il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!

Il viaggio - Angelo Michele Cozza

 
 

Le poesie di Angelo Michele Cozza: Il viaggio

 
Angelo Michele Cozza

ID Autore: 1856
ID Testo: 7835

Testo online da sabato 1 febbraio 2014
Scritto nel 2013

 

Il viaggio

Per il viaggio non sarà necessario
che prepari il trolley o la valigia
basterà un solo abito scuro
-non frusto, tassativamente nuovo!-
le scarpe siano pure di poco conto
ma obbligatoriamente lucide e nere
se saranno strette, non importa
tanto non dovrò camminare affatto
necro-stewards mi porteranno a spalle.
In previsione, certo avrei potuto cercare
l'agenzia che lo offrisse a minor prezzo
e con un pompa magna invidiabile
ma affaccendato in altre quisquilie
non ho avuto né tempo né interesse.
Il giorno della partenza, ancora
non convenuto, spalancata la porta,
scese le scale senza inciampare,
mi accompagnerà un odore di morte
qualche fiore fresco e forse dei berci.
Può darsi che all'accomiato
mi saluteranno in pochi o in molti
che taluni, chissà, piangeranno
ma non lo saprò mai e ne lo immagino.
All'uopo, un tempo, per tali viaggi
c'erano i cavalli, mi sembra morelli,
ma il progresso li ha resi desueti
e di certo ci voleva più tempo
e più soldi per arrivare alla meta.
Speriamo che alla partenza
non nevichi piova o ci sia afa:
i mugugni, pur se legittimi,
sarebbero troppo e inappropriati
e correrei il rischio di rivoltarmi.
Eh si, questi viaggi, unici ma comuni,
si fanno solo dormendo; nell'annuncio
anche le campane suonano dimesse
rispettose del sonno del fortunato!
Su non siate curiosi di conoscere
dove vado e perché:
tanto neanche a me è dato saperlo.
Rinviare il viaggio- voi dite?-
e a che varrebbe
se è già all'ordine del giorno..

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Angelo Michele Cozza: Il viaggio

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...