il nino!
Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!
100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

Letteratura - Ricerca Testi - Risultati

Codice testo:
Ultimi n Testi del Sito:
Ultimi n Testi del Passato:
Letteratura: Testi; Poesie, Racconti, Canzoni, Massime
Gli ultimi testi degli Amici Autori:

Son nato fragile, come senza pelle ed a volte ero di una fragilità così assurda che nessuno la poteva capire bastava un alito di vento un pò più forte del normale a farmi stare male, a farmi soffrire Forse per questo mi piace guardare la realtà della vita come dal di fuori esserne parte per me significava stare male e continuavo a vedere gente che stava molto meglio di me e che invece si ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 20 giugno 2020
Stato: 1 Cod: 8902 - Tipo: p

Duecento milioni di donne infibulate perchè non le si vuole libere d'amare cento milioni di ciechi sanabili che quasi nessuno si preoccupa d'aiutare e da cinquemila anni almeno neanche un minuto senza una guerra è questa la tristissima realtà del pianeta terra... E gente che viene sfruttata senza pietà perchè siam tutti pieni d'egoismo inutile sperare cambi presto la situazione eppure a v ...
Scritto nel 2017
On line da: martedì 19 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8899 - Tipo: p

Tu, infelice virus assassino, hai organizzato il tuo cammino, e hai seminato il tuo veleno distrugendo tante anime innocenti di tutto il mondo. Noi, ti sapremo far sparire perchè da solo non sei capace a grogredire. Il nostro veleno è più forte del tuo. Morirai quando mai te lo aspetterai. ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 5 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8889 - Tipo: p

Espressione e specchio dell'anima i tuoi occhi sinceri cercano i miei, mentre il tuo sorriso mi sfiora dentro... i tuoi occhi pieni di noi sanno di me, profumo di nuvole rosa nell'azzurro inseguendo la scia di un aquilone... i tuoi occhi da favola, sospesi tra il senso e l'idea di noi dove tutto è da cogliere, cogliere sul fatto... i tuoi occhi profondi come il mare, dove posso immerger ...
Scritto nel 2020
On line da: venerdì 1 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8888 - Tipo: p

Paurosi e silenti momenti tolgono la forza al nostro sorriso. Con un cuore dolente e confuso speriamo di non essere perdenti Purtroppo,la poca forza non aiuta crediamo nel vero aiuto di Dio speriamo che non sia l'ultimo addio che la pace e la salute sia benvenuta Ogni strada deserta, è un cuore vuoto è un fiume che non scorre e si arena l'ultima goccia riposa silente e serena nessun an ...
Scritto nel 2020
On line da: domenica 5 aprile 2020
Stato: 1 Cod: 8886 - Tipo: p

Torna la primavera col mandorlo fiorito la frescura della sera dolcemente ho goduto Tutti i campi sono in fiore con il mare smeraldino c'è spontaneo ogni colore nello spazio del giardino Ogni uccello è contento e nidifica il suo nido del buon tempo io mi fido anche quando vola il vento Sopra l'ombra dei viali splende un sole cocente il suo caldo mai mente e ti salva dei brutt ...
Scritto nel 2020
On line da: martedì 17 marzo 2020
Stato: 1 Cod: 8885 - Tipo: p

Alcuni testi a caso degli Amici Autori:

Non vorrei davvero essere dove ora sono perché qui per me c'è solo il rumore del tuono troppo spesso mi stordisce il suo pesante suono ogni volta la sua forza con violenza mi colpisce e di nuovo la mia anima perde la sua pace e ancora una volta si avvilisce qui per me non c'è mai il sole troppo poco amore... fin troppo dolore vorrei essere in un altro posto forse lì sarei meno debole e un ...
Scritto nel 2016
On line da: sabato 28 maggio 2016
Stato: 1 Cod: 8361 - Tipo: p

Striate dal cielo rose e margherite sul viso del sole Piacevoli d'aria fresca le nuvole si son tinte Aspettano la sera con le verande bagnate Giorno di temporale da un caldo pomeriggio Terso s'apre all'animo Le brezze bisbiglianti la sonnolente calura Hanno parlato dell'avvicinata notte che non ha più sete Notte di riposi e leggiadrie amorevoli tra le lenzu ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 18 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1521 - Tipo: p

Albeggia il silenzio dei monti fra veli d'incenso brumoso, la luce del sole si piega sui rami tremanti e tortuosi. Un lieve sospiro di vento mi prende per mano il pensiero, un'arpa di fili d'argento intona un dolcissimo canto. Lo sentono solo i bambini, le tortore, cani e barboni che dormono insieme avvinghiati agli angoli delle stazioni. Lo sentono i folli, gli anziani che orm ...
Scritto nel 2012
On line da: giovedì 26 luglio 2012
Stato: 1 Cod: 6187 - Tipo: p

È sole, che riscalda il cuore. È acqua, che rinfresca il corpo. È terra che dà frutti, È aria che ti rende libero. È amore sincero. ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 27 giugno 2007
Stato: 1 Cod: 96 - Tipo: p

Il mio tempo e la mia vita sono esattamente ciò che io stesso sono entrambi sono insostituibili sono entrambi irreversibili... e assolutamente indivisibili solo non si possono cambiare... ne modificare quando purtroppo spreco il mio tempo significa che sto sprecando anche la mia vita mentre quando lo vivo e padroneggio su di esso vuol dire che sto vivendo anche la mia vita e sto padroneg ...
Scritto nel 2016
On line da: sabato 23 luglio 2016
Stato: 1 Cod: 8391 - Tipo: p

Appoggiatemi sulla pietra tombale sacra di Luce. "Gesù non partire non andare via... Lasciare orfani è agonia!" "Porto con me solo Figli Adottivi chè di ossa è vacante la Terra!" ...
Scritto nel 2010
On line da: domenica 28 marzo 2010
Stato: 1 Cod: 4020 - Tipo: p

Destino, non so mai che accadrà, frà poco, tra un istante, un minuto, un giorno, domani; so, che siamo tutti, nelle mani del destino, che tira le fila, e ognuno và verso la propria sorte; e tutto quello che succede, è un po' merito nostro, un po' frutto della fortuna, e del destino; tra poco, chi lo sa, tutto può succedere e niente nello stesso tempo; siamo in cammino. ...
Scritto nel 2010
On line da: martedì 13 aprile 2010
Stato: 1 Cod: 4065 - Tipo: p

Suona la tua campana, richiami la tua gente, che ti ama veramente, terra cosi lontana. Dietro la tua collina, una rosa profumata, punge con la sua spina, la terra tanto amata. Terra cosi lontana, hai il mare come ponte, ti perdi all'orizzonte, suona la tua campana. La tua silente storia, scritta sulle tue spalle, terra piena di gloria, richiamali tutti a valle. Richiama la ...
Scritto nel 2012
On line da: sabato 28 aprile 2012
Stato: 1 Cod: 5864 - Tipo: p

Di eroi non hai bisogno: apri gli occhi sul mondo. sei ormai un sogno stupendo e avverato. Sei la fonte, l'energia dissetante delle nostre anime affrante, delle nostre mantenute promesse. Sei una primavera, una messe di frumento ed erba dolce, di profumo di campi. Ci accarezzi gli inciampi che la vita produce. Sei una luce, una sfera luminosa, accecante. E di te, del tuo viso sono ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 9 maggio 2011
Stato: 1 Cod: 5166 - Tipo: p

Amiamo questa nostra terra origine del nostro esistere presente di questo cammino di questo nostro viaggio pianeta del nostro futuro anima di questo nostro vivere cuore che ci accoglie nostra casa dell'oggi... e del domani questa terra che odora... profuma del nostro esserci essa... gioia per ogni nostro giorno felicità nell'intimo dei nostri amori pianto nei momenti di tristezza... ...
Scritto nel 2011
On line da: domenica 19 giugno 2011
Stato: 1 Cod: 5226 - Tipo: p

Un barlume d'azzurro lontano dove il cielo muore nel buio d'un giorno di pioggia. ...
Scritto nel 2005
On line da: venerdì 3 agosto 2007
Stato: 1 Cod: 170 - Tipo: p

È in un bar che mi fa gli occhi dolci come gelide selci bagnate dalla luna morente sul monte dei miei sogni falciati alla fonte. La tazzina diffonde nell'aria la spirale di un caldo sapore di caffè, mando in fumo la storia del suo sguardo sfumato oltre il cuore. Sull'istante rivedo i tuoi occhi sovrapporsi a ogni luce che passa... Ho pagato in anticipo il conto di una vita... mo' p ...
Scritto nel 2013
On line da: domenica 8 settembre 2013
Stato: 1 Cod: 7703 - Tipo: p

Chi potrà contare i giorni del mondo? E le gocce della pioggia e del mare? Chi può sondare l'abisso profondo? E chi l'altezza del cielo esplorare? Il Signore ha creato la Sapienza E l'ha diffusa sopra ogni mortale; ha fatto piovere l'intelligenza come lume di generosità insieme al lume della Scienza! Essa ha posto il nido di fedeltà Tra noi; il Suo principio è il timore; di frutt ...
Scritto nel 2000
On line da: mercoledì 29 ottobre 2008
Stato: 1 Cod: 1787 - Tipo: p

Parole dette si possono intendere come si vuole.. l'importante è dare giusto peso e misura del loro significato ...
Scritto nel 2008
On line da: lunedì 10 novembre 2008
Stato: 1 Cod: 1877 - Tipo: m

Non ci sono parole non esistono più lacrime nel deserto della mia anima segnaletiche obsolete senza più simboli ammutolite e stanche presenze inquietanti non indicano strade neanche un raggio di sole a farmi luce un treno che passa lo prendo e osservo davanti a un finestrino spazi vuoti in lontananza scorgo da vicino un volto gentile senza espressione che fugge lontano un ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 24 dicembre 2007
Stato: 1 Cod: 656 - Tipo: p

Gentile mamma di un mare di parole, parole separate da punti, virgole, o sole, che esprimono: amore, tristezza, o giubilo. In un mondo accogliente, ma meno tranquillo. Sei la regina di inteligenti autori, veri e gentili Signore e Signori, che ti descrivono con simpatia e armonia, e ti rispettano come vera Signora poesia. Hai bravi scrittrici e scrittori, che ti regallano l'anima e am ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 16 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6613 - Tipo: p

Giovane donna (età 20-40) Una ragazza deve ricamare soltanto l'ordito della temperanza, mi diceva mia madre. Ma, intanto io, in segreto, elaboravo fastose, eccitanti trame, un trapunto tutto fitto di smanie di vita. Forse, all'arcolaio, lavoravo una più corposa speranza, mentre nessuna speranza era ancora sbiadita. Mia madre lo diceva che sarebbe finita così: seminerai per il ...
Scritto nel 1996
On line da: giovedì 19 giugno 2008
Stato: 1 Cod: 1367 - Tipo: p

Cambia la tua strada prendi la nuova ovunque essa vada intraprendi con essa un nuovo cammino anche se non vedi l'orizzonte perché non è vicino inizia qualcosa di nuovo anche se ogni novità ora ti sembra spenta anche se ciò che è diverso dal solito quasi sempre spaventa con il tempo ti renderai conto che ogni "qualcosa di nuovo" non è poi così male in fondo prova... anche se in realtà ad ...
Scritto nel 2016
On line da: domenica 8 maggio 2016
Stato: 1 Cod: 8349 - Tipo: p

Chi sa forse si illude di conoscermi. Chi mi giudica forse non sa come sono fatto. Chi s'illude, forse è cieco e non ascolta il suo cuore. ...
Scritto nel 2013
On line da: mercoledì 17 luglio 2013
Stato: 1 Cod: 7580 - Tipo: p

Vedo, talvolta, sul nero mare, un veliero con le vele nere colmo di bare. Soffia il vento, s'alzan le onde, s'accende una luce, ma tutto è silenzio sul nero mare. Sopra il veliero sono i miei sogni. Passano i morti della mia gente. Guardo il veliero, ormai è laggiù. S'accende una luce e non più. E tutto è silenzio sul nero mare. ...
Scritto nel 1973
On line da: sabato 28 novembre 2009
Stato: 1 Cod: 3668 - Tipo: p

Attorcigliato al cuore... stelo che avvolge i miei sensi... tra petali di rosa socchiusi e profumati... segue ogni mio passo e non dà pace... Pensiero fisso di te... Folate di vento lo catturano... verso nuvole silenziose e prati senza luce... Nella mia mente... nelle mie notti... sfioro con le dita la tua pelle... bacio la tua ombra... bevo di te... E in questo incanto che avvolge ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 18 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 3903 - Tipo: p

Splende il sole sulla montagna, sull'esercito verde di coltelli piantati, in perenne guardia come soldati senza riflettere luce alcuna. Vorrei che fossero vento a favore, vento che volta le foglie argentee, scene ritorte d'eterni istanti, boschi di chiese in pianure estese, come frammenti di un'unica scena, che prende vita se sfreccio ai lati, se accelero forte per respirare, ...
Scritto nel 2009
On line da: domenica 30 settembre 2012
Stato: 1 Cod: 6515 - Tipo: p

Tempo. Giorno dopo giorno, ora dopo ora scorre veloce. Cosa importa chi eravamo? Volti distratti raccontano un passato che non potrà mai più tornare. Ognuno è andato per la sua strada. Alcuni si sono persi, alcuni si sono rincontrati, altri ancora sono morti. Molti di questi hanno lasciato dei ricordi, alcuni evanescenti, altri eterni. Il tempo ci ha ingannato. Il tempo non è eter ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 29 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4920 - Tipo: p

Inghiottisco delle scene esterne che danneggiano l'ambiente in cui vivo. Invece di aver cura della terra, l'ha distruggono sempre più. Se solo potessero vedere le lacrime sparse per il mondo qualcosa cambierebbe. Tantissimi animali si estinguono, per causa della riduzione delle aree umide, la caccia indesciminata, sbalzi climatici. La strada per salvarla è lontana. Rifiuti abbandonati ...
Scritto nel 2011
On line da: lunedì 18 luglio 2011
Stato: 1 Cod: 5308 - Tipo: p

Se io fossi... le regole della vita tutti daremmo il bene ricevendo da ognuno un grande umile trasportabile grazie motivo per amarsi e sapere di avere vera amicizia Questi sono i sentimenti sconosciuti dagli esseri umani ...
Scritto nel 1999
On line da: domenica 10 agosto 2008
Stato: 1 Cod: 1501 - Tipo: p

Cercatemi pure sapete dove trovarmi e dove abita il mio cuore, non sono troppo lontane le nostre case e non sono diversi i nostri figli. Nutriamo speranze, usciamo dai nascondigli della paura, scriviamo pagine folgoranti, solo così non cresceranno mai i semi piantati sulla roccia. ...
Scritto nel 2010
On line da: giovedì 8 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5397 - Tipo: p

Che ci riempie di tutto e di niente che ci dà tanto, poco, mai troppo, mai nulla... ma sempre qualcosa poi senza un motivo, senza un perché... di sé ci svuota prima per noi stravede, poi d'improvviso non ci nota e ci lascia soli a vagare per strada con dentro al cuore conficcata una spada l'amore che in un istante dolcemente ci abbraccia ma un istante dopo ci getta via come carta straccia ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 10 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6579 - Tipo: p

Più di ogni altro sentirai l'amore di stagioni trascorse e di sirene, poeta, che trasfondi nelle vene un brivido o un dolce altro sentore. Tu che vaghi fra gli uomini nascosto come il più comune chicchessia, tu che scegli la solitaria via, e la libertà del cuore ad ogni costo, sfidi l'incomprensione e non ti tocca il facile giudizio che si arrocca nei nidi perbenisti degli snob. ...
Scritto nel 2009
On line da: martedì 3 novembre 2009
Stato: 1 Cod: 3578 - Tipo: p

Revivals notturni, con attori assenti spettatori indegni, scena cadente, produttore perdente, regista indignato, protagonista stralunato. Ma che te ne fotte: qua tutto è finto. Anche il bacio finale della protagonista fortemente arrapata. Anche la scena artistica è di duttile cartapesta. Questo è un mondo ritenuto a te indegno perchè non rispetta gli inflessibili canoni di ...
Scritto nel 2010
On line da: sabato 19 marzo 2011
Stato: 1 Cod: 5050 - Tipo: p

Vivo solo per te, anche se borbotto, vivo solo per te, ma intanto lotto, prendo la tua mano, ti aiuto nel cammino, per te Mio essere umano resterò sempre vicino. E se la gente davvero non capisce, e il suo silenzio davvero ci ferisce, guarda ora che ti bacio e ti tengo stretta, e anche la tempesta passerà di fretta. Vivo solo per te, ti seguo nel cammino, come un grande uomo oppure ...
Scritto nel 2017
On line da: venerdì 27 ottobre 2017
Stato: 1 Cod: 8772 - Tipo: p

Se sei lontana da pochi attimi o da mezzo secolo sempre un torrentizio parlottare di pensieri ti è già alle calcagna amore mio: ascolta. Perfonde e effonde questa sostanza che dà vita e tripudio e ci sbalza fino al cielo dà prilli alle ore, ci rinnova e fa chiarore quando barbaglio scocca e peperina dispensa passione e ardori. Non è forse lui, Cupido benefattore che i nostri destini affe ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 17 gennaio 2011
Stato: 1 Cod: 4895 - Tipo: p

Grevi perplessità, madreperlacee titubanze profanano scenici, suggestivi solstizi invernali, deturpano olimpici meriggi domenicali soffusi d'armonici echi emanando putridi, laidi fetori: esse amareggiano assidue, esiziali sovra diafani passati con melanconico affranto poiché in quegli effimeri giorni l'afflosciata, pavida coltivatrice sementò cinerei accoramenti ed il roboante barbaglio fr ...
Scritto nel 2008
On line da: domenica 7 settembre 2008
Stato: 1 Cod: 1593 - Tipo: p

Ti ho fatto venire oggi qui da me per parlare del mio "un tempo" un po' con te con te che adesso sei giovane e forte io invece ormai sono vecchio... e troppo vicino alla morte godi di questo tuo giovane tempo nipote mio... amico mio non disperderlo... non perderlo... o a catturarlo per sempre sarà il tuo oblio e indietro tu lo sai non tornerà mai più un vento troppo adulto lo porterà con ...
Scritto nel 2015
On line da: martedì 9 giugno 2015
Stato: 1 Cod: 8029 - Tipo: p

Stanza Pittoresca E graziosa La tua sala cucina, piccola stanza raccolta e non grande, ma con tutto il necessario, non ti manca niente; mi piace ed è rilassante, un tavolo chiaro, le sedie varie di varia forma, una poltrona con degli abiti sopra, un credenzona con le ante, piena di masserizie, di oggetti e piccoli souvenir che ti piacciono tanto, e che dicono molto di te; tante ...
Scritto nel 2019
On line da: lunedì 13 maggio 2019
Stato: 1 Cod: 8835 - Tipo: p

Fluttuante passione, figlia della violenza, io corrompo il mondo con il mio urlo e tu ti adagi sull'incorruttibile o sull'ingovernato bisogno d'essere. Belli gli occhi coperti di insana follia, il volto e la sua insicurezza, e poi i silenzi come non risposte, come gli addii. È pensiero d'oggi la Vista districata dalla realtà, il mio vizio, l'infame notte che di pensieri avidi ostruisc ...
Scritto nel 2010
On line da: lunedì 26 agosto 2013
Stato: 1 Cod: 7687 - Tipo: p

Ooh Dio, dopo l`anno duemila, son l`uomo da usare e da scopare per essere raccolto da cambiare, vero per essere buttato via ammazzato con la ramazza. Ciò è il mondo di lei? Si pensa, sarà tutto cambiato! D'un lui solo un restaurato monumento al momento per sfogo di banali incontri d`un amore confuso di lei incinta a caso per fare giustizia giusto per dire, eeh neanche una parola spesa per lui, il ...
Scritto nel 2012
On line da: mercoledì 24 ottobre 2012
Stato: 1 Cod: 6641 - Tipo: r

Mi chiedo se mai in questa assurda monotonia di sentimenti, dove il dolore assume l'aspetto incerto di chi vuol far finta che tutto, proprio tutto è vita, possa esserci l'amore. Mi chiedo se mai aprendo la porta del cuore o quella della ragione, potrei col tempo, dirmi che sei stato l'aiuto che il cielo m'ha mandato in un momento arido della vita. Saperlo, sarebbe come toccare il ...
Scritto nel 2007
On line da: lunedì 22 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 463 - Tipo: p

Poesie nell'aria i miei giorni con te; Mentre persa nel profumo delle tue carezze, mi rinnamoro ogni vola. ...
Scritto nel 1998
On line da: venerdì 6 febbraio 2009
Stato: 1 Cod: 2491 - Tipo: p

Sei arrivato nel grembo di tua madre con un vento di vita in lei che già godeva della tua presenza in sé che già gioiva e fremeva nel poterti vedere... sentire... toccare ed estasiata contemplarti... guardarti in lei già ti cullavi... fluttuando di lei ti nutrivi di lei già eri figlio... di te lei già era madre già figlio di tuo padre e già fratello di tua sorella gemello del tuo gemello ...
Scritto nel 2015
On line da: martedì 12 maggio 2015
Stato: 1 Cod: 8080 - Tipo: p

Tutti dicono le parolacce perché tutti dicono le parolacce. Se nessuno dicesse le parolacce, nessuno direbbe le parolacce. ...
Scritto nel 2007
On line da: mercoledì 15 agosto 2007
Stato: 1 Cod: 181 - Tipo: m

Dai e dai dalla mattina alla sera struito dal dolore per la crisi il cervello fa clamore qual organo insano mentale politico che taglia i letti di ricovero ospedalieri, con la speranza di ridurre il peso sociale troppo denso di disabilità, da ricoverare nella necessità. Detratta è la pensione dalla fame della volontà d'amare il nostro prossimo resta la sconveniente verità che fa male perc ...
Scritto nel 2012
On line da: martedì 18 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 6976 - Tipo: p

Osservo la gente. Sento l'atmosfera natalizia che hanno loro dentro. Cerco di essere forte. Auguri a tutti Grido nel mio Cuore! A Babbo Vincenzo, a Mamma Maria, a mio Fratello Alessandro e al mio Cane Joe, auguro tutto il bene di tutto questo mondo e se Dio è testimone della mia bontà genuina, calpestata, è in debito! Deve farli stare bene! Non importa se ne pagherà il mio destino! Chiedo spesso ...
Scritto nel 2008
On line da: giovedì 1 gennaio 2009
Stato: 1 Cod: 2193 - Tipo: r

Nata sotto il segno della luna destinata ad esserle figlia Tutta la vita sognando di essere lassù vicina a quella luminescente atmosfera saltando come su una nuvola Non sente l'aria rarefatta quella bambina dolce e sognante respira a pieni polmoni Gioca e canta è il giorno del suo compleanno Felice di aver assaporato la luce che da essa si sprigiona È lì, non crede ai suoi occhi c ...
Scritto nel 2008
On line da: mercoledì 11 novembre 2009
Stato: 1 Cod: 3602 - Tipo: p

"Sul capo è caduto un velo di ossido d'argento. Non sarà questa età della ragione a renderci più saggi! Venimmo staccati da' meli, ancora acerbi. Merce in eccedenza lasciata marcire per tenere il prezzo alto sul mercato. Noi, stravaccati ai margini di città sistema. Voi, testimoni di civiltà incrinate." ...
Scritto nel 2009
On line da: lunedì 10 agosto 2009
Stato: 1 Cod: 3420 - Tipo: p

Di qualcuno che in fondo come noi non è nessuno che in fondo come noi vive di momenti che il tempo ci regala accompagnandoli con i suoi espedienti all'ombra di qualcuno che pretende sempre da noi qualcosa ma in cambio non ci dà mai niente lasciandoci sempre dietro di sé e togliendoci ogni momento il nostro "me" tenendoci all'ombra della sua presenza sempre per noi più forte sbarrandoci t ...
Scritto nel 2014
On line da: sabato 25 gennaio 2014
Stato: 1 Cod: 7828 - Tipo: p

Di tante gesta il lampo e il verbo mio fanno le veci. Ma non adesso, e non perché di ghiaccio il cor s'è fatto, ma è l'abbondante sprezzo che l'ego mio racchiude: poiché dal volto suo s'è perso il canto. ...
Scritto nel 1983
On line da: giovedì 14 dicembre 2006
Stato: 1 Cod: 53 - Tipo: p

Cade – cade la polvere Anche sulle parole D'amore? Ci prova – ma non può – che quelle guizzano D'anima in anima Restando sempre nuove... ...
Scritto nel 2005
On line da: venerdì 2 settembre 2011
Stato: 1 Cod: 5391 - Tipo: p

Cercando affetti che non ho più, io metto a nudo la mia anima nel cuore. Nel passato ragionando del remoto mi perdo, in chiacchiere per farmi capire dal tempo per sapere della condizione mia, sciapito! In altri mondi vivo nella natura. Poco parlo eeh sfogo! Nelle lettere dell'alfabeto, con interpunzioni e parole scritte azzecco frasi, sventurate per tramandare il contenuto di una storia, forse di ...
Scritto nel 2012
On line da: domenica 30 dicembre 2012
Stato: 1 Cod: 7044 - Tipo: r

Alcuni testi a caso degli Autori del Passato:

L'Alpe di Mommio un pallido velame d'ulivi effonde al cielo di giacinto, come un colle dell'isola di Same o di Zacinto. Il Monte Magno di più cupo argento fascia la sua piramide; il Matanna è porpora e viola come il lento fior della canna. O canneti lungh'essi i fiumicelli di Camaiore, appreso ho il vostro carme. Vedess'io rosseggiare gli albatrelli sul Monte Darme! Dal Capo Cor ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8719 - Tipo: p

Parea dinanzi a me con l'ali aperte la bella image che nel dolce frui liete facevan l'anime conserte; parea ciascuna rubinetto in cui raggio di sole ardesse sì acceso, che ne' miei occhi rifrangesse lui. E quel che mi convien ritrar testeso, non portò voce mai, né scrisse incostro, né fu per fantasia già mai compreso; ch'io vidi e anche udi' parlar lo rostro, e sonar ne la voce e ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8655 - Tipo: p

Settembre, chiare fresche e dolci l'acque ove il tuo delicato viso miri; e dolce m'è nella memoria il mio natale Aterno in letto d'erbe lente, e l'Amaseno quando muor domato presso l'Appia col fratel suo l'Uffente, e la Cyane ascosa tra i papíri, e la Vella sì cara alla vitalba. E pien di deità dai colli d'Alba lo specchio di Diana ancor mi luce. Ma un'altr'acqua al mio sogno è più d ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8714 - Tipo: p

Settembre, ora nel pian di Lombardia è già pronta la muta dei segugi, de' bei segugi falbi e maculati dall'orecchie biondette e molli come foglie del fiore di magnolia passe. La muta dei segugi a volpe e a damma or già tracciando va per scope e sterpi. Erta ogni coda in bianca punta splende. Presso il gran ponte sta Sesto Calende. Corre il Ticino tra selvette rare, verso diga di roseo ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8716 - Tipo: p

S'io avessi le rime aspre e chiocce, come si converrebbe al tristo buco sovra 'l qual pontan tutte l'altre rocce, io premerei di mio concetto il suco più pienamente; ma perch' io non l'abbo, non sanza tema a dicer mi conduco; ché non è impresa da pigliare a gabbo discriver fondo a tutto l'universo, né da lingua che chiami mamma o babbo. Ma quelle donne aiutino il mio verso ch'aiut ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8601 - Tipo: p

Sutta un'antica quercia, Chi attraversu spurgìa da un vàusu alpestri, Cu 'na manu a la frunti, Don Chisciotti Mestissinu sidia: 'na rocca allatu Di chiàppari cuverta, e la pinnenti Arèddara d'attornu a la sua cima, Facìanu pavigghiuni a la sua testa, Ripusava oziusa la gran spata Tra la purvuli e l'erva, a un virdi ramu Stava appujata l'asta di la guerra, Sutta un vrazzu lu scutu, e l'e ...
Scritto nel 1810
On line da: sabato 12 dicembre 2015
Stato: 1 Cod: 8754 - Tipo: p

La gola e 'l somno et l'otiose piume ànno del mondo ogni vertú sbandita, ond'è dal corso suo quasi smarrita nostra natura vinta dal costume; et è sí spento ogni benigno lume del ciel, per cui s'informa humana vita, che per cosa mirabile s'addita chi vòl far d'Elicona nascer fiume. Qual vaghezza di lauro, qual di mirto? Povera et nuda vai philosophia, dice la turba al vil guadagno ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8541 - Tipo: p

Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte de l'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminato spazio di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvie ...
Scritto nel 1820
On line da: lunedì 17 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8494 - Tipo: p

Né 'l dir l'andar, né l'andar lui più lento facea, ma ragionando andavam forte, sì come nave pinta da buon vento; e l'ombre, che parean cose rimorte, per le fosse de li occhi ammirazione traean di me, di mio vivere accorte. E io, continüando al mio sermone, dissi: «Ella sen va sù forse più tarda che non farebbe, per altrui cagione. Ma dimmi, se tu sai, dov' è Piccarda; dimmi s'io ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8627 - Tipo: p

Souvent, pour s'amuser, les hommes d'équipage Prennent des albatros, vastes oiseaux des mers, Qui suivent, indolents compagnons de voyage, Le navire glissant sur les gouffres amers. A peine les ont-ils déposés sur les planches, Que ces rois de l'azur, maladroits et honteux, Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches Comme des avirons traîner à côté d'eux. Ce voyageur ailé, co ...
Scritto nel 1859
On line da: sabato 28 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8677 - Tipo: p

O delle imprese alla più degna accinto, Signor che la parola hai proferita, Che tante etadi indarno Italia attese; Ah! quando un braccio le teneano avvinto Genti che non vorrian toccarla unita, E da lor scissa la pascean d'offese; E l'ingorde udivam lunghe contese Dei re tutti anelanti a farle oltraggio; In te sol uno un raggio Di nostra speme ancor vivea, pensando Ch'era in Italia un s ...
Scritto nel 1815
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8743 - Tipo: p

Io son sí stanco sotto 'l fascio antico de le mie colpe et de l'usanza ria ch'i' temo forte di mancar tra via, et di cader in man del mio nemico. Ben venne a dilivrarmi un grande amico per somma et ineffabil cortesia; poi volò fuor de la veduta mia, sí ch'a mirarlo indarno m'affatico. Ma la sua voce anchor qua giú rimbomba: O voi che travagliate, ecco 'l camino; venite a me, se ' ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8549 - Tipo: p

Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo di gente in gente, me vedrai seduto su la tua pietra, o fratel mio, gemendo il fior de' tuoi gentili anni caduto. La madre or sol, suo dì tardo traendo, parla di me col tuo cenere muto: ma io deluse a voi le palme tendo; e se da lunge i miei tetti saluto, sento gli avversi numi, e le secrete cure che al viver tuo furon tempesta, e preg ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 23 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8505 - Tipo: p

Spirto gentil, che quelle membra reggi dentro le qua' peregrinando alberga un signor valoroso, accorto et saggio, poi che se' giunto a l'onorata verga colla qual Roma et i suoi erranti correggi, et la richiami al suo antiquo viaggio, io parlo a te, però ch'altrove un raggio non veggio di vertú, ch'al mondo è spenta, né trovo chi di mal far si vergogni. Che s'aspetti non so, né che s'ago ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8546 - Tipo: p

Un vate di gran lode Sul principio d'un'ode Piange il suo fior gentile E il suo vigor virile, E quando alcun s'aspetta Ch'egli invochi il Paletta Od altro di tal arte, Invoca Bonaparte. ...
Scritto nel 1799
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8722 - Tipo: p

Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l'inclito verso di colui che l'acque cantò fatali, ed il diverso esiglio per cui bello di fama e di sventura baciò la s ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 23 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8504 - Tipo: p

Les cloîtres anciens sur leurs grandes murailles Etalaient en tableaux la sainte Vérité, Dont l'effet réchauffant les pieuses entrailles, Tempérait la froideur de leur austérité. En ces temps où du Christ florissaient les semailles, Plus d'un illustre moine, aujourd'hui peu cité, Prenant pour atelier le champ des funérailles, Glorifiait la Mort avec simplicité. – Mon âme est un tom ...
Scritto nel 1842
On line da: venerdì 24 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8688 - Tipo: p

L'astuzia, la quale appartiene all'ingegno, è usata moltissime volte per supplire la scarsità di esso ingegno, e per vincere maggior copia del medesimo in altri. ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8532 - Tipo: m

Spiran l'anima lieve Aure Sicane, E miri i flutti al tuo cammin più queti. Son di Scilla i latrati applausi or lieti, S'apre a naufragj altrui gole profane. Franger liquida morte all'acque insane Sappian di vele i corredati abeti, Che tu governi infra l'ondosa Teti, Posti i rischi in oblio, prora di lane Sia nave un pesce a Giona, e non offeso Fermi in lido sicuro il pié costante, C ...
Scritto nel 1670
On line da: lunedì 12 marzo 2012
Stato: 1 Cod: 8706 - Tipo: p

La tribu prophétique aux prunelles ardentes Hier s'est mise en route, emportant ses petits Sur son dos, ou livrant à leurs fiers appétits Le trésor toujours prêt des mamelles pendantes. Les hommes vont à pied sous leurs armes luisantes Le long des chariots où les leurs sont blottis, Promenant sur le ciel des yeux appesantis Par le morne regret des chimères absentes. Du fond de son ré ...
Scritto nel 1859
On line da: lunedì 11 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8693 - Tipo: p

Capel bruno: alta fronte; occhio loquace: Naso non grande e non soverchio umile: Tonda la gota e di color vivace: Stretto labbro e vermiglio: e bocca esile: Lingua or spedita or tarda, e non mai vile, Che il ver favella apertamente, o tace. Giovin d'anni e di senno; non audace: Duro di modi, ma di cor gentile. La gloria amo e le selve e il biondo iddio: Spregio, non odio mai: m'attri ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8723 - Tipo: p

Luogo è in inferno detto Malebolge, tutto di pietra di color ferrigno, come la cerchia che dintorno il volge. Nel dritto mezzo del campo maligno vaneggia un pozzo assai largo e profondo, di cui suo loco dicerò l'ordigno. Quel cinghio che rimane adunque è tondo tra 'l pozzo e 'l piè de l'alta ripa dura, e ha distinto in dieci valli il fondo. Quale, dove per guardia de le mura più e ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8587 - Tipo: p

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant'è amara che poco è più morte; ma per trattar del ben ch'i' vi trovai, dirò de l'altre cose ch'i' v'ho scorte. Io non so ben ridir com'i' v'intrai, tant' era pien di so ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8570 - Tipo: p

Già era 'l sole a l'orizzonte giunto lo cui meridian cerchio coverchia Ierusalèm col suo più alto punto; e la notte, che opposita a lui cerchia, uscia di Gange fuor con le Bilance, che le caggion di man quando soverchia; sì che le bianche e le vermiglie guance, là dov' i' era, de la bella Aurora per troppa etate divenivan rance. Noi eravam lunghesso mare ancora, come gente che pen ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8605 - Tipo: p

I' vo piangendo i miei passati tempi i quai posi in amar cosa mortale, senza levarmi a volo, abbiend'io l'ale, per dar forse di me non bassi exempi. Tu che vedi i miei mali indegni et empi, Re del cielo invisibile immortale, soccorri a l'alma disviata et frale, e 'l suo defecto di tua gratia adempi: sí che, s'io vissi in guerra et in tempesta, mora in pace et in porto; et se la stan ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8566 - Tipo: p

Le soleil, en l'azur d'un ciel pur et nouveau Dont le bleu printanier de lumière ruisselle, Monte royalement, et sa vaste étincelle Allume un feu de joie au fond des flaques d'eau. La neige amoncelée au toit luisant et haut, Où s'épand longuement la flamme universelle, S'affaisse, se dissout, et, parcelle à parcelle, Tombe et coule au trottoir qui la glisse au ruisseau. Alors, de sa b ...
Scritto nel 1910
On line da: sabato 9 ottobre 2010
Stato: 1 Cod: 8692 - Tipo: p

«Pape Satàn, pape Satàn aleppe!», cominciò Pluto con la voce chioccia; e quel savio gentil, che tutto seppe, disse per confortarmi: «Non ti noccia la tua paura; ché, poder ch'elli abbia, non ci torrà lo scender questa roccia». Poi si rivolse a quella 'nfiata labbia, e disse: «Taci, maladetto lupo! consuma dentro te con la tua rabbia. Non è sanza cagion l'andare al cupo: vuolsi ne ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8576 - Tipo: p

Ne la stagion che 'l ciel rapido inchina verso occidente, et che 'l dí nostro vola a gente che di là forse l'aspetta, veggendosi in lontan paese sola, la stancha vecchiarella pellegrina raddoppia i passi, et piú et piú s'affretta; et poi cosí soletta al fin di sua giornata talora è consolata d'alcun breve riposo, ov'ella oblia la noia e 'l mal de la passata via. Ma, lasso, ogni dol ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8545 - Tipo: p

Qual su le Cinzie cime Alta sovrasta a le minori Oreadi Col volto, e col sublime D'auree frecce sonante omero Delia, E appar movendo per la sacra riva Veracemente Diva; Tal prima a gli occhi miei Non ancor dotti d'amorose lagrime Appariva costei, Vincendo di splendor l'emule Vergini Per mover d'occhi dolcemente grave E per voce soave. Da gl'innocenti sguardi Che ancor lor possa e ...
Scritto nel 1802
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8727 - Tipo: p

In su l'estremità d'un'alta ripa che facevan gran pietre rotte in cerchio, venimmo sopra più crudele stipa; e quivi, per l'orribile soperchio del puzzo che 'l profondo abisso gitta, ci raccostammo, in dietro, ad un coperchio d'un grand' avello, ov' io vidi una scritta che dicea: 'Anastasio papa guardo, lo qual trasse Fotin de la via dritta'. «Lo nostro scender conviene esser tardo, ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8580 - Tipo: p

Al fine de le sue parole il ladro le mani alzò con amendue le fiche, gridando: «Togli, Dio, ch'a te le squadro!». Da indi in qua mi fuor le serpi amiche, perch' una li s'avvolse allora al collo, come dicesse 'Non vo' che più diche'; e un'altra a le braccia, e rilegollo, ribadendo sé stessa sì dinanzi, che non potea con esse dare un crollo. Ahi Pistoia, Pistoia, ché non stanzi d'in ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8594 - Tipo: p

Col pensier, con gli orecchi e con le ciglia I' era immerso in quell'altera vista, Come colui che tace e maraviglia; Qual dicon che de' Spirti in fra la lista, Stette mirando le magiche note Il furente di Patmo Evangelista. Quand'io vidi la Dea, che su l'immote Maladette sorelle il cocchio spinse, E su le infami cigolar le rote, Primamente un terror freddo mi strinse, Poi surse in ...
Scritto nel 1801
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8737 - Tipo: p

Settembre, son mature le carrube. Or tu pel caldo mare di Cilicia conduci dalla riva cipriota la saica a scafo tondo e a vele quadre. Bonaccia, e nel saffiro non è nube. Germa con sue maggiori quattro vele, garbo o schirazzo, legni levantini carichi di baccelli dolci e bruni conduci verso l'isola dei Sardi. E vien teco un odor di tetro miele. La siliqua, che ingrassa la muletta dal ...
Scritto nel 1903
On line da: martedì 19 marzo 2013
Stato: 1 Cod: 8717 - Tipo: p

J'ai longtemps habité sous de vastes portiques Que les soleils marins teignaient de mille feux, Et que leurs grands piliers, droits et majestueux, Rendaient pareils, le soir, aux grottes basaltiques. Les houles, en roulant les images des cieux, Mêlaient d'une façon solennelle et mystique Les tout-puissants accords de leur riche musique Aux couleurs du couchant reflété par mes yeux. ...
Scritto nel 1854
On line da: lunedì 27 settembre 2010
Stato: 1 Cod: 8691 - Tipo: p

Se mai più che d'Euterpe il furor santo, E d'Erato il sospiro, o dolce madre, L'amaro ghigno di Talia mi piacque, Non è consiglio di maligno petto. Né del mio secol sozzo io già vorrei Rimescolar la fetida belletta, Se un raggio in terra di virtù vedessi, Cui sacrar la mia rima. A te sovente Così diss'io: ma poi che sospirando, Come si fa di cosa amata e tolta, Narrar t'udia di che virt ...
Scritto nel 1806
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8730 - Tipo: p

Poi fummo dentro al soglio de la porta che 'l mal amor de l'anime disusa, perché fa parer dritta la via torta, sonando la senti' esser richiusa; e s'io avesse li occhi vòlti ad essa, qual fora stata al fallo degna scusa? Noi salavam per una pietra fessa, che si moveva e d'una e d'altra parte, sì come l'onda che fugge e s'appressa. «Qui si conviene usare un poco d'arte», cominciò ' ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8613 - Tipo: p

Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; gentil ramo ove piacque (con sospir' mi rimembra) a lei di fare al bel fiancho colonna; herba et fior' che la gonna leggiadra ricoverse co l'angelico seno; aere sacro, sereno, ove Amor co' begli occhi il cor m'aperse: date udienza insieme a le dolenti mie parole extreme. S'egli è pur mio destino ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8550 - Tipo: p

E cielo e terra si mostrò qual era: la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, tragico, disfatto: bianca bianca nel tacito tumulto una casa apparì sparì d'un tratto; come un occhio, che, largo, esterrefatto, s'aprì si chiuse, nella notte nera. ...
Scritto nel 1891
On line da: giovedì 27 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8509 - Tipo: p

Dal centro al cerchio, e sì dal cerchio al centro movesi l'acqua in un ritondo vaso, secondo ch'è percosso fuori o dentro: ne la mia mente fé sùbito caso questo ch'io dico, sì come si tacque la gloriosa vita di Tommaso, per la similitudine che nacque del suo parlare e di quel di Beatrice, a cui sì cominciar, dopo lui, piacque: «A costui fa mestieri, e nol vi dice né con la voce né ...
Scritto nel 1316
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8650 - Tipo: p

Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia, quand'ella altrui saluta, ch'ogne lingua devèn, tremando, muta, e li occhi no l'ardiscon di guardare. Ella si va, sentendosi laudare, benignamente d'umiltà vestuta, e par che sia una cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare. Mostrasi sì piacente a chi la mira che dà per li occhi una dolcezza al core, che 'ntender no la può chi ...
Scritto nel 1293
On line da: giovedì 26 agosto 2010
Stato: 1 Cod: 8674 - Tipo: p

Riviere, bastano pochi stocchi d'erbaspada penduli da un ciglione sul delirio del mare; o due camelie pallide nei giardini deserti, e un eucalipto biondo che si tuffi tra sfrusci e pazzi voli nella luce; ed ecco che in un attimo invisibili fili a me si asserpano, farfalla in una ragna di fremiti d'olivi, di sguardi di girasoli. Dolce cattività, oggi, riviere di chi s'arrende pe ...
Scritto nel 1925
On line da: mercoledì 6 maggio 2020
Stato: 1 Cod: 8897 - Tipo: p

Quel rosignol, che sí soave piagne, forse suoi figli, o sua cara consorte, di dolcezza empie il cielo et le campagne con tante note sí pietose et scorte, et tutta notte par che m'accompagne, et mi rammente la mia dura sorte: ch'altri che me non ò di ch'i' mi lagne, ché 'n dee non credev'io regnasse Morte. O che lieve è inganar chi s'assecura! Que' duo bei lumi assai piú che 'l sol ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8563 - Tipo: p

Colui che con fatiche e con patimenti, o anche solo dopo molto aspettare, ha conseguito un bene, se vede altri conseguire il medesimo con facilità e presto, in fatti non perde nulla di ciò che possiede, e nondimeno tal cosa è naturalmente odiosissima, perché nell'immaginativa il bene ottenuto scema a dismisura se diventa comune a chi per ottenerlo ha speso e penato poco o nulla. Perciò l'operaio ...
Scritto nel 1832
On line da: martedì 16 ottobre 2007
Stato: 1 Cod: 8525 - Tipo: m

Levommi il mio penser in parte ov'era quella ch'io cerco, et non ritrovo in terra: ivi, fra lor che 'l terzo cerchio serra, la rividi piú bella et meno altera. Per man mi prese, et disse: - In questa spera sarai anchor meco, se 'l desir non erra: i' so' colei che ti die' tanta guerra, et compie' mia giornata inanzi sera. Mio ben non cape in intelletto humano: te solo aspetto, et que ...
Scritto nel 13??
On line da: sabato 3 novembre 2007
Stato: 1 Cod: 8539 - Tipo: p

Nove fanciulle d'immortal bellezza, Vergini tutte e d'un sol padre nate, Di diversa vaghezza M'han preso il cor, che fra lor dubbio stassi, Né sa qual segua o lassi; Ché varia è in lor, non disugual, beltate: Io chiamato le seguo e con lor vivo, Di lor sol penso ed ho tutt'altro a schivo. Una sorge tra lor quasi primiera, Signoreggiando con la regia chioma; E su la fronte altera Si l ...
Scritto nel 1803
On line da: domenica 10 novembre 2013
Stato: 1 Cod: 8728 - Tipo: p

Sublime specchio di veraci detti, mostrami in corpo e in anima qual sono: capelli, or radi in fronte, or rossi pretti; lunga statura, e capo a terra prono; sottil persona in su due stinchi schietti; bianca pelle, occhi azzurri, aspetto buono; giusto naso, bel labbro, e denti eletti; pallido in volto, più che un re sul trono: or duro, acerbo, ora pieghevol, mite; irato sempre, e non m ...
Scritto nel 1786
On line da: venerdì 28 settembre 2007
Stato: 1 Cod: 8521 - Tipo: p

«Vexilla regis prodeunt inferni verso di noi; però dinanzi mira», disse 'l maestro mio, «se tu 'l discerni». Come quando una grossa nebbia spira, o quando l'emisperio nostro annotta, par di lungi un molin che 'l vento gira, veder mi parve un tal dificio allotta; poi per lo vento mi ristrinsi retro al duca mio, ché non lì era altra grotta. Già era, e con paura il metto in metro, là ...
Scritto nel 1313
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8603 - Tipo: p

Era già l'ora che volge il disio ai navicanti e 'ntenerisce il core lo dì c'han detto ai dolci amici addio; e che lo novo peregrin d'amore punge, se ode squilla di lontano che paia il giorno pianger che si more; quand' io incominciai a render vano l'udire e a mirare una de l'alme surta, che l'ascoltar chiedea con mano. Ella giunse e levò ambo le palme, ficcando li occhi verso l'or ...
Scritto nel 1315
On line da: lunedì 15 febbraio 2010
Stato: 1 Cod: 8611 - Tipo: p

 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2020 all right reserved)

Made in Earth Planet;
From Turin, Italy, Europe, World (United People of World)

100 € di retribuzione netta ne costano al Datore di lavoro 205!...
Fai una Donazione Ricorsiva!...
Fai una Donazione Una Tantum!...

 

Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Letteratura Almanacco Articoli In giro Per Mercato
My Area Letteratura Almanacco Articoli / In giro per... Mercato
Sopra...Sopra...