il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!

Panama - Roberto Filia

 
 

Le poesie di Roberto Filia: Panama

 
Roberto Filia

ID Autore: 1883
ID Testo: 447

Testo online da venerdì 19 ottobre 2007
Scritto nel 2007

 

Panama

guardo fottuto il cielo di Panama
guardo allibito il sole rosa
sento vibrar la pelle e l'anima
e dentro me l'adrenalina è esplosa

il canto tribale si fa più forte
gli schiavi sciolgono le catene
il Dio che scende giù nella morte
il Dio che cala fra mille pene

tu peccatore vai navigando
nel fitto mistero della profondità
nei "brucos" pauroso tu vai cercando
lo spirito fiero di libertà

ed io guardiano del grande mare
in mezzo agli oceani straripanti
intravedo Panama al tramontare
e il Dio Maia a me davanti

la gola secca
il rum non manca
il corvo becca
la carne bianca

la palude è folta
ed io son dentro
come una bestia in me s'è sciolta
l'anima che non è più il centro

e fisso il cobra affascinato
da quei suoi occhi pieni d'inganno
il mio pensiero s'è in lui insinuato
e m'allontano, ma.. con affanno!

la gola secca
il rum non manca
il corvo becca
la carne bianca

Panama stretto fra il sole e i mari
col vecchio porto d'amori facili
di marinai, di ladri e bari
e di ragazzi sempre più gracili

cala la notte, s'alza la luna
attorno ai fuochi ci si raccoglie
le maghe cantano, una per una
chi si divide, chi si fa moglie

e tra il mescal, quante visioni
di gioia e morte e orgasmo puro
dimenticate son le opinioni
s'abbatte ormai qualunque muro

la gola secca
il rum non manca
il corvo becca
la carne bianca

Panama dolce spagnoleggiante
piena di case di Romana Chiesa
un po' in subbuglio, un po' inquietante
ti senti "india" per niente arresa

ti senti forte ed orgogliosa
dal sol discendi non dall'oriente
tu sei terra, donna e sposa
del tuo Dio della tua gente

e quando il mare diventa chiaro
un altro giorno in te comincia
Panama guarda! non è poi raro
del mondo tu sei la provincia

Commento al testo dell'autore Roberto Filia:

Mancano due strofe! Il concetto riporta al pensiero dei poeti che, attraversando lo stretto di Panama, si domandavano le vere origini di questo paese che di Centro America ha ben poco!

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Roberto Filia: Panama

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...