il nino!
Sig. Chiunque tu sia ,
Buona Sera!

Almanacco del giorno 14 marzo:

 
 

Oggi Nacque: Albert Einstein, Gianni Bella

 & nome_1_db_1(i) &

365
Albert Einstein
14 marzo 1879
Ulm, Wurttemberg - Germania
Fu un venerdì di 139 anni fa

Scomparve il
18 aprile 1955
Princeton, New Jersey - Stati Uniti d'America
Fu un lunedì di 63 anni fa
Aveva 76 anni

(A cura di Antonino Fleres
http://www.alberteinstein.info/

 

Ricerca Avanzata

Fisico, scienziato.
Giovanissimo emigrò in Italia con la sua famiglia e quindi in Svizzera ove si laureò nel 1900 in fisica e matematica. Ebbe la cittadinanza ed un impiego a Berna all'ufficio brevitti e lì rimase fino al 1909 dopodichè si dedicò alla docenza nella università di Zurigo. Nel frattempo scrisse diversi trattati tra cui quello sulla relatività ristretta, effetti fotoelettrici e moto browniano. Poi, nel 1914 si trasferì a Berlino, ma nel 1933, a causa del regime antisemita nazista si trasferì in Francia, in Belgio, in Inghilterra ed infine negli Stati Uniti d'America. Durante gli anni trascorsi in Germania sviluppò le sue più famose teorie sulla relatività generale e, nel 1921, ricevette il premio Nobel per la fisica. Divenne cittadino americano nel 1940 ove insegnò fino al 1945. Albert Einstein viene considerato il "padre" della bomba atomica; egli si rifiutò di seguire la sua costruzione direttamente ma il principio di funzionamento fu basato sulle sue famose teorie.

 & nome_1_db_1(i) &

366
Gianni Bella
14 marzo 1946
Catania - Italia
Fu un giovedì di 72 anni fa

(A cura di Antonino Fleres

 

Ricerca Avanzata

Cantautore, compositore, musicista.
Iniziò la carriera di musicista suonando la chitarra in alcuni gruppi locali e scrivendo canzoni per la sorella Marcella Bella, finché con lei si trasferì al Nord verso la fine degli anni '60. Il successo della sorella arrivò, prima, con "Hai ragione tu" del 1971, ma soprattutto, dopo, con il brano "Montagne Verdi", scritta insieme al paroliere Giancarlo Bigazzi, proposta al Festival di sanremo del 1972. Contemporaneamente arrivarono i primi successi anche per lui come solista e compositore (sempre in collaborazione con Giancarlo Bigazzi) con il brano "Più ci penso" del 1974. Due anni dopo, nel 1976, vinse il Festivalbar con la canzone "Non si può morire dentro"', e, nel 1978, sempre al Festivalbar di Vittorio Salvetti, vinse nuovamente con la canzone "No"'. In quel periodo non scrisse solo per la sorella ma anche per altri cantanti come Ornella Vanoni, Gianni Morandi, Mia Martini e, non per ultimo, il gruppo catanese "I Beans". Negli anni '80 iniziò a collaborare con il paroliere Mogol (Giulio Rapetti) e, insieme con un grande musicista come Jeoff Westley produsse tre album: "Gb1" del 1983, "Una luce" del 1986 e "Due cuori rossi di vergogna" del 1988. Da ricordare l'album "Vocalist" del 1994, realizzato a Los Angeles con musicisti di fama internazionale (Frank Gambale, Enzo Todesco, Gregg Bissonette) dal quale esce un duetto con Gino Vannelli dal titolo "Bella donna". Quindi iniziò a scrivere canzoni per Adriano Celentano (sempre insieme a Mogol) e i successi non tardarono ad arrivare: "Io non so parlar d'amore" del 1999, "Esco di rado e parlo ancora meno" del 2000, "Per Sempre" del 2003, "C'è sempre un motivo" del 2004, "Dormi amore - La situazione non è buona" del 2007. Scrisse anche colonne sonore per fiction e film come "Uno bianca" del 2001, "Il testimone" del 2001, "Il terzo segreto di Fatima" del 2001, "La notte breve" del 2006. Nel 2006 musicò l'opera lirica-pop "La Capinera" tratta dal romanzo omonimo di Giovanni Verga.

 
 

Oggi Scomparve: Roberto Murolo

 & nome_1_db_1(i) &

178
Roberto Murolo
14 marzo 2003
Napoli - Italia
Fu un venerdì di 15 anni fa
Aveva 91 anni

Nacque il
23 gennaio 1912
Napoli - Italia
Fu un martedì di 106 anni fa

(A cura di: Antonino Fleres)

 

Ricerca Avanzata

Cantante, cantautore
Figlio d'arte in quanto suo papà Ernesto Murolo fu un famoso poeta e compositore napoletano, in realtà nacque il 19 gennaio, ma venne iscritto all'anagrafe qualche giorno dopo. Iniziò l'avventura nel mondo dello spettacolo da giovanissimo ma una certa valenza popolare arrivò quando cominciò a girare l'Europa con il quartetto Mida da lui fondato nel 1939. Il vero successo arrivò nel 1946 quando iniziò a fare concerti ed a incidere dischi da solista (ricordiamo l'antologia 'Napoletana', scritta in collaborazione al maestro Edoardo Caliendo, con brani della canzone partenopea dal 1200 in poi, del 1963). Non disdegnò alcune partecipazioni in TV e nel grande schermo, in particolare tra il 1949 e il 1965 (ricordiamo il film 'Catene' del 1950 di Matarazzo con Amedeo Nazzari), che gli permisero di consolidare il suo spessore artistico. Seguì un periodo buio a causa di una condanna penale, per tornare alla ribalta nel 1990 con un nuovo disco 'Na voce 'na chitarra' a cui ne seguirono molti altri (L'ultimo album fu 'Ho sognato di cantare' del 2002). Innumerevoli i premi vinti ed i riconoscimenti (tra cui l'onorificenza di Grand'Ufficiale della Repubblica per i meriti artistici del 1995 e Cavaliere di Gran Croce del 1999), nonché le collaborazioni artistiche. Una nota particolare ai brani 'Don Raffaè', cantato insieme a Fabrizio De Andrè e 'Cu'mmè', cantata con Mia Martini.

 
 
 
 
_
 

Il Nino! - la Piazzetta venticinque punto otto! (1961 ÷ 2018 all right reserved)

  Sopra...Sopra...