Chiunque tu sia,
Buon Pomeriggio!
  Casa  
  Aree    
      Mercatino       Letteratura       Almanacco       Articoli       In giro per...    
 
  My Area   Ghimmisammanni   Contatti   Accedi

Harmonie du soir - Charles Pierre Baudelaire

 
 

Le poesie di Charles Pierre Baudelaire: Harmonie du soir

 
 

ID Autore: 2342
ID Testo: 8671

Testo online da giovedì 19 agosto 2010
Scritto nel 1856
Ricerca Avanzata

Harmonie du soir

Voici venir les temps où vibrant sur sa tige
Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir ;
Les sons et les parfums tournent dans l'air du soir ;
Valse mélancolique et langoureux vertige !

Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir ;
Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige ;
Valse mélancolique et langoureux vertige !
Le ciel est triste et beau comme un grand reposoir.

Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige,
Un coeur tendre, qui hait le néant vaste et noir !
Le ciel est triste et beau comme un grand reposoir ;
Le soleil s'est noyé dans son sang qui se fige.

Un coeur tendre, qui hait le néant vaste et noir,
Du passé lumineux recueille tout vestige !
Le soleil s'est noyé dans son sang qui se fige...
Ton souvenir en moi luit comme un ostensoir !

---**---

Traduzione

Armonia della sera

Ecco giungere il tempo in cui, fremente sullo stelo,
come un incensiere fumiga ogni fiore;
nell'aria della sera profumi e suoni danzano;
valzer malinconico e languida vertigine!

Come un incensiere fumiga ogni fiore;
come un cuore afflitto il violino freme;
valzer malinconico e languida vertigine!
Il cielo è triste e bello come un'urna d'oro.

Come un cuore afflitto il violino freme,
un cuore generoso che odia il nulla immenso e nero!
Il cielo è triste e bello come un'urna d'oro;
è annegato il sole nel suo sangue denso.

Un cuore generoso, che odia il nulla immenso e nero,
recupera ogni vestigia dal passato luminoso!
È annegato il sole nel suo sangue denso ...
il tuo ricordo in me brilla come un ostensorio!

 

I Commenti dei lettori alla poesia di Charles Pierre Baudelaire: Harmonie du soir

Giuseppe
Data commento: sabato 13 giugno 2015 - Provincia: Venezia - ID: 1831

Immenso... nero... denso... fumiga... cuore afflitto... Il tuo ricordo brilla come un ostensorio... ecco trovo questi chiaro scuri incongruentemente racchiusi nell'ostensorio... tutto è pregno di ombre amare per poi condensarsi... concentrarsi in un luminoso ostensorio in cui brillare... manca la parte rugiadosa liquida languida del violino che fa fremere ma poi trovi l'urna d'oro e non capelli d'oro, non si avverte gioia ma si percepiscono contrasti nebulosi, c'e piu grigio che luce... una lotta gentile ma sorretta da languori tenebrosi... bella ma tensiva di prevalenze ombrose...

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Charles Pierre Baudelaire: Harmonie du soir

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2017 all right reserved)

  Sopra...Sopra...

 

  Casa!   Casa!   Aree   My Area   Ghimmisammanni   Contatti   Login   Logout
  Aree   Mercato   Letteratura   Almanacco   Articoli   In giro Per
  My Area   Mercato   Letteratura   Almanacco   Articoli / In giro per...