Chiunque tu sia,
Buon Mattino!
Skip Navigation Links

Almanacco del giorno 6 gennaio:

 

Oggi Nacque: Adriano Celentano, Syd Barrett

 & nome_1_db_1(i) &

156
Adriano Celentano
06 gennaio 1938
Milano - Italia
Fu un giovedì di 79 anni fa

(A cura di: Antonino Fleres)
http://www.celentano.it/

Ricerca Avanzata

Cantante, attore, regista, scrittore, show man.
Nacque a Milano (in via Gluck 14, come sappiamo dal famoso successo discografico del 1966) da genitori pugliesi (di Foggia) emigrati per lavoro. Da giovanissimo svolse molti lavori tra cui l'orologiaio, cercando, nel frattempo, di entrare nel modo dello spettacolo imitando Jerry Lewis e cantando. Il 18 maggio 1957, partecipò, con il suo complesso, i "I Folli ", (composto al basso, alla batteria e alla chitarra dai tre fratelli Ratti, Enzo Jannaccial piano, Ico Cerrutti alla seconda chitarra e Pino Sacchetti al sax), al primo festival europeo del rock and roll (allora chiamato "Primo Festival" - Organizzato da Bruno Dossena) al Palazzo del Ghiaccio in Milano e lì, spopolò, iniziando, di fatto, la sua vera carriera che fu tutta costellata da grandi successi sia nel campo della musica che nel cinema, impossibile ricordarli tutti. Fondò una sua etichetta Il clan Celentano (il primo disco con questa etichetta è del 1962: "Stai lontana da me") e partecipò a diversi festival di Sanremo vincendo quello del 1970 in coppia con la moglie Claudia Moroni in arte Claudia Mori con il brano "Chi non lavora non fa l'amore". Alcuni dei film da lui interpretati si fregiano del suo nome anche per la regia e la produzione come ad es. "Yuppi Du" del 1974 o "Joan Lui" del 1985. Numerosi i suoi libri, il primo fu scritto nel 1982 insieme con Ludovica Ripa di Meana: "Il Paradiso è un cavallo bianco che non suda mai". Non disdegnò le apparizioni TV come ad es. "Francamente me ne infischio" del 1999 o "La situazione di mia sorella non è buona", del 26 novembre 2006 della RAI. (per festeggiare i 70 anni di età e i 50 anni di carriera - per sorella si intende il pianeta Terra - vedi la poesia "@p@Cantico delle Creature@@" di San Francesco d'Assisi del 1224).

 & nome_1_db_1(i) &

157
Syd Barrett
Roger Keith Barrett
06 gennaio 1946
Cambridge - Inghilterra
Fu un domenica di 71 anni fa

Scomparve il
07 luglio 2006
Cambridge - Inghilterra
Fu un venerdì di 11 anni fa
Aveva 60 anni

(A cura di: Antonino Fleres)
http://www.sydbarrett.com/

Ricerca Avanzata

Cantante, autore, musicista.
Già da giovanissimo si interessò al mondo dell'arte, sia musicale che pittorica. A 13 anni ebbe in regalo la prima chitarra usata e poi via via molte altre chitarre fino a quella elettrica che lo portò a fondare i primi gruppi (il primo: Geff Mott and the Mottoes) ed a comporre le prime canzoni. Dopo varie esperienze locali, intorno al 1965, si trasferì a Londra ove incontrò 3 ragazzi della facoltà di architettura (Nick Mason, Roger Waters e Richard Wright, che già suonavano insieme nei Sigma 6) con i quali fondò una band destinata a diventare molto famosa: i Pink Floyd (in onore di Pink Anderson e Floyd Council). Syd, grazie al suo innato carisma, fu il leader indiscusso. La Band iniziò con concerti nei locali della Londra underground e pubblicò il primo singolo nel 1967 (Arnold Layne - Candy And Current Bun). Subito dopo uscì il primo LP (The Piper At The Gates Of Dawn). Quasi tutti i pezzi furono firmati da Syd Barret. L'anno dopo, però, a causa di problemi legati all'uso di droghe, Syd fu costretto a lasciare il gruppo. Fu sostituito da David Gilmour suo amico d'infanzia e primo maestro di chitarra. Nei primi anni successivipubblicò qualche lavoro da solista prima di sparire definitivamente dalla scena musicale.

Oggi Scomparve: Edmund Leach

 & nome_1_db_1(i) &

610
Edmund Leach
Edmund Ronald Leach
06 gennaio 1989
Cambridge, Cambridge - Gran Bretagna
Fu un venerdì di 28 anni fa
Aveva 79 anni

Nacque il
07 novembre 1910
Sidmouth, Lancashire - Gran Bretagna
Fu un lunedì di 107 anni fa

(A cura di: Riccardo Zucaro)

Ricerca Avanzata

Antropologo sociale
Ultimo di tre figli, studiò dal 1929 matematica e successivamente ingegneria all'Università di Cambridge. Cominciò a lavorare per una società commerciale che gli permise di viaggiare in Cina. Compì alcune ricerche amatoriali su una popolazione di un'isola vicino Taiwan. Tornato in Inghilterra, mostrò le sue ricerche amatoriali a Raymond Firth, che lo introdusse allo studio dell'antropologia sociale con @@Bronislaw Malinowski@@. Nel 1938 gli venne affidato il compito di studiare una popolazione dell'Iraq, ma lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale lo costrinse a tornare indietro. L'anno successivo si recò nella Birmania nord-orientale; l'idea era di condurre una ricerca normale. Leach venne chiamato a prestare servizio militare durante la guerra, cosa che non gli impedì di compiere le sue ricerche stabilendosi nell'altopiano Kachin per gli anni della guerra; osservò la cultura Kachin e gli stati Shan cinesi. Con i dati raccolti pubblicò il libro "Sistemi politici birmani" nel 1954. Claude Levi-Strauss citò il lavoro dell'antropologo come esempio di analisi strutturale. Leach incentrò il suo lavoro sullo studio dei sistemi politici gumsa-gumlao-shan, dove shan rappresenta l'aristocrazia, e sul sistema matrimoniale mayu-dama della popolazione Kachin. Tra i membri di questo popolo, una coppia era composta dall'uomo che era il figlio della sorella del padre della donna e dalla donna che era la figlia del fratello della madre dell'uomo. Il figlio maschio della coppia si sarebbe dunque sposato con la figlia del fratello della madre e la femmina con il figlio della sorella del padre. In questo modo, chi donava una moglie era mayu e chi la riceveva era dama e si veniva a creare una catena che metteva tutti sullo stesso piano, a parte gli shan che rappresentavano un livello sociale più alto. Questa monografia subì la disapprovazione degli antropologi sociali britannici che non ritennero il lavoro degno di un vero antropologo sociale; fu un'opera innovativa che stabilì nuovi canoni di ricerca. Leach morì, a causa di un tumore al cervello, nel 1989.

 
_

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2017 all right reserved)

  Sopra...Sopra...