôner sur des lits somptueux Et charmer les loisirs d'un pontife ou d'un prince. – Aussi, vois ce souris fin et voluptueux Où la Fatuité promène son extas ...
Scritto nel 1857
On line da: venerdì 18 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 8702 - Tipo: p

«S'io ti fiammeggio nel caldo d'amore di là dal modo che 'n terra si vede, sì che del viso tuo vinco il valore, non ti maravigliar, ché ciò procede da perfetto veder, che, come apprende, così nel bene appreso move il piede. Io veggio ben sì come già resplende ne l'intelletto tuo l'etterna luce, che, vista, sola e sempre amore accende; e s'altra cosa vostro amor seduce, non è se no ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8641 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...