il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Giorno!

Il morso della tarantola - Roberto Filia

 
 

Le poesie di Roberto Filia: Il morso della tarantola

 
Roberto Filia

ID Autore: 1883
ID Testo: 432

Dedica: ad un'amica fiorentina

Testo online da martedì 16 ottobre 2007
Scritto nel 2007

 

Il morso della tarantola

viaggio senza meta
lunga traiettoria della vita
quando vedrò il traguardo sarà finita
la mezza via tra lo spago e la seta

così ho pensato! ma che m'importa!
perché m'annaspo, perché mi struggo!
basta che finga, mi vesto e fuggo
basta ch'io apra quella porta

dietro le spalle mi getto tutto
amori, finzioni e delusioni
non più dolori, non più emozioni
ma solo il baratro, dove mi butto

nel precipizio sto rotolando
ma il mio pensiero rimane fisso
e più in giù vado, verso l'abisso
una luce nuova mi sta accecando

punti lucenti fermi nel vuoto
riferimenti di idee lontane
ricordi di giochi nelle fontane
colme di petali di fiori di loto

Ah! dolce vita, dov'eri finita!
ora m'accorgo, adesso son desto
la mano mi guardo! e mi detesto
il segno del morso è lì sulle dita

è un morso che uccide, che spezza la vita
di chi s'attanaglia cercando un amore
di chi si distrugge spezzando il suo cuore
per una speranza senza via d'uscita!

Commento al testo dell'autore Roberto Filia:

È un modo di uscire dalle emozioni negative dell'amore!

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Roberto Filia: Il morso della tarantola

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...