il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Notte!

Nitori oscuri - Angelo Michele Cozza

 
 

Le poesie di Angelo Michele Cozza: Nitori oscuri

 
Angelo Michele Cozza

ID Autore: 1856
ID Testo: 1953

Testo online da mercoledì 26 novembre 2008
Scritto nel 2008

 

Nitori oscuri

Come acqua diretta al mare
dolente e esausta
pazza di sé al nulla
scorre la vita;
fuscello di anni seccati
si impiglia riemerge e fluisce
il relitto di essere in balia
delle furie e del tempo
ondeggia tra urti e gorghi
alla deriva vanno fecali
progetti e illusioni
desideri e pazzi voli.
Che abbiamo da guardare
attristati o sgomenti:
sapevamo già tutto!
Breve intervallo
di presenza e di luce
durante il perdurare
ci fu concesso nati vivi.
A che l'urlo disperato
davanti al cavo del vuoto
nell'ultimo recesso
dello spirito coinvolto
nel degrado della carne?
Frammenti, minuzie,
a-valenti atomi bruti
poi più nulla resta
di noi umani sospesi
nell'insieme abolito
di cielo e terra.
Non si può mangiare
un dolce senza consumarlo
vivere senza morire
amare senza soffrire
restare nubili di speranze.
È cosi! Tanto è dato
niente pesa come il niente
e non si possono
stipulare accordi
su inizio e fine
tema e trama
con l'Inconoscibile:
questo è il suo
e il nostro limite.
Passano in un'aria di piombo
continuano a passare come noi
in alto le nuvole senza rumore
dileguate e irraggiunte
nel placido azzurro del cielo

 
 

Chiunque tu sia, lascia il tuo Commento alla poesia di Angelo Michele Cozza: Nitori oscuri

E-mail:
Nome:
Cognome:
Testo Commento:
Codice di sicurezza:
Codice di sicurezza:
 
 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...