il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!
Casa My Area Ghimmisammanni Contatti Login Menù

I balestrucci - Angelo Michele Cozza

 
 

Le poesie di Angelo Michele Cozza: I balestrucci

 
Angelo Michele Cozza

ID Autore: 1856
ID Testo: 6658

Testo online da sabato 11 ottobre 2014

Ultima modifica del sabato 11 ottobre 2014
Scritto nel 2014

 

I balestrucci

Da tempo hanno abbandonato
i piccoli dei balestrucci
i nidi sotto i cornicioni
e chissà dove saranno ora
vuota sarebbe l'eterea volta
oggi se non fosse per la frotta
di nubi ceree in marcia
dall'orizzonte cupo e rombante.
Come mutano assenze e presenze!

Nulla si sa dei balestrucci
quando al mattino o a l' imbrunire
in alto volteggiar più non li vedi
così come pur nulla si sa
dei voli dell'anima invisibile.
Planeranno a breve foglie nei viali
lascerà di certo la vita il corpo
che pur intende come si strugge
al martellio dell'orologio.

Ci veste e ci sveste l'aurea speme
funamboli tentiamo l'equilibrio
passando pié veloci sul filo esile
teso tra passato e futuro (ah le Moire!);
poi che tutto si disvela l'intrigo
della tortuosa trama dal tempo ordita
caduco e vano tutto prilla nel vuoto
ma lì nessun balestruccio mai sfreccia
ne trasvoli d'anima lasciano scie.

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Angelo Michele Cozza: I balestrucci

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Ricarica:
Codice di Sicurezza:
Codice di Sicurezza:
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2019 all right reserved)

  Sopra...Sopra...
Casa! Casa! Aree My Area Ghimmisammanni Contatti Login Logout
Aree Mercato Letteratura Almanacco Articoli In giro Per
My Area Mercato Letteratura Almanacco Articoli / In giro per...