il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!

Penombra - Roberto Filia

 
 

Le poesie di Roberto Filia: Penombra

 
Roberto Filia

ID Autore: 1883
ID Testo: 470

Testo online da mercoledì 24 ottobre 2007
Scritto nel 2007

 

Penombra

Ho visto di nascosto pianger mia madre
ho scorto visi cambiare espressione
ho visto di nascosto i pensieri di mio padre
son triste per un mondo che non trova sensazione

raggi di luna calate nella notte
illuminate quei volti senza luce
regalate idee a quelle anime bigotte
che danno al mondo il loro aspetto truce

lor sanno far finta, sanno mentire
mostran l'esterno pieno d'orgoglio e fiero
e nell'intrinseco lor modo d'agire
sono incolori, senza alcun pensiero

ho visto di nascosto i poveri seduti
sui marmi freddi delle scalinate
sguardi smarriti, infreddoliti e muti
le mani tese, ingombranti, indelicate

ho visto di nascosto i ragazzi del quartiere
rubare della frutta, oppure dei giornali
tanto per fare, inseguendo chissà quali chimere
sognando un po' qualcosa, inseguendo chissà quali ideali

ho visto un frate che camminava scalzo
la barba lunga, bianca e aspetto trasandato
e un usignolo, su di lui con un gran balzo,
felice e canterino s'è posato

ho visto di nascosto il volto di mia madre
non più triste, non più affranto,
ho visto di nascosto l'animo sereno di mio padre
e sulle loro tombe ho finalmente pianto!

Commento al testo dell'autore Roberto Filia:

La semplicità, un gesto naturale ma pieno d'amore d'un piccolo uccellino, può cambiare l'ipocrisia e la crudeltà di questo mondo!

 
 

I Commenti dei lettori alla poesia di Roberto Filia: Penombra

Antonio Pelizzari
Data commento: giovedì 26 febbraio 2009 - Provincia: Ferrara - ID: 932

Delicata, scorrevole: mi è proprio piaciuta!

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Roberto Filia: Penombra

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...