il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Mattino!

Fado non udito - Angelo Michele Cozza

 
 

Le poesie di Angelo Michele Cozza: Fado non udito

 
Angelo Michele Cozza

ID Autore: 1856
ID Testo: 7730

Testo online da martedì 12 novembre 2013
Scritto nel 2006

 

Fado non udito

Se per incalzo di pensier d'amor
acerba insonnia in veglia mi costringe
e irrespirabile un miasma si innalza
da acqua stagna d'assenze
fammi compagnia chitarra mia.
Varchiamo il silenzio che ci cinge
e il cuore assedia d'improvviso
da accordo di risonanze non più udite
rianimo e respiro riprenda quest'aria muta.
Non t'avvedi cordata dalle sette note
di come prossima si fa tristezza
lento e crudele il durare dell'ora inane
poi che anche il tuo conforto mi sottrae?
Non senti come sbreccia e piccona
l'Effusa con il suo suono senza voce
come a stilla a stilla,
poi incoercibile fiotto
fluente riempie l'invaso del cuore?
Scuoti le tue corde
da tanto chetate:
strimpella, stridi pure
ma conforto dispensa all'anima mia
su questa nera oscurità distesa!
Ch'io intonando fado
vibri per amor perduto,
eco rioda dei palpiti appassionati
che sonorizzarono i miei giorni;
ancor riviva l'emozione andata
di cui nulla mi resta e che, sogno,
mai verrà nella notte che mi aspetta!
Tu certo non vuoi
ch'io anneghi nelle mie lacrime
recluso nell'antro ove Tempo mi consuma!
Ariosi i tuoi arpeggi mi accompagnino,
botti a spuntar d'alba
festa annuncino a cuore immiserito
da lutti ed abbandoni.
Voluttà conturbanti aprano danze,
la mente invitino ad altre sarabande
prima che stanco, fattomi in penombra,
a nèttare di morte labbra conduca.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Angelo Michele Cozza: Fado non udito

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...