il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Pomeriggio!

Don Chisciotti e Sanciu Panza - Giovanni Meli

 
 

Le poesie di Giovanni Meli: Don Chisciotti e Sanciu Panza

 
Giovanni Meli

ID Autore: 2348
ID Testo: 8754

Testo online da sabato 12 dicembre 2015
Scritto nel 1810

 

Don Chisciotti e Sanciu Panza

Sutta un'antica quercia,
Chi attraversu spurgìa da un vàusu alpestri,
Cu 'na manu a la frunti, Don Chisciotti
Mestissinu sidia: 'na rocca allatu
Di chiàppari cuverta, e la pinnenti
Arèddara d'attornu a la sua cima,
Facìanu pavigghiuni a la sua testa,
Ripusava oziusa la gran spata
Tra la purvuli e l'erva, a un virdi ramu
Stava appujata l'asta di la guerra,
Sutta un vrazzu lu scutu, e l'elmu a terra.
Comu nuvuli densi di molesti
Minutissimi insetti, a scheri a scheri
L'amurusi pinseri
S'affuddavanu tutti a la sua menti,
'Ntra li suspiri ardenti.
Quasi accisu Vulcanu, lu so pettu
Fumu e ciammi esalava,
E mentri intornu intornu
Li valli e li furesti
Taciti, attenti e mesti
Si stannu spettaturi a la gran scena,
Cussì cantannu sfoga la sua pena:
Munti e vàusi, menu duri
Di lu cori di dd'Ingrata,
Petri, trunchi, erbetti e ciuri
Chi adurnati sta vallata,
Deh! salvatimi d'Amuri,
Chi mi à l'alma trapanata,
O parrati vui pri mia
A la cara Dulcinia.
Ciumiceddu lentu lentu,
Chi di l'unni cristallini
Vai spargennu lu lamentu
A li vòscura vicini,
Di stu cori lu turmentu
Dimmi tu si avirrà fini.
Ah, dumannacci pri mia
A la cara Dulcinia.
Zefiretti, chi lascivi
Cu lu ciatu 'nnamuratu
Li mei ciammi ardenti e vivi
Cchiù m'aviti, oimè, sbampatu.
Ah, squagghiati vui la nivi
Di ddu cori, ch'è 'nghilatu,
Acciò bruci, comu mia,
La mia cara Dulcinia.
Ocidduzzi, chi cuntenti
'Ntra li rami e tra li ciuri
A lu suli già nascenti
Intricanti inni d'amuri,
Deh, pristatimi l'accenti,
Cussì grati e cussì puri,
Acciò gratu e accettu sia
A la cara Dulcinia.
Da sti vàusi, unn'eu m'aggiru,
Mia tirannu amatu beni,
L'aria stissa, ch'eu respiru,
Missaggera a tia già veni,
Porta acchiusi 'ntra un suspiru
Li mei crudi acerbi peni,
Don Chisciotti è chi l'invia
A la cara Dulcinia.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Giovanni Meli: Don Chisciotti e Sanciu Panza

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...