il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buon Mattino!

Mantide forchetta - Antonino Fleres

 
 

Le poesie di Antonino Fleres: Mantide forchetta

 
Antonino Fleres

ID Autore: 1
ID Testo: 1976

Dedica: alla forchetta d'argento, quella del servizio buono, l'unica che mi capisce davvero.

Testo online da lunedì 1 dicembre 2008
Scritto nel 2008

 

Mantide forchetta

Commento all'immagine dell'autore Antonino Fleres:

Particolare di una cancellata in Piazza Casstello a Torino.

Mantide forchetta

Se del mio cor saprai mai ascoltare
le intime ragioni della vita,
(che dì per dì, mi diedero a sperare,
lasciandomi con l'aria tra le dita),

ne sentirai di splendide canzoni,
di magiche avventure senza tempo,
ed anche di spietate soluzioni,
di speme spazzolate via dal vento.

Se di "potere" fosse posseduta,
la mente, qui, saprebbe proiettare,
sul grezzo mur, la tragica veduta
dei tradimenti di persone care.

Certo l'amor sa essere spietato,
quand'anche di gran gioia fa gridare,
se scopri che d'un vizio s'è malato:
e fu così che debuttò 'l mangiare.

Ingenuo, a teorizzare che la ciccia
fosse riparo all'angherie del mondo;
ne banchettai di vino e di salsiccia,
ne strafogai, fin a toccarne il fondo.

Non che l'amor fu meno turbolento,
né parco ad omaggiare in emozione,
ma da comparsa visse il mio talento
e 'l genio mio, fugò dalla ragione.

A nulla valse l'afona certezza,
che alberga quando il lume s'opacizza:
"la chiave giro e torno alla magrezza!"
Mirai la toppa e vomitai la stizza.

Tra le posate del servizio buono
elessi la regina prediletta,
d'argento, predisposta nel perdono,
nell'odio amor: la mantide forchetta.

E intanto che, sinistro, si leggeva
più di un valore fuori dalla norma,
insieme al foglio tetro, anch'io cadeva;
e intorno il coro, a soppesare l'orma.

Commento al testo dell'autore Antonino Fleres:

Non me ne vogliano i "sovrappeso" belli e brutti...
Storia inventata. Il mio divertimento, al solito, sta nelle quartine di endecasillabi in rima (anche se non proprio regolare specie nelle cadenze)...
Però, non si può negare: a volte il gran mangiare è indice (o conseguenza) di insicurezza affettiva, emotiva, ecc... ma la cosa più antipatica è che proprio coloro deputati a dare sicurezza affettiva, emotiva ecc. (ovvero amici e parenti stretti), spesso, manco se ne accorgono...

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Antonino Fleres: Mantide forchetta

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...